Ripetono, e richiedono di metterla in pratica, a più non posso la parola trasparenza quando si tratta degli altri, ma quando si viene a loro….

Di seguito vi propongo un articolo scritto da Sohrab Ahmari, pubblicato su The American Conservative. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

 

Una citazione apocrifa attribuita a Henry Kissinger lo vede chiedere scherzosamente: “Chi devo chiamare se voglio chiamare l’Europa?”. Il grande diplomatico avrà anche faticato a trovare il luogo del potere supremo del continente, ma Pfizer non ha avuto problemi. Il gigante farmaceutico sapeva esattamente chi chiamare a Bruxelles – o mandare un SMS, per essere più precisi – per far partire un accordo sul vaccino Covid. Quella persona era il Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

La scorsa settimana, la mediatrice dell’Unione Europea Emily O’Reilly ha denunciato la von der Leyen per aver continuato a fare ostruzionismo, nove mesi dopo che era emerso che la presidente della Commissione aveva scambiato messaggi di testo con il capo della Pfizer Albert Bourla all’apice della pandemia, “forgiando una relazione che ha sbloccato accordi lucrativi per vaccini salvavita contro il coronavirus”, come ha scritto il Guardian.

In particolare, Pfizer ha concluso un accordo per la fornitura di 1,8 miliardi di dosi del suo vaccino all’Unione Europea. Inizialmente al prezzo di 15,50 euro (18,90 dollari) per dose, il vaccino Pfizer alla fine è costato all’Unione Europea 19,50 euro per dose, ovvero 35 miliardi di euro in totale, la maggior parte dei quali pagati dagli Stati membri (anche se la stessa Unione Europea ha sottoscritto 2,5 miliardi di euro di spese di produzione iniziali). La Von der Leyen avrebbe avuto un ruolo personale nell’accordo, almeno nei “negoziati preliminari”, un passo molto insolito per il capo di un organismo altrimenti noto per il suo rigoroso proceduralismo.

Penso che la Commissione abbia la responsabilità di dire la verità, anche se è difficile dal punto di vista politico”, ha dichiarato O’Reilly a France 24. “Perché si sta parlando della fiducia dei cittadini in relazione a una questione molto importante. Altrimenti le persone che sono anti-vax o ostili all’UE possono dipingere una narrazione ingiusta di ciò che accade nell’UE”.

In quanto mandarino impegnato a Bruxelles, O’Reilly deve ovviamente inquadrare lo scandalo come una questione di difesa dagli spauracchi preferiti dell’Unione Europea: gli anti-vax, gli euroscettici, ecc. Ma la sua tesi di fondo è valida. Nel migliore dei casi, l’Unione Europea avrebbe dovuto mettere insieme il potere di molte nazioni che, singolarmente, sarebbero state troppo deboli e facili da dividere di fronte ai grandi attori aziendali. L’Unione, inoltre, dà abitualmente lezioni di trasparenza e responsabilità al resto del mondo, compresi i suoi membri dell’Europa orientale.

Eppure, in questo caso la von der Leyen sembra aver aggirato il normale processo negoziale per stringere un accordo personale con Pfizer. E quando le è stato chiesto di chiarire la situazione e di rendere pubbliche le comunicazioni, la sua commissione ha dichiarato, in effetti: “Bullocks to transparency”.

Il New York Times ha riportato per la prima volta gli scambi tra von der Leyen e Bourla lo scorso aprile. Da allora, il comportamento della Commissione nei confronti dei giornalisti e persino degli organi investigativi dell’Unione Europea è stato del tutto scellerato. Quando il sito netzpolitik.org ha richiesto l’accesso ai testi, la Commissione ha rifiutato categoricamente. Questo ha spinto la O’Reilly a fare un’indagine presso l’Ombudswoman dell’Unione Europea, alla quale la Commissione ha risposto che non era in grado di trovare i testi e che non era tenuta ad archiviarli.

“A causa della loro natura effimera e di breve durata”, ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Vera Jourova, gli SMS “in generale non contengono informazioni importanti relative alle politiche, alle attività e alle decisioni della Commissione”. Pertanto, “i documenti effimeri e di breve durata non vengono conservati”. La Jourova ha aggiunto: “La Commissione può confermare che la ricerca intrapresa dal gabinetto del presidente per i messaggi di testo pertinenti corrispondenti alla richiesta di accesso ai documenti non ha dato alcun risultato”.

Pfizer nega che i testi riguardino negoziati sui vaccini (sì, ok). Altri attori dell’Unione Europea sono allarmati. Questo mese, la commissione Covid del Parlamento europeo ha votato per bandire Bourla e altri dirigenti di Pfizer dall’organo legislativo dell’UE, con tutti i gruppi ideologici – tranne, vergognosamente, il Partito Popolare Europeo di centro-destra e la delegazione liberale di Renew Europe – che hanno appoggiato la misura. I legislatori europei hanno anche convocato la von der Leyen per testimoniare sul suo ruolo nei negoziati con Pfizer, anche se il parlamento purtroppo non ha i poteri formali di citazione e di indagine del Congresso degli Stati Uniti, e finora il presidente della Commissione l’ha apertamente sfidato. Anche i pubblici ministeri dell’Unione Europea sono stati coinvolti, anche se non si sa se la von der Leyen sia un obiettivo della loro indagine.

Tutto ciò è in contrasto con il ronzio permanente della santità morale liberale che fa da colonna sonora alle operazioni dell’UE. Il blocco, ad esempio, continua a trattenere i fondi di sostegno Covid all’Ungheria e ha rallentato l’erogazione di aiuti finanziari simili alla Polonia, entrambi per motivi di “stato di diritto”. Ma a quanto pare gli stessi standard non si applicano alle aziende statunitensi politicamente legate, né agli alti funzionari dell’UE che possono mandare messaggi a piacimento quando vogliono ottenere risultati.

Sohrab Ahmari

 

Sohrab Ahmari è fondatore e direttore della rivista Compact, collaboratore di The American Conservative e visiting fellow del Veritas Center for Ethics in Public Life della Franciscan University. Tra i suoi libri ricordiamo From Fire, by Water: My Journey to the Catholic Faith (Ignatius, 2019) e The Unbroken Thread: Discovering the Wisdom of Tradition in an Age of Chaos (Convergent/Random House, 2021). Attualmente sta scrivendo un libro sulla tirannia privatizzata in America.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments