L’arcivescovo di Filadelfia, Charles Chaput, si è trovato nei giorni scorsi ad ospitare nella sua diocesi un incontro presso l’Università S. Joseph con il padre gesuita James Martin.

Sostenendo di non avere nessuna autorità per eventualmente decidere di sospendere l’incontro organizzato in una Università religiosa che risponde direttamente alle autorità della Congregazione di cui fa parte, chiarisce con questo articolo, apparso sul giornale online dell’archidiocesi di Philadelphia, la posizione della Chiesa Cattolica sull’attrazione per persone dello stesso sesso.

In risposta ai fedeli che gli avevano scritto preoccupati per la pessima fama del più famoso gesuita arcobaleno del momento e con uno stile che vuole non essere polemico ed utilizzando un linguaggio sempre corretto, mons. Chaput riesce a mettere molti puntini sulle i mettendo padre James Martin di fronte alla responsabilità di diffondere ambiguità ingannando le persone che lui si ostina a chiamare “cattolici LGBT”.

Ecco quanto ha scritto l’arcivescovo Chaput nella traduzione di Annarosa Rossetto.

 

mons. Charles Chaput, arcivescovo di Philadelphia

mons. Charles Chaput, arcivescovo di Philadelphia

 

Padre James Martin, SJ, ha parlato alla St. Joseph’s university all’inizio di questa settimana (martedì 17 settembre) su temi legati al suo libro  Un ponte da costruireE come mi aspettavo, alcune e-mail sono arrivate nella mia casella di posta che mettevano in discussione il suo insegnamento su questioni relative ai rapporti tra persone dello stesso sesso e mi esortavano a impedirne la presenza. In genere un vescovo locale non lo può fare, poiché la maggior parte delle università cattoliche opera sotto l’autorità della comunità religiosa che le promuove.

Padre Martin è stato a volte anche bersaglio di aspri attacchi personali. Come ho già detto, tali attacchi sono ingiustificabili e poco cristiani.

In realtà, padre Martin ha cercato con grande dedizione di accompagnare e sostenere le persone con attrazione per lo stesso sesso e disforia di genere. Molti dei suoi sforzi sono stati lodevoli e dobbiamo unirci a lui nel sottolineare la dignità delle persone in tali situazioni.

Allo stesso tempo, una modalità ambigua nei suoi insegnamenti tende a minare gli obiettivi da lui dichiarati, alienando le persone dallo stesso sostegno di cui hanno bisogno per un autentico sviluppo umano. A causa della confusione causata dalle sue dichiarazioni e attività relative alle questioni relative alle persone attratte dallo stesso sesso (LGBT), [i] trovo necessario sottolineare che Padre Martin non parla con autorità a nome della Chiesa e mettere in guardia i fedeli su alcune delle sue affermazioni.

Tra le mie preoccupazioni, voglio segnalare le seguenti:

1. Padre Martin suggerisce che le persone attratte dallo stesso sesso e quelle con disforia di genere dovrebbero essere etichettate in base alla loro attrazione e disforia, e chiede che si usi l’esparessioneCattolici LGBT” nei documenti e nel linguaggio della Chiesa. [ii] Ma mentre la Chiesa insegna che il corpo è parte integrante dell’identità umana, i nostri desideri sessuali non definiscono chi siamo. Se noi siamo in primo luogo definiti dalle nostre attrazioni sessuali, allora, al fine di realizzarci, ne conseguirebbe che noi dobbiamo identificarci ed agire in base alle nostre attrazioni.

Qualsiasi cosa richieda la negazione o la moderazione dei nostri appetiti sessuali equivarrebbe logicamente alla repressione e persino alla crudeltà. Questo è l’opposto del chiaro insegnamento del Vangelo secondo cui la nostra identità si trova in Gesù Cristo, perché creati a immagine e somiglianza di Dio e chiamati ad essere figli e figlie di Dio.

2. Padre Martin, in passato, ha suggerito che le persone nascono “gay”. Usando le sue stesse parole: “è un dato di fatto che le persone nascono in questo modo … (è una) verità psicologica, psichiatrica e biologica“. [ iii] In sua difesa, padre Martin sembra aver modificato questa visione; studi hanno recentemente dimostrato che non esiste un “gene gay” e che l’omosessualità è il prodotto di una varietà di fattori.

È vero che molte persone con attrazione per lo stesso sesso l’hanno sperimentata da quando sono in grado di ricordare, ma non esiste un consenso scientifico solido su quale sia la causa. Inoltre, le predisposizioni genetiche – nella misura in cui esistono – non dicono nulla sui benefici o sui danni cui sono predisposti chi le ha.

Qualsiasi implicazione secondo cui il comportamento di una persona sia predeterminato e che l’intelletto e il libero arbitrio abbiano uno scarso ruolo nella formazione e nel controllo dei suoi appetiti sessuali, è sia falsa che distruttiva, specialmente per i giovani.

3. Padre Martin suggerisce che l’insegnamento cattolico sull’attrazione per persone dello stesso sesso come “oggettivamente disordinata” (per esempio, nel CCC 2358) è crudele e dovrebbe essere modificato. Usando le sue stesse parole: “affermare che una delle parti più profonde di una persona – la parte che dà e riceve amore – è disordinata è inutilmente dannoso”. [Iv] Ma qui padre Martin travisa il credo cattolico. Come hanno sottolineato i vescovi statunitensi nel loro documento del 2006, Ministero per le persone con un’inclinazione omosessuale: linee guida per la pastorale:

“È di fondamentale importanza capire che dire che una persona ha una particolare inclinazione la quale è disordinata non significa dire che la persona nel suo insieme è disordinata. Né significa che uno è stato respinto da Dio o dalla Chiesa. Qualche volta la Chiesa viene male interpretata o travisata quando insegna che le persone con inclinazioni omosessuali sono oggettivamente disordinate, come se tutto ciò che le circonda fosse disordinato o reso moralmente difettoso da questa inclinazione. Piuttosto, il disordine è in quella particolare inclinazione, che non è ordinata verso il raggiungimento dei fini naturali della sessualità umana. Per questo motivo, agire in accordo con tale inclinazione semplicemente non può contribuire al vero bene della persona umana. Tuttavia, mentre la particolare inclinazione agli atti omosessuali è disordinata, la persona conserva la sua intrinseca dignità e valore umani. [V]

Vale la pena ricordare qui che il Catechismo descrive anche la lussuria, relazioni extraconiugali e sesso con la contraccezione (2351), masturbazione (2352) e persino i peccati non sessuali come la menzogna e la calunnia (1753), come intrinsecamente “disordinati”. Suggerire che la saggezza della Chiesa, radicata nella Parola di Dio e in secoli di esperienza umana, sia in qualche modo crudele o fuorviante reca grave danno alla sua missione. Famiglie sono state distrutte a causa di questa errata percezione e padre Martin purtroppo contribuisce all’ambiguità di questioni che richiedono una liberante chiarezza biblica.

4. Padre Martin collabora con organizzazioni come New Ways Ministry che si oppongono o ignorano l’insegnamento della Chiesa e sostiene eventi, come il mese del PRIDE, che creano confusione tra i fedeli. Al contrario, dobbiamo ribadire, come affermato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) nella sua Lettera ai Vescovi della Chiesa cattolica sulla pastorale delle persone omosessuali, del 1986 che

Dovrà essere ritirato ogni appoggio a qualunque organizzazione che cerchi di sovvertire l’insegnamento della Chiesa, che sia ambigua nei suoi confronti, o che lo trascuri completamente. Un tale appoggio, o anche l’apparenza di esso, può dare origine a gravi fraintendimenti.

5. Padre Martin – senza dubbio involontariamente – suscita la speranza che gli insegnamenti della Chiesa sulla sessualità umana possano essere cambiati. Nel suo libro, Un ponte da costruire, scrive: “Perché un insegnamento sia davvero autorevole, si prevede che sarà ricevuto dal popolo di Dio … Per quello che posso dire, nella comunità LGBT, l’insegnamento che le persone LGBT devono essere caste per tutta la vita … non è stato ricevuto.” [vi] Si potrebbe facilmente e falsamente dedurre da tale linguaggio che l’insegnamento della Chiesa sull’intimità sessuale manchi di autorità vincolante per i cattolici attratti dallo stesso sesso.

Ancora una volta a suo merito, padre Martin ha sottolineato che “come sacerdote cattolico, non ho … mai contestato gli insegnamenti [della Chiesa], né lo farò.” [Vii] Ma ciò che è implicito o omesso parla spesso chiaramente di ciò che si vuole davvero affermare, e nell’attuale clima, verità incomplete rappresentano, di fatto, una contestazione alla Fede cattolica autentica.

Quando la gente sente che “la Chiesa accoglie i gay” o che deve essere più “inclusiva e accogliente” senza anche sentire le modalità di una vita autenticamente cristiana stabilite da Gesù Cristo e dalla sua Chiesa per tutte le persone – vale a dire, vivere una vita di castità – può facilmente fraintendere la natura della conversione e del discepolato cristiani.

Per questo motivo, l’insegnamento cattolico richiede sempre qualcosa di più di affermazione educate o di un consenso proforma, in particolare da parte di coloro che discettano pubblicamente di questioni dottrinali. I fedeli cattolici attratti dallo stesso sesso hanno bisogno di sostegno e incoraggiamento nella virtù della castità. Meritano di sentire – come tutte le persone – la verità sulla sessualità umana pronunciata in modo chiaro e decisoQualsiasi cosa di meno manca sia di misericordia che di giustizia.

Nella sua Lettera del 1986 , la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ci avvertì,

Questa Congregazione desidera chiedere ai Vescovi di essere particolarmente vigilanti nei confronti di quei programmi che di fatto tentano di esercitare una pressione sulla Chiesa perché essa cambi la sua dottrina, anche se a parole talvolta si nega che sia così. Un attento studio delle dichiarazioni pubbliche in essi contenute e delle attività che promuovono rivela una calcolata ambiguità, attraverso cui cercano di fuorviare i pastori e i fedeli.“.

I sostenitori degli sforzi di padre Martin noteranno, correttamente, che diversi dirigenti della Chiesa hanno approvato il suo lavoro. Quei ecclesiastici sono responsabili delle loro parole – come lo sono io per me, come pastore della Chiesa di Filadelfia. E in particolare in questo ruolo di pastore, voglio estendere la cautela del CDF a tutti i fedeli della Chiesa di Filadelfia, riguardo all’ambiguità su questioni relative all’attrazione per lo stesso sesso riscontrate nelle dichiarazioni e nelle attività di padre James Martin.

 

 

***

[i]   Vedi, ad esempio, p. Martin commenta in “La scuola sfida l’Arcidiocesi di Indianapolis, rifiutando di licenziare l’insegnante che ha contratto un matrimonio omosessuale”, CBS News, 21 giugno 2019

[ii]   Rev. James Martin, SJ, “Riflessioni su due domande LGBT al Sinodo”, America , 12 ottobre 2018; Rev. James Martin, SJ, Costruire un ponte: come la Chiesa cattolica e la comunità LGBT possono entrare in una relazione di rispetto, compassione e sensibilità , edizione rivista e ampliata (New York: HarperCollins, 2018), 35.

[iii]       Da un video di Facebook intitolato “Domande e risposte sul recente commento del Papa” Dio ti ha fatto gay “.”

[iv]     Citato in Jonathan Merritt, “Questo consigliere vaticano sta spostando i cattolici verso l’inclusione LGBT”, Religion News Service, 6 giugno 2017.

[v]           http://www.usccb.org/about/doctrine/publications/homosexual-inclination-guidelines-general-principles.cfm

[vi]   https://www.firstthings.com/web-exclusives/2017/10/fr-martin-does-not-actually-say

[vii]   P. James Martin, SJ, “Qual è l’insegnamento ufficiale della Chiesa sull’omosessualità? Rispondere a una domanda frequente “, America , 6 aprile 2018.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email