A me tutta questa faccenda ricorda un altro personaggio italiano iper-perseguitato dalla magistratura. E poi…

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Philip Holloway e pubblicato su TownHall. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Donald Trump
Donald Trump

 

Sebbene non si sappia ancora bene come sarà strutturato, il caso del procuratore distrettuale di Manhattan contro Trump è diventato di dominio pubblico a sufficienza per poterne conoscere i parametri generali. Il fulcro del caso è un’accusa di reato ai sensi dell’articolo 175 per aver presumibilmente falsificato i suoi documenti aziendali. L’ipotesi è che Trump abbia pagato al suo ex avvocato 130.000 dollari in una serie di rimborsi a Cohen e li abbia etichettati come spese legali per nascondere che il denaro era in realtà destinato a pagare l’attrice di film per adulti Stormy Daniels per un accordo di non divulgazione e che in qualche modo questo schema ha violato le leggi elettorali federali.

Da un punto di vista legale, questo bizzarro esercizio del potere giudiziario dello Stato per perseguire quello che è essenzialmente un presunto reato federale è gravemente scorretto.

Per cominciare, non è un crimine essere un donnaiolo, se effettivamente Trump ha avuto una relazione con la signora Daniels. Lei ha affermato pubblicamente che non c’è stata alcuna relazione – ma chi può dirlo. Non è nemmeno un crimine per Trump pagare il cosiddetto “silenzio”. Odio quando la gente lo chiama così. Si tratta di un contratto legale chiamato “accordo di non divulgazione” e non è affatto raro. Soprattutto per una celebrità che è un uomo sposato con molti interessi commerciali. Ci sono una miriade di ragioni – non legate alla sua campagna presidenziale – per cui Trump ha pagato il denaro alla signora Daniels.

Il caso è giuridicamente difettoso per un secondo motivo importante. In particolare, il procuratore di Manhattan ha un grosso problema di prescrizione.

Vale la pena notare che la Commissione elettorale federale e il Dipartimento di Giustizia hanno già esaminato la questione e non hanno preso provvedimenti quando era ancora fresca. Ciononostante, il procuratore Bragg sta essenzialmente cercando di infilare un reato federale di finanziamento delle campagne elettorali in un’accusa di diritto statale relativa ai documenti aziendali. Il caso di documentazione commerciale ai sensi della Sezione 175 è un reato minore e la prescrizione è di due anni. Se il procuratore Bragg riesce a infilare una presunta violazione delle leggi federali sul finanziamento delle campagne elettorali nell’accusa relativa alla Sezione 175 – nonostante sia un procuratore statale e non un procuratore degli Stati Uniti – allora il caso dei registri commerciali diventa un reato e ha una prescrizione di cinque anni. Il mio iPhone mi dice che siamo nel 2023, quasi sette anni dopo che il reato di cui alla Sezione 175 sarebbe stato commesso. Quindi, il termine di prescrizione è chiaramente scaduto. Ciononostante, attendo con ansia di vedere quale strampalata teoria legale il procuratore Bragg tirerà fuori dal suo ….. per sostenere che la prescrizione non è in qualche modo scaduta.

Forse il difetto più grande della potenziale incriminazione è di natura morale. L’intera faccenda è immorale e marcia fino al midollo. Si tratta di un’arma politica del sistema giudiziario penale. Questa attesa incriminazione arriva mentre la stagione delle elezioni presidenziali del 2024 sta entrando nel vivo. Donald Trump è in testa in alcuni sondaggi e cerca di ottenere la candidatura repubblicana alla presidenza degli Stati Uniti. Se questa accusa fosse stata davvero fondata sulla buona fede, avrebbe potuto essere perseguita già al momento in cui si sarebbe verificata. Non c’è alcuna ragione legittima per presentarla ora. Solo politica.

Il sistema giudiziario si basa sulla fiducia. Dobbiamo avere fiducia che i pubblici ministeri che eleggiamo per servire le nostre comunità eserciteranno il potere impressionante del loro ufficio in modo equo, obiettivo e senza tener conto dei loro pregiudizi politici personali. L’opinione pubblica deve avere fiducia nel fatto che i pubblici ministeri usino il loro potere per perseguire obiettivamente i crimini legittimi.

Questa incriminazione rappresenterebbe una perversione del processo giudiziario e minerebbe la fiducia del pubblico. Questo palese abuso di potere iperpartitico minerà la fiducia dell’opinione pubblica e avvelenerà i casi legittimi che hanno davvero bisogno di essere perseguiti. New York è nel mezzo di una crisi criminale senza precedenti. Ci si augura che il procuratore Bragg persegua e persegua aggressivamente assassini, stupratori e rapinatori con lo stesso zelo con cui sta perseguendo l’ex Presidente degli Stati Uniti per un presunto reato contabile di sette anni fa.

Nessuno che stia prestando attenzione ha bisogno che gli dica che Trump non è in territorio amico. Il procuratore distrettuale e quasi tutti i politici di New York sono democratici e Trump è la rovina dell’esistenza di ogni democratico. Si spera che Trump trovi un giudice equo e imparziale che non abbia paura di fare la cosa giusta e di respingere qualsiasi accusa legalmente difettosa, ma non sto trattenendo il respiro. Non riesco nemmeno a pensare a come Donald Trump potrebbe trovare una giuria equa a New York.

Philip Holloway

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments