“Per quasi due anni, mentre la pandemia di Covid sconvolgeva la vita in tutto il mondo, altre malattie infettive si sono ritirate. Ora, mentre il mondo smantella rapidamente le misure messe in atto per rallentare la diffusione di Covid, i fastidi virali e batterici che erano in pausa stanno tornando – e si comportano in modi inaspettati.”

Di seguito un articolo scritto da Helen Branswell, pubblicato su Statnews. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Per quasi due anni, mentre la pandemia di Covid sconvolgeva la vita in tutto il mondo, altre malattie infettive si sono ritirate. Ora, mentre il mondo smantella rapidamente le misure messe in atto per rallentare la diffusione di Covid, i fastidi virali e batterici che erano in pausa stanno tornando – e si comportano in modi inaspettati.

Considerate quello che abbiamo visto negli ultimi tempi.

Gli ultimi due inverni sono stati tra le stagioni influenzali più miti mai registrate, ma i ricoveri per influenza sono aumentati nelle ultime settimane – a maggio! L’adenovirus di tipo 41, che in passato si pensava causasse episodi abbastanza innocui di malattia gastrointestinale, potrebbe scatenare gravi epatiti in bambini sani.

Il virus respiratorio sinciziale, o RSV, un virus che normalmente causa malattie in inverno, ha scatenato grandi epidemie di malattie nei bambini la scorsa estate e all’inizio dell’autunno negli Stati Uniti e in Europa.

E ora il vaiolo delle scimmie, un virus che di solito si trova solo nell’Africa occidentale e centrale, sta causando un’epidemia senza precedenti in più di una dozzina di paesi in Europa, Nord America, Medio Oriente e Australia, con il Regno Unito che ha segnalato più di 70 casi a partire da martedì.

Questi virus non sono diversi da quelli di prima, ma noi sì. Da un lato, a causa delle restrizioni Covid, abbiamo acquisito un’immunità molto meno recente; dall’altro, come gruppo, siamo più vulnerabili in questo momento. E questo aumento di suscettibilità, secondo gli esperti, significa che potremmo sperimentare un po’ di… incertezza mentre lavoriamo verso un nuovo equilibrio post-pandemico con i microbi che ci infettano.

Potrebbero verificarsi ondate di malattia più ampie, che in alcuni casi potrebbero portare alla luce problemi che non sapevamo fossero scatenati da questi microbi. Le malattie potrebbero circolare in momenti o luoghi in cui normalmente non circolerebbero.

“Penso che possiamo aspettarci alcune manifestazioni fuori dall’ordinario”, ha detto Petter Brodin, professore di immunologia pediatrica all’Imperial College di Londra. “Non necessariamente gravi. Non si tratta di una proiezione apocalittica. Ma penso che sia leggermente fuori dalla norma”.

Marion Koopmans, capo del dipartimento di viroscienze presso l’Erasmus Medical Center di Rotterdam, nei Paesi Bassi, ha dichiarato di ritenere che potremmo trovarci di fronte a un periodo in cui sarà difficile sapere cosa aspettarsi dalle malattie che pensavamo di aver compreso.

“Penso che sia possibile”, ha detto Koopmans.

Questo fenomeno, l’interruzione dei normali schemi di infezione, potrebbe essere particolarmente pronunciato per le malattie in cui i bambini svolgono un ruolo importante nella diffusione dei microbi, ha suggerito l’esperta.

I bambini piccoli sono normalmente calamite e amplificatori di germi. Ma le loro vite sono state profondamente alterate durante la pandemia. La maggior parte di loro è rimasta per lunghi periodi senza frequentare l’asilo o la scuola. Molti si sono esposti molto meno alle persone al di fuori delle loro famiglie e, quando hanno incontrato altre persone, queste potrebbero aver indossato delle maschere.

I bambini nati durante la pandemia potrebbero essere venuti al mondo con pochi anticorpi trasmessi dalle loro madri nel grembo materno, perché queste ultime potrebbero essere state protette dall’RSV e da altri agenti patogeni respiratori durante la gravidanza, ha dichiarato Hubert Niesters, professore di virologia clinica e diagnostica molecolare presso l’University Medical Center di Groningen, nei Paesi Bassi.

Koopmans ha detto che uno studio condotto dal suo team sulla ricerca di anticorpi nel sangue dei bambini piccoli ha mostrato l’impatto di quella che chiama “luna di miele dell’infezione”.

“Si nota che i bambini nel secondo anno della pandemia hanno molti meno anticorpi contro una serie di virus respiratori comuni. Sono stati semplicemente meno esposti”, ha detto.

Questi fattori possono contribuire a spiegare la recente ondata di casi insoliti di epatite nei bambini piccoli. Gli scienziati che indagano sui casi pensano che possano essere causati, almeno in parte, dall’adenovirus di tipo 41, perché è stato trovato in un numero significativo di bambini colpiti. La possibilità è sconcertante, perché il virus non è mai stato visto causare questo tipo di malattia in passato.

Ma alcuni scienziati teorizzano che questo virus possa essere sempre stato responsabile di una parte del piccolo numero di casi inspiegabili di epatite pediatrica che si verificano ogni anno. Forse, si pensa, negli ultimi otto mesi ci sono state molte più infezioni da adenovirus di tipo 41 a causa della maggiore suscettibilità dei bambini. Questo, a sua volta, potrebbe rendere visibile qualcosa che prima non era stato individuato.

“Penso che a volte per unire i puntini di complicazioni rare di malattie comuni sia necessario un numero sufficiente di casi per iniziare a mettere insieme i pezzi”, ha detto Kevin Messacar, specialista in malattie infettive pediatriche presso il Children’s Hospital Colorado. “E c’è il sospetto che questo possa accadere con i casi di epatite”.

L’interruzione dei normali schemi di contaminazione indotta dalla pandemia significa che anche gli adulti non hanno generato i livelli di anticorpi che normalmente verrebbero acquisiti attraverso la regolare esposizione ai virus, creando gruppi sempre più ampi di persone suscettibili.

Gli esperti di influenza, ad esempio, temono che quando i virus influenzali ritornano in modo serio, un eccesso di persone che non hanno avuto un’infezione recente potrebbe tradursi in una stagione influenzale molto negativa.

Koopmans ha detto che alcuni studi suggeriscono che dopo un periodo di uno o due anni in cui la trasmissione dell’influenza è bassa, ci potrebbe essere una notevole riduzione del numero di persone che hanno anticorpi antinfluenzali a livelli abbastanza alti da essere considerati protettivi. “Quindi, potenzialmente, anche un gruppo più numeroso e più suscettibile negli adulti”, ha detto l’esperta.

“Stiamo parlando di malattie endemiche che avevano un certo modello di prevedibilità. E questo modello in parte era stagionale, ma in parte era anche guidato dalle dimensioni della popolazione immune o non immune”. E quest’ultima parte è, ovviamente, aumentata”, ha detto Koopmans.

Come si evolverà la situazione? Quest’autunno tutti gli occhi saranno puntati sugli ospedali pediatrici per vedere se ci sarà un aumento dei casi di una patologia simile alla poliomielite, chiamata mielite flaccida acuta o AFM, che si pensa sia causata dall’infezione da enterovirus D68.

Messacar, che è anche professore associato presso l’Università del Colorado, studia l’AFM da otto anni, da quando si è verificata la prima di una serie di ondate biennali di casi nella tarda estate e all’inizio dell’autunno del 2014, 2016 e 2018.

Poi, nel 2020, niente. Lo stesso nel 2021. Significa che l’autunno del 2022 potrebbe vedere una cresta molto più alta di casi, perché più bambini sono potenzialmente suscettibili all’enterovirus D68? Dobbiamo essere preparati a questa possibilità”, ha detto Messacar, sottolineando però di non sapere cosa aspettarsi.

“Ora abbiamo quattro anni di bambini che non hanno mai visto questo virus. Non sappiamo cosa succederà. Non sappiamo quando tornerà. Ma quando tornerà, ci saranno più bambini suscettibili che non dovrebbero avere l’immunità”, ha detto. “È quello che stiamo osservando con una serie di virus diversi”.

Thomas Clark, vicedirettore della divisione di malattie virali presso i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha detto che i responsabili della salute pubblica hanno temuto che potessero scoppiare epidemie di malattie prevenibili con il vaccino a causa del fatto che molti bambini in tutto il mondo non hanno fatto le vaccinazioni infantili durante la pandemia.

Ma ha detto di aver capito che questo non è l’unico modo in cui la pandemia può influenzare le malattie infettive.

“Siamo molto concentrati sui bambini sottovaccinati con le vaccinazioni infantili di routine, perché è l’impostazione per l’introduzione del morbillo. Ma ci sono stati anche molti bambini che non hanno preso il solito tipo di virus a cui potevano essere esposti”.

Clark ha detto che potremmo assistere a differenze nella gravità di alcune malattie, perché i bambini piccoli che erano al riparo dai virus durante le prime fasi della pandemia possono ora prenderli quando sono più grandi. Alcune malattie causano sintomi più gravi se vengono contratte in età avanzata.

“Se vedremo questo tipo di cose in un periodo di tempo così breve penso che sia un grande punto interrogativo”, ha detto Koopmans. “Ma penso che sia certamente qualcosa che vale la pena di osservare da vicino”.

Secondo alcuni esperti, l’aumento di persone suscettibili non è l’unico modo in cui la pandemia può aver influenzato i modelli di trasmissione delle malattie.

David Heymann, che presiede un comitato di esperti che consiglia il Programma di Emergenze Sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha affermato che l’abolizione delle misure di controllo della pandemia potrebbe aver contribuito ad alimentare la diffusione del vaiolo delle scimmie nell’attuale epidemia in Europa, Nord America e oltre. Molti dei casi di vaiolo sono stati diagnosticati in uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini.

Dopo due anni di viaggi limitati, di allontanamento sociale e di incontri pubblici, la gente si sta liberando delle catene delle misure di controllo Covid e sta abbracciando un ritorno alla vita pre-pandemia. Secondo i media, i recenti rave in Spagna e in Belgio hanno portato alla trasmissione del virus tra alcuni partecipanti.

Heymann, che è professore di epidemiologia delle malattie infettive presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha ipotizzato che l’epidemia di vaiolo delle scimmie potrebbe essere rimasta in agguato a bassi livelli nel Regno Unito o in qualche altro luogo al di fuori dell’Africa per un bel po’ di tempo, ma potrebbe essere arrivata all’attenzione del pubblico solo quando i viaggi internazionali sono ripresi.

“Se si guarda a ciò che è accaduto nel mondo negli ultimi anni e a ciò che sta accadendo ora, ci si può facilmente chiedere se questo virus sia entrato nel Regno Unito due o tre anni fa, trasmettendosi sotto lo schermo radar, [con] catene di trasmissione lente”, ha detto Heymann, che ha lavorato all’eradicazione del vaiolo all’inizio della sua carriera. “Poi, all’improvviso, tutto si è aperto e le persone hanno iniziato a viaggiare e a mescolarsi”.

Anche se tutto questo potrebbe rendere inquietante il periodo dei prossimi due anni, alla fine le cose si sistemeranno, ha previsto Brodin.

“Penso che una volta che si sarà infettato un certo numero di persone, l’immunità di gregge si instaurerà e il virus scomparirà”, ha detto, riferendosi ai virus in generale. “Non abbiamo cambiato radicalmente le regole delle malattie infettive”.

Helen Branswell

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments