Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Hans Vogel e pubblicato su The Unz Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Europa vaccino COVID bandiera europea

 

Non è più una questione di speculazione se l'”Occidente” sia o meno in caduta libera. È chiaro che lo è, ed è chiaro che è intenzionale. Il Great Covid Show, portato in scena dai soliti sospetti, sembra aver creato le condizioni giuste per il “Grande Reset”. Ci sono stati alcuni intoppi, perché un’operazione così vasta e onnicomprensiva come il Grande Spettacolo del Covid era al di là delle capacità tecniche e intellettuali dei neocon statunitensi e dei loro compari stranieri, tra cui il WEF, l’OMS e l’UE.

L’operazione militare speciale russa in Ucraina ha complicato le cose. Come in una partita a scacchi, la Russia sta costringendo gli Stati Uniti e i suoi vassalli a fare mosse che non avevano previsto o che avevano contato di fare solo in un secondo momento. Queste mosse non sono certo a loro vantaggio. Ecco perché i governi stanno prendendo decisioni così drastiche in tanti campi diversi, e tutti allo stesso tempo.

Avevano pianificato di riorganizzare drasticamente l’agricoltura, seguendo l’esempio dato dai bolscevichi dopo il 1929, quando iniziarono a sfrattare e sterminare i kulaki. Invece della collettivizzazione, i bolscevichi di oggi vogliono che siano le grandi aziende a dominare l’agricoltura. Ma l’essenza di questi schemi è la stessa: i piccoli e medi agricoltori devono essere sloggiati volontariamente o con la forza bruta. Con apparente anticipo rispetto a quanto previsto dal copione originale, il governo olandese ha iniziato una guerra agli agricoltori che, come nell’ex URSS, potrebbe portare a una diffusa scarsità di cibo, se non alla carestia.

Allo stesso modo, con una Germania obbediente che guida il gruppo, gli Stati clienti degli Stati Uniti in Europa stanno attualmente commettendo un suicidio economico tagliando le loro industrie da fonti affidabili di energia a prezzi accessibili, costringendo sia i produttori che il pubblico a fare affidamento sull’energia eolica e solare. Tutto questo viene fatto in nome della cosiddetta Agenda verde, per ridurre le emissioni di carbonio e di azoto. Allo stesso tempo, i sostenitori del cambiamento climatico di origine antropica promuovono la distruzione dell’ambiente su scala davvero gigantesca, ovunque si trovino il litio e altri minerali necessari per la produzione di batterie elettriche. Come ogni asse della piattaforma della mafia del Grande Reset, la narrazione ufficiale del cambiamento climatico è tenuta insieme dalle contraddizioni più evidenti.

Le contraddizioni più evidenti si verificano nel funzionamento quotidiano dei governi, soprattutto nell’UE. Come il governo dei Paesi Bassi, la maggior parte di questi prende abitualmente decisioni che sono in chiara o implicita violazione della Costituzione e di altre leggi.

Nonostante le innumerevoli contraddizioni della politica stessa, del discorso politico ufficiale e delle contraddizioni intrinseche alla base della maggior parte delle decisioni politiche, è un miracolo che l’impero statunitense riesca ancora a sopravvivere. Forse questo spiega anche il motivo per cui l’intelligenza artificiale è attualmente in fase di sviluppo: nella speranza che contribuisca a mantenere il potere degli Stati Uniti. Tuttavia, bisogna dubitare che l’IA si dimostri in grado di funzionare in un ambiente in cui la confusione e le contraddizioni legali, linguistiche e lessicografiche sono diventate la norma.

Con i politici e i media statali e aziendali in “Occidente” che fanno doverosamente riferimento alla “nostra democrazia”, ai “valori occidentali” (che si suppone difendano i diritti umani), alla “trasparenza” e allo “Stato di diritto”, mentre in realtà fanno e sostengono tutto ciò che è diametralmente opposto, sembra che prima o poi l’IA debba crollare. Dopo tutto l’IA, come il sistema elettronico che è, funziona sulla premessa che “0” è “0” e che “1” è “1”. Quando “0” può anche significare “1” e “1” a volte è “0”, il collasso è inevitabile. Come si fa a capire quando “democrazia” significa “governo a maggioranza popolare” o il suo contrario, governo di una cricca corrotta di criminali, come avviene nelle moderne “democrazie”? Inoltre, data la fanatica determinazione con cui ovunque in “Occidente” si abbandonano le fonti energetiche affidabili, proprio ora che tutto ciò che sostiene la vita dipende dall’elettronica, l’intero sistema assomiglia sempre più a una casa costruita sulle sabbie mobili.

Ovunque si guardi in Europa, il collasso è dietro l’angolo. Oggi, guidare sulle Autobahn tedesche, un tempo famose, è una specie di calvario. Un tempo si poteva godere della vista di paesaggi splendidi e talvolta spettacolari mentre si guidava rilassati sulla superficie liscia di superstrade impeccabilmente mantenute. Con una lunghezza totale di oltre 13.000 chilometri, la Germania ha la quarta rete al mondo, preceduta solo da Spagna, Stati Uniti e Cina. In Germania circolano 50 milioni di automobili, ma la rete è utilizzata intensamente anche da camionisti stranieri che consegnano e ritirano merci e, in estate e in inverno, da milioni di stranieri che si recano in luoghi di vacanza. La rete autostradale è utilizzata in modo intensivo, ma la manutenzione è stata a lungo trascurata e di conseguenza ampi tratti di autostrada devono essere ristretti per consentire la riparazione di strade e ponti. Ciò provoca lunghi e prolungati ingorghi in tutto il Paese, dalla mattina presto alla sera tardi. Se a ciò si aggiunge che molti automobilisti provengono da paesi non occidentali, dove la proverbiale disciplina tedesca e il rispetto per le regole e le norme non vengono insegnati fin dalla più tenera età, è chiaro che guidare sull’Autobahn comporta un consumo smodato di tempo ed energia. In effetti, il sistema autostradale tedesco sembra molto vicino al punto di rottura.

Dopo aver tratto questa conclusione, mi è venuto in mente che le autostrade federali tedesche sono un simbolo di ciò che sta accadendo in tutta Europa: gli stessi pilastri che sostengono lo Stato e la società stanno crollando. Naturalmente, per chi ha occhi per vedere, il crollo è già avvenuto da tempo, forse due decenni, se non prima. Proprio come le tre torri del WTC crollate l’11 settembre, il crollo inizia in modo esitante e poi accelera. Come nel caso delle torri del WTC, la distruzione diffusa che avviene oggi in “Occidente” è pianificata. Tuttavia, in molti campi il crollo era già iniziato molto tempo prima, sotto forma di corruzione. Quando i corrotti si spostano da un campo all’altro, la corruzione si diffonde ancora più rapidamente e alla fine diventa sistemica.

Per esempio, la corruzione accademica può portare al plagio e alla manipolazione dei dati della ricerca. La signora Ursula von der Leyen, presidente non eletta dell’Unione Europea, non è mai riuscita a scrollarsi di dosso l’odore di frode accademica (commessa durante la stesura della sua tesi di laurea) che la circonda. Non è stata una sorpresa scoprire che ha stretto accordi segreti con la Pfizer per la fornitura di vaccini non testati e per imporli a un pubblico ignaro durante il Great Covid Show. Una volta corrotti, sempre corrotti, come si potrebbe dire.

Mentre le frodi distruggono sempre più il valore della ricerca accademica, anche la stessa istruzione accademica è sotto attacco. Il ministro dell’Istruzione olandese intende dimezzare i crediti richiesti alle matricole. Ciò significa che un maggior numero di studenti potrà rimanere fino al secondo anno, con il prevedibile risultato finale di un’ulteriore svalutazione dei titoli universitari.

La corruzione nel campo della medicina è diventata evidente durante il Grande Spettacolo del Covid, al punto che oggi non ci si può più fidare di nessun medico. In parole povere, sia i medici di famiglia che gli specialisti sono essenzialmente spacciatori di farmaci al servizio di Big Pharma. Ci sono ancora medici onesti e rispettabili, ma è difficile trovarli.

Come la ricerca accademica, l’istruzione, la politica e la medicina, anche il sistema giudiziario è pieno di corruzione e in caduta libera. Basti pensare al recente caso del professor Sucharit Bhakdi, accusato di essere un antisemita, sulla base delle prove più inconsistenti che si possano immaginare. Sebbene questo eloquente e influente critico delle politiche del covid decretate dal governo tedesco sia stato assolto, il pubblico ministero ha comunque deciso di ricorrere in appello e di andare avanti cercando di mettere il dottor Bhakdi dietro le sbarre ad ogni costo. Per un pubblico ministero procedere in questo modo, negando completamente il fatto che non ci sono prove a sostegno del caso, è più che una parodia della giustizia: sta trasformando la giustizia in una sciocca barzelletta. È davvero preoccupante che nessuno sollevi un sopracciglio, il che dimostra quanto il sistema giudiziario in Germania (e nel resto d’Europa) sia stato corrotto.

Eppure, agli occhi dello Stato, esprimere dubbi o preoccupazioni su tali questioni è un peccato. Proprio di recente, il servizio di spionaggio statale olandese AIVD ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che circa 100.000 cittadini olandesi non hanno fiducia nello Stato e nel governo, il che li rende presumibilmente “teorici della cospirazione”. Sempre più spesso e quasi apertamente si suggerisce che queste persone debbano essere sottoposte a cure psichiatriche. Qualsiasi persona sana di mente non si fiderebbe del governo più di quanto il governo si fidi di lui, e senza dubbio molte persone sono fedeli a questo principio, ma a quanto pare il governo dei Paesi Bassi, che naturalmente è un Paese “democratico”, non è d’accordo.

Ci sono ragioni più che sufficienti per non fidarsi del governo, non solo dei Paesi Bassi, ma di tutte le nazioni dell’UE. Il governo tedesco, dominato dai Verdi, è diventato il cagnolino bellicoso e autodistruttivo degli Stati Uniti, deciso a cacciare l’industria e a umiliare, impoverire e decimare i tedeschi autoctoni. Il governo italiano, guidato da Giorgia Meloni, eletta per le sue solenni promesse di fermare l’immigrazione illegale di neri africani e musulmani gravemente non qualificati, non istruiti e ostili, ora incoraggia attivamente queste persone a venire in Italia. Il presidente francese Macron, che ha l’aspetto e il comportamento di un adolescente (…..biiip!, parola soppressa, ndr) che ha sposato sua madre, ha costantemente portato avanti politiche di distruzione della classe media francese. Il governo olandese ha presieduto all’impoverimento della classe media, al punto che oggi 400.000 scolari vivono sotto il livello di povertà e i loro genitori non sono in grado di pagare la colazione e i vestiti nuovi.

Il governo tedesco sta seriamente pensando di mettere fuori legge il partito conservatore AfD. Ciò non sorprende in un Paese che ha una venerabile tradizione di proibizione dei partiti ritenuti sgraditi al suo sistema democratico. Per molti anni, il partito comunista è stato messo fuori legge nella Germania occidentale. Nei Paesi Bassi, il partito conservatore FvD è in attesa di una decisione di messa fuori legge nel prossimo futuro. Tutto questo è in linea con l’Ucraina, che difende i “valori occidentali” contro i malvagi russi: Zelensky ha semplicemente messo fuori legge undici partiti. Viva la democrazia!

Non sorprende che tra la popolazione si stia accumulando una certa rabbia, che aumenta ogni volta che il governo emette un nuovo decreto che limita ulteriormente le libertà o aumenta i prezzi.

Poiché la Francia è sempre stata una nazione in cui la classe media è forte e la classe operaia militante, e in cui la gente è pronta a scendere in piazza per esprimere la propria indignazione e rabbia, non sorprende che negli ultimi anni abbia assistito a manifestazioni di massa del movimento dei Gilet gialli e a proteste contro i drastici tagli alle pensioni. Dopo aver visto come quelle manifestazioni pacifiche sono state brutalmente e spietatamente represse dalla polizia e da squadroni assortiti, ora i nordafricani e gli africani neri delle banlieues, le periferie, hanno adottato un approccio diverso. Poiché almeno il 15% dei 65 milioni di abitanti della Francia metropolitana sono nordafricani (marocchini, algerini, tunisini) o neri, e la maggior parte di loro vive nelle grandi città: Parigi, Lione, Marsiglia, Lille, Tolosa, Bordeaux, ora che stanno entrando in scena, le cose sembrano piuttosto serie.

L’ondata di guerra urbana in Francia significa che il collasso è entrato in una nuova fase, quella della violenza anti-statale organizzata e coordinata con sfumature razziali.

I musulmani nordafricani e i neri africani sono visti partecipare a quella che sembra una guerra civile contro obiettivi statali, culturali e commerciali e contro i francesi bianchi. Pertanto, l’attuale esplosione di violenza non ha solo le sembianze di una guerra civile, ma piuttosto di una guerra di razza.

Qualunque cosa abbia scatenato l’attuale ondata di violenza, dovrebbe anche essere vista come una logica conseguenza di decenni di politiche francesi decretate per volere della Commissione europea non eletta.

Ciò che sta accadendo in Francia potrebbe facilmente verificarsi domani in altre nazioni dell’UE, per il semplice motivo che in molti luoghi le condizioni sono simili a quelle francesi. Molti Stati membri dell’UE, in particolare Germania, Svezia, Paesi Bassi e Belgio, hanno minoranze musulmane tra il 10 e il 15%. Come molti quartieri e sobborghi della classe operaia in Francia, alcune parti delle città svedesi di Stoccolma, Göteborg e Malmö sono state a lungo inaccessibili per la polizia. Lo stesso vale per alcune città tedesche, tra cui Berlino e la zona della Ruhr. Anche sotto il naso dei commissari del Quarto Reich a Bruxelles, interi quartieri di quella città sono zone vietate.

È stato suggerito che gli eventi in Francia fanno parte del “Grande Reset” propagandato dal WEF.

In realtà, quel “Grande Reset” è solo un altro termine per indicare un sacco di distruzione, malattie, morte, guerra, miseria e paura. Sembrerebbe che i Quattro Cavalieri dell’Apocalisse abbiano inviato la loro avanguardia per preparare il terreno e che si presenteranno presto. A questo proposito, va notato che lo slogan “ricostruire meglio”, così prominente e così onnipresente solo pochi anni fa, è completamente scomparso dalla propaganda di Stato ovunque.

Per “ricostruire meglio”, bisogna prima demolire tutto. Evidentemente non è quello che i governanti di tutti gli Stati “democratici” dell'”Occidente” hanno detto ai loro “elettori”.

Ma non c’è da preoccuparsi, l'”Occidente” è composto da società “basate sui valori”, sotto lo “Stato di diritto”, dove “l’equità” e la “diversità” e i “diritti umani” vengono difesi, dove le “emissioni di carbonio e di azoto” vengono limitate e dove le “fake news” e la “disinformazione” sono bandite.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments