In aperta sfida al Vaticano, i vescovi cattolici del Belgio hanno annunciato martedì l’introduzione di cerimonie di benedizione per le coppie dello stesso sesso nelle loro diocesi.

Di seguito, nella mia traduzione,  un articolo scritto da AC Wimmer, pubblicato su Catholic News Agency

 

benedizione-unioni-omosessuali

 

In aperta sfida al Vaticano, i vescovi cattolici del Belgio hanno annunciato martedì l’introduzione di cerimonie di benedizione per le coppie dello stesso sesso nelle loro diocesi.

I vescovi delle Fiandre hanno anche pubblicato una liturgia per la celebrazione delle unioni omosessuali.

“Così facendo, stanno andando direttamente contro il Vaticano”, ha riferito il Nederlands Dagblad.

Il Vaticano ha pubblicato un chiarimento ufficiale nel marzo 2021, affermando che la Chiesa cattolica non ha il potere di dare la benedizione liturgica alle unioni omosessuali.

Tuttavia, basandosi sull’Amoris laetitia, il cardinale Jozef De Kesel di Mechelen-Bruxelles e altri vescovi della parte fiamminga del Belgio hanno pubblicato il 20 settembre un documento intitolato “Essere pastoralmente vicini alle persone omosessuali – Per una Chiesa accogliente che non esclude nessuno”.

La pubblicazione dei vescovi contiene una liturgia suggerita per le benedizioni delle persone dello stesso sesso, che comprende preghiere, letture delle Scritture e parti in cui la coppia può “esprimere davanti a Dio il proprio impegno reciproco”.

I vescovi della parte fiamminga del Belgio hanno anche annunciato che ogni diocesi nominerà una persona come “risposta concreta e realizzazione al desiderio di dare attenzione esplicita alla situazione delle persone omosessuali, dei loro genitori e delle loro famiglie nella conduzione della politica”. Anche Papa Francesco lo ha espresso esplicitamente nella sua esortazione apostolica dell’aprile 2016 sulla cura pastorale delle famiglie, Amoris laetitia (“La gioia dell’amore”)”.

La Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha pubblicato la sua ultima dichiarazione sulle benedizioni tra persone dello stesso sesso il 15 marzo 2021, in un documento noto come Responsum ad dubium (“Risposta a una domanda”).

In risposta alla domanda “La Chiesa ha il potere di dare la benedizione alle unioni di persone dello stesso sesso?”, la CDF ha risposto “Negativo”.

La congregazione ha illustrato il suo ragionamento in una nota esplicativa e in un commento di accompagnamento.

La dichiarazione vaticana, emessa con l’approvazione di Papa Francesco, ha scatenato proteste e aperta sfida nel mondo cattolico di lingua tedesca.

Gli organizzatori hanno organizzato una giornata di protesta in risposta alla dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede secondo cui la Chiesa non ha il potere di benedire le unioni omosessuali.

Anche i sacerdoti e gli operatori pastorali tedeschi hanno sfidato apertamente il Vaticano e hanno condotto cerimonie di benedizione per coppie dello stesso sesso.

A luglio, il segretario generale del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK) ha dichiarato che il Cammino sinodale – a volte indicato come Percorso sinodale – è “una dichiarazione consapevole contro l’attuale catechismo cattolico, che è stato critico e denigratorio nei confronti dell’omosessualità dalla metà degli anni ’70 e che ancora rimprovera l’attività omosessuale come peccato”.

I suoi commenti sono stati pubblicati il 17 luglio in tedesco e in inglese da Outreach, un sito web curato dal gesuita padre James Martin che si descrive come una “risorsa cattolica LGBT”.

Diversi vescovi tedeschi si sono recentemente espressi a favore di cambiamenti nell’insegnamento della Chiesa sulla sessualità e sull’identità di genere.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica dice: “Il numero di uomini e donne che hanno tendenze omosessuali radicate non è trascurabile. Questa inclinazione, che è oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Devono essere accettati con rispetto, compassione e sensibilità. Si deve evitare ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti” (n. 2358).

Prosegue: “Queste persone sono chiamate a compiere la volontà di Dio nella loro vita e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della Croce del Signore le difficoltà che possono incontrare a causa della loro condizione” (n. 2358).

Aggiunge: “Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Con le virtù del dominio di sé che insegnano loro la libertà interiore, a volte con il sostegno di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono avvicinarsi gradualmente e risolutamente alla perfezione cristiana” (n. 2359).

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments