Card. Jozef De Kesel

Card. Jozef De Kesel

 

Fonte: Lifesitenews:

Guardando indietro al 2019, il cardinale Jozef De Kesel di Malines-Bruxelles scopre che gli eventi più importanti di quell’anno si sono concentrati sull’ambiente e sull’immigrazione, con uno spazio per l’aborto, l’ateismo e il Sinodo amazzonico inclusi. In un’intervista di 3.000 parole con il sito web cattolico ufficiale del Belgio francofono, cathobel.be, ha descritto l’impegno dei giovani che “hanno dimostrato per la salvaguardia del nostro pianeta” come ciò che manterrà “dal lato positivo”.

La maggior parte delle sue preoccupazioni sembrano essere principalmente sociali. Come ex protetto del cardinale Danneels, ex arcivescovo di Bruxelles e molto vicino a papa Francesco, De Kesel ha chiaramente scelto di seguire le orme di Danneels.

Jozef De Kesel è stato nominato primate del Belgio alla fine del 2015 da papa Francesco, portando un nuovo orientamento alla diocesi di Bruxelles, dove il suo predecessore molto più tradizionale, mons. André Léonard, non aveva mai ricevuto il cappello del cardinale associato a quella sede. De Kesel è stato creato cardinale meno di un anno dopo esser succeduto a Léonard.

Da allora, ha fatto una serie di dichiarazioni favorevoli alla Comunione per i divorziati e “risposati”, in linea con Amoris Laetitia, e (secondo una rivista omosessualista ) alle coppie LGBT nelle relazioni in cui “stabilità e fedeltà assumono il posto centrale. ”  

De Kesel è stato intervistato all’inizio di questo mese da Vincent Delcorps, del servizio stampa della Conferenza episcopale belga, al fine di presentare la sua retrospettiva personale sull’anno appena concluso.

Combattere “per il pianeta” è stato il primo problema che gli è venuto in mente:

Il 2019 è stato un anno importante per l’ecologia, soprattutto grazie a questi giovani che sono risuciti a mobilitare l’opinione pubblica. Oggi siamo davvero consapevoli del problema, è diventato difficile negarlo – anche se la COP 25 a Madrid non è stata un grande successo [.] … Questa sfida riguarda tutti e richiede di lavorare insieme. Per l’Europa, che è un po’ carente di prospettiva, questo è un grande progetto! Ma l’Europa deve anche lavorare con altri partner nel mondo [.]

Le dimostrazioni dei giovani sono state orchestrate intorno alla personalità di Greta Thunberg, l’adolescente svedese che soffre della sindrome di Asperger, che viene propagandata come il poliziotto della rabbia giovanile contro la cattiva gestione della Madre Terra da parte degli adulti. Fu lei a lanciare gli scioperi del venerdì per il clima, in cui i giovani in età scolare posarono le penne e lasciarono le loro classi per cambiare il mondo.

Più avanti nell’intervista, il cardinale De Kesel è tornato alle sue preoccupazioni ecologiche commentando il Sinodo dell’Amazzonia, chiarendo che la dimensione cattolica (se presente …) dell’evento doveva essere relegata in secondo piano. Egli ha detto:

In Occidente si parlava principalmente del Sinodo in relazione alla questione del celibato sacerdotale. Ma il Sinodo non è stato principalmente convocato per discutere di questo argomento, ma per affrontare una questione ecologica che è importante per l’America Latina e il mondo intero. Vorrei aggiungere che le questioni ecologiche e sociali sono collegate: quando le grandi aziende sfruttano la terra per il proprio profitto, sfruttano anche i poveri! Con questo sinodo, quindi, la Chiesa ha inviato un forte segnale ecologico e sociale. Mi dispiace che la stampa non abbia riferito di più al riguardo.

Tra le altre cose che lo hanno interessato nel 2019, De Kesel ha parlato dell’attuale dibattito sull’aborto in Belgio, dove sono stati compiuti sforzi per liberalizzare la legge attuale.

“Noto che c’era il desiderio di approvare una nuova legge sull’aborto il più presto possibile. Oggi, anche i politici sono un po’ più cauti. Sono lieto di questo, perché su tali questioni, abbiamo bisogno di un dibattito sociale. Sulla stampa, molte persone, in particolare quelle che lavorano nel settore dell’assistenza, hanno parlato apertamente”, ha detto.

Il cardinale si riferiva in particolare a una dichiarazione fatta a novembre da oltre 700 medici, ostetriche, infermiere e psicologi che hanno firmato una chiamata ai parlamentari per non prolungare il periodo di aborto legale da 14 a 18 settimane. Alcuni giorni dopo, 1.500 tra medici e personale medico hanno dichiarato il contrario. È giusto avere “dibattiti” sul periodo in cui è legale uccidere un nascituro?

De Kesel, parlando con – si suppone – un giornalista cattolico nei media ufficiali dei vescovi francofoni del Belgio, è entrato nel dibattito. Egli ha detto:

Il periodo entro il quale è possibile effettuare un aborto non è cosa da poco: c’è una grande differenza tra dodici e diciotto settimane. A diciotto settimane, l’operazione è molto più onerosa sia per la donna che per il medico.

La sua convinta condanna dell’aborto in quanto tale seguì: “Inoltre, va ricordato che l’aborto è sempre un fallimento e non sarà mai una normale procedura medica”. Un fallimento? O un “abominevole crimine”, come lo chiamava il Concilio Vaticano II?

Il vescovo aveva altri ricordi speciali del 2019?

Sì, li ha. “La Brexit. Non in quanto tale, ma perché rivela una tendenza a ritirarsi in sé stessi. Questa è una tendenza che può essere trovata in diversi paesi europei, ma anche negli Stati Uniti e in Russia”. Nella linea di ponti, non muri, il cardinale De Kesel si è attaccato al suo discorso sociopolitico, rimpiangendo che “di fronte alle molte sfide del nostro mondo, la paura insorge: paura dell’altro, del migrante, dello straniero”.

Ciò è diventato ancora più chiaro quando il cardinale ha parlato della “speranza” di cui la società ha bisogno – non la speranza della redenzione, né la gioia della verità, ma la speranza di combattere la povertà, “la richiesta di maggiore solidarietà”.

In un chiaro ritorno all’orizzontalità degli anni post-Vaticano II, De Kesel ha parlato prima di tutto della politica e del ruolo dei politici:

Credo che se vogliamo una società in cui i giovani possano trovare la speranza, dobbiamo tenerne conto nel modo in cui governiamo il paese. Un esempio: negli anni ’80 Margaret Thatcher affermava che non esisteva la società, che c’erano solo individui. Se seguiamo questa logica, significa che tutti devono essere responsabili di sé stessi. Questa è la logica dell’individualismo.

Questo, a proposito, è un tradizionale errore di sinistra di Margaret Thatcher. Quando l’ex primo ministro del Regno Unito ha implorato di non fare affidamento sul governo per tutto, ha detto: “Penso che abbiamo attraversato un periodo in cui a troppi bambini e persone è stato dato di intendere ‘Ho un problema, è compito del governo affrontarlo’… e quindi stanno gettando i loro problemi sulla società, e chi è la società? Ci sono singoli uomini e donne e ci sono famiglie, e nessun governo può fare nulla se non attraverso le persone, e le persone guardano prima a sé stesse. È nostro dovere prenderci cura di noi stessi e poi del nostro prossimo … e le persone hanno troppo in mente i diritti senza gli obblighi”.

Ha continuato insistendo sul fatto che “non esiste una cosa come la società”, nel senso che la società non è responsabile di tutto ciò che è malvagio, e che le persone, specialmente le famiglie, dovrebbero prima avere un senso dei propri obblighi e prendersi cura di più dei loro vicini. Il suo famoso discorso è stato un appello al rafforzamento di istituzioni sociali come famiglie, chiese, scuole e associazioni di volontariato e altre associazioni.

De Kesel, d’altra parte, ha chiaramente chiesto un maggiore coinvolgimento del governo, sempre maggiore, come quando ha suggerito che l’Europa dovrebbe intraprendere una lotta contro i cambiamenti climatici come entità e invitare il resto del mondo a partecipare.

Nel corso dell’intervista, quando gli è stato chiesto come ripristinare la speranza, il cardinale De Kesel ha nuovamente eluso la risposta specificamente cattolica dicendo:

La domenica, quando commento il Vangelo, cerco sempre di mostrare come la nostra fede cristiana ci impegna in una società più giusta. Non daremo speranza ai giovani solo minimizzando i loro problemi. Dobbiamo impegnarci attivamente per costruire una società più fraterna. E anche in questo caso, il ruolo dei politici è importante. I politici non devono solo agire secondo l’opinione pubblica; devono anche cercare di modellare l’opinione pubblica. Abbiamo bisogno di leader che possano dire cose che non vogliamo necessariamente ascoltare. I politici non stanno servendo il proprio partito, ma il bene comune!

De Kesel non vuole vedere chiese che si occupano solo dei propri affari. “Sto combattendo contro la privatizzazione della religione”, ha assicurato, aggiungendo: “Per quanto rispetto pienamente l’ateismo, non trovo serio questo desiderio di confinare le religioni nella sfera privata”. Un cardinale cattolico che rispetta l’ateismo in quanto tale – e non le persone che potrebbero professarlo – è davvero una cosa strana.

Rispondendo a una domanda sulla scarsità di sacerdoti in Belgio, dove oltre la metà dei sacerdoti diocesani ha più di 75 anni, De Kesel ha riconosciuto che “la Chiesa ha già cambiato molto”, in particolare per quanto riguarda il ruolo dei laici e di diaconi permanenti.

Per quanto riguarda il ruolo delle donne, ha dichiarato: “Su questo argomento dobbiamo continuare. La Chiesa dovrebbe essere più coinvolta [.] … Alle donne devono essere attribuite maggiori responsabilità”.

Le donne dovrebbero essere ordinate sacerdote? Ha chiesto l’intervistatore. “Questa è un’altra questione”, ha detto De Kesel.

“È quello che desidera?” ha insistito Vincent Delcorps.

“Bene, vedremo. Ci sono elementi teologici ma anche culturali: non è da dimenticare che la Chiesa è presente in tutti i continenti”, ha affermato De Kesel. Leggendo tra le righe, sembra che, secondo lui, ciò che trattiene la Chiesa dall’ordinare le donne sia l’opposizione di alcuni (più arretrati?) continenti.

Dell’ordinazione di uomini sposati, De Kesel disse quanto segue:

Quella domanda è maturata. Ora dobbiamo pensarci. Ovviamente, non si tratta di sopprimere il celibato dei sacerdoti: non chiederemo ai sacerdoti di sposarsi! D’altra parte, se incontro un uomo sposato, un cattolico convinto, teologicamente ben formato, che ha già esercitato responsabilità, non posso escludere la possibilità che il Signore possa chiamarlo al sacerdozio! Aggiungo che il prete sposato esiste già nella Chiesa cattolica. Nel mio seminario c’è un ventottenne, sposato e padre di due figli. Appartiene alla comunità caldea, ma è nato a Malines e sarà sacerdote nella nostra arcidiocesi. Questo mi rende felice! Quindi le cose stanno cambiando [.]

Alla fine, De Kesel è stato interrogato sui cattolici che non vanno a messa ogni domenica. Avendo detto all’intervistatore che è anche necessario “accogliere coloro che vengono di tanto in tanto”, ha chiesto Delcorps: “Quindi non devi andare a messa ogni domenica per essere cattolico?”

Ancora una volta, la risposta è stata “piacevole”, abbastanza confusa da far sentire tutti felici. Il cardinale ha detto: “Andare a messa è molto importante. Se un cristiano vuole vivere la sua fede, deve nutrirla. Ecco perché non posso dire che qualcuno che non viene ogni domenica non sia cattolico [.] … Non ho il diritto di dire che qualcuno non è cattolico. Dobbiamo essere accoglienti! Quando le persone vengono in chiesa, devono sentirsi benvenute, specialmente quando si preparano per un matrimonio o un funerale. Questi possono essere momenti di grazia. La cosa più importante è l’autenticità dell’incontro.”

Se un cardinale della Chiesa cattolica non può dire che qualcuno che non crede alle verità da lei insegnate e non segue i suoi comandi non è cattolico, allora chi può farlo?

 

 

 

Facebook Comments
image_print
1