Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Bill Astoree pubblicato sul suo Substack Bracingviews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden - December 21 2022 (foto: REUTERS - Kevin Lamarque)
Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden – December 21 2022 (foto: REUTERS – Kevin Lamarque)

 

Quando gli altri mi chiedevano la verità, mi convincevo che non era la verità che volevano, ma un’illusione con cui potevano sopportare di vivere. – Anaïs Nin

 

La guerra, tra le altre cose, è un luogo di illusioni. Con la guerra tra Russia e Ucraina, le illusioni sono molte. Per i media mainstream americani, l’illusione promossa è questa: L’Ucraina, un Paese quasi democratico, sta subendo un’invasione immotivata da parte della Russia autoritaria, giunta ormai al 18° mese. I combattenti per la libertà dell’Ucraina sono stati notevolmente aiutati dai benevoli aiuti militari ed economici liberamente offerti e forniti dall’amministrazione Biden e dai Paesi della NATO. L’Ucraina combatte per una nobile causa che gli Stati Uniti dovrebbero e devono sostenere, poiché permettere alla Russia di prevalere porterebbe a ulteriori invasioni russe non provocate di altri popoli amanti della libertà in Europa.

È un’illusione con cui gli americani possono convivere, perché ci lusinga mentre diffama un vecchio nemico, l’ex Unione Sovietica e ora la Russia. È lusinghiera per l’amministrazione Biden, che può atteggiarsi a strenuo difensore dell’Ucraina, e certamente lusinghiera per i produttori di armi statunitensi, che possono proporsi collettivamente come il nuovo arsenale della democrazia. È un’illusione, inoltre, che elude o nasconde qualsiasi motivazione economica che gli Stati Uniti potrebbero avere nel sostenere così generosamente l’Ucraina dall’inizio della guerra.

Le migliori illusioni, quelle più seducenti, hanno elementi di verità. È vero che la Russia ha invaso l’Ucraina; è vero che la Russia è autoritaria; è vero che l’Ucraina ha sfidato le probabilità e ostacolato i progetti di Vladimir Putin; è vero che la NATO e gli armamenti statunitensi sono stati importanti per la resistenza dell’Ucraina. Ma i fatti parziali non sono generalmente imparziali.

In breve, l’espansione della NATO verso est dal crollo dell’Unione Sovietica è vista dalla Russia come provocatoria, costrittiva e aggressiva. L’Ucraina stessa è una democrazia imperfetta, con un punteggio “alto” negli indici di corruzione del governo. L’ingerenza degli Stati Uniti in Ucraina, soprattutto nel 2014, è certamente problematica. La distruzione dei gasdotti Nordstream e i conseguenti profitti delle compagnie energetiche statunitensi non possono essere ignorati. E, non a caso, i produttori di armi statunitensi stanno vivendo un periodo di boom. Non solo l’Ucraina ha bisogno di armi e munizioni, ma le scorte statunitensi e della NATO devono essere rifornite man mano che armi e munizioni vengono regalate ai combattenti ucraini. L’Ucraina non è nemmeno completamente libera da influenze neonaziste, il che significa che la situazione è più confusa e complessa della comoda illusione che viene spesso venduta dai media mainstream.

Questo mi porta al servizio della CNN di oggi, arrivato nella mia e-mail mattutina:

Il Presidente Joe Biden sta chiedendo al Congresso oltre 24 miliardi di dollari di aiuti per l’Ucraina e per altre necessità internazionali, mentre si adopera per sostenere la guerra in mezzo a segni di indebolimento del sostegno degli americani. La richiesta – che include più di 13 miliardi di dollari per l’assistenza alla sicurezza e 7 miliardi di dollari per l’assistenza economica e umanitaria per l’Ucraina – prepara una potenziale battaglia con i repubblicani al Congresso. Biden ha promesso che il sostegno durerà “fino a quando sarà necessario”, ma un partito repubblicano sempre più scettico ha messo in dubbio il coinvolgimento degli Stati Uniti in futuro. Questo dopo che un sondaggio della CNN pubblicato la scorsa settimana ha rilevato che il 55% degli americani ritiene che il Congresso non dovrebbe autorizzare ulteriori finanziamenti per sostenere l’Ucraina.

Mentre la guerra tra Russia e Ucraina si trascina senza che nessuna delle due parti abbia apparentemente in vista una rapida vittoria, le domande si fanno sempre più pressanti. Quanto sono disposti a pagare gli americani per l’Ucraina? Un impegno a tempo indeterminato, “fino a quando sarà necessario”, è davvero saggio? Cosa succede se la guerra si inasprisce ulteriormente? E, per non pensarci, cosa succederebbe se qualcuno usasse un’arma nucleare? Cosa succede se qualcuno usa un’arma nucleare o un’altra forma di WMD?

Molti americani oggi sono in grave difficoltà. Il debito delle carte di credito degli americani ha recentemente superato i mille miliardi di dollari e sta aumentando. L’amministrazione Biden non è riuscita a fornire la promessa e significativa riduzione del debito studentesco, un’opzione pubblica per l’assistenza sanitaria, un salario minimo federale di 15 dollari, mentre ha agito per interrompere uno sciopero ferroviario e ha promosso ulteriori trivellazioni di combustibili fossili su fragili terre federali e in mare aperto.

Gli americani non sono stupidi e si chiedono quali siano le priorità dell’amministrazione Biden e perché l’Ucraina riceva un assegno in bianco mentre gli americani continuano a soffrire. Le illusioni possono essere confortevoli, ma non bastano a mettere il cibo in tavola o a pagare le spese sanitarie. E il prezzo da pagare può essere davvero alto, e questo è uno dei motivi per cui, credo, la maggioranza degli americani non è troppo a suo agio con questa illusione.

Bill Astore

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments