Un notevole contributo del Card. Gerhard L. Muller alla comprensione della attualissima figura del Card. John Henry Newman che oggi verrà elevato agli onori dell’altare. 

Il contributo è ripreso da The Public Discourse nella mia traduzione. 

 

Card. John Henry Newman

Card. John Henry Newman

 

John Henry Newman – giustamente considerato uno dei più importanti pensatori cristiani dell’era moderna – nacque il 21 febbraio 1801 nella città di Londra. L’arco della sua vita abbraccia quasi tutto il XIX secolo. Il divino e illustre leader anglicano del Movimento di Oxford fu ammesso in piena comunione con la Chiesa cattolica nel 1845 e morì l’11 agosto 1890 come cardinale nell’Oratorio di Birmingham, suo principale luogo di lavoro dal 1849.

Altrettanto notevoli sono le opere storiche, teologiche e spirituali di Newman. La maggior parte delle sue omelie appaiono in edizioni tedesche, molte delle quali vantano una profonda interpretazione dei misteri centrali del cristianesimo. La sua celebrità crebbe con il suo Un saggio in aiuto di una grammatica dell’assenso, che rispondeva alla domanda su come possiamo – con tutti i limiti del sapere umano – arrivare alla certezza dell’assenso della fede alla rivelazione storica di Dio.

Il suo lavoro sullo sviluppo del dogma è, possiamo dire, a dir poco geniale. In esso Newman sviluppò i principi per la continuità e l’identità storica della rivelazione nelle condizioni della conoscenza umana finita all’interno della Chiesa credente fondata da Cristo e preservata e partecipata sempre più profondamente nella verità dallo Spirito Santo. Le lezioni di Newman del 1851 sulla natura dell’università, tenute in occasione della fondazione dell’Università Cattolica di Dublino, dovrebbero essere della massima importanza per i dibattiti contemporanei sulla natura e lo scopo dell’università, l’educazione e la scienza, e la legittimità della teologia basata sulla rivelazione nelle scuole pubbliche.

L’Apologia Pro Vita Sua di Newman è cruciale per la sua biografia spirituale. In essa egli ripercorre la storia delle sue convinzioni religiose e si difende dalle accuse secondo cui i motivi della sua conversione erano insinceri. Con questo capolavoro letterario scritto in un inglese scintillante (che potremmo affiancare alle Confessioni di Agostino e ai Pensées di Blaise Pascal), Newman ha restituito onore al clero cattolico nell’Inghilterra protestante, caratterizzata da polemiche anticattoliche fin dalla riforma. Incoraggiati dalle polemiche illuministiche della Francia settecentesca, molti rimasero allora fermamente convinti che i sacerdoti e i religiosi cattolici non erano altro che ipocriti malvagi e agenti spietatamente anticattolici dell’anticristo seduto sulla cattedra del pontefice romano, per i quali ogni mezzo per placare la loro fame di potere è giustificato. Molti hanno vissuto e coltivato i pregiudizi della Chiesa cattolica antiscientifica e reazionaria e hanno visto nell’universalismo romano la nemesi dell’ideale dello Stato nazionale con i suoi obiettivi imperiali e coloniali. In questo contesto si potrebbe tollerare la Chiesa solo come Chiesa nazionale inglese; e i vescovi anglicani si mettono al servizio di un cristianesimo nazionale dilatato.

 

La pluralità delle comunità cristiane e l’unità visibile della Chiesa cattolica

 

Newman, stimato studioso e celebre predicatore universitario di Oxford, scoprì per suo conto l’instabilità biblica e storica dell’originario dogma protestante del papa come anticristo. Dopo questo, Newman non poteva più sottrarsi all’intuizione che essa era la Chiesa cattolica del papa romano (così disprezzato in Inghilterra) – e non la chiesa nazionale anglicana, che esisteva dal XVI secolo – che era in reale continuità con la Chiesa degli apostoli. Con la sua straordinaria conoscenza della Bibbia e dei padri della Chiesa non poteva sfuggire alla conclusione che la Chiesa cattolica si trova in piena continuità con la la dottrina e il sistema di governo della Chiesa degli apostoli, e che le accuse protestanti di corrompere la fede apostolica o di integrarla con elementi non biblici della dottrina ricadono piuttosto su se stessi. Nella sua Apologia Newman scrisse: “E per quanto mi conosco, la mia unica ragione fondamentale per contemplare un cambiamento è la mia profonda, costante convinzione che la nostra Chiesa è in scisma, e che la mia salvezza dipende dalla mia adesione alla Chiesa di Roma”.

Questa stessa concezione della Chiesa come confessione di fede trova espressione nel Concilio Vaticano II. La dichiarazione Dominus Iesus, pubblicata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede il 6 agosto 2000, dice la stessa cosa, anche se è per lo più erroneamente interpretata perché in gran parte (da alcuni intenzionalmente) non letta. Per una buona ragione Newman ha respinto la teoria secondo cui la Chiesa anglicana traccia una via di mezzo tra cattolicesimo e protestantesimo; ha anche rifiutato [la posizione] secondo cui potremmo pragmaticamente accontentarci della frammentazione della cristianità con l’idea che ci sono diversi rami sull’unico albero della Chiesa. Eppure la pluralità delle comunità in questo momento non può essere considerata come una parziale realizzazione della Chiesa di Cristo; la Chiesa di Cristo è indivisibile. E l’indivisibilità – che si esprime visibilmente nell’unità di fede della Chiesa, nella sua vita sacramentale e nella sua costituzione apostolica – è legata inesorabilmente all’essenza della Chiesa. Lo scopo del movimento ecumenico non è, quindi, una fusione artificiale di confederazioni ecclesiali. È piuttosto il ripristino della piena comunione di fede e dei vescovi come successori degli apostoli, come è stato realizzato storicamente e continuamente fin dall’inizio nella Chiesa, che “è governata dal successore di Pietro e dai vescovi in comunione con lui” (Dominus Iesus 17).

Perché Newman si è opposto a un ecumenismo basato sul relativismo e sullo scetticismo? Perché non si è accontentato della seguente formula? (Ecco l’idea errata contro cui si è opposto, ndr:) “Noi tutti crediamo nello stesso Dio, e quindi l’insegnamento della Chiesa non ha importanza. La nostra conoscenza delle cose non è esatta. La religione è una questione di sentimento, e così la maggioranza di coloro che condividono gli stessi sentimenti determinano il modo in cui la Chiesa vive. Per l’unità ecumenica, basta un semplice senso di comunità e un rapporto sentimentale con ‘Gesù’ per rendere l’unità secondo i gusti della maggioranza. Se vi sentite uniti, anche voi potete celebrare insieme un banchetto eucaristico – anche se la dottrina vincolante della Chiesa o le comunità cristiane separate insegnano il contrario e riconoscono queste dottrine come rilevanti per la salvezza”.

Newman crede nella realtà di Dio, nel fatto di una rivelazione storica di sé in Gesù Cristo, e nella sua attuale presenza nella Chiesa che è, nei suoi elementi strutturali essenziali e nell’autorità apostolica dei suoi pastori, guidata dallo Spirito di Dio.

Chi prende sul serio l’incarnazione deve prendere sul serio anche la Chiesa come opera di Dio e guardarsi da ogni manipolazione da parte di gruppi di pressione ideologicamente ostinati. La Chiesa visibile è la concretizzazione della presenza incarnata della Parola di Dio in Gesù Cristo. Poiché Israele ha una storia di salvezza, poiché l’incarnazione è avvenuta, poiché Cristo ha veramente rinunciato alla sua vita sulla croce per la salvezza del mondo ed è realmente risorto – c’è anche l’obbligo concreto di obbedire fedelmente alla rivelazione, che rende presente la confessione di fede nella promessa di salvezza, nei sacramenti e nell’autorità ecclesiale dei successori degli apostoli nell’episcopato. È nel contesto di queste confessioni che Newman vuole essere compreso.

L’opinione comune che una confessione cristiana è come l’altra e che il vero cristianesimo si svolge solo all’interno dell’interiorità del cuore – al di là del credo, del dogma, del sacramento e dell’autorità magisteriale – appare oggi plausibile per un gran numero di cristiani. Ma è insostenibile alla luce delle affermazioni delle sacre scritture sulla rivelazione e sulla Chiesa. Poiché la Chiesa visibile, sacramentale e la comunità invisibile dei fedeli si appartengono indissolubilmente, Newman ha dovuto porsi la domanda: Quali tra le comunità cristiane visibili che si offrono ora possono giustamente rivendicare un’identità di confessione di fede e di continuità storica? Non ha inteso la sua conversione come un cambiamento da una confessione cristiana all’altra. Né aveva deciso di compiere questo passo perché, per esempio, la pietà cattolica avrebbe potuto attirarlo di più emotivamente, o perché una cultura cattolica di stile romantico avrebbe potuto essere più adatta a lui. Al contrario! L’aspetto esteriore della Chiesa cattolica avrebbe dovuto disgustare anche lui. Newman ha fatto il passo perché ha realizzato nella fede e nella coscienza l’identità completa della Chiesa di Cristo con la Chiesa cattolica visibile. Questo non era di poco conto per la Chiesa anglicana. La sua conversione non è la causa del dolore di uno e il filo del successo di un altro. Newman appartiene a tutti i cristiani! Egli è uno dei testimoni più impressionanti dell’unità visibile della Chiesa, che Gesù stesso ha voluto e che costituisce così un punto di riferimento incrollabile dell’identità cristiana (Gv 17,22ss).

 

Newman: Apologeta del cristianesimo come religione rivelata

 

Newman visse nell’Ottocento, che ha posto le questioni di base decisive anche per il ventesimo secolo e che sanguineranno profondamente nel ventunesimo secolo. Queste domande riguardano la sfida fondamentale posta dalla filosofia dell’Illuminismo.

È in gioco il diritto all’esistenza del cristianesimo e l’onere della rivelazione storica come verità e fatto di fronte alla ragione umana. Nella critica della religione di Feuerbach, Marx, Nietzsche e Freud, l’apparente superamento della fede rivelata da parte della scienza moderna e la massiccia ostilità della Chiesa verso i regimi totalitari di Hitler e di Stalin sollevano sempre una sola domanda: Esiste Dio, e la sua Parola può essere la misura della nostra fede e della nostra coscienza?

Nel suo famoso discorso alla sua elevazione a cardinale (1879), Newman segnala due possibili atteggiamenti verso la rivelazione. Egli chiama uno l’atteggiamento liberale e scettico dell’agnosticismo e dell’ateismo. L’altro lo chiama atteggiamento dogmatico, cioè la disponibilità di base ad obbedire fedelmente alla Parola di Dio, che è rappresentata nella parola umana della confessione della Chiesa: “Il liberalismo nella religione è la dottrina secondo cui non c’è verità positiva nella religione, ma che un credo è buono come un altro, e questo è l’insegnamento che si sta rafforzando sempre più quotidianamente. È in contrasto con il riconoscimento di qualsiasi religione come vera. Insegna che tutti devono essere tollerati, perché è tutta una questione di opinione. La religione rivelata non è una verità, ma un sentimento e un gusto; non è un fatto oggettivo, non miracoloso; ed è diritto di ogni individuo farle dire ciò che colpisce la sua fantasia”. Il pensiero dogmatico si oppone a questo. Riconosce il fatto della Parola di Dio rivelata comunicata agli uomini in Gesù Cristo. In contrasto con il senso meramente emotivo di una presenza impersonale del divino, la Parola di Dio incarnata è razionale e chiaramente esprimibile. Questo dimostra la confessione di fede della Chiesa. Nell’atto sacramentale dato alla Chiesa da Cristo, il Verbo fatto carne è di nuovo presente.

Questo confronto dei due possibili atteggiamenti degli uomini moderni verso l’autorivelazione di Dio in Gesù Cristo non è, naturalmente, una questione di concetti di “liberale” e “dogmatico”, ma piuttosto della cosa da essi identificata.

Newman non ha preso di mira il liberalismo politico. Infatti, ha riconosciuto il punto di vista umano di molti dei suoi sostenitori. Dopo la fine delle guerre di religione in Europa e la devastazione causata dalla Rivoluzione francese e dalle campagne di espansione di Napoleone nel mondo, non rimaneva altra scelta che riorganizzare la società sui principi di libertà religiosa, tolleranza e uguaglianza di tutti davanti alla legge. Quindi, se la religione era affidata alla coscienza della verità dell’individuo, era ancora lontana dal diventare un affare privato o qualcosa di arbitrario. Al contrario, la sfida per gli individui a cercare la verità e ad affrontare il loro potere obbligatorio era aumentata enormemente dai tempi in cui i governanti europei potevano ancora determinare la religione dei loro sudditi. Per la verità, la libertà di religione moderna include più del diritto dell’individuo contro le pretese di potere dello Stato e contro le pressioni per conformarsi alla società. Decisiva per la piena realizzazione di questo diritto fondamentale è anche la dimensione comunitaria della questione della verità.

Ogni comunità religiosa deve poter determinare da sola quali siano e non siano gli elementi vincolanti o dogmatici della sua costituzione e le condizioni razionali e identificabili della loro validità.

A questo punto emerge il moderno conflitto tra l’aver fede e l’incredulità. In opposizione ai propri principi, il liberalismo esige la sua validità in modo totale ed esclusivo. La sua generosità e la sua presunta capacità di accoglienza verso tutti gli orientamenti religiosi spesso equivalgono ad una militante indifferenza alle rivendicazioni della Parola di Dio. Il liberalismo, come critica Newman, è un’altra forma di razionalismo:

Il liberalismo è dunque l’errore di sottoporre al giudizio umano quelle dottrine rivelate che sono nella loro natura oltre e indipendenti da esso, e di pretendere di determinare per motivi intrinseci che sono nella loro natura oltre e indipendenti da esso, e di pretendere di determinare per motivi intrinseci la verità e il valore delle proposizioni che riposano per la loro ricezione semplicemente sull’autorità esterna del Verbo divino (Apologia, 493).

Il liberalismo rivendica la sola validità dello scetticismo metafisico, anche se sotto i presupposti del liberalismo sono impossibili affermazioni metafisicamente valide e indubitabili. Il liberalismo si rivolge contro il libero diritto delle comunità religiose di determinare il contenuto e l’orizzonte di verità dei propri principi metafisici ed epistemologici. In contraddizione con un liberalismo di questo tipo, la giustificazione razionale dell’atto e del contenuto della fede divenne un tema della vita di Newman.

Anche in questo caso Newman è straordinariamente rilevante. La dichiarazione Dominus Iesus ha respinto la cosiddetta teoria pluralista della religione che relativizza Cristo e la Chiesa come inconciliabili con i fondamenti e la sostanza della fede cattolica. Questa teoria sull’uguaglianza e la somiglianza di diverse forme di mediazione e di diversi mediatori si basa sul relativismo epistemologico e sullo scetticismo. Si presume che ogni persona possa, con l’aiuto della sua religione e cultura ancestrale, superare il proprio egoismo per coinvolgere il prossimo e aprirsi alla realtà, che è sempre più grande di tutto ciò che noi nella nostra finitudine possiamo pensare o fare. Questa è la salvezza comunicata ad ogni persona con una mentalità religiosa, indipendentemente dal fatto che egli, di fronte all’orizzonte sempre più ampio della realtà, immagini Dio come un Dio personale o un numinosum impersonale (essenza o energia dinamica impersonale non originata, ndr), o che dopo la morte preveda una risurrezione personale o una resuscitazione biologica dei cadaveri, come unità con l’uno e tutto l’essere oppure null’altro oltre la coscienza personale.

Per Newman era chiaro che la confessione cristiana della volontà salvifica universale dell’unico Dio e dell’unicità della rivelazione di Gesù Cristo (cfr. 1 Timoteo 2, 4ss) non denigra le religioni precristiane assolutizzando una tradizione unica per l’Occidente cristiano. Chiunque sfatasse come non dimostrato e indimostrabile il dogma fondamentale dei relativisti, degli scettici metafisici e degli agnostici per i quali è impossibile una rivelazione storica di Dio, confesserà anche che Dio è già all’opera nella umana ricerca della verità e nel desiderio di salvezza di tutte le religioni. Così in Gesù Cristo “tutti gli uomini sono salvati e giungono alla conoscenza della verità” (1 Timoteo 2,4).

Per Newman, dunque, il cristianesimo è la religione del futuro perché Dio, che una volta per tutte ha preso dimora nel nostro mondo nel suo Verbo fatto carne, è anche il futuro dell’umanità:

La Rivelazione inizia dove la Religione Naturale fallisce. La Religione della Natura è una semplice coazione, e ha bisogno di un complemento – può avere un solo complemento, e quello stesso complemento è il cristianesimo. La religione naturale si basa sul senso del peccato; riconosce la malattia, ma non può trovare il rimedio, lo fa, ma cerca. Questo rimedio, sia per la colpa che per l’impotenza morale, si trova nella dottrina centrale della Rivelazione, la Mediazione di Cristo……. Così il cristianesimo è il compimento della promessa fatta ad Abramo e delle rivelazioni mosaiche; così ha potuto occupare il mondo e conquistare, fin dal primo momento, ogni classe della società umana alla quale i suoi predicatori sono giunti, è per questo che la potenza romana e la moltitudine di religioni che ha abbracciato non potevano opporvisi; questo è il segreto della sua energia sostenuta, e dei suoi incessanti martirii; è per questo che oggi è così misteriosamente potente, nonostante i nuovi e temibili avversari che ne assediano il cammino. Ha con sé quel dono di arginare e guarire l’unica profonda ferita della natura umana, che si avvale per il suo successo più di un’enciclopedia completa di conoscenze scientifiche e di un’intera biblioteca di controversie, e quindi deve durare fino a quando la natura umana dura. È una verità viva che non potrà mai invecchiare.

Alcuni ne parlano come se si trattasse di una cosa storica, con riferimenti solo indiretti ai tempi moderni; io non posso permettere che sia una mera religione storica. Certamente ha i suoi fondamenti nel passato e nelle memorie gloriose, ma il suo potere è nel presente. Non è una questione noiosa di antiquariato; non la contempliamo nelle conclusioni tratte da documenti muti e da eventi morti, ma dalla fede esercitata in oggetti sempre vivi, dall’appropriazione e dall’uso di doni sempre ricorrenti.

La nostra comunione con essa è nell’invisibile, non nell’obsoleto. In questo stesso giorno i suoi riti e le sue ingiunzioni suscitano continuamente l’interposizione attiva di quell’Onnipotenza in cui la Religione ha avuto inizio molto tempo fa. Innanzitutto e soprattutto la Santa Messa, in cui Colui che una volta morì per noi sulla Croce, riporta e perpetua, con la sua letterale presenza in essa, quello stesso sacrificio che non può essere ripetuto. Poi, c’è l’ingresso vero e proprio di Sé, anima e corpo, e divinità, nell’anima e corpo di ogni adoratore che viene a Lui per il dono, un privilegio più intimo che se vivessimo con Lui durante il Suo lungo soggiorno passato sulla terra. E poi, inoltre, c’è la Sua personale dimora nelle nostre chiese, innalzando il servizio terreno in un assaggio del cielo. Tale è la professione del cristianesimo, e, ripeto, la sua stessa divinazione dei nostri bisogni è di per sé una prova che è davvero l’offerta di essi……”.

Il promesso Salvatore, l’Attesa delle nazioni, non ha fatto il suo lavoro a metà. . . . . . Ha creato una gerarchia visibile e una successione di sacramenti, per essere canali delle Sue misericordie…. . . In tutti questi modi Egli si porta davanti a noi…..nel mentre la natura umana stessa è ancora in vita e azione come mai lo è stata, così anche Lui vive, alla nostra immaginazione, con i suoi simboli visibili, come se fosse sulla terra, con un’efficacia pratica che anche i non credenti non possono negare, per essere il correttivo di quella natura, e la sua forza giorno per giorno, e che questo potere di perpetuare la sua immagine. . è una grande prova di come Egli adempie bene fino ad oggi quella Sovrana Missione che, fin dai primi inizi della storia del mondo, è stata in profezia a Lui assegnata (Apologia, 487-489).

 

Newman: Un modello di stabilità

 

Un altro parallelo al presente è l’episodio della vicenda Achilli, che gettò una nube scura sul 1851. Un domenicano che rompe i voti e apostatizza di nome Achilli, per la gioia del suo pubblico compiaciuto e critico per la Chiesa, aveva raccontato i crimini e le trasgressioni della Chiesa, senza omettere stereotipi o pregiudizi. Quando Newman si contrappose a questo approccio populista con eventi storici, fu accusato di diffamazione. Sebbene tutte le accuse si fosserovrivelate ingiustificate, il giudice condannò Newman a pagare una rovinosa multa, lo privò del diritto di parola e lo insultò come una figura completamente sordida.

Ancora oggi c’è cattivo sangue ed eruzioni di odio all’interno della Chiesa. In alcuni paesi come l’Olanda, la Svizzera, l’Austria e la Germania ci sono fazioni che danno per scontato ciò che c’è di peggio dei vescovi e del papa. Spesso teologi e sacerdoti che hanno perso la fede o hanno fallito nel celibato o i consigli evangelici guidano e si muovo per movimenti che chiedono la riforma della Chiesa e che tuttavia, consapevolmente o meno, si limitano alla divisione e alla distruzione.

Newman è un modello di stabilità tra le ostilità che nascono dall’esterno. Ma è anche un modello di resistenza spirituale al sospetto e alla diffidenza che sorgono nelle proprie file. Oggi chiamiamo questo “bullismo”. Per anni le personalità più alte all’interno della Chiesa hanno gettato una “nuvola di sospetto” su Newman. Newman non si è tirato indietro con dolore; sapeva che la Chiesa di Cristo è più che una dinamica di gruppo e una loro ondata di simpatia e antipatia che affiora sulla superficie della Chiesa. La Chiesa penetra nel mistero di Cristo. La Chiesa come sacramento significa essere accolti nella figliolanza di Cristo, il quale come capo fa della Chiesa il suo corpo, unendo i singoli credenti come comunità e trasmettendo ad essa tutti i carismi e i ministeri per compiere la sua missione di salvezza del mondo. E così l’umanità, tutta umana, non può distruggere la Chiesa; e non possiamo cedere alla disperazione.

Anche dopo tutte le difficoltà esterne e interne, l’ostilità, la resistenza e l’irritazione, papa Leone XIII eleva Newman alla posizione di cardinale. Ha onorato Newman per la sua fede profondamente radicata nella Chiesa e la sua disponibilità a servire con tutti i mirabili talenti del suo spirito, della sua umanità e della sua formazione del cuore della Chiesa. “Ero determinato ad onorare la Chiesa”, ha spiegato Leone XIII, “onorando Newman”.

Newman è senza dubbio un pensatore cristiano impressionante che, con la sua opera e la sua vita coinvolta in conflitti sulla legittimità del cristianesimo nella modernità, indica con sicurezza e coerenza il futuro dell’umanità. E questo non è altro che Dio in Gesù Cristo e nella sua Chiesa. Ma Newman non è stato solo un brillante teologo e poeta di talento, ma anche una grande uomo di preghiera; ha portato la situazione della Chiesa così come l’ha percepita e sofferta davanti a Dio nella preghiera. Sono necessari pochi commenti per mostrare quanto siano rilevanti queste parole:

O Dio,

il tempo è completamente assediato.

La causa di Cristo giace come in agonia.

Eppure, Cristo non ha mai camminato con più forza attraverso i secoli,

non è mai stato il suo avvento più estremo,

mai la sua vicinanza più sensibile,

mai il suo dovere più caro di adesso.

Così in questi lampi di eternità,

tra tempesta e tempesta,

lasciateci qui sotto a pregare:

O Dio,

Puoi illuminare nuovamento il buio,

Tu e tu da solo (*).

 

(*) Anche se questa poesia prende in prestito versi da Newman, non è sua. Essa deriva piuttosto da Gedanken und Gebete im Christuslicht di Johannes Dierkes (Paderborn: Junfermann, 1935), ma ben presto è stata attribuita erroneamente a Newman stesso.

 

Tradotto da Justin Shaun Coyle

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1