“Mi viene posta sempre la stessa domanda: questa epidemia di vaiolo delle scimmie è una minaccia reale o si tratta di un altro caso di messaggio di salute pubblica esagerato e strumentalizzato?” Così inizia il suo articolo il dott. Malone. Di seguito la sua opinione pubblicata sul suo substack che vi propongo nella mia traduzione.  

 

Robert W. Malone
Robert W. Malone

 

Mi viene posta sempre la stessa domanda: questa epidemia di vaiolo delle scimmie è una minaccia reale o si tratta di un altro caso di messaggio di salute pubblica esagerato e strumentalizzato? Conserverò la mia risposta a questa domanda per la fine di questo articolo e mi concentrerò invece su cosa sia il vaiolo delle scimmie, sulla natura e sulle caratteristiche della malattia associata, su ciò che sappiamo e non sappiamo.

Il virus del vaiolo delle scimmie, che ha origine in varie regioni dell’Africa, è imparentato con il vaiolo (Variola), entrambi membri del genere Orthopoxvirus. Tuttavia, è importante capire che Variola (maggiore o minore) è la specie di virus responsabile delle peggiori malattie umane causate dai virus Orthopox. Ad esempio, appartengono a questo genere anche il vaiolo bovino, il vaiolo equino e il vaiolo del cammello, nessuno dei quali costituisce una grave minaccia per la salute dell’uomo e uno di essi (il vaiolo bovino) è stato addirittura utilizzato (storicamente) come vaccino contro il vaiolo. Il punto è che il fatto che il vaiolo delle scimmie sia imparentato con il vaiolo non significa in alcun modo che rappresenti una minaccia simile per la salute pubblica. Chiunque insinui il contrario è fondamentalmente impegnato o comunque sostiene la propaganda legata alle armi per la salute pubblica. In altre parole, sta diffondendo un’immagine di paura per la salute pubblica.

Il vaiolo delle scimmie è stato identificato per la prima volta nel 1958 in colonie di scimmie e il primo caso umano del virus è stato identificato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Molto probabilmente si trattava solo del primo caso identificato, poiché le persone che vivono in Africa sono state in contatto con le scimmie e gli altri animali ospiti del vaiolo delle scimmie per millenni. Il clade del vaiolo delle scimmie “dell’Africa occidentale” (clade = variante) che circola al di fuori dell’Africa in questo momento causa una malattia più lieve rispetto al virus strettamente correlato che si trova in altre regioni dell’Africa (clade del Congo).

I sintomi del vaiolo delle scimmie sono in qualche modo simili, ma molto più lievi di quelli del vaiolo. La presentazione clinica generale della malattia causata dal virus del clade del vaiolo delle scimmie dell’Africa occidentale comporta sintomi simili all’influenza – febbre, dolori corporei, brividi – insieme a linfonodi ingrossati. Spesso si osserva un’eruzione cutanea sul palmo della mano. Nell’ultima fase della malattia, che in alcuni casi può durare fino a un mese o più, possono comparire piccole lesioni che sviluppano una crosta e che possono dar luogo a una piccola cicatrice depigmentata. Non ci sono prove di una trasmissione asintomatica. In altre parole, le attuali conoscenze mediche indicano che la malattia si diffonde solo attraverso il contatto da persona a persona tra un individuo non infetto e qualcuno che ha già i sintomi della malattia. Pertanto, la diffusione della malattia può essere prontamente controllata con interventi classici di sanità pubblica, come la ricerca dei contatti, la quarantena temporanea di coloro che hanno avuto contatti fisici con persone infette e la quarantena a lungo termine di coloro che sviluppano sintomi. Essenzialmente tutti i casi attuali in Occidente, che abbiamo visto nei notiziari, riguardano uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini e sembrano essere dovuti a un contatto fisico ravvicinato. Il vaiolo delle scimmie è endemico in molte parti dell’Africa ed è un virus “zoonotico”, cioè può essere trasmesso da una varietà di animali (non solo scimmie) all’uomo. La trasmissione iniziale da animale a uomo, seguita da una limitata trasmissione da uomo a uomo, è probabilmente la causa dei casi sporadici tipicamente osservati in Africa. Il vaiolo dei polli, che è altamente trasmissibile, non fa parte del genere Orthopoxvirus, nonostante il nome “vaiolo”. Ancora una volta per sottolineare che anche il vaiolo bovino e il vaiolo del cammello appartengono al genere Orthopoxvirus e non sono particolarmente patogeni se contratti dall’uomo; il fatto che il vaiolo delle scimmie sia un virus “pox” del genere Orthopoxvirus non significa che sia particolarmente letale.

Il vaiolo delle scimmie è un virus del DNA a doppio filamento, il che significa che, data la natura a doppio filamento del DNA, ciascuno dei due filamenti agisce come “controllo” sull’altro durante la replicazione. Come conseguenza di questo “controllo degli errori”, questo e altri virus del DNA mutano molto più lentamente rispetto ai virus a RNA. I genomi dei virus a DNA sono relativamente stabili nel tempo. Ciò significa che, a differenza della SARS-CoV-2 (COVID) o dell’influenza, è improbabile che il Monkeypox si evolva rapidamente per sfuggire all’immunità acquisita naturalmente o indotta dal vaccino. Ai fini della creazione di un vaccino, questo lo rende un bersaglio molto più facile rispetto, ad esempio, a un Coronavirus a RNA in rapida evoluzione come il SARS-CoV-2, il virus che causa la COVID-19. Inoltre, da un punto di vista immunologico, i vari virus Orthopox spesso hanno una protezione incrociata. In altre parole, se siete stati vaccinati con un vaccino antivaioloso o siete stati precedentemente infettati da Cowpox (vaiolo della mucca, ndr), Camelpox (vaiolo del cammello, ndr) o Monkeypox (vaiolo delle scimmie, ndr), è molto probabile che siate abbastanza resistenti alla malattia causata dal virus Monkeypox, che ora viene segnalato (piuttosto raramente) in paesi non africani.

Il punto chiave è che non si tratta di influenza o di COVID: questo virus muta lentamente, non è altamente infettivo, l’immunità acquisita naturalmente è potente e di lunga durata e i vaccini Orthopox sono di solito protettivi in modo incrociato. Il rischio di fuga immunologica è molto, molto basso. E la diffusione di questo virus può essere prontamente fermata con misure di sanità pubblica classiche, semplici e poco costose. Se fosse stato altrimenti, avremmo già sperimentato una pandemia di vaiolo delle scimmie decenni fa.

La gravità della malattia del vaiolo delle scimmie può variare a seconda dei diversi cladi (che si trovano in diverse regioni dell’Africa, il che suggerisce che il virus esiste da molto tempo). Fortunatamente, questo particolare clade è meno grave e sembra essere endemico in Africa. Purtroppo, è stato studiato raramente e quindi si sa relativamente poco del virus e della malattia umana associata, soprattutto perché la minaccia infettiva per la popolazione generale è così bassa. La giornalista di STAT news Helen Branswell ha recentemente intervistato gli esperti del CDC e ha pubblicato un eccellente riassunto della presentazione clinica:

“Dopo uno o tre giorni dalla comparsa della febbre, compare un’eruzione cutanea caratteristica, che spesso inizia sul viso. Molte patologie possono causare eruzioni cutanee, ma l’eruzione del vaiolo delle scimmie ha alcune caratteristiche insolite, in particolare il fatto che si possono formare vescicole sui palmi delle mani. Nei Paesi in cui è endemico, si ritiene che il virus si diffonda all’uomo principalmente dagli animali infetti quando le persone uccidono o preparano la carne di animali selvatici per il consumo.

Una volta che il virus raggiunge le persone, la trasmissione da uomo a uomo può avvenire attraverso le goccioline respiratorie – saliva contaminata dal virus che può infettare le membrane mucose degli occhi, del naso e della gola – o attraverso il contatto con lesioni da vaiolo delle scimmie o fluidi corporei, con il virus che penetra attraverso piccoli tagli nella pelle. Il virus può essere trasmesso anche attraverso il contatto con indumenti o biancheria contaminati da materiale proveniente dalle lesioni del vaiolo delle scimmie. (STAT News).

Un precedente focolaio di vaiolo delle scimmie è stato registrato negli Stati Uniti nel 2003. Quel particolare focolaio, il primo segnalato al di fuori dell’Africa, è stato ricondotto all’importazione di piccoli mammiferi dal Ghana. Come dimostrato da questa epidemia, più animali possono contrarre la malattia: durante quell’epidemia, ratti e scoiattoli giganti sono risultati positivi al virus e alla fine lo hanno diffuso ai cani della prateria venduti come animali domestici in diversi Stati del Midwest (secondo il CDC). Quarantasette persone hanno contratto la malattia dai cani della prateria. Si tratta di una storia importante e rilevante, perché l’attuale epidemia sembra verificarsi per trasmissione da uomo a uomo, senza un singolo individuo rintracciato come caso zero. Nel corso degli anni si sono verificati alcuni altri focolai al di fuori dell’Africa a causa di viaggiatori provenienti dalla Nigeria. Attualmente si ritiene che il virus del vaiolo delle scimmie sia molto più comune in Nigeria di quanto sia stato riportato in precedenza.

Esiste un vaccino autorizzato negli Stati Uniti nel 2019 per le persone di età pari o superiore ai 18 anni per proteggere dal vaiolo e dal monkeypox; Jynneos della Bavarian Nordic. Un secondo vaccino, ACAM2000 prodotto da Emergent Product Development, protegge dal vaiolo e si ritiene che offra anche una certa protezione contro il vaiolo delle scimmie. Entrambi i vaccini sono autorizzati solo per le persone considerate ad alto rischio di contrarre la malattia, perché non sono del tutto sicuri. Nell’epidemia di vaiolo del 2003 negli Stati Uniti, il vaccino contro il vaiolo è stato somministrato a persone considerate ad alto rischio.

Gli Stati Uniti hanno già scorte di vaccini nello Strategic National Stockpile, una copertura contro le emergenze di salute pubblica. “Per combattere un’emergenza antivaiolosa, l’SNS dispone di una quantità di vaccino antivaioloso sufficiente a vaccinare l’intera popolazione statunitense. Inoltre, l’SNS dispone di farmaci antivirali che possono essere utilizzati per trattare le infezioni da vaiolo, se necessario”, ha dichiarato via e-mail un portavoce del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. A mio parere, l’acquisto di 119 milioni di dollari di vaccino antivaioloso appena autorizzato dall’HHS degli Stati Uniti e dall’amministrazione Biden rappresenta una spesa inutile e ingiustificata, a meno che non vi siano dati che dimostrino che il ceppo attuale è significativamente diverso dai ceppi storici predecessori di questo clade.

Van Kerkhove dell’OMS ha osservato che alcuni di questi prodotti sono stati autorizzati utilizzando la cosiddetta regola dell’animale, in base alla quale i dati sull’efficacia degli animali vengono utilizzati come surrogato perché la mancanza di vaiolo in circolazione significa che i vaccini o i farmaci non possono essere testati sull’uomo. Di conseguenza, qualsiasi prodotto di questo tipo potrebbe essere utilizzato solo nel contesto di una sperimentazione clinica.

“Le opzioni ci sono. Dobbiamo solo assicurarci che vengano utilizzate in modo appropriato”. Uno degli aspetti legati ai vaccini è che vogliamo assicurarci che se i vaccini sono necessari e utilizzati, lo siano tra le popolazioni che ne hanno più bisogno. In questo momento non c’è un’ampia disponibilità”, ha detto.

L’esperta si è detta comunque fiduciosa che l’epidemia possa essere controllata.

“Quello che dobbiamo fare ora è concentrarci sull’arresto della diffusione. E possiamo farlo. Possiamo farlo con la comunicazione appropriata, con i test appropriati… con l’isolamento di supporto e le cure cliniche necessarie, con la protezione degli operatori sanitari”, ha detto Van Kerkhove. (STAT News).

L’organizzazione GAVI, finanziata da Bill Gates, ha fornito la propria valutazione della minaccia medica rappresentata dal vaiolo delle scimmie, che può essere consultata qui. Molti lettori di questa sottocartella non saranno sorpresi dal mio giudizio sul fatto che questa valutazione della minaccia GAVI è fortemente sbilanciata verso l’esagerazione. Ad esempio, l’articolo cerca di creare un parallelismo tra il vaiolo delle scimmie e l’ebola:

Come nel caso di virus come l’Ebola, la trasmissione avviene solo in prossimità di lesioni, fluidi corporei, goccioline respiratorie o materiali contaminati come lenzuola o vestiti.

L’articolo riporta anche la seguente disinformazione in braghe di tela;

Sebbene i sintomi si attenuino spesso entro un mese, un caso su dieci può essere fatale. I bambini sono particolarmente suscettibili.

Determinazione del Factcheck da parte di un esperto qualificato in materia.

Questa affermazione rappresenta un’interpretazione molto distorta di un rapporto di dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità:

Nel 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riportato 4.594 casi sospetti di vaiolo delle scimmie, tra cui 171 decessi (rapporto di mortalità dei casi del 3,7%). Sono descritti come sospetti perché la conferma richiede il test PCR, che non è facilmente disponibile nelle aree endemiche.

I lettori sensibilizzati a questo tipo di manipolazione e militarizzazione dell’informazione noteranno immediatamente due cose fondamentali in questo commento. In primo luogo, la mortalità riportata del 3,7% (NON il 10%) dei casi è dovuta a casi sospetti, non confermati. In secondo luogo, questo tipo di campionamento è altamente distorto verso le malattie più gravi – i Paesi raramente rilevano e non segnalano all’OMS i casi di malattia lieve.

Quindi, la minaccia biologica è reale? È imminente? Giustifica il clamore mediatico globale? Due giorni fa, mentre aspettavo nella sala d’aspetto di un aeroporto per recarmi dagli Stati Uniti al Regno Unito, ho visto un notiziario della CNN che raccontava senza fiato questa “minaccia” mostrando immagini storiche di pazienti affetti da vaiolo. A mio parere, si tratta di un classico esempio di propaganda della salute pubblica e la CNN dovrebbe essere rimproverata per aver trasmesso una propaganda irresponsabile – disinformazione e disinformazione – con la scusa del giornalismo.

A mio parere, sulla base delle informazioni attualmente disponibili, il vaiolo delle scimmie è un virus e una malattia endemica in Africa, che emerge sporadicamente dopo la trasmissione all’uomo da ospiti animali e si diffonde tipicamente attraverso il contatto umano ravvicinato. È facilmente controllabile con le classiche misure di sanità pubblica. Non ha un alto tasso di mortalità. A meno che non ci sia stata qualche alterazione genetica, attraverso l’evoluzione o la manipolazione genetica intenzionale, non è una minaccia biologica significativa e in passato non è mai stato considerato un patogeno ad alto rischio.

Quindi basta con la paura, la disinformazione e la cattiva informazione.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments