Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jonathan Cook e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Zelensky-e-Sunak
Zelensky e Sunak Primo ministro britannico)

 

La scorsa settimana il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha compiuto un viaggio inaspettato in Gran Bretagna durante un tour a tappe delle capitali europee, implorando l’invio di armi più potenti e a più lunga gittata da utilizzare nella sua guerra contro la Russia.

Ciò che è stato difficile ignorare ancora una volta è la misura in cui il Regno Unito sta giocando un ruolo fuori misura in Ucraina.

L’anno scorso, poco dopo l’inizio della guerra, l’allora primo ministro Boris Johnson si è precipitato a Kiev – presumibilmente su istruzioni di Washington – apparentemente per mettere in guardia Zelenskij dai nascenti colloqui di pace con Mosca.

Nello stesso periodo, l’amministrazione Biden ha chiarito di essere favorevole a un’escalation dei combattimenti, e non alla loro fine, come opportunità per “indebolire” la Russia, rivale geostrategico insieme alla Cina.

Da allora, il Regno Unito è stato in prima linea negli sforzi europei per consolidare il conflitto, contribuendo a fare pressioni per la fornitura di armi, addestramento e intelligence militare alle forze ucraine.

Sono stati spediti carri armati britannici e migliaia di proiettili per carri armati, tra cui, in modo controverso, alcuni realizzati con uranio impoverito. La scorsa settimana, il Regno Unito ha aggiunto all’inventario centinaia di droni d’attacco a lungo raggio.

E ha iniziato ad arrivare un numero imprecisato di missili da crociera Storm Shadow da 2 milioni di sterline, con una gittata di quasi 300 km. La scorsa settimana Ben Wallace, segretario alla Difesa britannico, ha dichiarato che i missili erano già in uso, aggiungendo che era solo Kyiv a decidere gli obiettivi.

Storm Shadow consente all’esercito ucraino di colpire in profondità le zone dell’Ucraina annesse alla Russia – e potenzialmente anche le città russe.

Una recente fuga di notizie ha rivelato che il Pentagono era venuto a conoscenza, tramite intercettazioni elettroniche, del desiderio di Zelensky di avere missili a più lunga gittata, in modo che le sue forze fossero “in grado di raggiungere gli schieramenti di truppe russe in Russia”.

 

Servizio a parole

La Gran Bretagna ora paga poco più che a parole l’affermazione dell’Occidente secondo cui il suo ruolo è solo quello di aiutare l’Ucraina a difendersi dall’aggressione russa. La fornitura di armi sempre più offensive ha trasformato l’Ucraina in un campo di battaglia per procura su cui far rivivere la Guerra Fredda.

Durante la visita di Zelensky nel Regno Unito la scorsa settimana, il successore di Johnson, Rishi Sunak, ha effettivamente agito come mediatore di armi per l’Ucraina, unendosi ai Paesi Bassi in quella che è stata definita una “coalizione internazionale” per fare pressione sull’amministrazione Biden e su altri Stati europei affinché fornissero a Kiev i caccia F-16.

Washington sembrava non aver bisogno di molte pressioni. Tre giorni dopo, Biden ha cambiato radicalmente rotta durante un vertice del G7 in Giappone. Ha di fatto dato il via libera agli alleati statunitensi per fornire all’Ucraina non solo gli F-16 di produzione americana, ma anche simili caccia di quarta generazione, tra cui l’Eurofighter Typhoon della Gran Bretagna e il Mirage 2000 della Francia.

I funzionari dell’amministrazione hanno sorpreso i leader europei suggerendo che gli Stati Uniti sarebbero stati direttamente coinvolti nell’addestramento dei piloti al di fuori dell’Ucraina.

Dopo una visita “a sorpresa” di Zelensky al vertice nel fine settimana, Biden ha dichiarato di aver ricevuto una “rassicurazione netta” che i jet non avrebbero attaccato il territorio russo.

I funzionari britannici, nel frattempo, hanno dichiarato che il Regno Unito inizierà ad addestrare i piloti ucraini entro poche settimane.

 

Il posto giusto è nella NATO

N° 10 (cioè la sede del primo ministro inglese, ndr) ha chiarito che lo scopo di Sunak è quello di costruire “una nuova forza aerea ucraina con jet F-16 conformi agli standard della NATO” e che il primo ministro ritiene che “il posto giusto dell’Ucraina sia nella NATO”.

Queste dichiarazioni sembrano destinate ancora una volta a bloccare qualsiasi potenziale percorso verso la pace. Il Presidente Vladimir Putin si è ripetutamente espresso contro il crescente coinvolgimento occulto della NATO nella vicina Ucraina prima che la Russia lanciasse la sua invasione 15 mesi fa.

È difficile pensare che il Regno Unito si stia muovendo in modo diverso dal solito. È più probabile che l’amministrazione Biden stia usando la Gran Bretagna per fare la corsa e ammorbidire l’opinione pubblica occidentale mentre la NATO si immerge sempre più profondamente nelle attività militari del vicino russo.

L’Ucraina si sta gradualmente trasformando in quella stessa base NATOforward che per prima ha spinto Mosca a invaderla.

Allo stesso tempo, la Gran Bretagna sembra sfruttare la guerra in Ucraina come vetrina per i suoi armamenti. Dopo gli Stati Uniti, è stato il maggior fornitore di attrezzature militari all’Ucraina.

Questa settimana è stato reso noto che le esportazioni di armi del Regno Unito hanno raggiunto la cifra record di 8,5 miliardi di sterline, più del doppio del totale dello scorso anno. L’ultima volta che la Gran Bretagna ha avuto un tale successo nella vendita di armi è stato nel 2015, all’apice della guerra siriana.

 

Rischio per la salute

L’Europa ha venduto armi, ci è stato detto, per consentire all’Ucraina di organizzare la tanto attesa controffensiva per riprendersi il territorio che la Russia ha conquistato nelle zone orientali e meridionali dell’Ucraina.

Parlando apertamente a Firenze questo mese, Josep Borrell, il più alto diplomatico dell’Unione Europea, ha escluso colloqui di pace. L’Ucraina ha bisogno di forniture massicce di armi perché altrimenti “l’Ucraina cadrà nel giro di pochi giorni”, ha detto.

L’avvertimento di Borrell non solo suggeriva la precarietà della situazione dell’Ucraina, ma implicava che, per disperazione, i suoi leader potrebbero essere pronti ad approvare scenari di combattimento sempre più rischiosi.

E grazie all’ingerenza britannica, il pesante tributo di vittime che la guerra comporta – tra la popolazione ucraina e i soldati russi, oltre che potenzialmente anche all’interno dei confini della Russia – potrebbe farsi sentire non solo nei prossimi mesi, ma per decenni.

A marzo, Declassified ha rivelato che alcune delle migliaia di proiettili per carri armati che la Gran Bretagna sta fornendo a Kiev sono fatti di uranio impoverito (DU), un metallo pesante radioattivo prodotto come rifiuto dalle centrali nucleari.

Il partito laburista di opposizione di Keir Starmer ha dichiarato di “sostenere pienamente” la fornitura di questi proiettili perforanti all’Ucraina da parte del governo britannico, nonostante il rischio a lungo termine che essi comportano per coloro che sono esposti alla contaminazione chimica tossica lasciata.

I proiettili al DU si frammentano e bruciano quando colpiscono un bersaglio. Un analista, Doug Weir, del Conflict and Environment Observatory, ha dichiarato a Declassified che le munizioni producono “particolato di DU chimicamente tossico e radioattivo [particelle microscopiche] che rappresenta un rischio inalatorio per le persone”.

Ciononostante, i ministri britannici insistono sul fatto che la minaccia per la salute umana è bassa – e che vale la pena rischiare, visti i vantaggi militari ottenuti aiutando l’Ucraina a distruggere i carri armati russi.

 

Morti per cancro

Come ha evidenziato Declassified, tuttavia, un crescente numero di prove, a seguito dell’uso di questi proiettili da parte degli Stati Uniti nell’ex Jugoslavia negli anni ’90 e da parte della Gran Bretagna e degli Stati Uniti in Iraq un decennio dopo, mina queste rassicurazioni.

I tribunali italiani hanno accolto le richieste di risarcimento contro le forze armate del Paese in più di 300 casi in cui italiani che hanno prestato servizio nella polizia o come soldati in Bosnia e Kosovo sono morti di cancro dopo essere stati esposti al DU.

Molte altre migliaia di ex militari italiani avrebbero sviluppato tumori.

Nel 2001 il governo di Tony Blair sminuì il ruolo del DU nelle morti italiane per non turbare la nuova amministrazione di George W. Bush. Entrambi i leader avrebbero presto approvato l’uso di proiettili al DU in Iraq, anche se il Regno Unito ha ammesso un “obbligo morale” di contribuire a ripulire parte della contaminazione in seguito.

L’Occidente si è interessato poco alla ricerca sugli effetti delle armi al DU in Iraq, anche se le popolazioni civili locali sono state le più esposte alla contaminazione. I proiettili al DU sono stati ampiamente utilizzati sia durante la guerra del Golfo del 1991 sia, più di un decennio dopo, durante l’occupazione dell’Iraq guidata da Stati Uniti e Gran Bretagna.

Le statistiche del governo iracheno indicano che il tasso di tumori è balzato di 40 volte tra il periodo immediatamente precedente la guerra del Golfo e il 2005.

La città di Falluja, che gli Stati Uniti hanno devastato dopo l’invasione del 2003, risulta soffrire del “più alto tasso di danni genetici in qualsiasi popolazione mai studiata”. Il tasso di difetti alla nascita sarebbe circa 14 volte superiore a quello delle regioni giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, dove gli Stati Uniti sganciarono le bombe atomiche.

Nel 2018 il governo britannico ha riclassificato un rapporto del 1981 sui pericoli delle armi al DU redatto dall’Atomic Weapons Research Establishment del Ministero della Difesa e reso disponibile tre anni prima.

Nel frattempo, James Heappey, ministro delle forze armate, ha suggerito in modo fuorviante che organismi internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità e le Nazioni Unite non hanno riscontrato rischi a lungo termine per la salute o l’ambiente associati alle armi al DU.

Ma come Weir ha dichiarato a Declassified a marzo: “Nessuno degli enti citati dal Ministero della Difesa ha intrapreso studi ambientali o sanitari a lungo termine in aree di conflitto dove sono state utilizzate armi al DU”.

In altre parole, semplicemente non lo sanno – e forse non sono interessati a scoprirlo.

Weir ha aggiunto che l’OMS, l’ONU e l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica hanno tutti chiesto che le aree contaminate siano chiaramente segnalate e che l’accesso sia limitato, raccomandando allo stesso tempo che le campagne di sensibilizzazione sui rischi siano rivolte alle comunità vicine.

I funzionari britannici hanno anche reclutato la Royal Society per sostenere che il DU è sicuro, come avevano fatto gli Stati Uniti nel periodo precedente all’invasione dell’Iraq del 2003, citando due suoi rapporti pubblicati nel 2001 e nel 2002.

Tuttavia, la Royal Society ha preso le distanze apertamente da tali affermazioni. Un portavoce ha dichiarato a Declassified che, nonostante le affermazioni del governo britannico, il DU non è più “un’area attiva di ricerca politica”.

Già nel 2003, la Royal Society aveva rimproverato Washington, dichiarando al Guardian che i soldati e i civili in Iraq “erano in pericolo a breve e lungo termine. I bambini che giocavano nei siti contaminati erano particolarmente a rischio”.

Allo stesso tempo, il presidente del gruppo di lavoro della Royal Society sull’uranio impoverito, il professor Brian Spratt, ha avvertito che la corrosione dei proiettili avrebbe potuto rilasciare il DU nelle riserve idriche. Ha raccomandato di rimuovere l’ordinanza e di effettuare campionamenti a lungo termine delle forniture idriche.

 

Voci messe a tacere

Facendo pressioni per armi più apertamente offensive e introducendo in guerra proiettili al DU, la Gran Bretagna ha alzato la posta in gioco in due modi incendiari.

In primo luogo, sta spingendo la logica della guerra verso un’escalation sempre maggiore, compresa quella nucleare.

La Russia stessa possiede armi al DU, ma si dice che abbia evitato di usarle. Mosca ha da tempo avvertito che considera l’uso del DU in Ucraina in termini nucleari: come l’equivalente di una “bomba sporca”.

A marzo Putin ha risposto alla decisione del Regno Unito di fornire proiettili per carri armati al DU giurando di spostare armi nucleari “tattiche” nella vicina Bielorussia. Nel frattempo, il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu, ha dichiarato che ciò mette il mondo “a sempre meno passi” dalla “collisione nucleare”.

Ma la Gran Bretagna sta anche creando una situazione in cui una mossa catastrofica, o un errore di calcolo, da parte della Russia o dell’Ucraina sta diventando sempre più probabile, come gli eventi della scorsa settimana hanno evidenziato fin troppo chiaramente.

La Russia ha colpito un deposito di munizioni militari nell’Ucraina occidentale, creando una gigantesca palla di fuoco. Secondo le indiscrezioni, il sito potrebbe aver incluso proiettili britannici al DU.

Che sia vero o meno, questo ci ricorda che Mosca potrebbe colpire un tale sito di stoccaggio, intenzionalmente o accidentalmente, diffondendo la contaminazione in un’area edificata.

Con l’Ucraina che presto sarà in possesso di una gamma completa di armi offensive, in gran parte per gentile concessione del Regno Unito – non solo droni a lungo raggio, missili da crociera e carri armati, ma anche jet da combattimento – non è difficile immaginare scenari terrificanti che potrebbero portare rapidamente l’Europa sull’orlo di un conflitto nucleare.

Mosca colpisce un deposito di munizioni al DU, esponendo una vasta popolazione civile alla contaminazione tossica. L’Ucraina risponde con attacchi aerei nelle profondità della Russia. La strada verso uno scambio nucleare in Europa non è mai stata così vicina.

Coloro che avevano avvertito dell’urgente necessità di colloqui di pace, piuttosto che di una corsa agli armamenti in Ucraina, appaiono ogni giorno più preveggenti. Per quanto tempo ancora le loro voci potranno essere messe a tacere, non solo dai leader occidentali ma anche dai media occidentali?

Jonathan Cook

 

Jonathan Cook è autore di tre libri sul conflitto israelo-palestinese e vincitore del Premio speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. Il suo sito web e il suo blog si trovano all’indirizzo www.jonathan-cook.net. Questo articolo è apparso originariamente su Declassified UK.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments