Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Redazione di InfoVaticana e pubblicato su InfoVaticana. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Massoneria e Chiesa
La squadra ed il compasso, simbolo della Massoneria, durante i riti vengono posti su un testo sacro, in questo caso la Bibbia.

 

“Venerdì 16 febbraio a Milano il Gran Maestro Stefano Bisi parteciperà all’importante seminario su ‘Chiesa cattolica e Massoneria’”, si legge sul sito della loggia massonica italiana Grande Oriente.

L’evento si svolgerà presso la Fondazione Culturale Ambrosianum alla presenza di importanti autorità religiose come l’arcivescovo di Milano Mario Delpini, il presidente della Pontificia Accademia di Teologia, monsignor Francesco Stagliano’ e il cardinale Francesco Coccopalmerio, presidente emerito del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

Secondo gli organizzatori dell’evento, “si tratta di un incontro che si può definire storico, che affronterà il secolare e complesso rapporto tra la Chiesa cattolica e la Massoneria”. Il leader di questo gruppo di massoni, Stefano Bisi, interverrà con una relazione sul tema “La massoneria tra Ratzinger e Bergoglio”. “Un importante momento di dialogo che permetterà a religiosi e massoni di confrontarsi liberamente sulla conciliabilità dei valori massonici con quelli cattolici”, si legge sul sito.

 

La recente condanna della massoneria da parte della Dottrina della Fede

Nel corso dei secoli i pronunciamenti della Chiesa sulla Massoneria sono sempre stati negativi. In totale sono circa seicento: dalla bolla di scomunica “In eminenti apostolatus specula” (1738) di Clemente XII all’importante dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede del 1983, redatta dall’allora cardinale Ratzinger e approvata da San Giovanni Paolo II.

Più recentemente, lo scorso novembre, il Dicastero per la Dottrina della Fede ha risposto alla richiesta di monsignor Julito Cortes, vescovo di Dumanguete nelle Filippine. Cortes, “dopo aver illustrato con preoccupazione la situazione della sua diocesi, dovuta al continuo aumento dei fedeli della Massoneria, ha chiesto suggerimenti per affrontare adeguatamente questa realtà dal punto di vista pastorale, tenendo conto anche delle implicazioni dottrinali”.

Nella risposta del Dicastero per la Dottrina della Fede del 13 novembre 2023, firmata dal prefetto Victor Manuel Fernandez e con l’approvazione di Papa Francesco, viene ribadito l’insegnamento della Chiesa nel mostrare l’incompatibilità tra l’essere cattolici e l’appartenenza a qualsiasi loggia massonica.

Redazione di InfoVaticana

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments