Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Alastair Crooke e pubblicato su Strategic Culture Foundation. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

carri armati tedeschi abbattuti nella guerra in Ucraina giugno 2023
epa10683896 A handout still image taken from a handout video provided by the Russian Defence Ministry’s press service on 10 June 2023 shows German ˜Leopard-2A6™ and American BMP M2 ‘Bradley’ tanks destroyed in combat in the Zaporizhzhia region, southern Ukraine. The Russian Defense Ministry said the Russian military destroyed two columns of armored vehicles of the Armed Forces of Ukraine in the Zaporizhzhia region, including nine tanks, four of which were Leopard. EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE/HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

 

L’arroganza consiste nel credere che una narrazione artificiosa possa, di per sé, portare alla vittoria. È una fantasia che ha attraversato l’Occidente, soprattutto a partire dal XVII secolo. Recentemente, il Daily Telegraph ha pubblicato un ridicolo video di nove minuti in cui si sostiene che “le narrazioni vincono le guerre” e che le battute d’arresto nello spazio di battaglia sono un fatto accidentale: Ciò che conta è avere un filo narrativo unitario articolato, sia verticalmente che orizzontalmente, lungo tutto lo spettro – dal soldato delle forze speciali sul campo fino all’apice del vertice politico.

Il succo è che “noi” (l’Occidente) abbiamo costruito una narrazione, mentre quella della Russia è “goffa”: “Vincere noi, quindi, è inevitabile”.

È facile deriderla, ma tuttavia possiamo riconoscere in essa una certa sostanza (anche se questa sostanza è un’invenzione). La narrazione è ormai il modo in cui le élite occidentali immaginano il mondo. Che si tratti dell’emergenza pandemica, del clima o dell’Ucraina, tutte le “emergenze” sono ridefinite come “guerre”. Tutte sono “guerre” che devono essere combattute con una narrazione unitaria imposta di “vittoria”, contro la quale è vietata ogni opinione contraria.

L’ovvio difetto di questa arroganza è che richiede di essere in guerra con la realtà. All’inizio il pubblico è confuso, ma man mano che le menzogne proliferano e si stratificano su di esse, la narrazione si separa sempre di più dalla realtà toccata, anche se le nebbie della disonestà continuano a avvolgerla vagamente. Lo scetticismo del pubblico si fa strada. Le narrazioni sul “perché” dell’inflazione, sul fatto che l’economia sia sana o meno, o sul perché dobbiamo entrare in guerra con la Russia, iniziano a sfilacciarsi.

Le élite occidentali hanno “scommesso le loro camicie” sul massimo controllo delle “piattaforme mediatiche”, sull’assoluto conformismo dei messaggi e sulla spietata repressione delle proteste come loro progetto per continuare a mantenere il potere.

Eppure, contro ogni previsione, il MSM sta perdendo la sua presa sul pubblico statunitense. I sondaggi mostrano una crescente sfiducia nei confronti del MSM statunitense. Quando è apparso il primo show “anti-messaggio” di Tucker Carlson su Twitter, il rumore delle placche tettoniche che si scontrano è stato impercettibile, mentre più di 100 milioni di americani (uno su tre) ascoltavano l’iconoclastia.

Il punto debole di questo nuovo autoritarismo “liberale” è che i suoi miti narrativi chiave possono essere infranti. Basta poco; lentamente, la gente inizia a parlare di realtà.

Ucraina: come si vince una guerra che non si può vincere? La risposta dell’élite è stata la narrazione. Insistendo contro la realtà che l’Ucraina sta vincendo e la Russia sta “cedendo”. Ma questa arroganza alla fine viene smontata dai fatti sul campo. Anche le classi dirigenti occidentali si rendono conto che la loro richiesta di successo dell’offensiva ucraina è fallita. Alla fine, i fatti militari sono più potenti delle chiacchiere politiche: Una parte è distrutta, i suoi molti morti diventano la tragica “agenzia” per rovesciare il dogma.

“Saremo in grado di estendere all’Ucraina l’invito ad aderire all’Alleanza quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte… [tuttavia] a meno che l’Ucraina non vinca questa guerra, non c’è alcuna questione di adesione da discutere” – dichiarazione di Jens Stoltenberg a Vilnius. Così, dopo aver esortato Kiev a gettare altre (centinaia di migliaia) di uomini nelle fauci della morte per giustificare l’adesione alla NATO, quest’ultima volta le spalle al suo protetto. Dopotutto, si trattava di una guerra non vincibile fin dall’inizio.

L’arroganza, a un certo livello, risiedeva nel fatto che la NATO contrapponeva la sua presunta “superiorità” in termini di dottrina militare e di armamenti a quella della deprecata rigidità – e “incompetenza” – militare russa, di stampo sovietico.

Ma i fatti militari sul campo hanno smascherato la dottrina occidentale come arroganza – con le forze ucraine decimate e le armi NATO che giacciono in rovine fumanti. È stata la NATO a insistere sulla rievocazione della Battaglia del 73 Est (dal deserto iracheno, ma ora tradotta in Ucraina).

In Iraq, il “pugno corazzato” ha colpito facilmente le formazioni di carri armati iracheni: Si trattava infatti di un “pugno” di spinta che metteva fuori combattimento l’opposizione irachena “per sei”. Ma, come ammette apertamente il comandante statunitense di quella battaglia di carri armati (il colonnello Macgregor), il suo risultato contro un’opposizione demotivata è stato in gran parte fortuito.

Tuttavia, il “73 Est” è un mito della NATO, trasformato in dottrina generale per le forze ucraine – una dottrina strutturata sulla circostanza unica dell’Iraq.

L’arroganza – in linea con il video del Daily Telegraph – sale tuttavia verticalmente per imporre la narrazione unitaria di una prossima “vittoria” occidentale anche sulla sfera politica russa. È una vecchia storia che la Russia sia militarmente debole, politicamente fragile e incline alle spaccature. Conor Gallagher ha dimostrato con ampie citazioni che era esattamente la stessa storia nella Seconda Guerra Mondiale, che rifletteva un’analoga sottovalutazione occidentale della Russia – combinata con una grossolana sopravvalutazione delle proprie capacità.

Il problema fondamentale dell'”illusione” è che l’uscita da essa (se mai avviene) avviene a un ritmo molto più lento degli eventi. Il disallineamento può definire gli esiti futuri.

Potrebbe essere nell’interesse del Team Biden supervisionare un ritiro ordinato della NATO dall’Ucraina, in modo da evitare che diventi un’altra debacle di Kabul.

Perché ciò avvenga, il Team Biden ha bisogno che la Russia accetti un cessate il fuoco. E qui sta il difetto (ampiamente trascurato) di questa strategia: Semplicemente, non è nell’interesse della Russia “congelare” la situazione. Ancora una volta, l’ipotesi che Putin “salterebbe” all’offerta occidentale di un cessate il fuoco è un pensiero arrogante: I due avversari non sono congelati nel senso basilare del termine – come in un conflitto in cui nessuna delle due parti è riuscita a prevalere sull’altra, e sono bloccati.

In parole povere, mentre l’Ucraina è strutturalmente sull’orlo dell’implosione, la Russia, al contrario, è pienamente plenipotente: Dispone di forze ingenti e fresche, domina lo spazio aereo e ha quasi il dominio dello spazio aereo elettromagnetico. Ma l’obiezione più fondamentale a un cessate il fuoco è che Mosca vuole che l’attuale collettivo di Kiev se ne vada e che le armi della NATO siano fuori dal campo di battaglia.

Quindi, ecco il problema: Biden ha un’elezione, e quindi sarebbe adatto alle esigenze della campagna democratica avere una “chiusura ordinata”. La guerra in Ucraina ha messo in luce troppe carenze logistiche americane. Ma anche la Russia ha i suoi interessi.

L’Europa è la parte più intrappolata dalla “delusione”, a partire dal momento in cui si è gettata senza riserve nel “campo” di Biden. La narrazione dell’Ucraina si è infranta a Vilnius. Ma l’amour propre di alcuni leader dell’UE li mette in conflitto con la realtà. Vogliono continuare ad alimentare il tritacarne dell’Ucraina, a persistere nella fantasia di una “vittoria totale”: “Non c’è altro modo che una vittoria totale – e sbarazzarsi di Putin… Dobbiamo correre tutti i rischi per questo. Nessun compromesso è possibile, nessun compromesso”.

La classe politica dell’UE ha preso così tante decisioni disastrose in ossequio alla strategia statunitense – decisioni che vanno direttamente contro gli interessi economici e di sicurezza degli europei – che ha molta paura.

Se la reazione di alcuni di questi leader sembra sproporzionata e irrealistica (“Non c’è altro modo che una vittoria totale – e sbarazzarsi di Putin”) – è perché questa “guerra” tocca motivazioni più profonde. Riflette i timori esistenziali di un disfacimento della meta-narrazione occidentale che farà crollare la sua egemonia e con essa la struttura finanziaria occidentale.

La meta-narrazione occidentale “da Platone alla NATO, è quella di idee e pratiche superiori le cui origini risalgono all’antica Grecia, e che da allora sono state raffinate, estese e trasmesse nel corso dei secoli (attraverso il Rinascimento, la rivoluzione scientifica e altri sviluppi presumibilmente unicamente occidentali), cosicché oggi noi occidentali siamo i fortunati eredi di un DNA culturale superiore“.

Questo è ciò che probabilmente avevano in mente i narratori del video del Daily Telegraph quando insistono sul fatto che “la nostra narrativa vince le guerre”. La loro arroganza risiede nella presunzione implicita: che l’Occidente in qualche modo vinca sempre – sia destinato a prevalere – perché è il destinatario di questa genealogia privilegiata.

Naturalmente, al di fuori della comprensione generale, è accettato che la nozione di “Occidente coerente” sia stata inventata, riproposta e utilizzata in tempi e luoghi diversi. Nel suo nuovo libro, The West, l’archeologa classica Naoíse Mac Sweeney contesta il “mito del padrone” sottolineando che è stato solo “con l’espansione dell’imperialismo europeo d’oltremare nel XVII secolo che ha cominciato a emergere un’idea più coerente di Occidente, utilizzata come strumento concettuale per tracciare la distinzione tra il tipo di persone che potevano essere legittimamente colonizzate e quelle che potevano essere legittimamente colonizzatrici”.

Con l’invenzione dell’Occidente è arrivata anche l’invenzione della storia occidentale, un lignaggio elevato ed esclusivo che ha fornito una giustificazione storica per la dominazione occidentale. Secondo il giurista e filosofo inglese Francesco Bacone, nella storia dell’umanità ci sono stati solo tre periodi di apprendimento e di civiltà: “uno tra i greci, il secondo tra i romani e l’ultimo tra noi, cioè le nazioni dell’Europa occidentale”.

La paura più profonda dei leader politici occidentali – complice la consapevolezza che la “Narrazione” è una finzione che raccontiamo a noi stessi, pur sapendo che è di fatto falsa – è che la nostra epoca sia stata resa sempre più e pericolosamente contingente a questo meta-mito.

Essi tremano, non solo per una “Russia potenziata”, ma piuttosto per la prospettiva che il nuovo ordine multipolare guidato da Putin e Xi, che sta attraversando il mondo, abbatta il mito della civiltà occidentale.

Alastair Crooke

 

Alastair Crooke, ex diplomatico britannico, è fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments