“Dobbiamo fare una pausa, dobbiamo capire cosa queste terapie emergenti possono potenzialmente fare ai nostri bambini”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Calvin Freiburger e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

L’Iowa è l’ultimo Stato a vietare la “transizione” chirurgica o chimica dei minori con confusione di genere e a costringere gli studenti a condividere i bagni con i membri del sesso opposto, grazie alle nuove leggi firmate dal governatore repubblicano Kim Reynolds.

Il Des Moines Register riporta che mercoledì la Reynolds ha firmato il fascicolo 538 del Senato, che proibisce ai medici dell’Iowa di prescrivere bloccanti della pubertà, ormoni intersessuali o interventi chirurgici di “transizione” a chiunque abbia meno di 18 anni, e il fascicolo 482 del Senato, che proibisce alle scuole di permettere agli individui di usare un bagno o un cambio che non corrisponda al loro sesso biologico.

Il secondo disegno di legge richiede anche il consenso dei genitori per l’utilizzo di strutture alternative, per evitare che le scuole assecondino la confusione di genere di un bambino alle spalle dei genitori.

“Dobbiamo fare una pausa, dobbiamo capire cosa queste terapie emergenti possono potenzialmente fare ai nostri bambini”, ha detto Reynolds. “Il mio cuore va a loro. Sono un genitore, sono una nonna, so quanto sia difficile. È una posizione estremamente scomoda per me. Non mi piace. Ma devo fare quello che credo sia nell’interesse dei ragazzi”.

Gruppi di sinistra, tra cui la sezione dell’Iowa dell’American Civil Liberties Union e l’Iowa State Education Association, hanno condannato le nuove leggi. Cathryn Oakley, direttore legislativo dello Stato per il gruppo di attivisti LGBT di estrema sinistra Human Rights Campaign, ha attaccato la misura sulla “transizione” come “pericolosa per la vita”.

Tuttavia, le prove indicano che il pericolo risiede nella promozione del transgenderismo, piuttosto che nel suo contenimento.

Gli studi rilevano che più dell’80% dei bambini che sperimentano la disforia di genere la superano da soli entro la tarda adolescenza, e che anche la chirurgia di “riassegnazione” completa spesso non riesce a risolvere la maggiore tendenza all’autolesionismo e al suicidio degli individui con confusione di genere – e può addirittura esacerbarla, anche rafforzando la loro confusione e trascurando le cause reali del loro disagio mentale.

Oltre a questi problemi, gli esperti al di fuori dell’establishment medico avvertono che il potenziamento chirurgico o chimico della confusione di genere comporta danni irreversibili per i bambini, come l’infertilità, la compromissione delle funzioni sessuali adulte e la riduzione dell’aspettativa di vita, oltre al tributo psicologico derivante dall’essere “bloccati” nelle alterazioni fisiche, indipendentemente dal fatto che cambino idea una volta maturi.

Il problema è tristemente illustrato dalla storia di Yaeli Martinez, una diciannovenne a cui la “transizione di genere” era stata prospettata come una possibile cura per la sua depressione al liceo, sostenuta da un consulente scolastico che aveva nascosto alla madre ciò che stava passando. La ragazza, afflitta da problemi, si è uccisa dopo aver provato a vivere come un uomo per tre anni.

Molti “detrattori”, spesso ignorati, che hanno tentato di vivere sotto una diversa “identità di genere” prima di abbracciare il proprio sesso, testimoniano i danni fisici e mentali del rafforzamento della confusione di genere, nonché i pregiudizi e la negligenza dell’establishment medico in materia.

Per quanto riguarda l’altra legge, i conservatori avvertono che costringere i bambini e gli adolescenti a condividere strutture intime come i bagni, le docce o le aree di cambio con membri del sesso opposto viola i loro diritti alla privacy, li sottopone a un inutile stress emotivo e offre a potenziali predatori maschi un valido pretesto per entrare nei bagni o negli armadietti femminili semplicemente dichiarandosi transgender.

Il problema è attualmente in piena evidenza in Virginia, dove un gran giurì ha emesso un’accusa contro l’ex sovrintendente delle scuole pubbliche della contea di Loudoun, Scott Ziegler, per aver presumibilmente coperto lo stupro di una studentessa da parte di un compagno di classe “transgender” in un bagno femminile, a causa delle sue implicazioni dannose per il movimento LGBT.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments