“Il declino della Chiesa in Germania e in Europa non è causato dalla secolarizzazione”, afferma il cardinale Gerhard Müller in questa intervista a kath.net, “… ma dalla mancanza di fede, … dalla freddezza dell’amore dei cattolici …che preferiscono lasciarsi abbindolare dal suono delle sirene del mondo piuttosto che ascoltare la voce del loro Buon Pastore e seguirlo.” .

Rilancio il testo dell’intervista, apparsa su The Catholic World Report,  fatta da Rilinger di Kath.net al Cardinale Gerhard Müller, prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede. Eccola nella mia traduzione. 

 

Card. Gerhard L. Müller - Foto: Daniel Ibanez / ACI Group
Card. Gerhard L. Müller – Foto: Daniel Ibanez / ACI Group

 

Nota dell’editore di The Catholic World Report: La seguente intervista di Lothar C. Rilinger su kath.net del 13 settembre 2022, tradotta per la CWR da Frank Nitsche-Robinson, viene qui riproposta per gentile concessione di kath.net e del signor Rilinger.

Vaticano (kath.net) Il termine “Nuovo Ordine Mondiale” viene interpretato come metafora di una teoria del complotto. Ma descrive solo un concetto di società, che – come ogni altro – deve affrontare il discorso intellettuale. La caduta del comunismo nel 1989/90 ha segnato la fine di un processo storico che il sociologo americano Francis Fukuyama ha definito la fine della storia. A suo avviso, il comunismo come antitesi della democrazia era diventato obsoleto, per cui era necessario concepire un nuovo fondamento sociale. Era così iniziata una nuova contesa: quella sul futuro dello sviluppo sociale al di là del marxismo. La lotta di classe di tipo marxista avrebbe dovuto fare il suo tempo – cosa che, tuttavia, i marxisti non sono disposti ad accettare – ma nella lotta per la supremazia nel discorso sulla società e sullo Stato, anche il modello democratico non era più visto come un ideale. Il principio “un uomo, un voto” è associato al periodo illuminista. Pertanto, deve essere trasceso per poter attribuire l’attributo di “progresso” allo sviluppo sociale. Questo si basa su un principio secondo il quale l’uomo – staccato da Dio, che non si presume più esista – può fare tutto ciò che può. L’autolimitazione ostacola il progresso.

Poiché nella fede nel progresso si rifiuta Dio come autorità finale dell’azione umana, nel Nuovo Ordine Mondiale si vuole costruire una società che non conosca limiti e in cui sia permesso tutto ciò che l’uomo è in grado di sviluppare e pensare; nulla deve ostacolare il progresso o impedirne lo sviluppo. La metafisica è considerata premoderna e bandita dal discorso sociale e con essa anche la credenza nella redenzione dell’uomo nell’eternità. Solo ciò che può essere falsificato o verificato deve essere valido, per cui la redenzione dell’uomo deve avvenire sulla terra, nella vita terrena. Quello che Karl Marx chiamava il paradiso terrestre deve essere raggiunto in modo diverso attraverso il progresso che si forma con il Nuovo Ordine Mondiale. Poiché questo ordine mondiale nega il ricorso a Dio e, come Feuerbach, lo dichiara inesistente, non sorprende che l’ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Ludwig Müller, si senta chiamato in causa e condanni il Nuovo Ordine Mondiale. Ne abbiamo parlato con lui.

 

Rilinger: Da qualche decennio, la richiesta di sostituire l’ordine mondiale esistente con uno che non conosca più il ricorso a Dio, ma solo al progresso incondizionato, torna a infestare il discorso politico. La richiesta di questo ordine mondiale, che viene chiamato “Nuovo Ordine Mondiale”, viene sollevata quasi parallelamente al discorso politico e pubblico. Cosa dobbiamo intendere per “Nuovo Ordine Mondiale”?

Cardinale Gerhard Ludwig Müller: Secondo il credo ebraico e quello cristiano, è Dio stesso che, nella sua sovrana bontà, ha creato il mondo dal nulla e lo ha ordinato nella sua eterna Parola (logos, ragione) e nello Spirito (potenza, sapienza). La ragione umana è finita e in linea di principio – a causa del peccato originale – suscettibile di essere disturbata da impulsi egoistici, come il desiderio disordinato di potere, denaro, autoindulgenza / piacere. L’uomo è quindi intellettualmente e moralmente fallibile.

Solo se ci lasciamo indirizzare dalla Parola di Dio e siamo illuminati, guidati e rafforzati dal suo Spirito Santo, possiamo riconoscere la verità e scegliere liberamente il bene come obiettivo delle nostre azioni. L’esperienza storica ci insegna che ogni tentativo di dare ordine al mondo attraverso la comprensione e il potere umano è invariabilmente finito in una catastrofe. Non c’è bisogno di andare molto indietro nel tempo per rendersene conto. Il colonialismo e l’imperialismo del XIX secolo, i sistemi di governo totalitari del nazionalsocialismo, l’ideologia della superpotenza giapponese e il comunismo leninista-stalinista, così come tutte le dittature degli Stati più piccoli in Sudamerica, Asia e Africa, dimostrano che la ricerca del potere mondiale, cioè l’istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale, è nata da un modo di pensare diabolico-distruttivo e non teo-logico.

Il programma di un Nuovo Ordine Mondiale in una condizione di totale economizzazione dell’uomo, in cui le elite finanziarie e politiche autoproclamate rimangono come soggetto pensante e controllante, ha come prezzo la spersonalizzazione delle masse. L’essere umano è solo un prodotto biologico grezzo, che viene aggiornato a un computer in una rete totale di informazioni. Non ci sarà più nessuna persona, nessuna immortalità dell’anima, nessun essere vivente con cuore e mente, spirito e libero arbitrio. Ciò che rimane è un costrutto senza casa e senza speranza.

Questo comporta la riduzione del 99% della popolazione mondiale a biomassa scheggiata, a materiale umano o a gruppo di consumatori, a bot. Gli esseri umani hanno “valore” (il termine “valore” è inteso in senso economico, non morale) solo nella misura in cui contribuiscono al mantenimento di questo sistema di dominio e sfruttamento e funzionano al suo interno. Il dominio totalitario si realizza in una burocrazia assoluta quando l’uomo viene abolito in quanto uomo. “L’azione si rivelerebbe superflua nella coesistenza degli esseri umani quando tutti gli esseri umani sono diventati uno, tutti gli individui sono diventati esemplari della specie, tutte le azioni sono diventate termini di accelerazione nel legittimo apparato di movimento della storia o della natura, e tutte le azioni sono diventate esecuzioni delle sentenze di morte che la storia e la natura hanno comunque imposto”, scriveva Hannah Arendt nel 1951 (Hannah Arendt, Elemente und Ursprünge totaler Herrschaft, München 2021, 959; ibid. Hannah Arendt, The Origins of Totalitarianism, New York, 1973), mentre il fondatore e gestore del Forum economico mondiale di Davos ha recentemente segnalato al mondo le sue utopie transumaniste con queste parole: “I dispositivi esterni di oggi […] saranno quasi certamente impiantabili nei nostri corpi e nei nostri cervelli. […] Queste tecnologie possono invadere il regno finora privato delle nostre menti, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento”. (Klaus Schwab/Nicholas Davis, Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution, New York 2018, 39; 28).

Il totalitarismo è sempre odio per la vita, preferendo il meccanicamente riducibile al vivente e al sacro. Il gruppo di controllo decide chi può vivere o deve morire. Nella guerra di aggressione contro l’Ucraina, Putin lascia che le sue truppe portino con sé forni crematori mobili, per non mettere in pericolo il suo potere interno con le immagini delle bare che ritornano.

Biden annuncia autobus mobili per l’aborto negli Stati Uniti, con tanto di incenerimento dei cadaveri dei bambini, per minare la sentenza della Corte Suprema. La questione è la dimostrazione di un potere moralmente disconosciuto e il diritto di uccidere i bambini fino a poco prima della nascita. Tutto ciò è tanto più grave per la testimonianza della verità naturale e rivelata di Dio perché sia Putin che Biden si dichiarano cristiani. Ma prima del giudizio di Dio, “i malfattori non erediteranno il regno di Dio”. (cfr. 1 Cor. 6:10).

In Russia, chiunque chiami guerra la brutale invasione dell’Ucraina invece di “operazione militare speciale” viene punito. In Occidente, chiunque chiami omicidio l’infanticidio nel grembo materno o manifesti contro di esso di fronte alle cliniche di sterminio viene trascinato davanti ai tribunali. In Cina, il traffico di organi viene portato avanti con crudele disprezzo per l’autodeterminazione di coloro a cui gli organi vengono sottratti. Approfittando della condizione delle donne dei Paesi poveri, le agenzie “occidentali” dei Paesi ricchi conducono lo sporco business della maternità surrogata. Questi non sono incubi che si dissolvono al risveglio nella realtà, ma la realtà che è diventata un incubo.

 

Rilinger: L’allontanamento di Dio dalla vita dei cittadini dello Stato è un’esigenza illuministica che ha trovato la sua massima espressione nel nichilismo che Nietzsche non si stancava di predicare. La storia ha dimostrato che uno Stato o una società senza Dio possono avere successo?

Card. Müller: Non meno di Hannah Arendt, eminente filosofa e attenta analista del totalitarismo moderno, ha riassunto il “credo nichilista del XIX secolo” con il detto di Dostoevskij: “Tutto è permesso”, cioè quando l’uomo non crede in Dio come Creatore e Giudice. (Hannah Arendt, Che cosa significa responsabilità personale in una dittatura?, Monaco 2020, 43; conferenza tenuta per la prima volta nel 1964/65). È vero che dal primo filosofo illuminista Pierre Bayle (1647-1706) ci sono stati non pochi tentativi di sviluppare un’etica atea o evoluzionistico-materialista con l’obiettivo di staccare l’etica individuale e sociale dal suo fondamento trascendentale. Ma queste iniziative arditamente propagandate dovevano necessariamente fallire perché c’è moralità solo se una persona deve rispondere personalmente, non davanti al mondo condizionato, ma davanti all’Incondizionato.

Il bene incondizionatamente valido o il male da evitare non possono essere solo una parte di questo mondo o una funzione in esso.

Solo la relazione personale dell’io di una persona con il suo giudice divino, a cui si rivolge con il nome di “Tu” (Abba, Padre nostro) e che la incontra faccia a faccia, rende possibile che la morale non sia una relazione con valori oggettivi, ma una relazione personale con l’autore e l’epitome del vero e del bene.

Come cristiani, riconosciamo anche che le esigenze dell’imperativo morale non ci sono state rese note per la prima volta nel Decalogo rivelato. Dio, infatti, le ha già iscritte nella mente e nel cuore di ogni essere umano. Di conseguenza, anche il “pagano”, cioè l’uomo prima dell’incontro storico-salvifico con Dio, coglie nella sua coscienza la validità incondizionata dei comandamenti come legge divina: Non rubare, non commettere adulterio, non adorare la creatura invece del Creatore. (cfr. Rm 2,14-24).

 

Rilinger: Se nel Nuovo Ordine Mondiale il potere deriva dall’economia e il mondo è concepito come un unico mercato, si pone la questione di come il potere – come chiedeva Romano Guardini – venga domato. Il potere globale che deriva dalla ricchezza può essere limitato e, se ciò fosse possibile, da chi?

Card. Müller: Potere e ricchezza sono interdipendenti. Ma dipende dalle persone se domano il potere sulle forze della natura, il caos degli impulsi e degli interessi, e se mettono al servizio della collettività i beni giustamente acquisiti con il lavoro, la diligenza e l’intelligenza. Gesù ha sottolineato le tentazioni dei potentati di abusare del loro potere sulle persone e le difficoltà per i ricchi di entrare nel regno di Dio quando lasciano che i loro cuori si aggrappino alla ricchezza e chiudano gli occhi ai poveri.

Il globalismo deriva dalle possibilità delle comunicazioni moderne, dai mezzi di trasporto che riducono le distanze, dalla tecnologia che rende possibile un immenso aumento della produzione di beni di consumo e quindi un aumento del tenore di vita per miliardi di persone. Ma in ogni momento, la concentrazione del potere politico, della finanza e dei mezzi di comunicazione nelle menti e nelle mani di pochi – che si tratti di un partito, di un gruppo finanziario o di un magnate dei media – è stata una calamità per il resto dell’umanità. I centri globali di potere e finanza che si atteggiano a governi mondiali globalizzano anche i loro lati oscuri. Funzionano solo dialetticamente con la loro antitesi. I superuomini hanno bisogno dei loro sottouomini, i superricchi della loro clientela dipendente, che viene alimentata da loro a basso livello. I governanti assoluti hanno bisogno dei loro sudditi volenterosi e temono i cittadini liberi e sicuri di sé come il diavolo teme l’acqua santa. Pietro e il Papa, suo successore, ricordano sempre all’alto consiglio del potere assoluto terreno: “Dobbiamo obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5:29). (Atti 5:29).

L’Occidente secolarizzato e ufficialmente anticristiano permette che il cristianesimo sia al massimo una religione civile. Tuttavia, le celebrità che hanno decisamente rinunciato alla Chiesa sono felici di usare una chiesa di valore storico-artistico come sfondo per il loro matrimonio, anche se non vogliono intendere il matrimonio come istituzione divina e come promessa della Sua grazia.

In Cina, il partito di Stato ateo perseguita i cristiani e usa i loro incontri come occasione di indottrinamento contro la fede in Cristo, vero Salvatore del mondo. Chi si affiderebbe ancora a trucchi diplomatici e compromessi politici con il diavolo, il “dominatore di questo mondo” (Gv 12,31; 2 Cor 4,4), per ottenere qualcosa di buono per il cristianesimo?

La differenza essenziale è che Cristo ha dato la sua vita perché noi potessimo vivere, mentre i dominatori di questo mondo consumano la vita dei loro sudditi perché possano vivere qualche momento in più e in modo più lussuoso, per poi finire nell’inferno che hanno preparato per gli altri sulla terra, “dove il loro tarlo (della coscienza) non muore e il fuoco (dell’amore non acceso) non si estingue”. (Marco 9:48) Con questa metafora, Gesù Cristo ci sta dicendo che la coscienza rode come un verme in queste persone. I guerrafondai in Ucraina, per mano dei quali muoiono decine di migliaia di persone, non hanno coscienza, ma questo non li aiuterà come scusa davanti al giudizio di Dio.

 

Rilinger: Auguste Comte puntava sul progresso senza Dio. In questo modo ha dichiarato obsoleta l’ultima istanza, di fronte alla quale l’uomo deve rispondere. Esiste quindi la possibilità che il confine stabilito da Dio, ma abolito dall’uomo, possa essere sostituito da un confine ideato dall’uomo?

Card. Müller: Dove potrebbe essere questo confine? Se in una nave il confine tra l’interno e l’acqua di mare che bagna lo scafo viene abolito attraverso la perforazione della fiancata, anche il miglior capitano e l’equipaggio più preparato non potranno più salvare la nave dall’affondamento e loro stessi dalla morte. Tutte le speranze di un’umanità felice attraverso le rivoluzioni politiche e tecniche non si sono realizzate. Gli utopisti sono come Sisifo, la tragica figura simbolica che fallisce sempre poco prima del successo dell’auto-redenzione. I sogni del nuovo mondo sono fallimentari come l’uomo calvo che vuole tirarsi fuori dalla palude con i suoi capelli perduti invece di afferrare la mano tesa del suo salvatore.

 

Rilinger: Il Nuovo Ordine Mondiale basato sul potere di mercato è legittimato democraticamente?

Card. Müller: Il problema è che i supermiliardari, attraverso le loro fondazioni “caritatevoli” e la loro influenza nelle organizzazioni internazionali, rendono dipendenti da loro i governi nazionali che – almeno in un terzo degli Stati – sono eletti democraticamente. Vengono accolti come grandi statisti o celebrità e VIP e adulati dai governanti locali nella vana speranza di ottenere un po’ del loro sfarzo e del loro glamour. Un imprenditore di successo economico, anche se si è arricchito in modo legalmente e moralmente ineccepibile, è ben lontano dall’essere un filosofo, per non parlare del Messia. E allora? Anche i re filosofi di Platone non erano i salvatori del mondo. Solo il Figlio di Dio, che ha assunto la nostra umanità, poteva cambiare il mondo in bene una volta per tutte, perché ha vinto il peccato, la morte e il diavolo e ci ha portato la conoscenza e la salvezza di Dio. Ma tutti, se hanno avuto successo nella loro professione e negli affari, possono contribuire a un relativo miglioramento della nostra esistenza terrena.

Noi cristiani abbiamo la responsabilità di contribuire alla costruzione di un mondo umano con la nostra competenza ed esperienza nei vari rami dell’artigianato e della creazione di cultura, senza ovviamente agire o lasciarci celebrare come salvatori e redentori.

Dobbiamo tenerci stretto il concetto che in una democrazia ogni cittadino adulto ha una voce con cui elegge liberamente i delegati e i governanti. La libertà di voto è qualcosa di molto diverso dagli umori dei sondaggi che cambiano ogni giorno. Il primo deriva dalla responsabilità del cittadino per il bene comune, mentre l’umore riflette solo un sentimento momentaneo.

 

Rilinger: Da alcuni anni si sta diffondendo il sospetto che non solo la libertà di discorso scientifico, ma anche la libertà di parola nel suo complesso, sia limitata dall’accusa immediata di promuovere una teoria del complotto se si argomenta al di là del mainstream. Si può accettare che la libertà di parola sia limitata in questo modo?

Card. Müller: Stalin e Hitler temevano continuamente le cospirazioni, sia per calcolo, al fine di intimidire ed eliminare l’opposizione, sia per la loro paranoia, che era il terreno di coltura della loro tirannia. I gesuiti nel XVIII secolo presso le corti borboniche, il Vaticano nel XIX secolo nei circoli liberal-anticlericali e gli ebrei nel XX secolo – secondo i falsi “Protocolli dei Savi di Sion” – erano tutti considerati portatori di una cospirazione mondiale. Anche la Chiesa e i capitalisti erano considerati nemici del progresso verso il paradiso dei lavoratori, che potevano essere fermati solo dalla rivoluzione mondiale comunista. In gioventù si parlava di teorie del complotto nel caso di contemporanei eccentrici che vedevano UFO dappertutto o inventavano spiegazioni del mondo non verificabili a partire da eventi contemporanei.

Oggi la parola “teorico del complotto” è un termine ideologico di lotta degli antifascisti mentalmente disturbati, che conducono la loro “lotta contro la destra” con metodi nazisti, cioè intimidire i media, minacciare con la violenza, ad esempio contro i giudici della Corte Suprema che hanno negato il diritto umano all’aborto, o contro un docente dell’Università Humboldt – un tempo epitome dello standard scientifico tedesco – che voleva spiegare il fatto biologicamente provato della bisessualità della natura umana, senza la quale non esisterebbero singoli esseri umani, nemmeno quelli che si scagliano contro di essa.

 

Rilinger: Criticare il Nuovo Ordine Mondiale è etichettato come una cospirazione per bloccare la discussione sul nascere. Può spiegare le ragioni di questo divieto di discussione?

Card. Müller: L’ideologo conosce solo l’amico che si sottomette a lui con un urrà come un cretino, o il nemico che è necessario distruggere – preferibilmente fisicamente, se il sistema lo permette, o un po’ più alla buona con una morte sociale come una bufera, l’ostracismo pubblico, il licenziamento o la cancellazione in una spirale di silenzio.

Quando una persona, perseguitata fisicamente e con mezzi psicoterroristici, nel suo disagio si toglie la vita, i suoi aguzzini si vedono ancora perversamente giustificati a eliminare i parassiti, come si diceva nella Germania nazista e nella Russia sovietica. L’empietà e la misantropia vanno di pari passo.

 

Rilinger: Un’altra forma di divieto di discussione è l’affermazione che la propria opinione è considerata senza alternative. La determinazione della mancanza di alternative non è forse la richiesta che la propria opinione sia considerata assoluta?

Card. Müller: Nelle cose finite ci sono sempre diversi aspetti e prospettive da considerare. Solo la distinzione tra vero e falso e tra bene e male è senza alternative, perché nasce dall’evidenza dei suoi principi. Certo, anche nelle cose pratiche esistono verità senza alternative, come il fatto che una casa crolla se non poggia su fondamenta solide. Ma si tratta di principi generali fisici, matematici o filosofici di base. Anche in una zona sabbiosa si può costruire una casa, a patto che si sia in grado di costruire delle buone fondamenta. L’opinione che non si possano costruire città nella sabbia della Marca non era quindi affatto priva di alternative. Pertanto, non si deve usare questo tipo di vocabolario per sopprimere le discussioni e le controversie legittime e risparmiarsi comodamente gli argomenti migliori.

 

Rilinger: Il discorso filosofico/politico sul Nuovo Ordine Mondiale è un discorso necessario per mostrare dove il potere economico sfrenato di alcuni individui può condurre le società e gli Stati?

Card. Müller: Il dominio moralmente sfrenato di ideologi, politici ed economisti sui popoli dell’unico mondo deve necessariamente portare alla mancanza di libertà, all’oppressione e allo sterminio degli oppositori sgradevoli o delle persone inutili per il sistema.

La cultura della morte soffia sul mondo intero con l’illusione ideologica del diritto all’aborto, del diritto all’automutilazione (nel cambio di sesso irreversibile), dell’eutanasia, della presunta morte per pietà per coloro che sono troppo stanchi per vivere, per i malati incurabili e per i presunti anziani insensatamente vegetanti, la cui uccisione dovrebbe essere un atto di compassione.

 

Rilinger: Lo slancio cristiano viene sempre più bandito dal discorso politico. Questo non distrugge anche le fondamenta su cui è costruito il mondo occidentale?

Card. Müller: Senza il cristianesimo – con la sua radice nella storia della rivelazione di Dio in Israele, in cui è integrata anche la migliore eredità della cultura greca e romana, in connessione con l’eredità dell’intera umanità – l’Europa e l’America sarebbero solo territori vuoti, in cui regnano solo i mercati e che sono abitati da abitanti senza nome, a cui è concessa la forma di esistenza di un robot.

 

Rilinger: Nel corso del discorso lei ha affermato che persone molto ricche come Bill Gates o l’investitore George Soros vogliono imporre il Nuovo Ordine Mondiale. Che cosa intendono fare questi due uomini in particolare e quali mezzi hanno per imporre le loro idee?

Card. Müller: Secondo le loro stesse dichiarazioni, questi due uomini rappresentano il Nuovo Ordine Mondiale, che vogliono instaurare a loro immagine e somiglianza. Nessuno, a parte Dio, può giudicare le loro motivazioni personali. Ma il loro programma e le loro azioni sono accessibili a tutti, in modo che possiamo giudicarli in base ai loro effetti positivi o negativi. Il contenuto intellettuale dei loro contributi è, se confrontato con la storia intellettuale e culturale dell’umanità, piuttosto modesto e può essere facilmente raggiunto da qualsiasi studente normale nei primi semestri – in qualsiasi materia.

In risposta alla mia osservazione critica, alcuni portavoce dalla voce forte e dalla mentalità debole in Germania si sono arrischiati a trovare modelli antisemiti nella relativizzazione delle osservazioni del signor Soros, solo perché è nato ebreo. Guardando all'”antisemitismo” politico e razzista anticristiano del XIX e XX secolo, rappresentato da Heinrich Treitschke, Bernhard Förster, il marito della sorella di Nietzsche, Richard Wagner, Houston Chamberlain, Alfred Rosenberg e Adolf Hitler, come cristiano si può solo dire che anche Gesù è nato ebreo, nel quale noi cristiani, di qualsiasi nazione, in vita e in morte, riponiamo tutta la nostra speranza. In Germania, il paesaggio spirituale non solo è ideologicamente contaminato, ma geme anche sotto l’incompetenza spirituale e morale dei suoi più forti urlatori totalitari.

 

Rilinger: Il costrutto del Nuovo Ordine Mondiale è definito come assoluto e sacrosanto, così che ogni critica è proibita?

Card. Müller: È un segno innegabile del dominio totalitario quando la critica viene criminalizzata. Difficilmente può essere elaborato meglio di quanto fece Hannah Arendt nel 1951 a proposito del Terzo Reich e, in modo comparabile, dello stalinismo, come lo descrisse nel suo libro Elemente und Ursprünge totaler Herrschaft, (Monaco 2021; The Origins of Totalitarianism, New York, 1973).

 

Rilinger: Anche se un nuovo ordine mondiale deve essere creato senza Dio – Francis Fukuyama, nel suo libro “La grande interruzione: La natura umana e la ricostituzione dell’ordine sociale” ha sottolineato che si verificherà un rinnovamento religioso. Tuttavia, non perché gli individui siano convinti della verità della rivelazione, ma perché di fronte alla mancanza di comunanza e alla dissoluzione dei legami sociali nel mondo secolare “sentono il bisogno di rituali ancestrali e tradizioni culturali.” Può condividere questa visione sul ritorno della religione e immaginare un ulteriore e più forte ricorso al cristianesimo?

Card. Müller: La religione non ritorna come un fenomeno naturale che ne richiama un altro. La religione, come disposizione e attitudine spirituale-morale a ricondurre la totalità del mondo alla potenza superiore del divino e a provare un sentimento di riverenza nei confronti della sacralità della vita, non è separabile dalla natura umana. La fede soprannaturale, riversata in noi dallo Spirito Santo, che ci permette di assentire pienamente a Dio nella sua Parola con la mente e la volontà, è qualcosa di diverso. Nella parabola del giudice ingiusto che priva una povera vedova del suo diritto, Gesù dice ai suoi discepoli: “Dio non vendicherà forse i suoi eletti, che gridano a lui giorno e notte? Si attarderà forse a lungo su di loro? Io vi dico che li vendicherà in fretta. Tuttavia, quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?” (Lc 18,6ss).

Il declino della Chiesa in Germania e in Europa non è causato dalla secolarizzazione, dalla lotta ecclesiale dei regimi totalitari e dal Kulturkampf da Bismarck alla Società Giordano Bruno, ma dalla mancanza di fede, dalla debolezza della speranza e dalla freddezza dell’amore dei cattolici battezzati e confermati, che preferiscono lasciarsi abbindolare dal suono delle sirene del mondo piuttosto che ascoltare la voce del loro Buon Pastore e seguirlo.

Rilinger: Eminenza, grazie mille.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments