Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Diane Montagna e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Card. Raymond Leo Burke
Card. Raymond Leo Burke

 

Il cardinale Gerhard Müller l’ha definito una “acquisizione ostile” della Chiesa cattolica. Il defunto cardinale George Pell lo ha definito un “incubo tossico”. Ora, il cardinale Raymond Burke ha scritto la prefazione di un nuovo libro che denuncia il Sinodo sulla sinodalità come un “vaso di Pandora” che minaccia di scatenare gravi danni al Corpo mistico di Cristo.

Il processo sinodale è un vaso di Pandora, scritto da José Antonio Ureta e Julio Loredo de Izcue, presenta ai lettori una serie di 100 domande e risposte volte a informare il grande pubblico su un dibattito che, a loro dire, è stato “in gran parte limitato agli addetti ai lavori” nonostante il suo “impatto potenzialmente rivoluzionario”.

Nella sua introduzione, il cardinale Burke, ex prefetto della Segnatura Apostolica, scrive: “Ci viene detto che la Chiesa che professiamo, in comunione con i nostri antenati nella fede dai tempi degli Apostoli, essere Una, Santa, Cattolica e Apostolica, deve ora essere definita dalla sinodalità, un termine che non ha storia nella dottrina della Chiesa e per il quale non esiste una definizione ragionevole”.

“La sinodalità e il suo aggettivo, sinodale, sono diventati slogan dietro i quali è in atto una rivoluzione per cambiare radicalmente l’autocomprensione della Chiesa, in accordo con un’ideologia contemporanea che nega molto di ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato”, aggiunge.

Il cardinale americano avverte: “Non si tratta di una questione puramente teorica, perché l’ideologia è già stata messa in pratica da alcuni anni nella Chiesa in Germania, diffondendo ampiamente la confusione e l’errore e il loro frutto, la divisione, anzi lo scisma, con grave danno per molte anime”. Con l’imminente Sinodo sulla sinodalità, si può giustamente temere che la stessa confusione, lo stesso errore e la stessa divisione si abbattano sulla Chiesa universale. In realtà, ha già iniziato a verificarsi attraverso la preparazione del Sinodo a livello locale”.

Annunciato da Papa Francesco nel 2021, il Sinodo sulla sinodalità si svolgerà in tre fasi: locale, continentale e universale. A ottobre inizierà la fase universale con la sedicesima Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, che riunirà 300 vescovi e laici in Vaticano. Una seconda assemblea si terrà nel 2024. All’inizio di quest’anno, Papa Francesco ha compiuto il passo senza precedenti di concedere pari diritti di voto ai membri episcopali e non episcopali.

Pubblicato il 22 agosto in otto lingue, Il processo sinodale è un vaso di Pandora che risponde in modo chiaro e conciso a tutta una serie di domande che circondano il controverso evento. Attingendo ai documenti ufficiali del Sinodo e a un’ampia gamma di fonti, i temi trattati includono la natura del Sinodo dei vescovi e i cambiamenti introdotti da Papa Francesco, il processo sinodale e se gli organizzatori hanno veramente consultato il “popolo di Dio”, e il significato di “sinodalità”, “ascolto” e “inclusione” – slogan ripetitivi usati nelle conferenze stampa del Sinodo.

Il libro esamina anche quello che i promotori del Sinodo considerano il “problema principale” della Chiesa, cosa significherebbe la loro soluzione per una Chiesa gerarchica e come influirebbe sulla sacra liturgia. Gli autori considerano poi il controverso cammino sinodale tedesco e le sue potenziali ramificazioni per la Chiesa universale. In particolare, esaminano la spinta alla democratizzazione della Chiesa, l’ordinazione delle donne e il significato dell'”inclusione” degli omosessuali nella Chiesa per i suoi promotori. Infine, esaminano le reazioni alla sinodalità, se si troverà un “compromesso alla romana” e che tipo di Chiesa emergerebbe se il processo sinodale fosse portato alle sue ultime conseguenze.

L’uscita del libro avviene nel contesto di una crescente reazione da parte dei media. Il 14 agosto, il quotidiano francese Le Figaro ha pubblicato un lungo e pungente articolo in prima pagina dello stimato giornalista Jean-Marie Guénois, che accusa il Vaticano di andare avanti senza considerare veramente la spiritualità dei cattolici francesi.

“La gente pensa che la consultazione che ha portato al documento preparatorio sia stata parziale, come una manovra per arrivare a conclusioni scritte in anticipo”, ha detto una fonte a Guénois. Secondo il vaticanista francese, il nuovo documento di lavoro del Sinodo, Instrumentum laboris, “ha causato un’agitazione senza precedenti tra i sacerdoti moderati e un buon numero di vescovi. Finora acritici, molti sono preoccupati per l’assalto autoritario e volontaristico di Francesco a una riforma che considerano rischiosa e confusa. Questa nuova sfiducia tra i moderati è globale”.

Tali turbolenze e diffidenze non saranno placate da una recente intervista rivelatrice rilasciata da uno dei nuovi membri laici votanti scelti da Papa Francesco per il Sinodo di ottobre: La laica svizzera Helena Jeppesen-Spuhler, che a giugno ha presentato il documento di lavoro in Vaticano. Ha ammesso apertamente di essere “a favore dell’ordinazione delle donne”, di credere che “la questione LGBTQIA+ debba essere presa molto sul serio” e che “è la nostra ultima possibilità!”.

Gli organizzatori del Sinodo hanno insistito sul fatto che non esiste un’agenda nascosta, ma la realtà di un’agenda di questo tipo sta cominciando a uscire dal vaso di Pandora, insieme a tante altre cose che il cardinale Burke e molti altri temono possano danneggiare la Chiesa e le anime che è incaricata di salvare.

Diane Montagna

 

Una versione online di “Il processo sinodale è un vaso di Pandora” può essere letta qui

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments