“Non abbiamo idea di cos’altro la FDA e la Pfizer abbiano nascosto al pubblico, ma sappiamo che hanno fatto di tutto per nascondere queste informazioni al pubblico americano”.

Un articolo di Maike Hickson, pubblicato su Lifesitenews, sui commenti fatti dal dott. Robert W. Malone, l’inventore della tecnologia mRNA dei vaccini COVID, dopo la pubblicazione di un documento confidenziale della Pfizer che evidenzia come la casa farmaceutica fosse al corrente dei notevoli danni collaterali, anche mortali, del suo vaccino. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Pfizer vaccino

 

Alla luce di un articolo che chiedeva se il governo neozelandese fosse stato debitamente informato dalla Pfizer sui rischi di sicurezza del loro vaccino contro il coronavirus, il Dr. Robert Malone si chiede se questa azienda non stia potenzialmente affrontando un “grande scandalo internazionale”. L’inventore originale della tecnologia del vaccino mRNA ha sottolineato nei commenti a LifeSiteNews che questo scandalo si verificherà se diventa chiaro che la Pfizer ha nascosto gli effetti collaterali ai governi mentre riceve protezione dalla responsabilità per le lesioni da vaccino.

Il Dr. Malone ha fatto questi commenti a LifeSiteNews dopo aver promosso su Twitter un articolo del dietologo Guy Hatchard pubblicato in un sito web di notizie e opinioni recentemente fondato in Nuova Zelanda. Hatchard ha riferito che un tribunale statunitense ha ordinato alla FDA/Pfizer di pubblicare un documento confidenziale che dimostra che a febbraio di quest’anno, erano già a conoscenza di un numero molto elevato di possibili effetti collaterali del vaccino, molti dei quali gravemente pericolosi. Più di 1.200 morti erano allora già stati segnalati oltre a 158.893 eventi avversi gravi dopo la vaccinazione in diversi paesi del mondo.

Secondo il resoconto di LifeSiteNews su questo documento, “tra gli eventi avversi riportati ci sono stati circa 25.957 casi di disturbi del sistema nervoso, 17.283 disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo, 14.096 disturbi gastrointestinali, 8.848 disturbi respiratori, toracici e mediastinici, 8.476 disturbi della pelle e del tessuto sottocutaneo, e 4.610 infezioni e infestazioni”.

Come ha sottolineato Hatchard per la Nuova Zelanda, molti degli effetti collaterali elencati in questo rapporto confidenziale, ma ora pubblicato, della Pfizer non sono elencati nella lista ufficiale dei possibili effetti collaterali del vaccino. Ha spiegato che questa lista mancante ha persino contribuito a scoraggiare l’individuazione di molti effetti collaterali, poiché i pazienti con effetti collaterali sono stati respinti dal personale medico perché i loro effetti collaterali non erano sulla lista ufficiale degli effetti collaterali del vaccino.

Pertanto, questo documento svelato ora solleva molte domande. Hatchard ha sottolineato che “gli effetti collaterali riportati sono precedenti al lancio del vaccino in Nuova Zelanda. Il rapporto stesso è stato completato da Pfizer il 30 aprile 2021”. C’è da chiedersi, quindi, se Pfizer ha fornito “queste informazioni al nostro governo durante i primi giorni del nostro programma di vaccinazione universale?”

Hatchard ha continuato:

Se è così, i risultati avrebbero dovuto essere condivisi con i nostri professionisti medici, i politici e il pubblico. Molti degli oltre 100 nuovi tipi di eventi avversi elencati ora rilasciati da Pfizer in questo documento di 38 pagine rappresentano rischi a lungo termine per la salute. Fino a poco tempo fa, il documento è stato secretato da Pfizer che sosteneva che dovesse essere tenuto riservato. C’è una forte possibilità che un numero molto grande di neozelandesi soffra di danni a lungo termine come risultato.

Nei suoi commenti a LifeSiteNews su questo rapporto Hatchard, il dottor Malone ha rivelato che anche lui è preoccupato per i dati appena pubblicati.

“Ciò che è particolarmente allarmante di questa divulgazione [da parte della Pfizer] è che queste informazioni provengono dal primo di molti lotti di documenti che un tribunale statunitense ha ordinato di rilasciare mensilmente”, ha scritto il dottor Malone.

“Non abbiamo idea di cos’altro la FDA e la Pfizer abbiano nascosto alla vista del pubblico, ma sappiamo che hanno fatto di tutto per nascondere queste informazioni al pubblico americano”.

Più specificamente commentando il rapporto Hatchard, il dottor Malone ha continuato a dire: “Questo articolo di Guy Hatchard … solleva la prospettiva che questi dati di sicurezza non sono stati solo nascosti al pubblico americano, ma che possono essere stati nascosti anche alle autorità di regolamentazione ufficiali di altri governi, compresa la Nuova Zelanda”.

Questo porterebbe lo scandalo Pfizer a livello internazionale, ha continuato il virologo:

“Se questo è davvero il caso, allora sembra che abbiamo un grande scandalo internazionale in cui la Pfizer ha insistito su uno scudo indennitario prima di vendere il vaccino a vari governi, ma potrebbe non aver rivelato l’intera gamma di rischi noti per la salute pubblica che stavano insistendo su altri governi affinché rinunciassero ai diritti dei loro cittadini danneggiati di fare causa alla Pfizer per danni indotti dal vaccino”.

Robert Kennedy, Jr, un forte critico degli attuali vaccini corona e della spinta alla vaccinazione universale, aveva recentemente discusso proprio questo problema di insabbiamento degli effetti collaterali dei vaccini in un’intervista all’organizzazione italiana IppocrateOrg.

“Ricordatevi”, ha poi dichiarato, “questi sono vaccini che hanno responsabilità zero”. Non importa quanto siano “sconsiderate” le aziende, non importa quanto siano gravi i danni dei vaccini, “non si può far loro causa”.

“L’unico modo in cui puoi fare causa a queste aziende è se puoi dimostrare che sapevano che il loro prodotto aveva causato questo particolare danno che hai subito e che non l’hanno detto alla gente”, ha continuato.

Questa regola incoraggia queste aziende farmaceutiche “a sapere il meno possibile” sugli effetti collaterali dei loro prodotti, per il bene della loro stessa protezione. Kennedy vede che ci sono prodotti “che sono molto mal testati e che sono stati imposti”. “Ci viene ordinato di prendere un prodotto” per “esercitare i nostri diritti” come il viaggio e l’educazione.

“Questa è davvero l’essenza della tirannia”, ha concluso il nipote del presidente John F. Kennedy.

Egli vede che “i governi stanno cospirando con le aziende” per coprire gli effetti collaterali di questi vaccini obbligatori.

C’è da sperare che questi documenti appena rilasciati – come presentati da Hatchard e commentati dal Dr. Malone – sollevino e incoraggino quel dibattito se ci troviamo o meno di fronte ad un “grande scandalo internazionale” e se possiamo o meno ritenere responsabili sia i nostri governi che queste aziende farmaceutiche.

 

 

 

Facebook Comments