Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Marina Zhang e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Anticorpi e virus infezione sistema immunitario

 

Dopo un’infezione da COVID-19 o l’inoculazione del suo vaccino, alcune persone sviluppano infezioni riattivate e ricorrenti, tra cui herpes, virus di Epstein-Barr (EBV), infezioni del tratto urinario (UTI) e anche COVID-19.

Alcuni studi emergenti collegano questo fenomeno alla linfopenia, o basso numero di linfociti.

I linfociti sono un grande gruppo di cellule immunitarie, tra cui le cellule natural killer, che svolgono un ruolo importante nell’uccidere il cancro e le cellule infette. Anche le cellule B e T, ultima linea di difesa dell’organismo, sono linfociti.

 

Linfopenia persistente

“In genere, con qualsiasi infezione, la conta dei globuli bianchi può aumentare o diminuire e, col tempo, tornare ai valori di base”, ha detto il dottor Keith Berkowitz, medico di medicina interna. Ma in questo caso, stiamo assistendo a una soppressione persistente a lungo termine e credo che si tratti di un effetto delle cellule T”. “

Il Dr. Berkowitz ha trattato oltre 200 pazienti in terapia a lungo termine e post-vaccino. Ha detto che molti dei suoi pazienti sono risultati avere una bassa conta di cellule T.

In genere, la bassa conta delle cellule immunitarie dopo un’infezione o una vaccinazione si stabilizza quando i pazienti si sottopongono a un’infezione successiva. Tuttavia, i suoi pazienti hanno continuato ad avere un basso numero di cellule T nonostante la malattia successiva.

La linfopenia persistente è un segno distintivo dell’immunodeficienza, che può mettere le persone a rischio di infezioni opportunistiche, tra cui virus riattivati e infezioni batteriche come le UTI.

Il Dr. Berkowitz ha detto che molte delle sue pazienti donne con una bassa conta delle cellule T riferiscono anche di UTI persistenti.

Sebbene le IVU tendano a colpire le donne anziane, il Dr. Berkowitz ha riscontrato che anche le donne più giovani e di mezza età sono colpite da infezioni persistenti, il che suggerisce potenziali carenze immunitarie.

Gli studi hanno anche riportato che le infezioni virali riattivate, tra cui l’EBV e l’herpes, sono comuni. Secondo il Dr. Berkowitz, può essere difficile discernere se i sintomi dei pazienti che hanno contratto la COVID-19 da lungo tempo e quelli successivi al vaccino siano dovuti all’infezione originale, al vaccino o all’infezione virale persistente.

I sintomi comuni delle IVU includono incontinenza, necessità di urinare più spesso del solito, dolore durante la minzione e altre irregolarità urinarie. La psichiatra Amanda McDonald, che ha trattato diverse centinaia di pazienti con COVID da lungo tempo e post-vaccino, ha precedentemente dichiarato a The Epoch Times che l’incontinenza è un problema comune tra i pazienti che riferiscono sintomi post-vaccino.

 

Linfopenia e COVID-19

Non è chiaro perché la linfopenia si verifichi dopo l’infezione da COVID-19 e i relativi vaccini.

Tuttavia, lo psichiatra Dr. Adonis Sfera, che ha pubblicato diversi studi sul COVID-19, ha affermato che sia il virus che la sua proteina spike residua possono essere in grado di legarsi ai linfociti e ucciderli, portando alla linfopenia.

Il virus e la sua proteina spike possono legarsi ai recettori ACE-2, CD4 e CD8, tutti presenti sulla superficie dei linfociti T.

A parte il COVID-19, la linfopenia è un evento comune durante e dopo infezioni come l’HIV, l’influenza e altre infezioni batteriche. I vaccini, tra cui il COVID-19 e i vaccini antinfluenzali, possono causare uno stato linfopenico temporaneo dopo l’iniezione.

Poiché la linfopenia può essere un segno del fatto che l’organismo sta ancora combattendo un’infezione o i suoi residui, il Dr. Sfera ritiene che la linfopenia persistente riportata nei pazienti con long-COVID e post-vaccini suggerisca che il virus o i suoi residui sono ancora presenti.

Non si sa per quanto tempo il virus e i suoi residui possano persistere nell’organismo. Una ricerca condotta dal patologo Dr. Bruce Patterson ha dimostrato che nei pazienti affetti da COVID di lunga durata le proteine spike possono rimanere fino a 15 mesi nelle cellule immunitarie. Un altro studio ha rilevato che le proteine spike del vaccino possono persistere per sei mesi.

Il Dr. Sfera ha affermato che il COVID-19 e l’HIV sono simili in quanto entrambi sembrano causare linfopenia nelle cellule T e attivare i retrovirus endogeni umani, o HERV.

Gli HERV sono geni umani che si ritiene siano stati ereditati da infezioni virali e costituiscono l’8% del genoma umano. Sebbene la presenza di HERV non sia del tutto maligna, gli HERV attivati durante la COVID-19 sono collegati a una malattia grave e alla linfopenia.

Alcuni studi hanno evidenziato una possibile diminuzione preferenziale delle cellule T helper piuttosto che di altre cellule T dopo l’infezione da COVID-19.

Le cellule T helper sono tra le cellule principali nella gerarchia del sistema immunitario. Queste cellule regolano il comportamento di altre cellule e comunicano ad altre cellule immunitarie se devono continuare a combattere un’infezione o fermarsi.

Con la perdita di cellule T helper, il sistema immunitario può diventare iperinfiammatorio e autodanneggiarsi. Questo potrebbe spiegare gli stati linfopenici e iperinfiammatori che talvolta si sono manifestati nei pazienti alcuni giorni dopo l’infezione iniziale durante la pandemia.

“Le cellule T helper sono quelle che hanno a che fare principalmente con la tolleranza immunitaria, proprio come nel caso dell’HIV”, ha detto il dottor Sfera.

La linfopenia persistente, oltre a portare all’immunodeficienza, espone l’organismo al rischio di esaurimento immunitario.

Nell’esaurimento immunitario, le cellule immunitarie smettono di rispondere a un virus o ai suoi resti. Alcuni studi ipotizzano che questo possa essere ciò che sta accadendo ai pazienti affetti da long-COVID e alle persone che si sottopongono a ripetute vaccinazioni contro il virus.

 

La linfopenia è curabile

Se un’infezione o una malattia non risolta porta a una linfopenia persistente, il trattamento della patologia che causa la linfopenia è di solito il primo passo per riportare la conta dei linfociti al livello di base. Anche i virus riattivati e ricorrenti prolungano lo stato linfopenico, poiché l’organismo è costretto a concentrarsi sulla lotta contro l’infezione.

Alcune carenze nutrizionali, tra cui zinco, folato e cobalamina (vitamina B-12), possono causare linfopenia. Livelli elevati di ferro possono anche esporre una persona a un rischio maggiore di infezione, che può esacerbare la linfopenia.

Molti dei pazienti del Dr. Berkowitz che hanno un basso numero di cellule T hanno anche un sistema nervoso sovraccarico. Berkowitz ha scoperto che, una volta calmato il sistema nervoso con una terapia di idratazione per via endovenosa e con integratori che incoraggiano il corpo a riposare, il sistema immunitario inizia a riprendersi da solo e i livelli di cellule T tornano alla normalità.

Anche la N-acetilcisteina, un precursore del glutatione, un aminoacido presente nell’organismo, può aiutare a regolare il sistema immunitario e a favorire la proliferazione dei linfociti. I pazienti con linfopenia grave possono essere trattati con iniezioni di immunoglobuline per garantire una certa immunità. Anche le iniezioni di proteine che promuovono la crescita delle cellule immunitarie possono aumentare il numero di linfociti.

Marina Zhang

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments