Il famoso scrittore cattolico e biografo e amico di Papa San Giovanni Paolo II, George Weigel, ha rivelato che l’arcivescovo Carlo Viganò lo aveva informato in tre diverse occasioni – la prima volta già nel 2013 – di aver informato Papa Francesco sulla reputazione dell’allora cardinale Theodore McCarrick come abusatore di seminaristi e sacerdoti.

Ecco un articolo di Dorothy Cummings McLean nella mia traduzione.

Lo scrittore George Weigel

Lo scrittore George Weigel

 

Il famoso scrittore cattolico e biografo di Papa San Giovanni Paolo II, George Weigel, ha rivelato che l’arcivescovo Carlo Viganò lo ha informato in tre diverse occasioni – la prima volta già nel 2013 – di aver informato Papa Francesco sulla reputazione dell’allora cardinale Theodore McCarrick come abusatore di seminaristi e sacerdoti.

Weigel ha discusso giovedì scorso nella trasmissione The World Over con Raymond Arroyo dell’EWTN sia della recente negazione espressa da Papa Francesco di sapere qualcosa sui peccati di McCarrick, sia al rapporto pubblicato la settimana scorsa da monsignor Anthony Figueiredo.

Facendo riferimento alle “osservazioni piuttosto sconcertanti” di Francesco, Weigel ha indicato che l’interpretazione più caritatevole delle osservazioni del pontefice è che egli non abbia seguito il consiglio di Viganò di esaminare il denso dossier su McCarrick.

“Su questo punto chiave, l’Arcivescovo Viganò mi ha ripetuto lo stesso racconto (del consiglio dato a Francesco su McCarrick) in tre volte diverse: una volta poco dopo che era successo, due volte dopo qualche anno”, ha detto Weigel.

“Non posso credere che (Viganò) si stia inventando tutto questo”, ha continuato.

Weigel ha dichiarato che l’idea che le testimonianze di Viganò siano architettate da una cabala di ricchi conservatori americani è “spazzatura assoluta e schifezza”, ma è “ampiamente creduta” dalla gente intorno a Papa Francesco e viene addirittura “venduta ad altri responsabili della Chiesa nel mondo”.

“Ho potuto verificare questo durante il Sinodo del 2018 dello scorso ottobre”, ha detto. “L’ho verificato al summit sugli abusi di febbraio”.

“Questa è una menzogna, e viene usata sia per dividere la Chiesa negli Stati Uniti e ….. sia per definire il dibattito prima del prossimo conclave”.

Weigel ha detto che questo deve finire e che “i vescovi americani devono respingere questo perché sanno che è una menzogna”.

“Questo è il tipo di spazzatura in cui sono coinvolte le persone che sanno di non avere argomenti”, ha aggiunto.

“È assolutamente indecente per chiunque si consideri un ecclesiastico”.

Quello cui ci troviamo di fronte qui, temo, sia la mancanza di un seguito disciplinare”.

Weigel e Arroyo hanno iniziato la trasmissione discutendo della massiccia “pubblicazione” di documenti salvati dall’ex segretario di McCarrick, monsignor Figueiredo. Il Rapporto Figueiredo, come viene ora chiamato, dimostra che esistevano sanzioni contro McCarrick e che il successore di McCarrick come ordinario di Washington, D.C., l’arcivescovo Donald Wuerl, ne era a conoscenza.

Nella divulgazione di martedì scorso, Figueiredo ha pubblicato una lettera di McCarrick al nunzio pontificio negli Stati Uniti dell’epoca, monsignor Pietro Sambi, dicendo di aver ricevuto una lettera dal cardinale Giovanni Re con le restrizioni e di averla condivisa con l’arcivescovo Wuerl. Nella lettera, egli indicava che le sanzioni riguardavano lo spostamento e il divieto di qualsiasi futura apparizione pubblica senza il permesso del Vaticano.

Figueiredo ha pubblicato anche un’e-mail ricevuta da McCarrick che  diceva che Wuerl aveva aiutato McCarrick nello spostamento (di sede, ndr), fornendo dettagli sulle restrizioni, e ha rivelato che aveva inviato la sua promessa di obbedienza agli ordini di Re direttamente a Wuerl.

“Certamente conferma l’affermazione dell’Arcivescovo Viganò che Benedetto XVI, presumibilmente informato di alcuni pessimi problemi con l’allora cardinale McCarrick, gli aveva essenzialmente detto di porre fine ad ogni attività”, ha detto Weigel.

Lo scrittore ha sottolineato anche che Benedetto rimosse il cardinale McCarrick come ordinario (arcivescovo, ndr) di Washington, D.C.  

“….. Ricordate che fu Benedetto XVI che, piuttosto rapidamente dopo la sua elezione, accettò le dimissioni pro forma che il cardinale McCarrick gli aveva presentato, ma chiaramente non si aspettava che fossero accettate almeno per i successivi anni (come di solito avviene, ndr)”, ha detto Weigel.

“Quello cui ci troviamo di fronte qui, temo, sia la mancanza di un seguito disciplinare”, ha concluso.

Weigel ha detto che chi conosceva bene McCarrick avrebbe visto da quella lettera che egli stava cercando di “guadagnare tempo”.

“Aspettava che le cose si calmassero, per poi procedere a tornare subito a quello che stava facendo, che si stava inserendo in un sacco di cose che in realtà non erano affari suoi e che, nel suo nuovo stato di pensionato, si stava costituendo come una sorta di ministro degli esteri parallelo del Vaticano”, ha spiegato.

Weigel ha concesso che una parte del giramondo di McCarrick potesse essere avvenuto su richiesta del Vaticano, ma ha detto di aspettarsi che la maggior parte di esso fosse avvenuto su  “sua iniziativa” e che i suoi superiori avessero semplicemente “avuto una scrollata di spalle e proseguito insieme a lui”.

Il Rapporto Figueiredo ha rivelato al mondo ciò che gli addetti ai lavori come Weigel sapevano da tempo: che l’allora cardinale McCarrick era, secondo le parole di Weigel, “un implacabile auto promotore”.

“Era un sicofante straordinario con i superiori che pensava potessero aiutarlo”, continua l’autore, “e non ha avuto vergogna di spingere se stesso in questioni che gli interessavano”.

Più tardi nell’intervista, Weigel ha rivelato che aveva sentito parlare del Rapporto Figueiredo un mese prima che accadesse, e che aveva “invitato” la sua fonte ad invitare il monsignore a chiamarlo “per parlare se quella fosse una buona idea”. Figueiredo non ha accettato l’invito, e Weigel non vuole speculare sulle sue motivazioni.

“Penso che egli sia davvero sconvolto per il tipo di ostruzionismo che sta avvenendo (l’insabbiamento di McCarrick), che non giova agli interessi della Chiesa, non giova alla credibilità della gerarchia, non giova alla credibilità della Santa Sede”, ha detto Weigel.

Tuttavia, lo scrittore non pensa che ci sia molta più documentazione rivelatrice da pubblicare su Newark e Washington.  

“Sembra ora abbastanza chiaro che egli era consapevole di ciò che stava succedendo”.

Il Rapporto Figueiredo ha anche rivelato che McCarrick aveva discusso le sue sanzioni con l’Arcivescovo Wuerl, che da tempo nega di sapere qualcosa riguardo. Alla domanda su quale effetto il Rapporto avrebbe sulla credibilità di Wuerl, Weigel ha detto di ritenere che sia una cosa “molto triste”.

“Per molti aspetti il cardinale Wuerl è stato un bravissimo arcivescovo di Washington, e merita il credito di esserlo”, ha detto Weigel.

“Non riesco a capire perché abbia preso la sua posizione sull’affare McCarrick da quando il caso è scoppiato un anno fa, e sembra ora abbastanza chiaro che fosse consapevole …. di quello che stava succedendo”.

Tuttavia, Weigel ha dichiarato che la responsabilità ultima spettava alla Santa Sede. Se la Santa Sede voleva McCarrick fuori dai riflettori, “spettava alla Santa Sede far rispettare questo”, ha detto.

“E questo significa che spetta al Nunzio far rispettare la legge”, ha continuato. “Spetta al cardinale segretario di Stato, all’epoca Tarcisio Bertone”.

“C’è stato un vero e proprio fallimento nel far rispettare (le restrizioni, ndr) su questo punto da parte di persone che avrebbero dovuto capire che se non si metteva qualcosa di equivalente a una serratura elettronica sulla gamba di quest’uomo, egli avrebbe continuato…. a fare le sue cose”.

Un’altra comunicazione del Rapporto Figueiredo conteneva l’ammissione dell’allora cardinale McCarrick a Bertone di aver condiviso il suo letto con i seminaristi senza credere che fosse sbagliato; ha negato di aver mai avuto rapporti sessuali con qualcuno.

“È una lettera molto inquietante”, ha detto Weigel, ma ha aggiunto che, riferendosi. McCarrick, era “una invenzione”.

L’autore ha detto che ci sono state voci sul comportamento (abusi, ndr) nella casa sulla spiaggia di McCarrick per anni, ma che non è stato fatto nulla perché nessuno si è fatto avanti a presentare reclami.

“A quei tempi, se nessuno era disposto ad avanzare un’accusa seria, a mettere in gioco la sua reputazione, si sperava che si trattasse (solo) di un mucchio di storie. Ma ce ne erano così tante, che ora sembra molto chiaro ….. che c’erano problemi reali che non sono stati affrontati”.

Per quanto riguarda l’entusiasmo di McCarrick per i viaggi in Cina e di aiutare il cardinale Pietro Parolin nei negoziati con il governo cinese, Weigel ha detto che è “del tutto possibile” che McCarrick stesse facendo le cose da solo e che “stava semplicemente cercando di operare con i superiori a Roma”.

Weigel ha sottolineato ancora una volta che spettava alla Santa Sede applicare le sue sanzioni.

Perché non gli dissero: “Fermati. Non vogliamo che tu faccia queste cose”?, ha chiesto.

Lo scrittore ha anche condannato l’attuale accordo con la Cina, dicendo che né Giovanni Paolo II né Benedetto XVI avrebbero firmato un accordo con il governo comunista permettendogli di scegliere i vescovi. Tuttavia, ha detto che i suggerimenti di McCarrick, secondo cui avrebbe avuto qualcosa a che fare con questo accordo, dovrebbero essere presi non solo con un granello di sale, ma con “una saliera”.

Weigel crede anche che McCarrick stesse esagerando sul suo ruolo di kingmaker papale nel suo discorso all’Università di Villanova 2013 e ha detto ad Arroyo che altri vescovi avrebbero voluto mettere un “nastro adesivo” sulla bocca di McCarrick a quel punto.

Weigel era davvero un potenziale ambasciatore presso la Santa Sede?

Weigel stesso ha avuto una parte cammeo nel Rapporto Figueiredo, perché una delle comunicazioni pubblicate era una lettera del 2017 da McCarrick a Papa Francesco per avvertirlo che si diceva che lo scrittore (Weigel, ndr) avrebbe potuto essere nominato come nuovo ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede.

McCarrick avvertì Francesco che Weigel era “un vero leader dell’ala ultra-conservatrice della Chiesa” negli Stati Uniti, che era stato “pubblicamente critico” nei confronti del pontefice, e che “molti di noi vescovi avrebbero grandi preoccupazioni” sul fatto che lo scrittore potesse essere nominato al posto.

“Sono tutte spazzatura e sciocchezze”, ha detto Weigel ad Arroyo.  

In primo luogo, l’amministrazione Trump non era ancora stata formata, quindi l’idea che si fossero rivolti al Vaticano per discutere di un nuovo ambasciatore era “assurda”. In secondo luogo, Weigel pensa che McCarrick abbia avuto l’idea da un articolo su “Vatican Insider” di Chris Lamb, che aveva nominato Weigel come una scelta “jolly” per la posizione – insieme ad Arnold Schwarzenegger e Bill O’Reilly.

Weigel non gli fu offerto il posto e non l’avrebbe accettato se l’avessero fatto, ha detto. Ma pensa che McCarrick abbia usato l’uscita di “Vatican Insider” per “pugnalare alle spalle” Weigel, forse non contento che l’opinionista conservatore avesse già avuto due udienze con Papa Francesco.  

“È semplicemente una menzogna che io sia stato pubblicamente critico nei confronti del Papa”, ha aggiunto Weigel.

“Era semplicemente una pugnalata alle spalle malvagia”.

L’autore ha detto che quando ha visto per la prima volta la lettera di McCarrick che parlava di lui, è scoppiato a ridere.

Per quanto riguarda le rivelazioni future, Weigel si chiedeva se il Vaticano rilascerà l’intera lettera del cardinale Joseph Ratzinger ai vescovi cattolici degli Stati Uniti sui politici cattolici favorevoli all’aborto che si presentavano per la Comunione. Allora il cardinale McCarrick rielaborò quella lettera, leggendo solo alcune parti agli altri vescovi (McCarrick aveva in sostanza celato ai vescovi le indicazioni date da Benedetto XVI, ndr) .

Quella lettera potrebbe essere ora negli archivi di Washington, D.C., e Arroyo ha chiesto a Weigel a quale pressione potrebbe sottostare il nuovo ordinario (dell’arcidiocesi di Washington, ndr), l’Arcivescovo Wilton Gregory, per quanto riguarda il rilascio di tali documenti.

Weigel ha elogiato Gregory come “molto competente” e nel mentre riconosce che ha fatto un “buon servizio” alla Chiesa durante la crisi degli abusi sessuali clericali del 2002, osserva che il nuovo Arcivescovo sa di avere un “grande problema di fiducia”.

 

Fonte: LifeSiteNews

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1