Di seguito un articolo del dott. Robert Malone, pioniere della piattaforma a mRNA, pubblicato sul suo Substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Giudizio Universale, dettaglio (Stefan Lochner, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons)
Giudizio Universale, dettaglio (Stefan Lochner, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons)

 

Qual è il ruolo della scienza?

Se la scienza è ” progredita” fino al punto di “poter” cambiare la natura, dovrebbe farlo?

Nel XXI secolo, la società è arrivata al punto di permettere che lo sforzo scientifico operi sotto la premessa che se uno scienziato può fare qualcosa, dovrebbe essere in grado di fare quella cosa. Lo dico chiaramente. Questo è sbagliato e in alcuni casi è immorale.

Per fare un esempio, prendiamo il movimento trans. Questo gruppo di persone ritiene di avere il diritto di cambiare la realtà biologica del genere attraverso l’uso della scienza e della medicina. Che gli scienziati e i medici, lavorando con il movimento trans, abbiano il diritto di rimodellare la società, al punto che il genere è considerato da molti un concetto fluido. Questo movimento ha trovato partner disponibili (e beneficiari finanziari) in medici, biotecnologie, ospedali, big-tech e aziende farmaceutiche, che hanno tratto enormi vantaggi da questo movimento fornendo farmaci, interventi chirurgici e servizi alle persone trans.

Il concetto di fluidità di genere è stato imposto alle società e alle nazioni di tutto il mondo in modo armonizzato e coordinato. Questo si è trasformato nell’idea che sia dovere del governo insegnare ai bambini, a partire da quando sono in grado di concettualizzare il genere, che il genere è qualcosa che può essere cambiato attraverso l’uso di chirurgia, farmaci, ormoni, educazione, formazione comportamentale e condizionamento. Che è “diritto” di ogni bambino passare da un genere all’altro, indipendentemente dalle conseguenze a lungo termine per la salute individuale, la longevità, la felicità e la struttura familiare.

Questo concetto di fluidità di genere sta facendo a pezzi il tessuto stesso della società, senza alcuna valutazione del progresso scientifico che ha reso possibile la diffusione di questo nuovo concetto. Ancor peggio, questi sforzi globalizzati sono stati dirottati dalle multinazionali, che stanno guadagnando miliardi con i prodotti farmaceutici per sostenere quelli che sono in gran parte esperimenti scientifici condotti su scala massiccia sull’umanità in tutto il mondo.

Vi suona familiare? Dove abbiamo già visto questa mentalità e questa “non etica” medica?

Non sarebbe mai dovuto essere il ruolo della scienza o della medicina di permettere tutto questo. È un male, veramente un male.

Creare una grande minoranza della popolazione che abbia un aspetto, un comportamento, una parola e un comportamento di genere diverso è un esperimento. Si tratta di cercare di cambiare la natura stessa della biologia. I medici che prescrivono farmaci per sopprimere gli ormoni e gli ormoni stessi, per creare l’illusione di un genere diverso, stanno violando il sacro giuramento di non nuocere. I medici che eseguono interventi chirurgici “all’avanguardia” che comportano la rimozione e la modifica dei genitali stanno danneggiando le persone. Questo deve finire.

Nel 2002, i risultati di un ampio studio sono stati riportati in un documento intitolato: “Rischi e benefici di estrogeni e progestinici in donne sane in postmenopausa: Principali risultati dello studio randomizzato e controllato Women’s Health Initiative”. I risultati di questo studio hanno letteralmente bloccato la terapia ormonale sostitutiva (TOS) negli Stati Uniti e altrove per molti anni. È bastato uno studio che evidenziasse i piccoli aumenti dei tassi di infarto, ictus e cancro nelle donne che assumevano la TOS per far chiudere un’intera industria.

Solo molti anni dopo sono tornate sul mercato formulazioni più sicure, a dosaggi ridotti. La verità è che anche piccole quantità di ormoni in eccesso possono avere un impatto negativo sull’organismo in una miriade di modi. Eppure, senza studi a lungo termine e senza tener conto delle conseguenze, è in corso una “rivoluzione” che cerca di trasformare gli uomini in donne e le donne in uomini. Questo è irresponsabile e sbagliato, e i danni medici a lungo termine sono sconosciuti.

Vi suona familiare? Dove abbiamo già visto questa mentalità e questa “non etica” medica?

Una breve analisi dei farmaci per la soppressione ormonale, degli ormoni e di una moltitudine di altri farmaci che vengono somministrati agli individui “fluidi” dal punto di vista del genere è terrificante. Come tutti sappiamo, questi “farmaci” non vengono prescritti solo agli adulti, ma anche ai bambini. La Scuola di Medicina Chobanian & Avedisian dell’Università di Boston: Il Dipartimento di Medicina dell’Università di Boston ha pubblicato le Linee guida pratiche per il trattamento ormonale transgender, che sono francamente scioccanti. I farmaci elencati nelle linee guida hanno una miriade di effetti collaterali ed eventi avversi. Nessuno sembra preoccuparsene.

Ma questo è solo un esempio. Altri esempi sono:

  • Le iniezioni di prodotti di sangue di bambini in una ricca élite di popolazione, in modo che possano vivere più a lungo, si stanno verificando in tutto il mondo.
  • La ricerca del guadagno di funzione per creare virus nuovi e diversi continua in tutto il mondo a un ritmo incalzante.
  • I programmi di sviluppo di armi biologiche continuano, senza quasi alcun controllo.
  • La scienza agricola dell’allevamento in fabbrica, che ha creato terreni di coltura per nuovi virus e ceppi batterici tossici, si è normalizzata.
  • Poi ci sono i programmi di modificazione del clima, che i governi stanno utilizzando con frequenza crescente.
  • Si dice persino che la ricerca sui trapianti di testa negli esseri umani continui a essere condotta in Cina.

La scienza non conosce limiti. Letteralmente, non ha limiti. Non ci sono guardie morali o etiche.

La mancanza di moralità nella scienza è un’immoralità? Credo che la risposta sia clamorosamente sì.

Non esiste un giuramento di Ippocrate per gli scienziati o per la scienza. Eppure, la scienza ha cambiato radicalmente la cultura, la società, la natura, la biologia e persino il mondo. La scienza e gli scienziati si comportano come se la pratica e i praticanti della “Scienza” fossero un’entità divina, libera da vincoli morali. L’etica della “scienza” (o scientismo) è stata troppo spesso distorta per cercare di sostituire il ruolo di Dio nella società.

La scienza e gli scienziati hanno bisogno di una dichiarazione di comportamento appropriato e di una guida.

Un codice etico. Una tradizione di “non nuocere”. Mi rendo perfettamente conto che questo giuramento non ha impedito ad alcuni medici di fare del male, ma almeno è qualcosa e agisce come una parziale barriera tra il bene e il male, che ha superato la prova del tempo.

Solo perché una cosa può essere fatta, non significa che debba essere fatta. Pandora aprì un vaso lasciato in custodia che conteneva malattia, morte e molti altri mali non specificati che furono poi rilasciati nel mondo. In assenza di chiari confini accettati tra il possibile e l’etico, una volta aperto il vaso di Pandora, diventa impossibile annullarne le conseguenze.

Gli sforzi scientifici volti a descrivere e illuminare l’intricata complessità del mondo fisico e a definire e descrivere la verità in esso contenuta sono essenziali per comprendere e interagire con quel mondo in modo responsabile. Gli sforzi scientifici che cercano di modificare l’uomo e il mondo naturale, di rendere possibile una quarta rivoluzione industriale transumana in cui l’uomo e la macchina diventano un tutt’uno, in cui l’uomo assume il controllo della propria evoluzione attraverso mezzi sintetici, questi tipi di attività devono avere delle protezioni. L’uomo non è Dio. Coloro che sostengono la necessità di un secondo morso alla mela dimostrano una profonda e narcisistica mancanza di saggezza e di prospettiva. Basta una sola Pandora per distruggere il paradiso. Come hanno imparato sia Robert Oppenheimer che Robert Malone, una volta che il genio ha lasciato la bottiglia, il Jinn viaggia sul vento e non può più tornare indietro. Le conseguenze non possono essere previste.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments