Il “Cammino sinodale” tedesco mira a cambiare l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità proponendo “una dichiarazione consapevole contro l’attuale catechismo cattolico”, secondo uno dei principali protagonisti del controverso processo. L’articolo che vi propongo è scritto da AC Wimmer, pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione. 

 

sacerdoti-LGBT-in-Germania

 

Il “Cammino sinodale” tedesco mira a cambiare l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità proponendo “una dichiarazione consapevole contro l’attuale catechismo cattolico”, secondo uno dei principali protagonisti del controverso processo.

Marc Frings, segretario generale del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK), ha affermato che il “Cammino sinodale” – a volte indicato come “Percorso sinodale” – è “una dichiarazione consapevole contro l’attuale catechismo cattolico, che è stato critico e denigratorio nei confronti dell’omosessualità dalla metà degli anni ’70 e che ancora rimprovera l’attività omosessuale come peccato”.

I suoi commenti sono stati pubblicati il 17 luglio in tedesco e in inglese da “Outreach”, un sito web curato da padre James Martin S.J. che si descrive come una “risorsa cattolica LGBT”.

Il titolo del pezzo di opinione si riferiva al controverso processo, che non è un sinodo, come “il sinodo tedesco”. Contattato da CNA Deutsch, partner della CNA per le notizie in lingua tedesca, con una richiesta di chiarimento, Frings ha detto di aver chiesto a “Outreach” di correggere l’errore, spiegando di non aver scritto lui stesso il titolo.

Citando il “Cammino sinodale”, Frings ha scritto inoltre: “È urgente il riconoscimento dell’uguaglianza e della legittimità degli orientamenti non eterosessuali, delle loro pratiche e relazioni, così come l’eliminazione della discriminazione basata sull’orientamento sessuale”.

Il funzionario ha indicato un testo del forum su “La vita nelle relazioni successive – Vivere l’amore nella sessualità e nella partnership”, che non contiene solo commenti sul cambiamento di opinioni sull’omosessualità, ma anche sulla masturbazione, il matrimonio, la lussuria sessuale e altri argomenti correlati.

Il laico tedesco ha anche collegato il “Cammino sinodale” a un’importante campagna LGBT in Germania intitolata “#OutInChurch – Per una Chiesa senza paura”, lanciata il 24 gennaio.

La campagna si è appellata alla revisione di quelle che ha descritto come espressioni “diffamatorie e superate” della dottrina cattolica, ha riferito CNA Deutsch, il partner della CNA per le notizie in lingua tedesca.

In un elenco di sette punti di richiesta, gli organizzatori hanno scritto: “Le affermazioni diffamatorie e obsolete della dottrina della Chiesa sulla sessualità e sul genere devono essere riviste sulla base delle scoperte teologiche e scientifico-umane”.

La campagna – lanciata in Germania con una pubblicità sfolgorante e un programma televisivo di accompagnamento – è stata accolta a nome della Conferenza episcopale dal vescovo Helmut Dieser, presidente del forum “Via sinodale” su “Vivere relazioni di successo”.

Gli organizzatori hanno tenuto una giornata di protesta in risposta alla dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede secondo cui la Chiesa non ha il potere di benedire le unioni omosessuali.

La dichiarazione del Vaticano, rilasciata con l’approvazione di Papa Francesco, ha scatenato proteste nel mondo cattolico di lingua tedesca.

Diversi vescovi hanno espresso il loro sostegno alla benedizione delle coppie omosessuali, mentre le chiese hanno esposto bandiere dell’orgoglio LGBT e un gruppo di oltre 200 professori di teologia ha firmato una dichiarazione che critica il Vaticano.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica dice: “Il numero di uomini e donne che hanno tendenze omosessuali profonde non è trascurabile”.

“Questa inclinazione, che è oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Devono essere accettati con rispetto, compassione e sensibilità. Va evitato ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti”.

“Queste persone sono chiamate a compiere la volontà di Dio nella loro vita e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della Croce del Signore le difficoltà che possono incontrare a causa della loro condizione”.

Aggiunge: “Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Con le virtù del dominio di sé che insegnano loro la libertà interiore, a volte con il sostegno di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono avvicinarsi gradualmente e risolutamente alla perfezione cristiana”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email