“La vaccinazione contro la SARS-CoV-2 riduce il rischio di COVID prolungata dopo l’infezione solo del 15% circa, secondo uno studio condotto su oltre 13 milioni di persone. Si tratta della più grande coorte finora utilizzata per esaminare quanto i vaccini proteggano dalla malattia, ma è improbabile che ponga fine all’incertezza.”

Articolo di  Sara Reardon, pubblicato su Nature, che vi propongo nella mia traduzione.

 

 

La vaccinazione contro la SARS-CoV-2 riduce il rischio di COVID prolungata dopo l’infezione solo del 15% circa, secondo uno studio condotto su oltre 13 milioni di persone[1]. Si tratta della più grande coorte finora utilizzata per esaminare quanto i vaccini proteggano dalla malattia, ma è improbabile che ponga fine all’incertezza.

Il long COVID – la malattia che persiste per settimane o mesi dopo l’infezione da SARS-CoV-2 – si è dimostrato difficile da studiare, non da ultimo perché la gamma di sintomi lo rende difficile da definire. Anche scoprire quanto sia comune è stata una sfida. Alcuni studi [2,3] hanno suggerito che si verifica in ben il 30% delle persone infettate dal virus. Ma uno studio di novembre [4] su circa 4,5 milioni di persone trattate negli ospedali del Dipartimento degli Affari dei Veterani (VA) degli Stati Uniti suggerisce che il numero è complessivamente del 7% e inferiore a quello di coloro che non sono stati ricoverati.

Un altro mistero è se la COVID di lunga durata sia meno probabile che si verifichi dopo un’infezione di tipo breakthrough, cioè in una persona che è stata vaccinata. In uno studio del 25 maggio[1] pubblicato su Nature Medicine, il nefrologo Ziyad Al-Aly del VA Saint Louis Health Care System di St Louis, Missouri, e i suoi colleghi – lo stesso team autore dello studio di novembre – hanno esaminato le cartelle cliniche del VA da gennaio a dicembre 2021, comprese quelle di circa 34.000 persone vaccinate che hanno avuto un’infezione da SARS-CoV-2, 113.000 persone che erano state infettate ma non vaccinate e più di 13 milioni di persone che non erano state infettate.

 

Le falle nell’armatura

I ricercatori hanno scoperto che la vaccinazione sembra ridurre la probabilità del long COVID nelle persone che sono state infettate solo del 15% circa. Questo è in contrasto con studi precedenti, più piccoli, che hanno trovato tassi di protezione molto più elevati. Si discosta anche da un altro studio di grandi dimensioni[5], che ha analizzato i dati autodichiarati di 1,2 milioni di utenti di smartphone del Regno Unito e ha scoperto che due dosi di vaccino COVID-19 dimezzavano il rischio di COVID lunga.

Gli autori dell’ultimo studio hanno anche confrontato sintomi come nebbia cerebrale e affaticamento in persone vaccinate e non vaccinate fino a sei mesi dopo essere risultate positive al SARS-CoV-2. Il team non ha riscontrato alcuna differenza nel tipo o nella gravità dei sintomi tra chi era stato vaccinato e chi no. “Sono le stesse impronte digitali che vediamo nelle persone che hanno un’infezione dirompente”, afferma Al-Aly.

Solo negli Stati Uniti ci sono stati più di 83 milioni di infezioni da COVID-19, osserva Al-Aly. Se anche solo una piccola percentuale di queste si trasforma in un long COVID, “si tratta di un numero impressionante di persone colpite da una malattia che rimane misteriosa”.

La protezione limitata fornita dai vaccini significa che il ritiro di misure come l’obbligo di mascherina e le restrizioni sociali potrebbe mettere a rischio più persone, in particolare quelle con un sistema immunitario compromesso. “Facciamo letteralmente affidamento, ora quasi esclusivamente, sul vaccino per proteggerci e proteggere il pubblico”, afferma Al-Aly. “Ora stiamo dicendo che vi proteggerà solo per il 15%. Si rimane vulnerabili, e in modo straordinario”.

“In generale, questo è orribile”, afferma David Putrino, fisioterapista presso il Mount Sinai Health System di New York che studia il COVID lungo. Loda lo studio, che è stato difficile da realizzare per la quantità e la qualità dei dati, ma aggiunge che è limitato perché non suddivide i dati per fattori chiave, come la storia medica dei partecipanti. “Si tratta di domande molto importanti a cui dobbiamo rispondere”, afferma Putrino. “Non abbiamo ancora studi veramente ben costruiti”.

 

Un’altra incognita Omicron

Steven Deeks, ricercatore sull’HIV presso l’Università della California, San Francisco, sottolinea che lo studio non include dati relativi a persone infettate durante il periodo in cui la variante Omicron causava la maggior parte delle infezioni. “Non abbiamo dati sul fatto che Omicron causi un long COVID”, afferma. I risultati, aggiunge, “si applicano a una pandemia che è cambiata radicalmente”.

Tuttavia, aggiunge Deeks, i risultati indicano la necessità di ulteriori ricerche sulla COVID lunga e di accelerare lo sviluppo di terapie. “Non abbiamo una definizione, non abbiamo un biomarcatore, non abbiamo un test di imaging, un meccanismo o un trattamento”, afferma Deeks. “Abbiamo solo domande”.

 

References

  1. Al-Aly, Z., Bowe, B. & Xie, Y. Nature Med. https://doi.org/10.1038/s41591-022-01840-0 (2022).

    Article Google Scholar 

  2. Yoo, S. M. et al. J. Gen. Intern. Med. https://doi.org/10.1007/s11606-022-07523-3 (2022).

    Article Google Scholar 

  3. Stephenson, T. et al. Preprint at Research Square https://doi.org/10.21203/rs.3.rs-798316/v1 (2021).

  4. Xie, Y., Bowe, B. & Al-Aly, Z. Nature Commun. 12, 6571 (2021).

    PubMed Article Google Scholar 

  5. Antonelli, M. et al. Lancet. Infect. Dis. 22, 43–55 (2022).

    PubMed Article Google Scholar 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

Facebook Comments