Di seguito vi propongo un articolo di Enrico Trigoso, pubblicato su The Epoch Times. Ve lo presento nella mia traduzione. 

 

vaccino vaccinazione puntura siringa braccio covid
Foto: Stephane de Sakutin/AFP

 

Secondo un recente sondaggio, il 10% degli americani che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 si è pentito di averlo fatto.

Inoltre, il 15% dei 1.038 adulti che hanno partecipato al sondaggio ha dichiarato di aver ricevuto una nuova diagnosi di malattia da un medico, settimane o mesi dopo aver assunto il vaccino.

Children’s Health Defense (CHD) ha commissionato il sondaggio due anni dopo l’inizio dell’Operazione Warp Speed per conoscere la posizione delle persone sui vaccini COVID e sulla loro salute.

Il sondaggio, condotto da Zogby Analytics, afferma che il margine di errore è di +/- 3,1 punti percentuali.

“Il fatto che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riferiscano che più di 232 milioni di americani di età compresa tra i 18 e i 65 anni hanno assunto almeno una dose del vaccino COVID-19 e che il 15% degli intervistati ha riferito di aver ricevuto una nuova diagnosi di malattia è preoccupante e necessita di ulteriori studi”, ha dichiarato Laura Bono, direttore esecutivo di CHD.

“La tecnologia del vaccino a mRNA è nuova e gli studi clinici non dispongono naturalmente di dati a lungo termine. Il CHD ritiene che questo sondaggio evidenzi la necessità di ulteriori studi”.

Il 67% degli intervistati ha fatto uno o più vaccini, mentre il resto non è stato vaccinato.

Tra coloro che hanno assunto i vaccini COVID, il 6% ha assunto una sola dose, mentre il resto ha assunto 2-4 dosi.

Tra le nuove malattie diagnosticate, le più comuni sono state coaguli di sangue (21%), infarto (19%), danni al fegato (18%), trombi alle gambe e ai polmoni (17%) e ictus (15%).

Il 67% dei partecipanti ha dichiarato che il vaccino è una buona decisione, mentre il 24% è neutrale.

Un altro sondaggio condotto nello stesso periodo ha preso in esame 829 adulti americani di età compresa tra i 18 e i 49 anni e i risultati mostrano che il 22% di loro ha riportato una nuova patologia a distanza di settimane o mesi dall’assunzione del vaccino COVID-19.

Le patologie principali sono state problemi autoimmuni, trombi, ictus/coaguli polmonari, danni al fegato/coaguli alle gambe/attacco di cuore e alterazione del ciclo mestruale. Il 10% di queste patologie era grave.

Il 14% dei partecipanti si è pentito di aver preso il vaccino, mentre il 58% ha ritenuto che fosse una buona decisione e il resto era neutrale.

 

Rapporti precedenti

A maggio, un cardiologo ha dichiarato a The Epoch Times di aver riscontrato un aumento dei casi di infiammazione cardiaca. Sebbene i media abbiano prestato maggiore attenzione ai problemi di coaguli di sangue del vaccino COVID, secondo le sue osservazioni ci sono stati molti più casi di miocardite.

Alcuni medici hanno anche osservato irregolarità mestruali (vedi qui in italiano, ndr) associate ai vaccini COVID-19, cosa che secondo il Dr. Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, è un problema che deve essere studiato meglio.

Sempre a maggio, The Epoch Times ha riferito che un cardiologo pediatrico ha dovuto smettere di lavorare ed è stato punito dal suo consiglio di amministrazione per non aver voluto raccomandare il vaccino a un giovane paziente che aveva contratto la COVID in precedenza.

Il 15 giugno, un gruppo consultivo della Food and Drug Administration (FDA) ha raccomandato all’unanimità alla FDA di autorizzare in via d’urgenza i vaccini Moderna e Pfizer COVID-19 per i bambini a partire dai 6 mesi di età.

Il 29 marzo le autorità statunitensi per la regolamentazione dei farmaci hanno annunciato di aver concesso un’autorizzazione d’emergenza che consente di somministrare una quarta dose di vaccino a tutti gli americani di età pari o superiore a 50 anni.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments