Rilancio alcuni stralci di un articolo scritto da Michael R. Gordon e Warren P. Strobel che è stato pubblicato sull’autorevole Wall Street Journal. Eccoli nella mia traduzione. 

 

Wuhan_Institute_of_Virology_main_entrance
Wuhan_Institute_of_Virology_main_entrance

 

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti è giunto alla conclusione che la pandemia di Covid è nata molto probabilmente da una fuga da un laboratorio, secondo un rapporto riservato dell’intelligence recentemente fornito alla Casa Bianca e ai principali membri del Congresso.
Il cambiamento da parte del Dipartimento dell’Energia, che in precedenza era indeciso sulle modalità di insorgenza del virus, è riportato in un aggiornamento di un documento del 2021 dell’ufficio del Direttore dell’Intelligence nazionale Avril Haines.
Il nuovo rapporto evidenzia come diverse parti della comunità di intelligence siano giunte a giudizi divergenti sull’origine della pandemia. Il Dipartimento dell’Energia si unisce ora al Federal Bureau of Investigation nell’affermare che il virus si è probabilmente diffuso attraverso un incidente in un laboratorio cinese. Altre quattro agenzie, insieme a un gruppo di intelligence nazionale, ritengono che il virus sia probabilmente il risultato di una trasmissione naturale, mentre due sono indecise.
La conclusione del Dipartimento dell’Energia è il risultato di nuove informazioni ed è significativa perché l’agenzia ha una notevole esperienza scientifica e supervisiona una rete di laboratori nazionali statunitensi, alcuni dei quali conducono ricerche biologiche avanzate.

(…)

L’FBI era già giunto alla conclusione che la pandemia fosse probabilmente il risultato di una fuga dai laboratori nel 2021 con “moderata fiducia” e continua a sostenerlo.
L’FBI impiega un gruppo di microbiologi, immunologi e altri scienziati ed è supportata dal Centro nazionale di analisi bioforense, istituito a Fort Detrick, nel 2004, per analizzare l’antrace e altre possibili minacce biologiche.
I funzionari statunitensi hanno rifiutato di fornire dettagli sulle nuove informazioni e analisi che hanno portato il Dipartimento dell’Energia a cambiare la sua posizione. Hanno aggiunto che, sebbene il Dipartimento dell’Energia e l’FBI affermino che è molto probabile una fuga involontaria dal laboratorio, sono giunti a queste conclusioni per motivi diversi.

(…)

David Relman, microbiologo dell’Università di Stanford che ha sostenuto la necessità di un’indagine spassionata sugli inizi della pandemia, ha accolto con favore la notizia dei risultati aggiornati.
“Complimenti a coloro che sono disposti a mettere da parte i loro preconcetti e a riesaminare obiettivamente ciò che sappiamo e non sappiamo sulle origini di Covid”, ha detto il dottor Relman, che ha fatto parte di diversi comitati scientifici federali. “Il mio appello è di non accettare una risposta incompleta o di rinunciare a causa di convenienze politiche”.
Un portavoce del Dipartimento dell’Energia ha rifiutato di discutere i dettagli della sua valutazione, ma ha scritto in un comunicato che l’agenzia “continua a sostenere il lavoro approfondito, attento e obiettivo dei nostri professionisti dell’intelligence nell’indagare sulle origini del COVID-19, come richiesto dal Presidente”.
L’FBI ha rifiutato di commentare.

La Cina, che ha posto dei limiti alle indagini dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha contestato il fatto che il virus possa essere fuoriuscito da uno dei suoi laboratori e ha suggerito che sia emerso al di fuori della Cina.
Il governo cinese non ha risposto alle richieste di commento per sapere se ci sono stati cambiamenti nelle sue opinioni sulle origini del Covid-19.

(…)

Prima di quel rapporto, il Lawrence Livermore National Laboratory del Dipartimento dell’Energia aveva preparato uno studio nel maggio 2020, concludendo che l’ipotesi di una fuga dal laboratorio era plausibile e meritava ulteriori indagini.

Michael R. Gordon e Warren P. Strobel

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments