Una nuova analisi degli studi pubblicati sulla rivista scientifica più importante dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) (importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America, ndr) ha rilevato che l’agenzia ha promosso l’efficacia delle mascherine utilizzando dati inaffidabili e conclusioni non supportate da prove. Tra gli autori figurano Vinay Prasad, un ematologo-oncologo, professore associato di epidemiologia e biostatistica alla University of California, San Francisco, e autore di Ending Medical Reversal. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Megan Redshaw, J.D. e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

folla di persone con mascherina

 

Una nuova analisi degli studi pubblicati sulla rivista scientifica più importante dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) (importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America, ndr) ha rilevato che l’agenzia ha promosso l’efficacia delle mascherine utilizzando dati inaffidabili e conclusioni non supportate da prove.

Il preprint, pubblicato l’11 luglio su MedRxiv, ha rivelato che il Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) del CDC ha espresso conclusioni positive sull’efficacia delle mascherine nel 75% dei casi, nonostante solo il 30% degli studi abbia testato le mascherine e meno del 15% abbia ottenuto “risultati statisticamente significativi”.

Nessuno studio è stato randomizzato, eppure il CDC, in oltre la metà dei suoi studi MMWR, ha rilasciato dichiarazioni fuorvianti che indicano una relazione causale tra l’uso della mascherina e la diminuzione dei casi o della trasmissione di COVID-19, nonostante non sia stata dimostrata l’efficacia della maschera.

L’uso inappropriato del linguaggio causale negli studi MMWR è stato adottato direttamente dall’allora direttore dei CDC, la dottoressa Rochelle Walensky, per promuovere le mascherine e le raccomandazioni che esortano gli americani a indossare la mascherina. Gli autori hanno dichiarato che i loro risultati “sollevano preoccupazioni sull’affidabilità della rivista per informare la politica sanitaria” e suggeriscono pregiudizi all’interno della rivista.

Il MMWR, spesso definito “la voce del CDC”, è il principale veicolo dell’agenzia per la “pubblicazione scientifica di informazioni e raccomandazioni tempestive, affidabili, autorevoli, accurate, obiettive e utili per la salute pubblica”.

La pubblicazione, soggetta solo a revisione paritaria interna all’agenzia, viene spesso utilizzata per elaborare politiche sanitarie nazionali. Ad esempio, i requisiti della mascherina implementati durante la pandemia COVID-19 per i lavoratori federali, i viaggiatori, le scuole, le aziende, gli operatori sanitari e i programmi Head Start “rispecchiano” le raccomandazioni del CDC.

Tra i 77 studi citati nel MMWR dell’agenzia e utilizzati per promuovere le mascherine, i ricercatori hanno riscontrato quanto segue:

  • Solo 23 studi su 77 hanno valutato l’efficacia delle maschere; tuttavia, 58 studi su 77 hanno affermato che le maschere erano efficaci.
  • Dei 58 studi, 41 usavano il “linguaggio causale” e 40 il linguaggio causale abusato. Il linguaggio causale è dove “un’azione o un’entità è presentata esplicitamente come influenzante un’altra” e non dovrebbe essere usata negli studi osservazionali perché questi tipi di studi identificano semplicemente “associazioni” e non possono stabilire che le “associazioni identificate rappresentano relazioni di causa ed effetto. “
  • Secondo l’analisi, i 40 studi che hanno utilizzato il linguaggio causale hanno indicato con certezza che la mascherina abbassi i tassi di trasmissione, nonostante i loro risultati, al massimo, abbiano trovato una correlazione. Inoltre, 25 dei 40 studi non hanno nemmeno valutato l’efficacia delle mascherine. L’unico studio rimanente ha utilizzato un linguaggio causale relativo alla filtrazione delle particelle su manichini con “rilevanza sconosciuta per la salute umana”.
  • Dei 58 studi citati sopra, solo uno ha menzionato dati contrastanti sull’efficacia della maschera: gli autori hanno osservato che si trattava di uno studio internazionale incentrato principalmente sull’influenza.
  • Quattro dei 77 studi hanno registrato più casi nel gruppo delle mascherine rispetto al gruppo di confronto, ma tutti e quattro gli studi hanno concluso che le mascherine erano efficaci.

Nessuno dei 77 studi valutati dopo il 2019 è stato randomizzato e nessuno ha citato dati randomizzati. Gli studi randomizzati sono il “gold standard” per determinare se un intervento o un trattamento è efficace. Invece, il CDC ha utilizzato più comunemente studi osservazionali senza controlli o gruppi di confronto.

 

Caratteristiche selezionate delle 77 pubblicazioni del Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWRR) relative alle mascherine. (The Epoch Times)
Caratteristiche selezionate delle 77 pubblicazioni del Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWRR) relative alle mascherine. (The Epoch Times)

 

“Onestamente, è sorprendente e spaventoso quanto sia stato apparentemente efficace/convincente per il @CDCgov affermare più e più volte che le mascherine sono ‘critiche’ e ‘importanti’ nonostante la totale mancanza di dati di alta qualità a supporto”, ha dichiarato in un tweet la dottoressa Tracy Høeg, epidemiologa e co-autrice dello studio. Sarà difficile fidarsi della rivista, che viene utilizzata per informare le decisioni di politica sanitaria, in futuro, ha aggiunto.

 

Preoccupazioni per i pregiudizi e i dati errati ignorati dal CDC

I ricercatori hanno già sollevato in passato dubbi sulla parzialità della pubblicazione di MMWR, sulla metodologia errata e sugli errori commessi dal CDC che di solito giustificano la ritrattazione.

Contestare la rivista è difficile perché il MMWR è soggetto a un proprio “processo di autorizzazione” all’interno dell’agenzia che lo pubblica, anziché alla revisione paritaria indipendente a cui sono sottoposte le altre riviste scientifiche.

Delle mascherine pubblicate nel MMWR, il 91% aveva uno o più autori affiliati al CDC, con una media di 13 autori per articolo, alcuni dei quali coautori di più articoli. In totale, gli autori sono stati 1.544, il che “dimostra il grande impegno profuso nello studio e nella pubblicazione di questo argomento sulla rivista”, hanno dichiarato i ricercatori.

Inoltre, a partire da settembre 2020, gli incaricati politici potrebbero “richiedere la possibilità di rivedere e revisionare i rapporti scientifici” di MMWR. Il processo utilizzato per analizzare e pubblicare i dati scientifici nell’MMWR, che viene poi promosso dal CDC, non è stato reso pubblico.

I ricercatori hanno detto che il coinvolgimento politico e la mancanza di responsabilità da parte di esperti esterni non affiliati al CDC potrebbero influenzare la capacità della rivista di valutare i dati scientifici in modo obiettivo e potrebbero spiegare perché l’agenzia “rimane un’eccezione internazionale” nel continuare a raccomandare le mascherine per la COVID-19 in circostanze specifiche, compresi i bambini di due anni.

Megan Redshaw, J.D.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments