Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Philip M. Giraldi e pubblicato su Unz Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

A Palestinian carries a wounded boy rescued from the rubble after an Israeli airstrike on Gaza City, on October 9, 2023. (Photo by Sameh Rahmi/NurPhoto via Getty Images)
A Palestinian carries a wounded boy rescued from the rubble after an Israeli airstrike on Gaza City, on October 9, 2023. (Photo by Sameh Rahmi/NurPhoto via Getty Images)

 

I media mainstream e i commenti ufficiali del governo sulle violenze a Gaza sembrano aver acquisito un certo ritmo per assicurarsi che tutti capiscano che sono i poveri israeliani le vere vittime assalite da un gruppo chiamato Hamas che viene invariabilmente etichettato come “terrorista”. È assolutamente obbligatorio, nel primo paragrafo di un articolo sugli sviluppi dei combattimenti, ricordare al lettore che il 7 ottobre il gruppo “terrorista” Hamas ha “invaso” Israele e ucciso 1.400 israeliani amanti della pace, prendendone altri 200 in ostaggio. Israele viene descritto come una “rappresaglia” e viene spesso considerato rilevante affermare che si tratta della più terribile uccisione di massa di ebrei dopo il presunto “olocausto”. Per aggiungere un po’ di attualità culturale e storica, vengono spesso citati anche “l’11 settembre” e “Pearl Harbor” per suggerire che si è trattato di un attacco a sorpresa e di un cambiamento di gioco in termini di come Israele vede ora la minaccia esterna e dovrà rafforzare i suoi imperativi di sicurezza nazionale. E potrebbe anche essere inserito un commento della deputata Nancy Pelosi o del senatore Chuck Schumer: “Israele ha il diritto di difendersi!”. Joe Biden è stato anche citato per aver detto che si tratta di 15 “11 settembre” per Israele, date le dimensioni e le popolazioni comparate degli Stati Uniti e dello Stato ebraico, sottolineando l’enormità della tragedia.

E questo solo nel primo paragrafo, per assicurarsi che il lettore abbia le idee chiare. Il secondo paragrafo è il contributo veramente importante alla discussione, in quanto solleva la questione dell'”aumento dell’antisemitismo” negli Stati Uniti e in Europa, includendo spesso una citazione dell’implacabile Jonathan Greenblatt dell’Anti-Defamation League (ADL), temutissimo e formidabile. Greenblatt viene citato di frequente, spesso intonando qualcosa sulla falsariga di “In molti campus sta crescendo un movimento radicale in cui l’opposizione a Israele e al sionismo è richiesta per essere pienamente accettata, emarginando di fatto le comunità ebraiche dei campus”. L’intenzione di sollevare la questione dell’antisemitismo è quella di allontanare il lettore da ogni possibile percezione che un Israele in stato di apartheid sia stato attaccato a causa del suo comportamento eccezionalmente brutale nei confronti dei palestinesi negli ultimi 76 anni e che sia stato invece vittima di feroci terroristi che hanno fatto ciò che hanno fatto soprattutto perché odiano gli ebrei. In questo modo, l’eventuale questione della responsabilità israeliana per ciò che è accaduto scompare e Benjamin Netanyahu e i suoi colleghi fanatici e razzisti Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir ottengono un lasciapassare per fare tutto ciò che vogliono per risolvere il loro problema arabo. Entrambi hanno espresso il sogno di un Israele senza palestinesi, che considerano non del tutto accettabili dal punto di vista umano, e hanno approvato l’autorità di sparare per uccidere i poliziotti e i soldati che si trovano di fronte a manifestanti arabi. Più di 100 palestinesi sono già stati uccisi in Cisgiordania da coloni armati, polizia e soldati che non saranno chiamati a rispondere degli omicidi, mentre ci sono stati centinaia di arresti di manifestanti.

In America Fox News è stata leader nel diffondere interviste e rapporti che suggeriscono che gli studenti ebrei americani sono così terrorizzati dalle minacce implicite ed esplicite nella rabbia antisemita che si manifesta nei campus universitari e altrove, che hanno smesso di mangiare nelle mense kosher delle università per non diventare il bersaglio di un pazzo. E ci sono gli inevitabili appelli a vietare completamente i raduni che esprimono simpatia per i palestinesi o addirittura sventolano o espongono la bandiera della Palestina. Il lamento sull’aumento dell’antisemitismo è in effetti su tutti i media mainstream, anche se ci sono parecchie cose che non vanno nella narrazione di Israele-Palestina e degli eventi del 7 ottobre e successivi. In breve, l’opinione pubblica americana ed europea è sottoposta alla solita truffa quando si tratta di qualcosa che ha a che fare con Israele. La propaganda è certamente più efficace quando viene ripetuta da politici di alto livello di entrambi i partiti, con un voto unanime del Senato (97-0) e della Camera dei Rappresentanti (412-10) su risoluzioni che garantiscono un sostegno incondizionato e totale a Israele e a qualsiasi cosa decida di fare, con il sostegno di due gruppi di portaerei statunitensi e dei Marines pronti a intervenire nel Mediterraneo orientale.

I college e le università sono stati particolarmente presi di mira dai molti amici di Israele, con gli ex alunni, per lo più ebrei, che hanno trattenuto le donazioni da quelle scuole che non denunciano esplicitamente Hamas e lodano la “moderazione” israeliana o che permettono manifestazioni di studenti a sostegno di Gaza. Gli studenti che aderiscono alle proteste per ciò che viene fatto ai palestinesi vengono identificati e inseriti in liste che verranno sottoposte ai potenziali futuri datori di lavoro e alle università per rendere più difficile l’ottenimento di buoni lavori o di incarichi accademici e borse di studio. Politici ambiziosi che vogliono accattivarsi i donatori e gli elettori ebrei, come il governatore della Florida Ron DeSantis, si sono spinti all’estremo, vietando i gruppi politici palestinesi nelle università statali e prendendo in considerazione l’idea di perseguire i membri di tali organizzazioni per “crimini d’odio”, in quanto vengono automaticamente considerati come motivati da “antisemitismo”. DeSantis ha anche giurato che il suo Stato non accetterà alcun rifugiato palestinese, anche se non è chiaro come lo applicherà, basando la sua decisione sul giudizio che sono “tutti antisemiti”, e la Florida ha recentemente acquistato 135 milioni di dollari di cosiddetti Israel Bonds per aiutare lo sforzo bellico dello Stato ebraico. Il senatore Lindsey Graham ha affermato che non ci dovrebbe essere “alcun limite” all’uccisione di palestinesi da parte degli israeliani, mentre Donald Trump ha chiesto l’espulsione di tutti gli studenti palestinesi negli Stati Uniti. È solo un altro esempio di quanto sia diventata bassa e persino disumana la nostra politica quando Israele è in qualche modo coinvolto, ma è anche interessante notare che diversi Paesi europei e Israele stesso stanno mettendo a tacere i critici dei massacri di Gaza, in alcuni casi licenziandoli dal loro lavoro.

Parte del problema è che la narrazione di ciò che è avvenuto il 7 ottobre e successivamente è stata talmente centrifugata dai media e dalle testate giornalistiche che continua a non essere chiaro cosa sia realmente accaduto. Gli israeliani hanno sempre sostenuto che 1.405 ebrei e lavoratori agricoli asiatici sono stati uccisi da Hamas, di cui 386 apparentemente erano soldati. Ma il modo in cui sono morti è il punto in cui la storia va alla deriva. I sopravvissuti israeliani all’attacco hanno raccontato ai giornalisti di essere stati trattati bene quando sono stati catturati da Hamas e che il vero massacro è iniziato quando le unità dell’esercito israeliano, compresi i carri armati, l’artiglieria e gli elicotteri, hanno contrattaccato Hamas, dando vita a un brutale fuoco incrociato, chiamato in gergo “fuoco amico”, che ha ucciso molti, se non la maggior parte, dei civili. Le case di un kibbutz, dove i civili si erano rifugiati, sono state in gran parte distrutte dal fuoco di armi pesanti, che Hamas non possedeva.

Ciò che ora sappiamo anche da un crescente numero di prove ottenute dai media israeliani e dai testimoni oculari è che le forze armate israeliane sembrano essere state sopraffatte dagli eventi della giornata. La reazione potrebbe aver innescato una politica apparentemente di lunga data, definita “procedura Hannibal”, che cerca di evitare che i soldati israeliani vengano fatti prigionieri a causa dell’alto prezzo che l’opinione pubblica israeliana insiste a pagare per assicurarsi che i soldati-prigionieri vengano restituiti. Di conseguenza, il comando militare ha l’autorizzazione a ordinare alle truppe israeliane di uccidere i propri commilitoni piuttosto che permettere che vengano fatti prigionieri. Per lo stesso motivo, Hamas spende molte energie nel cercare di trovare modi innovativi per catturare i soldati.

La possibile realtà che l’esercito israeliano abbia ucciso molti dei suoi stessi soldati e civili è, ovviamente, soppressa dal mainstream e dai politici desiderosi di aiutare Israele nel genocidio di Gaza, ma è comunque presente. C’è, tuttavia, un’altra parte della storia che è devastante in termini di implicazioni, e cioè la risposta immediata alla crisi con l’offerta di inviare a Israele 14,5 miliardi di dollari per aiutarlo a difendersi, una cifra incomprensibilmente grande che sembra essere stata tirata fuori dal didietro di qualche lobbista, che si traduce nell’esecuzione di un genocidio a Gaza e nella commissione di una serie di crimini di guerra lungo il percorso. Il pagamento dei tributi, come è stato descritto da alcuni, è stato approvato giovedì scorso al Congresso con un voto in linea di principio 226-196. Il voto sarebbe stato più vicino all’unanimità se non fosse stato per una disputa partitica sul finanziamento della misura. Se Joe Biden e il Congresso non sanno che il genocidio è un crimine contro l’umanità definito dalla Carta delle Nazioni Unite e dalle Convenzioni di Ginevra, la maggior parte dei giuristi internazionali concorda sul fatto che armare e finanziare un’organizzazione o uno Stato che sta sterminando una nazione o un’etnia identificabile è complicità o addirittura partecipazione al crimine.

Biden e Blinken potrebbero non avere idea di quanto denaro Israele riceva dai contribuenti americani a tutti i livelli di governo in un anno, al di là dei 3,8 miliardi di dollari all’anno che riceve in “assistenza militare” diretta, un regalo di Barack Obama. Altri flussi di denaro provengono da progetti militari congiunti, attraverso dubbie organizzazioni di beneficenza e tramite commissioni di sviluppo a livello statale e persino locale, che portano il totale a circa 10 miliardi di dollari. Questo contribuisce a fare di Israele un Paese ricco che può permettersi di dare ai suoi cittadini ebrei assistenza sanitaria e istruzione universitaria gratuite, nonché alloggi sovvenzionati, e che non ha bisogno di ulteriore sostegno da parte degli Stati Uniti per combattere le sue guerre.

E questo ci porta all’ultima questione, il programma nucleare segreto di Israele, che certamente dovrebbe preoccupare i responsabili politici statunitensi alle prese con un conflitto esplosivo che potrebbe coinvolgere l’intero Medio Oriente e persino estendersi al di là di quell’area. Il fatto che Israele sia l’unico a possedere le armi nucleari della regione, che secondo alcune stime sono più di 200, è significativo. Nel governo degli Stati Uniti esiste una cosiddetta “regola legislativa” secondo cui nessun dipendente federale può confermare che Israele possiede armi nucleari. La regola è ridicola, poiché l’esistenza dell’arsenale nucleare israeliano è ben attestata, anche da Colin Powell, che una volta ha confermato che “Israele ha oltre 200 armi nucleari puntate sull’Iran”. Powell ha fatto questa affermazione quando non era più in carica, ma anche il senatore Chuck Schumer, un importante sostenitore di Israele, ha confermato l’esistenza dell’arsenale.

La ragione dell’acuta sensibilità della Lobby israeliana e dei suoi politici comprati e pagati per le sue armi nucleari è l’emendamento Symington nella sezione 101 della legge statunitense sul controllo delle esportazioni di armi del 1976, che vieta gli aiuti esteri a qualsiasi Paese che abbia armi nucleari e non abbia firmato il Trattato di non proliferazione nucleare. Ciò significa che gli aiuti annuali di Israele, pari a 3,8 miliardi di dollari, sarebbero in pericolo se Washington facesse rispettare le proprie leggi, anche se non si può immaginare che il presidente Joe Biden o il procuratore generale Merrick Garland, entrambi ferventi sionisti, prenderanno le misure necessarie per farlo.

Un’altra legge appiccicosa è costituita dai cosiddetti Emendamenti Leahy, che vietano al Dipartimento di Stato e al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti di fornire assistenza militare alle unità delle forze di sicurezza straniere che violano i diritti umani “impunemente”. I numerosi e brutali assalti di Israele a Gaza, compreso quello attuale in cui sta prendendo di mira ospedali e chiese, bombardando e uccidendo civili indifesi, la metà dei quali sono bambini, sono un caso da manuale in cui gli emendamenti Leahy dovrebbero essere applicati, ma, ovviamente, non lo saranno mai. Questa realtà illustra ancora una volta l’effettivo potere politico della lobby ebraica negli Stati Uniti, sostenuta da sionisti cristiani come il nuovo presidente della Camera Mike Johnson.

Infine, bisogna considerare l’arsenale nucleare israeliano stesso, unito alla leadership sconsiderata e aggressiva del Paese e a ciò che rappresenta, un argomento che al momento non viene nemmeno considerato come un fattore di ciò che potrebbe portare la guerra di Gaza in espansione. Vent’anni fa, quando il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush diede inizio alla sua disastrosa “guerra al terrore” ideata dai neocon, il Primo Ministro israeliano Ariel Sharon vide in quella guerra un’opportunità e in Israele uno dei principali beneficiari, in grado di attirare gli Stati Uniti nel tanto desiderato attacco contro l’Iran, insieme a una rinnovata spinta a terrorizzare i restanti palestinesi e a farli fuggire negli Stati arabi confinanti. Israele intendeva chiaramente usare la sua capacità nucleare contro i suoi vicini in caso di necessità, come descritto nel libro del 1991 del veterano giornalista investigativo Seymour Hersh, intitolato L’opzione Sansone. Il titolo del libro si riferisce alla strategia nucleare del governo israeliano, secondo la quale Israele avrebbe lanciato una massiccia rappresaglia nucleare se lo Stato stesso fosse stato minacciato da forze esterne e avesse rischiato di essere sopraffatto, proprio come la figura biblica di Sansone fece crollare i pilastri di un tempio filisteo, facendo crollare il tetto e uccidendo se stesso e le migliaia di filistei che si erano riuniti per vederlo umiliato. Una delle fonti di Hersh nei servizi segreti israeliani gli avrebbe detto: “Ricordiamo ancora l’odore di Auschwitz e Treblinka. La prossima volta vi porteremo tutti con noi”.

Quando a Sharon gli è stato domandato su come il resto del mondo potrebbe reagire al fatto che Israele usi le sue armi nucleari per spazzare via i suoi vicini arabi, egli ha risposto: “Dipende da chi lo farà e da quanto velocemente accadrà. Possediamo diverse centinaia di testate atomiche e di razzi e possiamo lanciarli contro obiettivi in tutte le direzioni, forse anche contro Roma. La maggior parte delle capitali europee sono obiettivi per la nostra aviazione. Permettetemi di citare il generale Moshe Dayan: “Israele deve essere come un cane pazzo, troppo pericoloso per essere disturbato”. A questo punto considero tutto senza speranza. Dovremo cercare di evitare che si arrivi a questo punto, se possibile. Le nostre forze armate, tuttavia, non sono le trentesime più forti del mondo, ma piuttosto le seconde o le terze. Abbiamo la capacità di trascinare il mondo con noi. E posso assicurarvi che questo accadrà prima che Israele fallisca”.

Eccoci dunque sull’orlo di quella che potrebbe plausibilmente essere la seconda evitabile guerra nucleare gestita male da Joe Biden e dalle teste di rapa che ha scelto per “consigliarlo”. Il colonnello Douglas Macgregor si riferisce giustamente alla crisi esplosiva che contiene una minaccia nucleare come a una “guerra dell’Armageddon”. Pochi americani sanno che Israele possiede armi nucleari solo perché ha rubato l’uranio arricchito e gli inneschi dagli Stati Uniti con la collaborazione di un industriale ebreo, Zalman Shapiro, proprietario dell’impianto NUMEC in Pennsylvania, e di un produttore hollywoodiano ebreo-israeliano, Arnon Milchan, nessuno dei quali è mai stato seriamente ritenuto responsabile dal governo statunitense. Quindi, abbiamo un Israele con un arsenale nucleare segreto che nessun funzionario americano può nemmeno menzionare e che attualmente è in “guerra” ed è in teoria pronto a usare le armi, molto probabilmente contro un arcinemico come l’Iran, ma se minacciato, per “far crollare il mondo”. Per quanto riguarda la maggioranza silenziosa di noi americani, che vorremmo vedere un governo che cerchi davvero di fare del bene alle persone che vivono qui e pagano le tasse, avere un mondo in pace in cui Washington lasci in pace tutti e sia a sua volta lasciata in pace dagli altri, è un’aspirazione il cui tempo sembra essere scaduto.

Philip M. Giraldi

 

Philip M. Giraldi, Ph.D., è direttore esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa 501(c)3 deducibile dalle tasse (Federal ID Number #52-1739023) che cerca di ottenere una politica estera statunitense in Medio Oriente più basata sugli interessi. Il sito web è councilforthenationalinterest.org, l’indirizzo è P.O. Box 2157, Purcellville VA 20134 e l’e-mail è inform@cnionline.org.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments