Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Carlos Esteban e pubblicato su InfoVaticana. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione automatica da me curata. 

 

Card. Joseph Zen Ze-kiun
Card. Joseph Zen Ze-kiun

 

Mancava Zen. Era il nome rimasto per unirsi alla ribellione contro la dichiarazione della Dottrina della Fede che permetteva le benedizioni sacerdotali alle coppie peccatrici (o, eufemisticamente, “irregolari”). E il cardinale emerito di Hong Kong non ha usato mezzi termini.

 

Il cardinale Joseph Zen Ze-kiun, simbolo della Chiesa perseguitata in Cina, ha preso le distanze dalla breve nota positiva emessa dalla sua ex arcidiocesi di Hong Kong, che critica per non aver fornito la corretta interpretazione del documento. Ha lasciato passare un mese, ma ha deciso di intervenire perché “ho ancora la responsabilità di sostenere la dottrina della Chiesa”.

Il cardinale Zen esordisce definendo la dichiarazione “problematica”. Rispondendo alla dichiarazione di Victor Fernandez del 4 gennaio sulla “necessità di un periodo più lungo di riflessione pastorale”, il porporato cinese sostiene che “ciò equivale a dire che il testo del 18 dicembre è temporaneamente invalido”. Fernandez ha scritto che il sacerdote, di fronte alla richiesta di benedizione da parte di una coppia in situazione irregolare, potrebbe invocare su di loro “la luce e la forza di Dio per poter compiere pienamente la sua volontà”. Questo punto, dice Zen, presenta una contraddizione perché il sacerdote non è tenuto a verificare se la persona che chiede la benedizione ha davvero questa intenzione: “se il sacerdote non è sicuro che abbia questa intenzione, o ha ragione “Se sospetta che non hanno affatto questa intenzione, come può dare una benedizione? “, scrive il cardinale nella sua nota critica.

La Dichiarazione del dicastero insiste molto sulla carità pastorale, ma Zen ricorda il passo biblico che esorta i pastori a rafforzare le pecore deboli, a curare quelle ferite e a cercare quelle smarrite per riportarle all’ovile. Se il sacerdote non è sicuro che la “coppia” davanti a lui intenda aderire pienamente allo stile di vita prescritto da Dio, o è sicuro che non ammettono di vivere nel peccato”, dovrebbe mostrare un “atteggiamento caritatevole” spiegando loro qual è la volontà di Dio.

“La Dichiarazione sottolinea ripetutamente la necessità di evitare di creare confusione, ma le benedizioni che vengono promosse (…) di fatto creeranno inevitabilmente confusione”, ha osservato Zen.

Infine, il cardinale insiste sulla responsabilità del prefetto della Dottrina della fede, che non poteva ignorare le difficoltà di accoglienza nelle “periferie”. Ma la cosa “più grave” è che la dichiarazione implica che “anche il comportamento sessuale nelle relazioni omosessuali ha la sua parte di bene”.

“Secondo la verità oggettiva, tale comportamento è un grave peccato e non può portare a nulla di buono”, scrive il cardinale. “Se il prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede definisce ‘buono’ un grave crimine, non starebbe commettendo un’eresia? Il prefetto non dovrebbe dimettersi o essere licenziato?”.

Carlos Esteban

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments