Ci avviamo verso un periodo di recessione, meglio, di stagflazione, cioè di stagnazione ed inflazione allo stesso tempo. Una brutta bestia. Quale la causa?  Jeffrey A. Tucker, nell’articolo che vi propongo nella mia traduzione, dice la sua. L’articolo è stato pubblicato suBrowstone Institute.

 

incendio

 

La capacità di negazione degli americani è davvero una cosa da vedere. Per almeno 27 mesi, avrebbe dovuto essere ovvio che stavamo andando incontro a una grave crisi. Non solo: la crisi era già arrivata nel marzo 2020.

Per strani motivi, alcune persone, molte persone, hanno immaginato che i governi potessero semplicemente chiudere un’economia e riaccenderla senza conseguenze. Eppure siamo qui.

Gli storici del futuro, se ce ne saranno di intelligenti, saranno sicuramente sbalorditi dalla nostra stupefacente ignoranza. Il Congresso ha varato decenni di spesa in soli due anni e ha pensato che sarebbe andato tutto bene. Le macchine da stampa (della moneta, ndr) della Fed (Banca Centra USA, ndr) hanno funzionato a pieno ritmo. Nessuno si è preoccupato di fare qualcosa per le difficoltà commerciali o le interruzioni della catena di approvvigionamento. Ed eccoci qui.

Le nostre élite hanno avuto due anni per rimediare a questo disastro in corso. Non hanno fatto nulla. Ora ci troviamo di fronte a un’inflazione terribile, cupa, estenuante e sfruttatrice, mentre stiamo sprofondando di nuovo nella recessione, e la gente se ne sta seduta a chiedersi cosa diavolo sia successo.

Vi dirò cosa è successo: la classe dirigente ha distrutto il mondo che conoscevamo. È successo proprio davanti ai nostri occhi. Ed eccoci qui.

La scorsa settimana, il mercato azionario si è ribellato alla notizia che la Banca Centrale Europea avrebbe tentato di fare qualcosa contro l’inflazione che sta distruggendo i mercati. Ovviamente i mercati finanziari sono andati nel panico come un drogato che non riesce a trovare la sua prossima dose di eroina. Questa settimana è già iniziata con un’ulteriore ondata di panico, nel timore che la Fed sia costretta a ridurre ulteriormente la sua politica di denaro facile. Forse, forse no; ma la recessione sembra imminente a prescindere.

Le cattive notizie sono ovunque. Anche in presenza di mercati del lavoro molto rigidi e di una disoccupazione molto bassa (per lo più mitica se si considera la partecipazione alla forza lavoro), le aziende hanno iniziato a licenziare. Perché? Per prepararsi alla recessione e alla prospettiva di un ulteriore caos economico.

Anche i giganti della tecnologia stanno frenando il loro entusiasmo. A quanto pare, Facebook è stata ingannata nel pagare i principali organi di informazione per consentire agli utenti di FB di accedere gratuitamente agli articoli – senza dubbio a quelli che rafforzavano la propaganda governativa, dal momento che Mark Zuckerberg ha offerto volontariamente la sua intera azienda come messaggero del regime nel 2020. FB è stata derubata e ora ci sta ripensando. Niente più omaggi.

Questo potrebbe essere il tema della vita americana. Niente più carità. Niente più gentilezza. Basta fare qualcosa per niente. In tempi di inflazione, tutti diventano più avidi. La morale passa in secondo piano e la generosità non esiste più. Ognuno pensa a se stesso. La situazione non può che diventare più brutale.

Venerdì scorso c’è stata una sorta di pausa psicologica alla notizia dell’IPC (Indice dei Prezzi al Consumo, ndr). Non era migliore del mese scorso. Non era uguale al mese scorso. È stato peggiore: 8,6% su base annua, il dato peggiore degli ultimi 40 anni. Onestamente, tutti lo sapevano già in cuor loro, ma l’annuncio ufficiale lo ha codificato.

Ma diciamo di impilare i dati a due anni invece che a un anno. Come si presenta la situazione? Si arriva al 13,6%. Non abbiamo mai visto nulla di simile. E sta iniziando a far male come mai prima d’ora. La benzina supera i 5 dollari e gli affitti superano i 2.000 dollari al mese in media. Anche gli aumenti sul lavoro hanno smesso di arrivare. Al contrario, i datori di lavoro si aspettano più produttività per sempre meno soldi in termini reali.

I prezzi hanno una strada molto lunga da percorrere per lavare la carta (la moneta stampata dalla Banca Centrale, ndr) che circola nell’economia mondiale. Ecco l’ondata di stampa confrontata con l’attuale andamento dei prezzi. Non c’è modo di migliorare prima di peggiorare.

 

M2(azzuro)=Moneta e depositi bancari in circolazione CPI (rosso)=Indice dei Prezzi al Consumo
M2(azzuro)=Moneta e depositi bancari in circolazione – CPI (rosso)=Indice dei Prezzi al Consumo

 

Se mettiamo insieme tutto questo, specialmente con il declino delle finanze, insieme alle interruzioni della catena di approvvigionamento e ad altre dislocazioni economiche, ecco perché sembra che i muri si stiano chiudendo. È perché è così. E a questo punto non c’è davvero via d’uscita per nessuno.

Nessuno dovrebbe essere scioccato da tutto questo. Era tutto nelle carte, un risultato garantito da una politica orribile nel corso di due amministrazioni presidenziali, il tutto messo in atto da un governo che non sa nulla di economia e non si preoccupa dei diritti commerciali e umani di base. Se si rinuncia a queste cose, si va incontro al disastro.

Ed è così che si ottiene il peggior indice di fiducia dei consumatori mai registrato.

 

 

Ciò che rende la situazione odierna diversa da quella degli anni Settanta è il ritmo con cui si è svolta. Anche un anno fa, i funzionari dell’amministrazione sostenevano che tutto sarebbe andato bene. Molti ci hanno creduto, nonostante tutti i dati indicassero esattamente il contrario. In realtà sembra che i nostri signori e padroni credano che le loro fantasie siano più realtà della realtà stessa. Lo dicono e in qualche modo diventa vero.

Riuscite a immaginare che solo il mese scorso l’amministrazione Biden ha concepito l’idea di istituire un “Consiglio di governance della disinformazione”? Era stato progettato per scrivere la verità a tutti i social media e ai media tradizionali, censurando ogni dissenso. Il piano è saltato solo perché era troppo apertamente orwelliano per il consumo pubblico. Ciò che conta è l’intento, che è a dir poco totalitario.

La politica è un divertimento per molte persone, un vero e proprio sport e una buona distrazione dalla vita reale. Ma la politica diventa un affare molto serio quando la finanza personale rende la bella vita sempre meno praticabile. In questo momento tutti sono alla ricerca di qualcuno da incolpare e la maggior parte delle persone ha scelto il vecchio alla Casa Bianca, che in qualche modo credono debba fare qualcosa per tutti questi problemi nonostante una carriera di una vita passata a non sapere nulla e a non fare nulla.

Che cosa stupefacente da vedere svolgersi sotto i nostri occhi, e così rapidamente! Il “malessere” del 1979 è arrivato dopo molto tempo, ma il crollo del 2022 ha colpito molte persone come un uragano che in qualche modo è sfuggito ai radar. Eppure potrebbe essere tutt’altro che finita.

Nel 2020 e negli anni successivi, il denaro è apparso come per magia nei conti bancari di tutto il Paese. Un terzo della forza lavoro si era abituato a languire a casa, fingendo di lavorare. Gli studenti hanno iniziato a fare zoom invece di imparare. Gli adulti che avevano trascorso una vita ad accettare le normali disutilità del lavoro, per la prima volta hanno avuto la visione di una vita di lusso senza lavoro.

Uno dei risultati è stato un enorme boom dei risparmi personali, anche se solo per un breve periodo. Una parte del denaro è stata spesa su Amazon, sui servizi di streaming e sulla consegna di cibo a domicilio, ma una buona parte è finita nei conti bancari, perché le persone hanno iniziato a risparmiare come mai prima d’ora, probabilmente perché le opportunità di spendere in divertimenti e viaggi si sono esaurite. Il risparmio personale è salito a oltre il 30%. Sembrava che fossimo tutti ricchi!

Questa sensazione non poteva durare. Una volta che l’economia si è riaperta e le persone sono state pronte a uscire e a spendere le loro nuove ricchezze, si è presentata una nuova e strana realtà. Il denaro che pensavano di avere valeva molto meno. Si sono verificate anche strane carenze di beni che un tempo davano per scontati. Le nuove ricchezze si sono trasformate in vapore nel giro di pochi mesi, e ogni mese era peggiore di quello precedente.

Di conseguenza, le persone hanno dovuto esaurire i loro risparmi e ricorrere al finanziamento del debito solo per tenere il passo con la diminuzione del potere d’acquisto, anche se il loro reddito in termini reali è diventato drammaticamente più basso. In altre parole, il governo ha tolto ciò che ha dato.

 

(Blu) Tasso di riparmio personale (rosso) Ricchezza reale personale disponibile
(Blu) Tasso di riparmio personale – (rosso) Ricchezza reale personale disponibile

 

Il lungo periodo di negazione sembra improvvisamente finito. Le persone di tutte le convinzioni politiche sono in preda alla rabbia. Il crimine di questi giorni non è casuale o fortuito. È un segno del declino della civiltà. Qualcosa deve cedere e prima o poi cederà. La classe dirigente di questo Paese e i suoi amici in tutto il mondo hanno causato un enorme disastro.

Ecco il potere d’acquisto del dollaro dal 2018. Guardate cosa hanno fatto i nostri governanti!

 

potere di acquisto dei consumatori
potere di acquisto dei consumatori

 

Eppure, cosa hanno da dirci i nostri governanti? Ci dicono di affidarci di più al vento e al sole – le parole esatte di Janet Yellen al Senato la scorsa settimana. Pensavo che fosse una persona intelligente, ma credo che il potere riduca in poltiglia anche le menti migliori. La poltiglia è esattamente ciò che hanno creato in una nazione un tempo prospera e piena di speranze.

L’aspetto più frustrante di tutto questo è la dilagante incapacità di collegare causa ed effetto. La causa dovrebbe essere chiara: tutto questo è stato innescato dalle politiche più egregie, arroganti, irresponsabili, avventate e brutali che siano mai state perpetrate sull’intera vita americana, tutte in nome del controllo delle malattie. Non ho ancora visto prove che le persone e le agenzie che ci hanno fatto questo siano disposte a rivedere le loro decisioni. Al contrario.

Bisogna fare i conti. Non sono stati i poveri, le classi lavoratrici o la persona della strada a fare questo. Queste politiche non sono state un atto di natura. Non sono mai state votate dalle legislature. Sono state imposte da uomini e donne con un potere amministrativo incontrollato, nell’errata convinzione di avere tutto sotto controllo. Non lo hanno mai fatto e non lo fanno ora.

 

Jeffrey A. Tucker è fondatore e presidente del Brownstone Institute e autore di molte migliaia di articoli sulla stampa scientifica e popolare e di dieci libri in 5 lingue, il più recente Liberty or Lockdown. È anche l’editore di The Best of Mises. Scrive una rubrica quotidiana di economia su The Epoch Times e parla diffusamente di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments