Gli americani dovrebbero essere indignati che il loro governo partecipi ad un’operazione di traffico umano su larga scala che ha creato un mercato per la raccolta degli organi di neonati assassinati. Articolo di The Federalist nella traduzione di Wanda Massa

L’autrice è Edie Heipel, oggi dipendente del Center for Renewing America, dopo aver lavorato presso l’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca sotto la presidenza Trump.

 

Bambino si succhia pollice nella pancia della mamma
Bambino si succhia pollice nella pancia della mamma

 

La settimana scorsa, il gruppo di responsabilità legale Judicial Watch ha lanciato una bomba: un rapporto di quasi 600 pagine che dimostra che il governo degli Stati Uniti ha comprato e commerciato parti del corpo di bambini abortiti “freschi“. Queste parti del corpo, acquistate dalla U.S. Food and Drug Administration (FDA) per “umanizzare” i topi e testare i farmaci biologici negli esperimenti scientifici, provenivano da bambini fino a 24 settimane di gestazione, a poche settimane dalla nascita.

Mentre gli americani possono essere abituati a sentire i pro-life battere il tam tam sui gruppi abortisti che raccolgono corpi di bambini e li vendono per la ricerca, (chi non ha sentito parlare della causa contro David Daleiden, che ha svelato Planned Parenthood che mercanteggia va su polmoni e fegati di bambini durante le cene) questa volta, il governo degli Stati Uniti era quello che trafficava parti di bambini.

Recenti email scoperte da Judicial Watch tra i dipendenti della FDA e la californiana Advanced Bioscience Resources (ABR) provano che l’agenzia ha speso decine di migliaia di dollari per comprare bambini abortiti per esperimenti scientifici non etici tra il 2012 e il 2018. Nel 2018, l’amministrazione Trump ha cessato il contratto, fermando la ricerca governativa sui tessuti fetali a causa delle preoccupazioni che i contratti fossero illegali. La nuova richiesta FOIA (Freedom Of Information Act, ndt) di Judicial Watch aggiunge 575 pagine di documenti alla sua attuale causa del 2019 contro l’agenzia.

Colto in flagrante

Questa non è la prima volta che ABR è sotto i riflettori, in quanto l’azienda è stata sotto inchiesta del Congresso per il suo coinvolgimento di lunga data nel traffico di tessuti fetali. Una delle più vecchie ditte di approvvigionamento di tessuto fetale, l’azienda fa milioni ogni anno raccogliendo organi come polmoni, fegati, bulbi oculari e cervelli da bambini abortiti e rivendendoli con profitto.

Le e-mail tra i funzionari della FDA e i dipendenti della ABR rivelano conversazioni inquietanti mentre collaborano per comprare e vendere feti abortiti. I registri indicano che ABR è stata pagata 12.000 dollari in anticipo per ogni bambino, alcuni sopravvissuti fuori dall’utero, tra l’età gestazionale di 16-24 settimane. La maggior parte degli acquisti sono per timi intatti e fegati spediti “freschi; su ghiaccio bagnato“.

Con la stessa indifferenza di scegliere un taglio di carne in una macelleria, un medico della FDA richiede che i campioni di tessuto siano procurati da un bambino maschio, poiché affermano che “È fortemente preferibile avere un feto maschio se possibile … [ma] il sesso indeterminato o la femmina è meglio di nessun tessuto.”

Ancora più spaventoso è un impiegato dell’ABR che si lamenta della difficoltà di identificare il sesso dei bambini abortiti. “Noi controlliamo solo i genitali esterni e se non ci sono … non abbiamo modo di dirlo“. Il fatto che i tecnici non siano in grado di identificare il sesso dei bambini abortiti non è una sorpresa per coloro che hanno familiarità con la natura barbara delle procedure di aborto, che richiedono al personale della clinica di mettere insieme i resti maciullati dei bambini dopo che i loro arti e organi sono stati fatti a pezzi.

Come se questi ordini casuali non fossero abbastanza orribili, altre e-mail confermano che la FDA ha comprato organi di bambini che sono stati abortiti ben oltre 20 settimane di gestazione, dopo il tempo in cui un bambino di solito può sopravvivere fuori dall’utero. Se non altro, questo conferma la realtà degli aborti tardivi negli Stati Uniti, che i sostenitori dell’aborto hanno negato per decenni.

Quando un impiegato della ABR ha rassicurato la FDA che stavano lavorando con medici che eseguivano aborti a termine, ha ammesso che alcuni tessuti erano inutilizzabili da una procedura che inietta un veleno chiamato digossina nel bambino, distruggendo le sue cellule e tessuti. Una volta che la sostanza chimica ha fatto il suo lavoro, viene consegnato un bambino intatto e morto. Questo metodo rende i campioni di tessuto fetale inutilizzabili negli esperimenti; con la digossina fuori gioco, la probabilità che siano stati usati aborti a nascita parziale è incredibilmente alta.

Queste conversazioni dovrebbero scioccare anche coloro che sono a favore dell’aborto, la maggior parte dei quali crede in restrizioni significative del termine. I bambini a questo livello di sviluppo possiedono tutte le caratteristiche necessarie per sopravvivere alla vita fuori dall’utero e i bambini prematuri nati a 21 settimane continuano a condurre una vita sana e prospera.

Un’atrocità contro la dignità umana

Questi estratti raccapriccianti sono solo un campione di documenti che sostanziano la causa del 2019 che Judicial Watch ha intentato contro HHS  (Department of Health and Human Services, ndt), che ospita la FDA. Nel marzo di quest’anno, un tribunale federale ha ordinato all’agenzia di rilasciare i documenti che ha trattenuto sull’acquisto di organi di bambini abortiti, dicendo che ha trovato “ragione di dubitare” che le transazioni violassero la legge federale.

La decisione della corte ha scoperto che il governo degli Stati Uniti ha acquistato fegati del secondo trimestre, timi, cervelli, occhi e polmoni per centinaia di dollari l’uno da ABR, affermando che ABR potrebbe raccogliere “oltre 2.000 dollari su un singolo feto che ha acquistato … per 60 dollari” e “il governo federale ha partecipato a questo commercio potenzialmente illecito per anni“.

Gli americani dovrebbero essere indignati che il loro governo partecipi ad un’operazione di traffico umano su larga scala che ha creato un mercato per raccogliere gli organi di neonati assassinati. In nessuna società umana potrebbe verificarsi una tale violazione del corpo umano e della dignità, in cui gli occhi dei bambini sono “raccolti immediatamente dopo la morte“, gli organi commercializzati in base al sesso, e la personalità attribuita ai topi ma non ai bambini.

Finché non ci verrà chiesto diversamente, la nostra società è complice dell’abuso incontrollato e della mercificazione dei bambini pre-nati. L’urgenza morale ci impone di condannare queste atrocità sancite dai principali ricercatori medici del governo federale e di lottare per fermarle. Potremmo perdere altre battaglie prima di vincere, ma non possiamo dire di non aver mai saputo.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1