Uno dei più famosi chirurghi della riassegnazione del sesso, dott. Miroslav Djordjevic, ha avuto forti ripensamenti su tale pratica. E lo dice apertamente. Anziché l’intervento chirurgico, serve una consulenza terapeutica qualificata. Dice: non fatelo, vi spinge in una più profonda infelicità.

Ecco l’articolo di Tony Perkins nella mia traduzione.

 

Foto: Caitlyn Jenner uno dei più famosi transgender USA

Foto: Caitlyn Jenner uno dei più famosi transgender USA

 

Il dottor Miroslav Djordjevic non è il tuo medico normale. E’ diventato famoso più di due decenni fa, affermandosi come uno dei migliori chirurghi di ricostruzione genitale al mondo. Dopo anni di aiuto nella transizione di uomini e donne in un corpo con cui non sono nati, ha iniziato a rendersi conto di una qualcosa: la procedura chiamata chirurgia di riassegnazione del sesso non rende felici i pazienti. Al di là del transgender che sventola la bandiera e che marca l’orgoglio, ci sono persone reali nel vero dolore. E secondo medici come Djordjevic, stanno lottando, ma la loro lotta è con qualcosa che i media o gli attivisti LGBT non vogliono ammettere.

Negli ultimi cinque anni, in particolare, il dottor Djordjevic dice di essere stato sopraffatto dal numero di persone che gli hanno chiesto di invertire il processo (del cambiamento di sesso, ndr) cui sono stati sottoposti. L’intervento che pensavano avrebbe portato loro la soddisfazione che stavano cercando, li ha solo immersi in una più profonda disperazione. Un numero crescente di loro, ha detto al National Post del Canada, era infelici. Sei persone, dice, hanno preso appuntamenti per annullare una procedura che non solo è terribilmente dolorosa, ma anche costosa. “Provenivano da paesi di tutto il mondo occidentale, Gran Bretagna compresa, uniti da un acuto senso di rammarico”.

La maggior parte, sottolinea, erano uomini che avevano subito un intervento chirurgico per passare a donne. Quando ha detto loro che “riattaccare gli organi genitali maschili” è una procedura complessa e straziante che avrebbe richiesto diverse operazioni e migliaia di dollari, non hanno battuto ciglio. Gli hanno parlato di “livelli paralizzanti di depressione” con pensieri suicidi intensi. “Può essere un vero disastro sentire queste storie“, dice. “Eppure”, sottolinea il medico, “non vengono ascoltate“.

Quando altri medici e avvocati hanno iniziato a richiedere ulteriori ricerche sugli effetti della chirurgia della riassegnazione sessuale, sono stati ignorati. La comunità medica e le università che normalmente studiavano queste cose erano troppo spaventate dalla lobby transgender. In Inghilterra, la Bath Spa University ha rifiutato una richiesta di ricerca sul rimorso che Djordjevic sta incontrando e i funzionari scolastici si sono rifiutati di considerarlo. E’ “potenzialmente politicamente scorretto“, hanno insistito. “Sicuramente la chirurgia di inversione e il rimpianto nelle persone transgender è uno dei temi molto caldi”, dice Djordjevic. Ma come medici – specialmente come medici – “dobbiamo sostenere tutte le ricerche in questo campo“.

Una delle sue maggiori preoccupazioni – e di quelle degli altri – è che c’è tanta fretta verso la pratica chirurgica. In questi giorni, spiega, gli uomini e le donne del suo campo o non vogliono sembrare intolleranti o vogliono solo i soldi, ma sembra esserci una reale mancanza di valutazione e consulenza psichiatrica. Peggio ancora, sottolinea Djordjevic, sostengono questo intervento chirurgico per i bambini sempre più piccoli. È un errore, insiste. E la ricerca lo dimostra. I nostri amici dell’American College of Pediatricians, che hanno etichettato questa ideologia come abuso sui bambini, sottolineano quanto sarebbe assurdo questo programma. “Secondo il DSM-5, ben il 98% dei ragazzi confusi di genere e l’88% delle ragazze confuse di genere alla fine accettano il loro sesso biologico dopo essere passati naturalmente attraverso la pubertà”.

Peter Sprigg di Family Research Council (FRC) pensa che sia ancora più significativo che un medico che esegue questi interventi chirurgici abbia delle preoccupazioni.

La corsa alla transizione (sessuale) da parte di molti con disforia di genere – specialmente dei minori – e dei medici che rendono possibile tale pratica può avere solo conseguenze tragiche. Anche l’American Psychiatric Association riconosce che tra i bambini con disforia di genere, la maggioranza non cresce identificandosi come “transgender” se lasciata a se stessa. Le persone che lottano con le questioni di identità di genere devono capire che la “transizione” non è una panacea e potrebbe essere disastrosa, quindi non dovrebbero essere lasciati a precipitarsi verso una risposta così radicale.

Ciò di cui le persone hanno più che altro bisogno è l’aiuto che troppi Stati vogliono negare loro: il consiglio e il conforto di un terapeuta qualificato. Tanti di questi problemi sono emotivi e mentali, sostiene Walt Heyer, che in precedenza si identificava come transgender. In uno studio del 2009 del Dipartimento di Psichiatria della Case Western Reserve University, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle persone che lottano in questo stile di vita – 90 per cento – “aveva almeno un’altra forma significativa di psicopatologia”. Anche in un paese liberale come la Svezia, anche dopo aver ricevuto l’intervento chirurgico che cercano, il tasso di suicidio delle persone che si identificano come transgender è 19 volte superiore alla popolazione generale. Gli attivisti LGBT vogliono farvi credere che la risposta umana è quella che incoraggia e che afferma questi sentimenti. Ma affermare idee pericolose e distruttive non è compassione. La vera compassione è aiutare le persone a trovare la loro strada verso la libertà e la realizzazione che si ottiene conoscendo la verità.

Il presidente Trump, nel frattempo, è stato malignato, criticato e molestato per aver cercato di allontanare il nostro paese da questa ideologia radicale che mantiene le persone che si identificano come transgender in questi vincoli. Quando sta lavorando per ribaltare la definizione radicale di “sesso” di Barack Obama (che include “identità di genere”), l’attore Bradley Whitford ha twittato: “Questo è osceno. Questo non deve esistere Questo è, e uso questa parola intenzionalmente, ciò che i nazisti hanno fatto. La ghettizzazione, la diffamazione e l’esclusione delle minoranze vulnerabili”. Siamo arrivati a questo punto, il conservatore Brent Bozell ha affermato: “Chiamare uomo un uomo è ora l’Olocausto”.

Alla fine, l’isteria di molti della sinistra dimostra solo una cosa: a loro non importa delle persone. Non veramente. A loro interessa la loro agenda. E proprio come con le donne che vengono spinte verso l’aborto – senza pensare al dolore o alle conseguenze – faranno di tutto per proteggerlo. Questa non è tolleranza – è manipolazione. E per il bene della dignità umana, è il momento di alzarsi e dire: “Basta!”

 

Fonte: Family Research Council

Facebook Comments
image_pdfimage_print