La domanda del titolo riflette una questione molto concreta che nella Chiesa molti dovrebbero porsi e dare soprattutto una risposta. Ci aiuta in questo il teologo morale E. Christian Brugger, con il suo contributo pubblicato sul National Catholic Register. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccino-covid-vaccinazione
foto ANSA

 

D. L’arcivescovo di Moncton, New Brunswick, Canada, ha recentemente istituito una linea guida che richiede a chiunque partecipi alla messa di essere completamente vaccinato contro il COVID-19. Diversi giorni dopo ha ritirato tale indicazione. Non vivo in NB, sono in Ontario ma temo una linea politica così ristretta in tutto il Canada. Attualmente, possiamo assistere alla messa purché usiamo una maschera. Sono d’accordo con questa e altre misure protettive, ma ho pensato che “obbligare” la vaccinazione fosse contro l’insegnamento morale cattolico poiché interferisce con il nostro libero arbitrio. Spieghi per favore. — Maria

R. Sono lieto che il vostro vescovo abbia fatto marcia indietro sulla sua decisione, ma altri vescovi hanno introdotto obblighi simili. Quindi la domanda merita di essere approfondita.

Sappiamo che la maggior parte dei cattolici ha concluso che dovrebbe ricevere la vaccinazione COVID 19. 

Ma alcuni hanno concluso che non dovrebbero. Sono spesso trattati come irragionevoli, sospettati di pensieri magici o cospirazionisti e trattati come irresponsabili. Rischiano di perdere il lavoro, di vedersi rifiutare l’esenzione religiosa dai capi della Chiesa e di essere ora minacciati di essere allontanati dai sacramenti. Non riesco a pensare a nessun gruppo di cattolici, né eretici né manifestamente famigerati, che siano stati trattati così severamente nella memoria recente.

 

Spetta alla coscienza di ogni uomo giudicare se ricevere o meno la vaccinazione per il COVID. Purtroppo il concetto di coscienza è mal interpretato. 

San Tommaso d’Aquino e il Concilio Vaticano II insegnano che la coscienza è il punto finale di un processo di riflessione su qualche alternativa, chiamatela x. Voglio sapere se x è moralmente ammissibile, moralmente richiesto o moralmente proibito. Chiedo, cerco consiglio e prego per avere una guida, e alla fine giungo a un giudizio, a una conclusione morale che x è lecito, proibito o richiesto per me qui e ora. Quella conclusione, quel giudizio, è coscienza. 

Quando diciamo che la coscienza deve essere debitamente formata, intendiamo dire che la nostra conoscenza morale deve essere vera, dobbiamo essere rettamente educati, in modo che quando riflettiamo, siamo capaci di giudicare il male come male e il bene come bene. Ciò non garantisce che prenderemo buone decisioni, poiché il processo decisionale spesso implica qualcosa di più del passaggio da semplici premesse morali a determinate conclusioni. Ma se la nostra conoscenza morale è errata, distorta o carente, è molto meno probabile che esprimiamo buoni giudizi. La nostra deliberazione deve essere adeguatamente approfondita affinché possiamo vedere il più ampiamente possibile i beni promessi e i beni minacciati da qualche alternativa in esame. 

Per quanto riguarda il vaccino COVID-19, la conoscenza morale di alcune persone è errata. Alcuni credono erroneamente che la vaccinazione sia intrinsecamente malvagia, mentre altri insistono che sia moralmente richiesta a tutti. La verità, affermata sia nella Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede che nel documento dell’USCCB “Considerazioni morali“, è che ricevere una vaccinazione COVID è lecito, ma non moralmente richiesto

 

Il motivo per cui non è moralmente richiesto è che ci possono essere buone ragioni per rifiutare. Quali sono alcuni di questi motivi? 

Alcuni sono preoccupati per la sicurezza dei nuovi vaccini mRNA. C’è ancora molto che non sappiamo sull’azione dei sieri sperimentali, il più ovvio dei quali sono i loro effetti a medio e lungo termine sulla salute umana. 

I dissenzienti sui vaccini leggono che un gran numero di operatori sanitari, in particolare quelli più vicini ai pazienti, rifiutano il vaccino. Imparano che i vaccini possono agire in modo diverso da quanto inizialmente previsto e che comportano rischi che non avevamo previsto. Quindi, volendo evitare i possibili danni che potrebbero derivare dal ricevere un farmaco sperimentale, concludono che non dovrebbero prendere il vaccino.  

Altri dissenzienti hanno appreso presto che nel processo di commercializzazione dei tre vaccini più comunemente usati negli Stati Uniti, i ricercatori si sono basati su una linea cellulare che in origine è stata creata utilizzando il tessuto fetale di una bambina non ancora nata che è stata uccisa dall’aborto negli anni ’70. Hanno preso in considerazione l’argomento ampiamente ripetuto che, date le cattive conseguenze del non essere vaccinati, e in assenza di alternative praticabili, e se manifestano le loro obiezioni morali sulla dipendenza del vaccino da linee cellulari contaminate dall’aborto, non deve essere un male ricevere uno dei tre vaccini disponibili. Essi danno il loro assenso a tutto questo, ma ancora giudicano che non dovrebbero essere vaccinati. Credono che Gesù li chiami a obiettare coscienziosamente per testimoniare in modo speciale il male dell’aborto, sia l’aborto in generale, sia la malvagità dell’uso continuo del tessuto fetale nella ricerca scientifica.

 

La questione della vaccinazione è una questione difficile da bilanciare tra i benefici che si possono ottenere dall’assunzione del vaccino rispetto ai rischi accettati. Nessuno dovrebbe trattare la domanda come se fosse un semplice Sì o No, bianco e nero. 

I nostri funzionari pubblici e i principali media hanno utilizzato ogni mezzo possibile per comunicare l’urgenza e la necessità della vaccinazione contro il COVID. Molte persone hanno espresso la sensazione che una così vasta campagna di promozione pubblica sui vaccini sia una forma di manipolazione dannosa per il nostro Paese. Non c’è un’altura morale qui. Se dopo una deliberazione responsabile, qualcuno giudica che le ragioni per rifiutare la vaccinazione siano più forti di quelle per prenderla, allora la sua conclusione dovrebbe essere rispettata. 

Si può ricordare loro la loro responsabilità sociale, che la vaccinazione, come molti credono, è nell’interesse del bene comune, e che a volte siamo chiamati a fare ciò che non vorremmo per il bene degli altri. Dissenzienti come Maria sono d’accordo e prendono le dovute precauzioni per proteggere i loro vicini.

Ma quello che tutti devono capire è che se qualcuno dissente per uno o entrambi i motivi sopra citati, il suo giudizio morale si fonda sul rispetto dei beni umani: la salute umana da un lato e la testimonianza del Vangelo della vita dall’altro. E sebbene queste ragioni non equivalgano a un divieto assoluto di vaccinazione, che vincola tutti ovunque, sono sufficienti a fondare particolari giudizi di coscienza negativi. 

 

Maturare tali giudizi è il compito dell’essere un adulto moralmente maturo. E quindi i giudizi non dovrebbero essere soggetti a coercizione.

Parlando della libertà di coscienza in materia religiosa, la Dignitatis Humanae del Vaticano II insegna (riprendo direttamente il testo italiano, ndr):

Il contenuto di una tale libertà è che gli esseri umani devono essere immuni dalla coercizione da parte dei singoli individui, di gruppi sociali e di qualsivoglia potere umano, così che in materia religiosa nessuno sia forzato ad agire contro la sua coscienza né sia impedito, entro debiti limiti, di agire in conformità ad essa

Questo significa che i leader della Chiesa e dello stato non possano mai attribuire incentivi a particolari alternative che, a giudizio dei leader, sono maggiormente nell’interesse del loro collegio elettorale? Ovviamente no. Solo i più irragionevoli si sono opposti a ogni restrizione pubblica durante l’era COVID. 

Ma imporre una politica punitiva uguale per tutti che porti alla privazione forzata dei mezzi di sussistenza di un uomo o alla prevenzione forzata di una donna dal partecipare alla Santa Messa, questo è spregevole e ingiusto.

 

I leader fin dall’inizio avrebbero dovuto adottare un approccio ben ripartito. Le persone con più di 70 anni, in particolare quelle che soffrono di comorbilità, sono particolarmente vulnerabili al COVID-19 e alle sue varianti. Quelli tra i 30 e i 40 anni sembrano meno. E molti medici si oppongono del tutto alla vaccinazione contro il COVID per i bambini. 

“Non c’è spazio”, hanno scritto 93 medici israeliani, “per vaccinare i bambini in questo momento. … Al momento non esiste alcuna giustificazione ‘altruistica’ per vaccinare i bambini per proteggere le popolazioni a rischio”.

I pastori della Chiesa dovrebbero aiutare i fedeli a prendere buone decisioni, non a prendere la decisione che vuole il pastore. 

Ma per fare questo, abbiamo bisogno di accedere alle migliori informazioni disponibili, informazioni che difendono e criticano i vaccini mRNA. La censura sulle critiche ai vaccini da parte dei principali media e social network è stata agghiacciante. 

 

La campagna pubblicitaria del vaccino pubblico in primo piano e le prove inquietanti del rischio sullo sfondo stanno causando divisione nazionale. Lo stesso nella Chiesa. La censura sta suscitando e dando falsa credibilità all’estremismo da entrambe le parti. I difensori acritici stanno trattando coloro che dopo approfondita valutazione sono dissenzienti sui vaccini  come eretici. 

Se le persone decidono che preferiscono soffrire di COVID piuttosto che rischiare di essere vaccinate, non dovrebbero essere rimproverate. I pastori possono chiedere loro di continuare il distanziamento sociale, indossare una mascherina, ricevere la Comunione sulla mano, essere vigili per ridurre al minimo le interazioni con gli altri, ecc. Ma bandirli dalla messa? 

Con gratitudine, la maggior parte dei tentativi in ​​tal senso è stata interrotta in quanto eccessiva. Eppure le tensioni hanno causato notevole ansia. 

Chiaramente, i pastori devono esortare i fedeli a informare in modo intelligente le loro coscienze. E nessuno dovrebbe punire coloro con cui non sono d’accordo sulla vaccinazione COVID.

 

 

Facebook Comments