Tony Fauci sta cercando di “spiegare i suoi errori” e di chiedere un’amnistia per la pandemia? 

Di seguito un articolo di Igo Chudov ripreso dal suo Substack. Eccolo nella mia traduzione.

 

Anthony Fauci
Anthony Fauci

 

È uscito un nuovo studio scientifico di cui Anthony Fauci è coautore.

 

 

Ciò che è notevole in questo studio è il linguaggio sprezzante che Fauci et al. usano nei confronti dell’influenza e dei vaccini Covid.

Fino alla comparsa del COVID-19, l’influenza è stata per molti decenni la malattia respiratoria virale più letale prevenibile mediante vaccino, per la quale sono disponibili solo vaccini meno che subottimali.

Vaccini meno che subottimali è un termine che lascia poco all’immaginazione. Subottimale significa “non buono”. Meno che subottimale significa “inutile nella migliore delle ipotesi”.

Nell’articolo si parla presumibilmente di “vaccini di nuova generazione”. Tuttavia, il discorso sulla prossima generazione è vuoto e speculativo, senza menzioni specifiche di alcuna nuova tecnologia che il dottor Fauci e i suoi coautori possano raccomandare. La sostanza dell’articolo di Cell spiega solo perché gli attuali vaccini antinfluenzali non possono prevenire l’influenza e perché i vaccini Covid non possono evitare la Covid.

Sebbene gli attuali vaccini antinfluenzali riducano in qualche misura il rischio di malattia grave, ospedalizzazione e morte, la loro efficacia contro l’infezione clinicamente evidente è decisamente subottimale, variando dal 14% al 60% nelle ultime 15 stagioni influenzali.1 Inoltre, la durata dell’immunità attivata dal vaccino si misura solo in mesi. I vaccini attuali richiedono una rivaccinazione annuale con formulazioni aggiornate che spesso non corrispondono con precisione ai ceppi virali circolanti.8 Sebbene la vaccinazione antinfluenzale annuale sia fortemente raccomandata per la maggior parte della popolazione e soprattutto per le persone appartenenti a gruppi ad alto rischio, tra cui gli anziani, le persone affette da malattie croniche e le donne in gravidanza, l’accettazione del vaccino da parte della popolazione generale non è ideale.9

Nel 2022, dopo più di 60 anni di esperienza con i vaccini antinfluenzali, si sono registrati pochissimi miglioramenti nella prevenzione dell’infezione da vaccino.

Quanto detto sopra assomiglia a questo articolo del sottoscritto (leggi qui).

Dopo essere andato in pensione, Fauci non risparmia parole nemmeno sui vaccini Covid:

Durante la pandemia COVID-19, il rapido sviluppo e l’impiego di vaccini contro la SARS-CoV-2 ha salvato innumerevoli vite e ha contribuito a ottenere un controllo parziale della pandemia.

Tuttavia, con l’emergere di ceppi variati di SARS-CoV-2, sono emerse carenze in questi vaccini che ricordano quelle dei vaccini antinfluenzali. I vaccini per questi due virus, molto diversi tra loro, hanno caratteristiche comuni: generano una protezione incompleta e di breve durata contro le varianti virali in evoluzione che sfuggono all’immunità della popolazione.

 

Fauci sapeva perché il vaccino Covid non avrebbe mai funzionato

Fauci e i suoi coautori spiegano perché il vaccino Covid non aveva alcuna possibilità di funzionare.

In primo luogo, pongono una domanda che molti scettici del vaccino hanno sollevato molte volte in precedenza:

Questa osservazione solleva una questione di fondamentale importanza: se le infezioni virali respiratorie naturali della mucosa non suscitano un’immunità protettiva completa e a lungo termine contro la reinfezione, come possiamo aspettarci che i vaccini, specialmente quelli somministrati per via sistemica e non replicanti, lo facciano?

Poi Tony spiega perché la natura respiratoria della Sars-Cov-2 non porta nemmeno alla possibilità di incontrare una risposta immunitaria per via ematica.

In netto contrasto, i virus respiratori non sistemici come i virus influenzali, la SARS-CoV-2 e l’RSV tendono ad avere periodi di incubazione significativamente più brevi (Tabella 1) e corsi rapidi di replicazione virale. Si replicano prevalentemente nel tessuto mucoso locale, senza causare viremia, e non incontrano in modo significativo il sistema immunitario sistemico o la piena forza delle risposte immunitarie adattative, che richiedono almeno 5-7 giorni per maturare, di solito ben dopo il picco di replicazione virale e la trasmissione ad altri. È stata segnalata la “RNAemia” della SARS-CoV-2 (circolazione di RNA virale nel flusso sanguigno, come avviene nella maggior parte delle infezioni virali respiratorie mucosali, a differenza della viremia, in cui i virus infettivi possono essere coltivati dal sangue), e i livelli di RNA virale in RT-PCR sono stati collegati alla malattia grave,23,24 in modo simile agli studi sulla RNAemia dell’influenza.25,26 Di conseguenza, i virus respiratori a replicazione non sistemica, tra cui a quanto pare la SARS-CoV-2,13,14,15 tendono a reinfettare ripetutamente le persone nel corso della loro vita senza mai suscitare una protezione completa e duratura.27

Purtroppo, molti dei miei lettori non vaccinati riferiscono di infezioni ripetute da Covid-19. Anche se finora ho avuto un solo Covid, nel novembre 2020, sono consapevole che la mia immunità naturale è tutt’altro che perfetta.

Un altro fattore importante da considerare è che, sebbene i virus a RNA condividano un tasso di errore intrinseco simile a quello della RNA polimerasi RNA-dipendente,28 i diversi virus (e le diverse cornici di lettura aperta all’interno dei loro genomi) differiscono nella loro tolleranza alla mutazione. I vincoli mutazionali possono essere legati alla frequente sovrapposizione di cornici di lettura aperte28 o a vincoli funzionali sull’acquisizione di mutazioni non sinonime, come nel caso, ad esempio, del virus del morbillo29. Al contrario, le proteine esterne dell’emoagglutinina e della neuraminidasi del virus dell’influenza A sono relativamente plastiche e le mutazioni non sinonime selezionate positivamente provocano una deriva antigenica immunologicamente significativa,30,31 attraverso l’acquisizione di mutazioni non sinonime negli epitopi antigenici e l’alterazione dei modelli di glicosilazione N-linked.32 La rapida deriva antigenica influisce sul controllo delle epidemie annuali di influenza8 e complica lo sforzo di produrre vaccini antinfluenzali “universali” ad ampia protezione. La proteina spike del SARS-CoV-2 ha mostrato una plasticità simile, con l’emergere di molteplici varianti con antigenicità alterata33 che ha complicato il suo controllo attraverso le attuali strategie di vaccinazione.34

Fantastico, vero? Fauci e la sua “scienza” stanno ancora iniettando l’mRNA codificante il ceppo originale di Wuhan, ben oltre il quinto anno di calendario della pandemia, pur essendo pienamente consapevoli che le mutazioni hanno reso tali iniezioni “meno che subottimali”. (il richiamo bivalente contiene dosi uguali di mRNA codificante la variante Ba.5 e la variante Wuhan)

 

Fauci dimostra ancora una volta di conoscere la tolleranza immunitaria

Il Dr. Fauci mostra una grande familiarità con la “tolleranza immunitaria” (leggi qui un importante articolo in italiano, ndr), una condizione che colpisce i destinatari di più vaccini a mRNA:

I termini “tolleranza alla malattia” e “tolleranza immunitaria” si riferiscono alla categoria, ancora non completamente caratterizzata ma distinta, dei meccanismi di difesa immunitaria dei mammiferi che consentono agli ospiti di “accettare” le infezioni e altri stimoli antigenici per ottimizzare la sopravvivenza (rivisti in Medzhitov et al. e Iwasaki et al.). Poiché gli esseri umani inalano e ingeriscono enormi quantità di proteine esogene a ogni respiro e boccone, i comparti immunitario respiratorio e gastrointestinale si sono evoluti per far fronte a continui e massicci assalti antigenici dal mondo esterno. (Le risposte immunitarie alle infezioni virali della mucosa gastrointestinale sono state esaminate di recente e non vengono discusse in questa sede). Le proteine inalate e ingerite devono essere identificate e tollerate o attaccate ed eliminate.

Non è la prima volta che Fauci si accorge della tolleranza immunitaria e continua a promuovere i vaccini Covid a base di mRNA che inducono tolleranza (leggi qui).

Fauci ipotizza poi cosa si può fare per creare una “nuova generazione di vaccini”. Il discorso di Fauci e dei suoi coautori è molto zoppicante e li espone come ciarlatani che vogliono sperimentare qualsiasi cosa senza una base teorica.

Si apprezzi la mancanza del benché minimo senso di questo passaggio:

Ad esempio, in periodi di notevole circolazione virale all’interno delle popolazioni umane, è possibile ottenere una migliore protezione con dosaggi ripetuti o con una vaccinazione sequenziale a livello mucosale e sistemico? Il richiamo frequente è un’opzione vaccinale praticabile, ad esempio tramite vaccini nasali autosomministrati a domicilio? Vanno inoltre considerati i possibili ruoli accessori degli antivirali profilattici, tra cui gli “antivirali programmabili” che mirano a strutture conservate, gli anticorpi, comprese le IgA terapeutiche e gli stimolatori dell’immunità innata come complemento ai vaccini imperfetti. Resta da vedere se la vaccinazione e la profilassi possono essere efficacemente combinate a livello di popolazione.

È scoraggiante che, durante una pandemia causata dall’uomo che continua a mietere centinaia di vite al giorno e a giocare un ruolo nell’eccesso di mortalità, siamo guidati da persone che ufficialmente spingono per vaccini che sanno essere “meno che subottimali”.

 

Fauci sapeva che il vaccino Covid non avrebbe mai fermato la pandemia

Fauci ha spiegato nello studio sopra citato perché una risposta ematica (umorale) alla Sars-Cov-2 indotta dal vaccino non avrebbe mai fermato le infezioni respiratorie. Eppure, ci ha mentito per TRE ANNI su come i vaccini sarebbero stati la chiave per “uscire dalla pandemia” e raggiungere l’immunità di gregge.

Guardate questo video del 2020, in cui Fauci ci promette l’immunità di gregge:

 

È davvero deplorevole che i nostri leader sanitari, rendendosi conto che il vaccino Covid non avrebbe mai potuto fermare la pandemia Covid, ci abbiano predicato di raggiungere l’immunità di gregge.

Il risultato è che abbiamo un disastro di pandemia e un eccesso di mortalità non spiegabile nemmeno con il conteggio ufficiale dei decessi da Covid.

Tony, nel frattempo, sta raccogliendo ingenti compensi per i suoi “interventi”:

 

 

Il dottor Fauci ammetterà gli “errori” e chiederà l’amnistia?

Perché il dottor Fauci ci avrebbe mentito sull'”immunità di gregge” quando sapeva, sulla base delle proprietà fondamentali dei coronavirus, che l’immunità sterilizzante era impossibile?

Il suo articolo è un modo intelligente per prepararci a chiedere una “amnistia per la pandemia” e a “riconoscere i suoi errori”?

Come possiamo accettare le sue azioni come “errori” quando sapeva di mentirci per raggiungere i suoi obiettivi? Un errore implica onestà, dopo tutto.

Fateci sapere cosa ne pensate!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments