Della faccenda di un controverso prestito di 50 milioni di euro per acquisire un ospedale in fallimento e di una sovvenzione della Fondazione Papale che si trova USA abbiamo già parlato in altri articoli. Oggi arriva un punto chiarificatore poiché il card. Pietro Parolin, il Segretario di Stato Vaticano, ha detto che l’artefice di queste controverse operazioni è stato lui. 

Ci aggiorna Ed Condon nell’articolo che segue pubblicato sul Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione.

Card. Pietro Parolin

Card. Pietro Parolin

 

Il Segretario di Stato vaticano ha detto al Catholic News Agency (CNA) questa settimana che è responsabile dell’organizzazione di un prestito controverso per l’acquisto di un ospedale italiano in bancarotta, e che ha concordato con il cardinale Donald Wuerl una sovvenzione dalla Fondazione Papale con sede negli Stati Uniti per coprire il prestito quando non ha potuto essere rimborsato.

Il Cardinale Pietro Parolin ha detto alla CNA di sentirsi “obbligato” ad affrontare la questione “per porre fine ad una controversia che portava via tempo e risorse dal nostro servizio al Signore, alla Chiesa e al Papa, e che disturba la coscienza di molti cattolici”.

“Le operazioni che hanno coinvolto l’IDI (Istituto Dermopatico dell’Immacolata, ndr)….sono ascrivibili a me stesso”, ha detto Parolin al CNA il 19 novembre, insistendo sul fatto che le sue azioni riguardanti l’IDI sono legali e trasparenti.

La CNA ha chiesto a Parolin di confermare di aver personalmente organizzato nel 2014 un prestito di 50 milioni di euro dall’APSA, la banca centrale del Vaticano, per finanziare parzialmente l’acquisto dell’ospedale fallito IDI. Il cardinale ha confermato di averlo fatto.

L’IDI fu acquistato nel 2015 da un partenariato a scopo di lucro della Segreteria di Stato vaticana e l’ordine religioso che aveva posseduto e gestito l’ospedale mentre era in bancarotta, che aveva accumulato 800 milioni di euro di debiti, e ha visto alcuni dei suoi ex amministratori perseguiti e imprigionati per frode sistematica e appropriazione indebita.

Anche se Parolin ha detto che l’accordo è stato “realizzato con intenzioni eque e mezzi onesti”, il prestito APSA è probabile che attirerà l’attenzione delle autorità europee di regolamentazione bancaria, in quanto il prestito sembra violare gli accordi normativi del 2012 che vietano alla banca di effettuare prestiti commerciali. (Una banca centrale – in questo caso l’APSA del Vaticano – effettua prestiti ad altre banche – in questo caso allo IOR – non ad un utente finale – in questo caso il partenariato che ha comprato l’IDI, ndr)

Tali accordi sono il risultato di un’ispezione in loco da parte del Moneyval, il Comitato del Consiglio d’Europa per la lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, che vietano legalmente all’APSA di fornire servizi ai privati o di partecipare a transazioni commerciali.

CNA ha anche chiesto a Parolin di confermare di aver personalmente elaborato un piano con Wuerl per richiedere i fondi della Fondazione Papale (in USA, ndr) per coprire il cattivo credito dell’APSA. Il cardinale ha confermato di averlo fatto.

La richiesta di sovvenzione di 25 milioni di dollari era ampiamente intesa come uno sforzo per rimuovere i crediti inesigibili dal libro mastro dell’APSA prima di attirare l’attenzione, dopo che divenne ovvio che l’ospedale insolvente e con debiti non poteva rimborsare il prestito alla banca centrale vaticana.

Wuerl, tuttavia, disse al consiglio di amministrazione della Fondazione Papale che i fondi erano destinati a salvare l’IDI dalla chiusura coprendo i deficit operativi a breve termine. Ma i membri del consiglio di amministrazione laici (della Fondazione Papale, ndr) sollevarono dubbi sul fatto che la liquidità fosse realmente destinata a coprire un deficit operativo all’ospedale, o a coprire il debito inesigibile dell’APSA.

Gli amministratori della Fondazione Papale e i donatori espressero anche scetticismo sull’importo richiesto, che era di gran lunga superiore alle normali erogazioni, che normalmente sono sovvenzioni di poche centinaia di migliaia di dollari a enti di beneficenza in tutto il mondo, selezionati dalla Santa Sede.

Dopo che un membro del consiglio di amministrazione si oppose per lettera (per iscritto, ndr) al prestito, l’ex cardinale Theodore McCarrick, allora membro del consiglio di amministrazione, scrisse che sollevare preoccupazioni era “irresponsabile e gravemente dannoso per la Fondazione Papale”. McCarrick era sotto inchiesta per abusi sessuali su minori nel momento in cui è intervenuto nella questione.

Nonostante le obiezioni, la sovvenzione fu infine approvata dal consiglio della Fondazione Papale a scrutinio segreto – fonti all’interno della fondazione hanno detto alla CNA che i membri del consiglio di amministrazione credono che tutti i membri vescovi tranne uno hanno votarono a favore, mentre tutti i membri laici tranne uno votarono contro l’approvazione del sussidio.

L’erogazione del denaro si arrestò dopo che il consiglio continuò a porre domande sulla destinazione finale dei fondi.

Due rate iniziali furono inviate a Roma tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, per un totale di 13 milioni di dollari. Dopo che i disaccordi interni sulla sovvenzione furono resi pubblici, il Cardinale Wuerl disse che avrebbe chiesto al Vaticano di annullare la richiesta e restituire i fondi. All’inizio del 2019 Parolin scrisse al consiglio di amministrazione dicendo che i 13 milioni di dollari sarebbero stati riclassificati come prestito, piuttosto che come sovvenzione, e sarebbero stati rimborsati come crediti a fronte di future richieste di sovvenzione.

Quando la sovvenzione si fermò, APSA fu costretta a cancellare 30 milioni dei 50 milioni di euro del prestito, cancellando gli utili dell’APSA per l’esercizio 2018.

Il vescovo Nunzio Galantino, responsabile dell’APSA, ha riconosciuto il prestito e la sua cancellazione nel mese di settembre, anche se all’APSA è stato legalmente vietato di effettuare prestiti che finanziano transazioni commerciali, a causa del suo accordo di moneyval 2012.

Dopo la pubblicazione del 21 ottobre di un libro che sostiene che il Vaticano sia quasi insolvente, Galantino ha attribuito al prestito la ragione per la mancata registrazione di un utile da parte dell’APSA per la prima volta nella sua storia.

Parolin ha risposto alle domande di CNA questa settimana dopo che il cardinale Angelo Becciu, che è stato ampiamente considerato il motore sia per l’organizzazione del prestito che per la sovvenzione della Fondazione Papale, ha contattato CNA per negare il suo coinvolgimento in quelle questioni. Ha detto alla CNA che entrambe le questioni erano di “competenza” del Segretario di Stato, Parolin.

Becciu ha detto alla CNA mediante un messaggio scritto all’inizio di questo mese che non era stato a conoscenza del prestito APSA fino a quando non era stato organizzato, e che non ha avuto parte nel richiedere una sovvenzione alla Fondazione Papale.

Il prestito APSA del 2014 fu concesso nonostante le forti obiezioni del cardinale George Pell, allora prefetto della Segreteria dell’Economia e incaricato da Papa Francesco di far rispettare la responsabilità finanziaria della Curia Romana. La CNA ha anche riportato una richiesta di prestito per lo stesso scopo che era stato declinato dallo IOR, la banca di depositi del Vaticano, dopo che il suo presidente, Jean-Baptiste Douville de Franssu, e Pell avevano convenuto che l’IDI non fosse redditizio e che il denaro non sarebbe mai stato rimborsato.

Mentre Parolin si è assunto la responsabilità degli accordi IDI, i funzionari vaticani di diversi dicasteri hanno detto alla CNA che Becciu era stato coinvolto nell’organizzazione del prestito e nel coordinamento delle attività di lobbying per la sovvenzione della Fondazione Papale. Questo sforzo includeva una visita a McCarrick da parte del segretario dell’APSA, p. Mauro Rivella, a Washington, DC, poco dopo la richiesta del sussidio. La visita ha avuto luogo prima che McCarrick facesse pressione sui membri del consiglio di amministrazione (della Fondazione Papale, ndr) per far approvare la sovvenzione, e dopo che un’indagine sulla cattiva condotta sessuale di McCarrick era iniziata.

Tuttavia, Parolin ha insistito sul fatto che “per quanto ne so, il Cardinale Becciu non ha avuto alcun ruolo in queste questioni”.

Tuttavia, i legami personali di Becciu con l’ospedale IDI risalgono almeno fino alla sua nomina al posto di sostituto nel 2011.

Poco dopo che Becciu iniziò a lavorare come secondo funzionario in ordine di importanza della Segreteria di Stato, p. Franco Decaminada, il presidente dell’IDI – successivamente arrestato, perseguito, imprigionato, e laicizzato per furto e frode – si rivolse a lui per ottenere sostegno su una proposta affinché la Segreteria di Stato fornisse all’IDI 200 milioni di euro, apparentemente per finanziare l’acquisizione di un altro ospedale da parte dell’IDI, che già vacillava per insolvenza.

In ottobre Becciu ha detto alla CNA di non ricordare alcuna proposta di questo tipo, sebbene fosse già stata riportata in precedenza dai media italiani. Poco dopo la proposta, Decaminada assunse Maria Piera Becciu, nipote di Becciu, come sua segretaria personale.

In ottobre, CNA ha chiesto a Becciu se lui o la sua posizione presso la Segreteria di Stato avesse avuto un ruolo nell’assunzione di sua nipote all’IDI. (Becciu) Ha detto alla CNA che (sua nipote, ndr) “ha fatto domanda per la posizione ed è stata assunta”.

Il mese scorso, Becciu ha detto alla CNA che il suo interesse e coinvolgimento con l’IDI è cessato quando il cardinale Parolin è stato nominato segretario di Stato.

“Il cardinale Parolin ha assunto la carica di segretario di Stato [nel 2013] e non mi sono più occupato dell’IDI”, ha detto.

Nel mentre si è assunto la responsabilità del prestito APSA e della richiesta alla Fondazione Papale, Parolin ha detto alla CNA che l’interpretazione di quegli eventi “da parte di alcuni media è una questione diversa, poiché hanno presentato queste operazioni come non trasparenti, irregolari o addirittura illegali: questo, per quanto mi riguarda, non è la verità”.

Ma al di là del prestito APSA e della sovvenzione della Fondazione Papale, altri aspetti dell’acquisto di IDI hanno sollevato seri interrogativi.

Oltre al prestito APSA, il Vaticano ha anche utilizzato 30 milioni di euro dirottati dal Bambino Gesù, un altro ospedale sotto la sua supervisione, per acquistare l’IDI in fallimento. Il denaro era stato prelevato da una sovvenzione di 80 milioni di euro che il governo italiano aveva concesso al Bambino Gesù.

Il cardinale Guisseppe Versaldi, organizzò questa distrazione. All’epoca, Versaldi guidò la partnership per l’acquisto dell’IDI, supervisionava la Prefettura per gli Affari Economici della Santa Sede ed era il delegato del Vaticano per la supervisione della provincia italiana dei Figli dell’Immacolata Concezione, la congregazione religiosa che aveva posseduto l’ospedale, che aveva una partnership con il Vaticano per riacquistarlo, ed era stata anche trascinata nell’insolvenza.

Le intercettazioni hanno registrato Versaldi che discuteva il piano con Giuseppe Profiti, presidente di Bambino Gesù, e i due concordarono di nascondere a Papa Francesco l’errata destinazione dei fondi. 

Versaldi e Profiti in seguito negarono ogni illecito, e il cardinale sostenne che voleva solo risparmiare al papa i dettagli tecnici degli sforzi per salvare l’IDI. 

Nei suoi commenti alla CNA Parolin ha anche affrontato il lamento di Becciu, che aveva detto alla CNA questo mese che, pur essendo incerto su quali funzionari vaticani avessero suggerito che fosse collegato all’affare IDI, crede che sia stato vittima di una campagna di disinformazione, volta a macchiare la sua reputazione collegandolo all’affare.

Parolin non crede che sia così.

“Credo che non ci sia un complotto curiale. In ogni caso, sono completamente estraneo a qualsiasi operazione del genere: se ci fosse un’operazione del genere la condannerei nei termini più forti possibili”, ha detto Parolin a CNA.

Un portavoce di Wuerl ha detto alla CNA che il cardinale “non ha alcun commento (da fare) oltre a ribadire quei fatti già presenti nel registro pubblico riguardo al processo di richiesta della (sovvenzione, ndr) alla Fondazione Papale”.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email