A causa della mancanza di domanda su scala globale, i governi e i produttori stanno buttando via milioni di dosi di vaccini COVID inutilizzate. Il Canada, con una popolazione di 38 milioni di persone, ha gettato 24 milioni di dosi. Ma potrebbero essere di più.

Di seguito vi propongo un articolo scritto da David McLoone e pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione. 

Vaccini-covid

 

Il governo canadese ha gettato quasi 25 milioni di dosi di vaccini COVID-19 di vari produttori, a causa del crollo della domanda di inoculazione contro il nuovo coronavirus.

Il National Post ha riportato venerdì che 7,7 milioni di dosi di COVID a base di mRNA di Moderna sono state smaltite dopo aver raggiunto la data di scadenza, rispetto a 1,2 milioni di dosi scartate a giugno. I dati del governo federale mostrano che sono stati gettati altri 3,1 milioni di vaccini Novavax COVID su un ordine di 9,7 milioni, oltre a 13,6 milioni di dosi di siero di AstraZeneca. Tuttavia, il numero totale di vaccini scartati potrebbe essere più alto, poiché i dati non tengono conto delle dosi scadute dopo la consegna ai governi provinciali.

Dei 9,7 milioni di vaccini Novavax acquistati, solo una minima parte, appena 117.000, è stata distribuita, mentre la maggior parte dei 20 milioni di vaccini AstraZeneca sono stati lasciati in magazzino dopo che i rapporti hanno confermato che il vaccino progettato a Oxford era stato collegato a una pericolosa coagulazione del sangue.

In effetti, studi hanno indicato che i vaccini COVID hanno molte più probabilità di causare lesioni che di proteggere dall’infezione del virus, soprattutto nei giovani adulti. Un recente studio tedesco ha riscontrato “forti associazioni” tra l’inoculazione del COVID e un calo della fertilità.

“L’attuazione di questi programmi [di vaccinazione] sia in Germania che in Svezia coincide molto bene con un netto cambiamento nei livelli di fertilità esattamente nove mesi dopo”, si legge nello studio, aggiungendo che “i tassi di fertilità sono rimasti a un livello ridotto per tutta la prima metà del 2022”.

La vasta scorta di vaccini AstraZeneca del governo canadese è stata in seguito gettata dopo la scadenza, anche se era stata offerta a Gavi, un’organizzazione globale di vaccini istituita nel 1999 dalla Fondazione Bill e Melinda Gates per distribuire vaccini nei Paesi in via di sviluppo.

Quando il governo federale ha promesso le dosi di AstraZeneca a COVAX, il pool di risorse internazionali di Gavi per i vaccini COVID, l’organizzazione ha dichiarato di essere “già impegnata a distribuire grandi volumi” di vaccini “con i Paesi destinatari” e ha quindi rifiutato di accettare le dosi aggiuntive promesse.

Tuttavia, la portavoce di Health Canada, Charlaine Sleiman, ha dichiarato all’epoca che non si trattava di un semplice surplus di donazioni, ma di una “domanda limitata di vaccino e di problemi di distribuzione e assorbimento da parte dei Paesi riceventi”.

Complessivamente, il governo canadese ha speso più di 9 miliardi di dollari (6,8 miliardi di dollari) per assicurare più di 500 milioni di vaccini COVID (di cui 150 milioni di vaccini mRNA di Pfizer e Moderna) nonostante nessuno dei vaccini avesse superato gli studi clinici, portando il deputato conservatore Kelly McCauley ad accusare il governo liberale di leadership incompetente.

“I dollari dei contribuenti sono stati effettivamente sprecati”, ha accusato McCauley.

In Canada si è assistito a un netto rallentamento nell’adozione dei richiami infiniti della COVID. Mentre inizialmente la stragrande maggioranza della popolazione, circa l’85%, ha fatto la prima iniezione e un altrettanto alto 82% ha acconsentito alla seconda, convincere i cittadini a continuare a vaccinarsi contro il virus non ha avuto lo stesso successo, con meno del 50% dei canadesi idonei che hanno ricevuto ulteriori dosi di richiamo, secondo il sito web del Governo del Canada.

Solo il 14,3% ha fatto una quarta iniezione.

La domanda di vaccini in tutto il mondo è rallentata, tanto che l’amministratore delegato di Moderna, Stéphane Bancel, ha dichiarato in maggio, in occasione del summit Davos 2022 del World Economic Forum, che l’azienda farmaceutica aveva buttato via 30 milioni di dosi delle proprie iniezioni perché “nessuno vuole prenderle”.

“Abbiamo un grosso problema di domanda”, ha detto Bancel, spiegando che sebbene l’enorme azienda farmaceutica abbia cercato di sollecitare l’adozione del vaccino in altri Paesi “attraverso le ambasciate a Washington”, Moderna ha scoperto che “nessuno vuole prenderlo“.

Allo stesso modo, in India, un importante produttore di farmaci ha smaltito 100 milioni di dosi del vaccino Covishield, la versione indiana del vaccino di AstraZeneca, a causa della scarsa diffusione. I rapporti hanno rilevato che il governo non è stato in grado di distribuire l’enorme quantità di dosi nonostante le avesse offerte gratuitamente agli over 75 nell’ambito di un’iniziativa per il 75° anniversario dell’indipendenza.

Entro l’estate, gli Stati Uniti avevano buttato via ben 82,1 milioni di dosi di COVID a causa della mancanza di domanda.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments