Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Phil Lawler e pubblicato su Catholic Culture. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

sinodo sulla sinodalità

 

“Una Chiesa sinodale è una Chiesa che ascolta”, proclama l’instrumentum laboris, il documento preparatorio del Sinodo sulla sinodalità. Il tema dell’ascolto – dello Spirito Santo, della gente, dei bisognosi, dei disaffezionati – è il messaggio principale di questo documento. Ascoltare significa essere sinodali, e la sinodalità è l’obiettivo annunciato dell’intero processo di questo Sinodo.

Ma cos’è la sinodalità? Questa è la domanda che Papa Francesco ha posto al Sinodo. I vescovi che si riuniranno a Roma in ottobre (insieme ai non vescovi che, curiosamente, rappresenteranno il 21% dei votanti in questo “Sinodo dei vescovi”) hanno il non invidiabile compito di definire questo termine e di spiegare come dovrebbe essere vissuto nella Chiesa.

Così l’obiettivo del Sinodo è anche il tema del Sinodo; ai partecipanti viene chiesto di essere guidati da… ciò che sono chiamati a spiegare. Questa è una ricetta per la confusione.

 

Che cos’è la “sinodalità”?

L’instrumentum laboris (IL) fa un tentativo di eludere questa confusione descrivendo la “sinodalità” come un processo e affermando che il lungo processo di consultazione che alla fine ha dato origine a questo lungo documento è esso stesso un esempio stellare di sinodalità: “Un termine astratto come sinodalità ha così iniziato a incarnarsi in un’esperienza concreta”.

Forse è così. Ma finché non avremo definito cos’è e come funziona la sinodalità, come potremo essere sicuri che le riunioni preparatorie ne abbiano incarnato le virtù? L’IL risponde indirettamente a questa domanda dicendo che i partecipanti a questo processo lo hanno trovato a volte esaltante. “Per molti, la grande sorpresa è stata l’esperienza di essere ascoltati dalla comunità, in alcuni casi per la prima volta…”.

Bene: alcune persone hanno sentito che la loro voce era stata ascoltata. Ma come possiamo sapere se sono state ascoltate le voci giuste, se queste voci rappresentavano i movimenti dello Spirito Santo per guidare la Chiesa? Invece di affrontare questa domanda, l’IL si vanta ripetutamente della varietà e dell’ampiezza della consultazione, rallegrandosi del numero di domande che sono state sollevate piuttosto che cercare risposte.

La sinodalità, così come è stata tradizionalmente intesa, riguarda il modo in cui la Chiesa, come istituzione, risolve le questioni. Un sinodo è una riunione in cui i prelati discutono questioni di dottrina o di politica. La sinodalità è quindi un processo, non un programma. Ma questo Sinodo sulla sinodalità, fin dal suo inizio, è stato concepito per sollevare nuove questioni di dottrina e di politica (e per ravvivare quelle vecchie), nell’apparente convinzione che, discutendo di questioni controverse, impareremo in qualche modo come dovremmo discuterle. In altre parole, gli organizzatori del Sinodo hanno deciso che dovremmo giocare la partita prima di definire le regole. È un processo che si presta alla manipolazione.

 

Un processo autocelebrativo

L’IL dipinge questo Sinodo come un momento di svolta nella storia della Chiesa cattolica ed esalta la visione di Papa Francesco, che ha fissato il tema e approvato i parametri di un processo sinodale lungo ed esaustivo senza precedenti. “Il popolo di Dio è in movimento da quando Papa Francesco ha convocato tutta la Chiesa in Sinodo nell’ottobre 2021”, si legge nel paragrafo iniziale del documento.

La prima sezione dell’IL riassume alcuni dei risultati più importanti delle deliberazioni iniziate nel 2021, con incontri prima a livello locale, poi diocesano, poi nazionale e infine continentale. Ovviamente sarebbe impossibile trasmettere tutte le riflessioni che sono state condivise in tutti questi incontri, ma l’IL fornisce una rapida panoramica:

Il percorso fatto finora, soprattutto nella fase continentale, ha permesso di individuare e condividere le situazioni particolari vissute dalla Chiesa nelle diverse regioni del mondo. Tra queste, la realtà delle troppe guerre che insanguinano il nostro mondo e che portano a chiedere un rinnovato impegno per la costruzione di una pace giusta, la minaccia rappresentata dal cambiamento climatico che implica la necessaria priorità della cura della casa comune, il grido di opposizione a un sistema economico che produce sfruttamento, disuguaglianza e una cultura dell’usa e getta, e il desiderio di resistere alla pressione omogeneizzante del colonialismo culturale che schiaccia le minoranze.

Questi temi, che secondo gli autori dell’IL riassumono le preoccupazioni dei cattolici di tutto il mondo, coincidono perfettamente con quelli trattati da Papa Francesco nelle sue dichiarazioni pubbliche: pace nel mondo, cambiamento climatico, disuguaglianza economica. Anche i termini usati nell’IL, come “cultura dell’usa e getta” e “colonialismo culturale”, potrebbero essere stati presi dai discorsi papali.

Mancano invece in modo evidente nell’IL le preoccupazioni che avrebbero potuto essere espresse dai cattolici tradizionalisti, come la prevalenza del divorzio, l’accettazione dell’aborto legale o il declino della riverenza nella liturgia eucaristica.

 

Una preferenza per il cambiamento

L’IL riconosce l’esistenza di “alcune tensioni” all’interno della Chiesa. Ma, coerentemente con il suo approccio generale, il documento rifiuta il conflitto diretto con tali tensioni, suggerendo invece un maggiore dialogo: “Non dovremmo essere spaventati da esse, né tentare a tutti i costi di risolverle, ma piuttosto impegnarci in un continuo discernimento sinodale. Solo così queste tensioni possono diventare fonti di energia e non scadere in polarizzazioni distruttive”.

A volte, ammette l’IL, le “tensioni” che si sono manifestate nelle consultazioni preparatorie riguardano questioni di dottrina già risolte, come l’impossibilità di ordinare le donne al sacerdozio cattolico. Tuttavia, anche in questi casi, il documento resiste all’idea che le questioni risolte possano essere risolte:

Il fatto che continuino a emergere domande su questioni come queste non dovrebbe essere liquidato frettolosamente, ma piuttosto invita al discernimento, e l’Assemblea sinodale è un forum privilegiato per farlo,

Il linguaggio usato in tutto il documento tradisce la stessa riluttanza a difendere la dottrina della Chiesa. La parola “omosessuale” non compare nell’IL; gli autori usano invece “LGBTQ+”, abbracciando il termine preferito dai rivoluzionari sessuali. La parola “matrimonio” compare tre volte nel documento: due volte in riferimento alle unioni poligame, una volta ai matrimoni interconfessionali, mai al matrimonio cristiano. Parole come “peccato” e “redenzione” non si trovano da nessuna parte.

Forse la ragione di questo approccio si trova nell’affermazione dell’IL secondo cui “la vita sinodale non è una strategia per organizzare la Chiesa, ma l’esperienza di poter trovare un’unità che abbraccia la diversità senza cancellarla, perché è fondata sull’unione con Dio nella confessione della stessa fede”. Ma che cos’è questa fede condivisa e come possiamo risolvere le questioni su ciò che la fede richiede da noi?

Per definire il significato e l’esercizio corretto della “sinodalità”, dobbiamo innanzitutto capire quali sono i principi basilari, fondamentali e non negoziabili su cui si basa la nostra fede cattolica. Sulla base di questi principi – la dottrina della Chiesa – potremmo discernere un modo per risolvere le dispute divisive. Se il Sinodo sulla sinodalità seguirà le indicazioni dell’instrumentum laboris e trascurerà le questioni fondamentali per concentrarsi su quelle più scottanti, sarà destinato al fallimento.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






Facebook Comments