Lunedì sera, Carlson ha presentato un nuovo episodio di Tucker su Twitter, sottolineando che “praticamente tutto” ciò che i media mainstream hanno riportato “sulla guerra in Ucraina è una bugia”. Questo include notizie che suggeriscono che l’esercito russo è debole e sta perdendo la guerra contro l’Ucraina, che è una “democrazia”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog la sintesi dell’intervista, che potete vedere qui sotto, che il Colonnello Douglas Macgregor ha rilasciato a Tucker Carlson. Il Colonnello Douglas Macgregor ha scritto saggi sulla guerra ed è stato decorato nella prima guerra in Iraq. La sintesi è stata fatta da Patrick Delaney e pubblicata su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

“Le forze ucraine vengono spazzate via dai russi”

Descrivendo lo stato attuale della guerra in Ucraina, lo studioso e autore militare ha riferito che le “bugie che sono state raccontate” negli ultimi 18 mesi dal governo e dai media stanno “crollando perché ciò che sta accadendo sul campo di battaglia è orribile”. Si tratta probabilmente di “400.000 uomini ucraini uccisi in battaglia”, tra cui “almeno 40.000 uccisi” nella “presunta controffensiva che avrebbe dovuto spazzare il campo di battaglia”.

Senza essere in grado di identificare quanti uomini sono stati feriti, Macgregor ha stimato con un certo livello di certezza che “40-50 mila soldati sono mutilati”.

Inoltre, i soldati ucraini a livello di plotone “si stanno arrendendo ai russi, non perché non vogliano combattere [ma] perché non possono più combattere” a causa dell’alto numero di feriti. E “i russi fin dall’inizio hanno sempre trattato i soldati ucraini in modo molto equo e rispettoso”, ha detto. “Quindi sanno che non saranno maltrattati o abusati”.

Pur ammettendo che il numero delle vittime russe è più difficile da determinare, il colonnello in pensione ha stimato “40-50 mila morti, [e] forse altri 40-50 mila feriti”. Osservando il significativo rapporto 1 a 8, Carlson lo ha definito “grottesco”.

 

L’intervento occidentale avrebbe conseguenze “devastanti” per gli Stati Uniti e la NATO “perché non siamo pronti a combattere i russi”.

“Piuttosto che ammettere che si tratta di una terribile tragedia che dovrebbe essere conclusa per motivi umanitari, se non altro… continueremo”, ha detto. “E questo mette i russi nell’infelice posizione di marciare ancora più a ovest”, fino al confine con la Polonia.

Macgregor ha poi spiegato che “il presidente Vladimir Putin e i suoi consiglieri non sono mai stati interessati a una guerra con la NATO o con gli Stati Uniti. Ecco perché c’è stato un tale incrementalismo, questo lento movimento in avanti, operazioni difensive per un lungo periodo per costruire la forza, e poi continue operazioni offensive”.

Il colonnello dell’esercito, che ha scritto la sua tesi di dottorato su un argomento legato alle forze armate russe, ha spiegato che Putin ha previsto la possibilità che gli Stati Uniti e la NATO intervengano nell’Ucraina occidentale.

Se ciò accadrà, “i russi saranno pronti”, ha detto Macgregor. “E le conseguenze per noi e per la NATO saranno devastanti, perché non siamo pronti a combattere i russi” a causa di quello che ha definito un “declino costante e ininterrotto della disciplina che fa combattere i soldati”.

Inoltre, le politiche di “divisione della forza su base razziale” e la promozione di individui “chiaramente non qualificati” sulla base di criteri che non hanno nulla a che fare con la competenza e il carattere, “sono demoralizzanti [e] distruttivi per gli istituti militari”. Minano la coesione che “al momento è solo una crepa [ma] diventerà una gigantesca spaccatura se si va in guerra”.

Inoltre, Macgregor ha affermato che “in termini di morale e disciplina, siamo vicini al punto in cui eravamo alla fine degli anni ’70”, avendo “perso il senso di ciò che è giusto”. E “dal 2001, la maggior parte dei combattimenti è stata su scala molto ridotta contro un nemico fugace”. L’attuale esercito americano non è “abituato a combattere contro chiunque possa reagire”.

 

“La cosa più intelligente che potremmo fare è porre fine a questa guerra”

Inoltre, l’ex comandante di carri armati, che ha ricevuto una stella di bronzo per il suo valore sotto il fuoco nella prima guerra in Iraq, ha parlato in dettaglio di come i carri armati americani siano datati e quindi molto vulnerabili alle armi moderne. I motori sono così caldi che possono essere facilmente rintracciati dai satelliti. “Quindi se pensi di nasconderti o di superare qualcuno, sei solo un bersaglio luminoso dallo spazio”.

Nella guerra moderna, “l’unico limite” alla capacità di un esercito “di colpire e distruggere il nemico sono le munizioni”, e “i russi non ne hanno affatto bisogno”, grazie a diverse fabbriche che le producono in quantità molto elevate. Al contrario, gli Stati Uniti non hanno “alcuna capacità di riserva” per far fronte a tali esigenze di produzione.

Macgregor ha chiarito che “il mondo è cambiato [e] la guerra è cambiata. Le difese aeree integrate metteranno fuori gioco praticamente tutto ciò che vola”, e lui e molti altri temono che gli Stati Uniti e la NATO “ripiegheranno su un deterrente nucleare” che potrebbe portare a una rapida escalation catastrofica.

“Stiamo vivendo in un terribile dilemma. La cosa più intelligente che potremmo fare è porre fine a questa guerra”, ha detto.

 

I neoconservatori sono “come i bolscevichi” e “hanno un’ascia di guerra permanente contro i russi”

In risposta a una domanda di Carlson, l’ex colonnello dell’esercito ha descritto il vicesegretario di Stato ad interim Victoria Nuland come “una neocon impegnata da tempo”, come il marito Robert Kagan e il cognato Fred Kagan, l’ultimo dei quali Macgregor ha detto di conoscere personalmente. “Ovunque vada, di solito ci sono conflitti, crisi e scontri. E lei è una forte sostenitrice della lotta fino all’ultimo ucraino”.

Secondo il deputato in pensione ed ex candidato alla presidenza Ron Paul, i neoconservatori sono gli eredi ideologici del primo terrorista bolscevico Leon Trotsky e credono nella “rivoluzione permanente, violenta e intellettuale”, nell’avanzamento dell’impero americano attraverso la “politica dura” e nel fatto che “la menzogna è necessaria allo Stato per sopravvivere”. Sostengono inoltre un “imperialismo” aggressivo per imporre un programma “progressista” (cioè LGBTQ) ad altre nazioni e “usare la forza americana per forzare” l’attuazione di questi obiettivi.

Altrove, Macgregor ha detto che i neocon “mi ricordano molto i bolscevichi” che nel 1917 rovesciarono violentemente lo zar in Russia per fondare l’Unione Sovietica. “Erano inflessibili, senza compromessi. Ed è quello che abbiamo a Washington. Queste persone sono completamente intransigenti”.

Di questo stesso gruppo di neocon dell’amministrazione fanno parte il segretario di Stato Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan. Il colonnello in pensione ha poi detto a Carlson che “la Russia ha un fascino particolare [per i neocon] perché penso che queste persone abbiano antenati che provengono da quella regione del mondo e hanno un’ascia di guerra permanente con i russi”.

Macgregor ritiene che la maggior parte degli americani non condivida tale astio nei confronti della Russia e suggerisce che non sia etico per un gruppo di persone prendere il potere e poi “modellare la politica sulla base di qualsiasi infelicità vissuta dai loro antenati in un luogo come la Russia”.

 

I politici statunitensi devono “capire che quello che abbiamo fatto ci si è ritorto contro”, la Russia si prepara a combattere la NATO

Mentre Sullivan continuerà a proporre che “i russi sono deboli” e “tutto ciò che dobbiamo fare è continuare a fare pressione e loro crolleranno”, Macgregor ha detto che “questa è stata una strategia infernale. Ha ucciso un gran numero di persone, creato milioni di rifugiati e distrutto il Paese, ma non ha danneggiato la Russia”. Oggi la Russia “è più forte di quanto non sia stata negli ultimi 30 o 40 anni. L’esercito russo è più potente e più capace di quanto non fosse a metà degli anni ’80”.

Inoltre, a causa dell'”intransigenza” e dell'”odio e ostilità dimostrati dal governo statunitense nei confronti di Mosca e della Russia”, il popolo russo e la sua leadership si sono convinti “che dovranno combattere contro di noi e contro chiunque sia alleato con noi. Quindi si stanno preparando per questa eventualità”.

Con fino a 750.000 truppe russe in Ucraina e nelle sue vicinanze in questo momento, e con un numero che dovrebbe salire a 1,2 milioni nel corso del prossimo anno, Macgregor ha detto che “è così importante che dobbiamo svegliarci [e] capire che quello che abbiamo fatto ci si è ritorto contro. Qualsiasi cosa ci siamo prefissati di ottenere è fallita. Quello che dobbiamo fare ora è fermare tutto questo e trovare un accordo” prima che la situazione finisca “fuori controllo”.

“Alla fine, [se] continuate così, nei prossimi sei [o] otto mesi, vedrete centinaia di migliaia di truppe russe al confine con la Polonia. Non è questo l’obiettivo che ci siamo prefissati”, ha detto.

 

Zelensky “un comico” che spesso interpreta un “travestito”, benedetto da Nuland e dal Dipartimento di Stato USA

Alla domanda sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Macgregor lo ha descritto come “un comico che si è guadagnato da vivere recitando sul palcoscenico e fingendo spesso di essere un travestito, facendo cose con varie parti del corpo che non voglio approfondire”. Sostenuto dall’oligarca miliardario Ihor Kolomoisky – che secondo il colonnello è probabilmente il maggior responsabile del finanziamento del battaglione neonazista Azov – e “benedetto da Victoria Nuland e dal Dipartimento di Stato come il loro uomo”, Zelensky si è originariamente candidato su una piattaforma di pace con la Russia ed è stato eletto con un’ampia maggioranza.

“Naturalmente, una volta entrato in carica, ha preso una strada diversa. E non posso fare a meno di pensare che quella strada sia stata definita per lui [dal governo statunitense]”, ha detto Macgregor.

I rapporti di giugno hanno rivelato che nell’aprile del 2022 gli ucraini e i russi erano giunti a un accordo di pace e che, in apparente risposta, il Primo Ministro britannico Boris Johnson aveva fatto una visita drammatica a Kiev, dopo la quale il regime di Zelensky aveva scartato l’accordo di pace e aveva abbracciato piuttosto un piano di guerra su larga scala contro il gigante confinante.

Ora, Macgregor ritiene che “sempre più ucraini vogliano solo sopravvivere” a questo conflitto, mentre “Zelensky e i radicali che lo circondano sono fondamentalmente impegnati a combattere questa guerra fino all’ultimo ucraino”. Inoltre, il colonnello afferma: “Sono sicuro che il signor Zelensky e i suoi amici sono ansiosi di ritirarsi a un certo punto nelle loro tenute in Florida, a Venezia o a Cipro per riscuotere i miliardi che sono riusciti a rubare o a sottrarre da tutti gli aiuti che abbiamo fornito. Ricordate che l’Ucraina è probabilmente uno dei luoghi più corrotti al mondo”.

 

Il travestito portavoce dell’Ucraina in contrasto con il lavoro di Putin per ripristinare “la Russia come Stato cristiano ortodosso”

Carlson ha poi mostrato un video del nuovo portavoce dell’esercito ucraino, che ha descritto come “un ragazzo americano, di sinistra, vestito da donna che ora indossa un’uniforme dell’esercito ucraino e parla di uccidere Putin”.

In risposta alla clip, Carlson ha detto che “c’è qualcosa di così perfetto in questo”, proponendo che il video di questo “ragazzo con i seni finti” rappresentava “la convergenza di ogni brutta tendenza anti-umana della vita moderna”.

Macgregor ha detto che, al contrario, la Russia è molto diversa da come era sotto l’Unione Sovietica, sostenendo che Putin ha lavorato per ripristinare “la Russia come uno Stato cristiano ortodosso con una vera identità nazionale e una forte cultura nazionale”.

“Probabilmente questo è un altro motivo per cui così tante persone vogliono distruggere la Russia, perché è l’ultimo Stato europeo che non è stato inondato di stranieri e trasformato in una sorta di esperimento poliglotta che sta fallendo malamente”, ha detto.

Sebbene Putin abbia tentato in tutti i modi di evitare un confronto militare in questa crisi dopo il colpo di Stato del governo ucraino sostenuto dagli Stati Uniti nel 2014, tra cui la garanzia di pari diritti di fronte alla legge per i russi, la neutralità dell’Ucraina e la fine della guerra del governo di Kiev contro le province orientali di etnia russa, Macgregor afferma che questi obiettivi sono ora naturalmente cambiati.

Gli obiettivi di Mosca sono cambiati e questa guerra potrebbe “raggiungere anche noi qui negli Stati Uniti”.

Ciò che resta dell’Ucraina dovrà rimanere neutrale e non essere membro della NATO. “I russi non tollereranno mai la presenza di forze NATO sul suolo ucraino perché [gli Stati Uniti] hanno dimostrato in modo inequivocabile che siamo fondamentalmente ostili alla Russia”.

Ad esempio, il colonnello ha menzionato il naturale timore del Cremlino che i missili della NATO possano essere posizionati nell’Ucraina orientale, mettendoli “a un paio di minuti di distanza da tutte le città russe e da tutto il deterrente nucleare della Russia”, cosa assolutamente intollerabile.

Infine, ritiene che Mosca dovrà stabilire qualche mezzo per avere voce in capitolo su chi governerà la nuova “Ucraina che rimane”, al fine di “garantire che dietro le quinte non siano nuovamente sottoposti al trattamento che abbiamo riservato loro negli accordi di Minsk” (per saperne di più).

Infine, Macgregor ha avvertito che, poiché gli Stati Uniti non dispongono di “ottime difese aeree”, in quanto “non abbiamo combattuto contro nessuno che ci costringesse a difenderci da attacchi missilistici e aerei”, la patria americana è notevolmente vulnerabile agli armamenti moderni.

“In altre parole, se la guerra con la Russia è in corso nell’Europa centro-orientale, essa ci raggiungerà qui negli Stati Uniti”, ha affermato. E “la gente non ci pensa”.

Patrick Delaney

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments