Di seguito un articolo di Joshua Rhett Miller, pubblicato su New York Post e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Un dirigente della Disney ha promesso più inclusività nelle sue produzioni, poiché il gigante dell’intrattenimento lavora per far sì che i gruppi sottorappresentati, come le minoranze razziali e la comunità LGBTQ, rappresentino almeno il 50% dei suoi personaggi regolari entro la fine dell’anno.

Karey Burke, presidente di Disney’s General Entertainment Content, ha detto che la società deve fare di più per rendere il suo contenuto più inclusivo in una chiamata Zoom a livello aziendale lunedì che è stata poi pubblicata su Twitter.

“Sono qui come madre di due bambini queer, effettivamente”, ha detto Burke nella chiamata. “Un bambino transgender e un bambino pansessuale, e anche come leader”.

Burke ha detto che sostiene la presenza di “molti, molti” personaggi che sono LGBTQIA, che sta per lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer (o dubbi), intersessuali e asessuali (o alleati).

La telefonata faceva parte della campagna “Reimagine Tomorrow” di Disney, secondo il video pubblicato su Twitter martedì. Il suo sito web promette che il 50 per cento dei personaggi regolari e ricorrenti in tutto l’universo Disney verrà da “gruppi sottorappresentati”.

Il boss della Disney ha detto di essere rimasta costernata nell’apprendere da un collega che l’azienda aveva solo una “manciata” di personaggi principali queer nei suoi contenuti.

“E io ho detto: ‘Cosa? Non può essere vero”, ha detto Burke. “E ho capito che in realtà è vero. Abbiamo molti, molti, molti personaggi LGBTQIA nelle nostre storie e tuttavia non abbiamo abbastanza protagonisti e narrazioni in cui i personaggi gay possono essere solo personaggi e non devono riguardare storie gay”.

Durante la stessa telefonata di lunedì, un altro dipendente Disney ha osservato come la società abbia anche eliminato l’uso di pronomi di genere in tutti i suoi parchi a tema la scorsa estate come parte dei suoi sforzi di inclusività.

“L’estate scorsa abbiamo rimosso tutti i saluti di genere in relazione ai nostri spiels dal vivo”, ha detto Vivian Ware, manager della diversità e dell’inclusione Disney, durante la chiamata. “Così, non diciamo più signore e signori, ragazzi e ragazze … È ciao a tutti o ciao amici”.

Disney è ora in procinto di cambiare i messaggi registrati nei parchi per abbinare la spinta all’inclusività, ha detto Ware.

“Non diciamo più signore e signori, ragazzi e ragazze”, ha continuato Ware. “Diciamo sognatori di tutte le età”.

La nuova spinta verso l’inclusività arriva mentre il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato la legge lunedì che vieta agli insegnanti della Florida di discutere argomenti LGBTQ come l’orientamento sessuale o l’identità di genere con gli studenti a meno che non siano in quarta elementare o superiore.

Disney ha denunciato la nuova legge e ha promesso di combattere per abrogarla.

“Il nostro obiettivo come azienda è che questa legge sia abrogata dalla legislatura o abbattuta nei tribunali, e rimaniamo impegnati a sostenere le organizzazioni nazionali e statali che lavorano per raggiungere questo obiettivo”, ha detto Disney in una dichiarazione Lunedi.

La dichiarazione è arrivata dopo che alcuni dipendenti Disney hanno inscenato scioperi e tenuto proteste contro la legge “Don’t Say Gay” che è ora legge nello Stato del sole.

Burke, nel frattempo, si è emozionata ad un certo punto lunedì, mentre parlava della nuova spinta per includere più personaggi LGBTQIA e delle minoranze nei contenuti della Disney.

“Spero che questo sia un momento in cui – sparate, il 50 per cento delle lacrime, scusate, stanno arrivando – non permettiamo a ciascuno di retrocedere”, ha detto Burke ai colleghi Disney durante la chiamata.

 

 

Facebook Comments