Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Igor Chudov e pubblicato sul suo blog. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata.

 

Pfizer e Moderna vaccini covid

 

Vi piacerebbe ricevere un’iniezione misteriosa, che farebbe produrre al vostro corpo proteine spazzatura casuali per un periodo di tempo indeterminato? Ebbene, si è scoperto che i vaccini a base di mRNA Covid hanno proprio questo effetto!

Gli scienziati hanno scoperto (studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, ndr) che, oltre alla tossica “proteina spike”, i vaccini a base di mRNA hanno un punto debole che introduce “errori di lettura”, facendo sì che gli individui vaccinati producano proteine quasi casuali con effetti sconosciuti e imprevedibili.

 

 

Questo non può essere un bene per noi!

Spiegazione del “Frameshifting”

La maggior parte dei lettori sa che i caratteri del testo, come le lettere del post di Substack che state leggendo in questo momento, sono rappresentati come bit nei nostri computer.

Per esempio, i caratteri del computer che compongono “BUONGIORNO” sono codificati dai seguenti bit:

01000111 01001111 01001111 01000100 00100000 01001101
01001111 01010010 01001110 01001001 01001110 01000111
Cosa succede se un errore del computer cancella un bit nella seconda lettera di “BUONGIORNO”?

 

 

I bit si sposterebbero e codificherebbero una frase spazzatura “G^ЮИ@ЪЮдЬТЬП”:

 

 

Spero che siate d’accordo sul fatto che qualsiasi tecnologia che provochi una perdita casuale di “bit” non è buona. Alcuni bit persi possono corrompere i file e persino portare a crash del computer, come la famigerata “schermata blu della morte” di Microsoft Windows:

 

 

È emerso che le tecnologie dell’mRNA introducono errori simili, come Mulroney et al. hanno appreso da esperimenti su topi ed esseri umani. Proprio come i bit che si perdono nei testi, questi errori di frameshifting possono causare la produzione di rifiuti che intasano i corpi umani.

 

Errori di decodifica del vaccino mRNA

Le nostre cellule sono dotate di organi specializzati chiamati ribosomi, che aiutano a tradurre le istruzioni genetiche dell’RNA in proteine, i mattoni del nostro corpo.

 

 

Proprio come i bit dei computer, i ribosomi leggono le sequenze genetiche. In base al loro contenuto, i ribosomi creano sequenze di amminoacidi, che si concatenano e formano le proteine.

Tutto questo funziona molto bene. Siete ancora vivi e state leggendo questo post di Substack, mentre miliardi di cellule sono impegnate a sintetizzare proteine. Il vostro organismo sta lavorando bene, digerisce il cibo, usa l’ossigeno, pensa, ecc… utilizzando percorsi biologici perfezionati da miliardi di anni di evoluzione.

Finché non vi viene iniettato un vaccino a base di mRNA.

È emerso che la tecnologia dei vaccini COVID a base di mRNA, che utilizza la pseudouridina al posto dell’uridina, crea un potenziale di “frameshifting”, che è la stessa cosa del bit skipping nei computer. Frameshifting significa che il macchinario cellulare salta erroneamente un “bit” genetico, causando un’incomprensione di tutti i dati letti successivamente.

 

 

In effetti, gli scienziati hanno trovato tali letture confuse nei topi vaccinati con il vaccino BNT162b2 di Pfizer COVID:

Abbiamo riscontrato che le risposte ai peptidi spike +1 frameshifted erano significativamente aumentate nei topi vaccinati rispetto ai topi non trattati o a quelli vaccinati con ChAdOx nCoV-19, che non produce antigene dalla traduzione dell’mRNA N1-metilpseudouridilato22 (Fig. 2b). Sia la vaccinazione con BNT162b2 che quella con ChAdOx1 nCoV-19 hanno prodotto risposte ELISpot allo spike in-frame di SARS-CoV-2 (Fig. 2c). Questi dati suggeriscono che i prodotti +1 frameshifted codificati nell’mRNA dello spike BNT162b2 sono antigeni delle cellule T per i topi inbred, verso i quali è possibile rilevare un’immunità off-target dopo la vaccinazione.

Mi dispiace molto per quei topi inbred che hanno sviluppato l’immunità a proteine inutili e spazzatura create a causa del frameshifting dell’mRNA causato dal vaccino. Che cosa hanno fatto queste proteine spazzatura agli innocenti roditori? L’immunità, acquisita essenzialmente con frasi genetiche casuali, avrà un impatto sulle funzioni corporee di questi topi, come la fertilità? Non ne abbiamo idea, e nemmeno Mulroney e i suoi coautori.

Questa illustrazione mostra la prova sperimentale che tali letture confuse si verificano regolarmente con la somministrazione di mRNA modificato con pseudouridina. Gli autori li chiamano “picchi +1FS”:

 

 

Perché la pseudouridina?

Le tecnologie di trasfezione genica dell’mRNA non sono nuove. Ad esempio, nel 1989, in uno studio di RW Malone e altri, gli scienziati hanno “sviluppato un metodo efficiente e riproducibile per la trasfezione dell’RNA”. Tuttavia, per decenni, le trasfezioni di mRNA sono state afflitte dal rifiuto da parte del nostro organismo di questi codici genetici estranei.

 

 

I problemi di sicurezza, tra cui animali morti e sterili, hanno afflitto le sperimentazioni della tecnologia mRNA. Di conseguenza, nel 2017, come sottolinea l’articolo di Statnews sopra citato, non si era materializzato alcun prodotto di successo.

La sostituzione dell’uridina con la pseudouridina ha rivoluzionato la tecnologia dell’mRNA perché queste molecole modificate artificialmente hanno finalmente aggirato i controlli del nostro sistema immunitario e hanno permesso una mega-espressione insolita del loro codice genetico. Un’espressione genetica così prolungata può durare anche mezzo anno!

Metà delle persone vaccinate non smette mai di produrre la proteina Spike, secondo uno studio

 

Tuttavia, la nuova tecnologia sperimentale dell’mRNA ci ha riservato molte sorprese, dopo che miliardi di persone sono state vaccinate a forza con iniezioni falsamente descritte come ben testate, sicure ed efficaci.

Stiamo discutendo di una di queste sorprese: i “pezzi” di traduzione genetica persi che portano a proteine spazzatura prodotte a caso dai corpi vaccinati.

Gli scienziati hanno scoperto che il 25-30% delle persone vaccinate sperimenta una risposta immunitaria involontaria, come spiega il Telegraph: (traduzione del titolo dell’articolo: “Un paziente su quattro che si è sottoposto al vaccino Covid di Pfizer ha sperimentato una risposta immunitaria indesiderata“)

 

 

Uno dei coautori dello studio, che ha suggerito un’alternativa più sicura alla pseudouridina, spiega:

“Questa tecnologia è straordinaria e sarà rivoluzionaria come nuova piattaforma medica per ogni genere di cose, ma l’abbiamo resa molto più sicura“, ha dichiarato ai giornalisti la professoressa Anne Willis, coautrice dello studio e direttrice dell’Unità di Tossicologia del MRC.

Se la professoressa Willis ha reso la tecnologia mRNA “molto più sicura”, significa che il vaccino attuale non è sicuro? La professoressa Anne Willis non farebbe un simile collegamento, ovviamente. Dopo tutto, probabilmente spera di trarre beneficio dalla sua invenzione “più sicura” e non può parlare male dell’ampia tecnologia su cui sta puntando il suo futuro.

Quali conseguenze possono verificarsi a causa di letture confuse dei codici genetici del COVID-19 e dell’espressione di proteine spazzatura frameshifted? Nessuno lo sa!

 

Il premio Nobel è stato assegnato per… la pseudouridina!

Il Telegraph ci ricorda che il Premio Nobel 2023 è stato assegnato per l’invenzione dell’uso della pseudouridina al posto dell’uridina:

Ma nel 2023 il premio Nobel per la medicina è andato alla coppia di scienziati che ha lavorato per anni per risolvere il problema. Il risultato è stato ottenuto prendendo una delle basi dell’RNA, l’uridina, e sostituendola con un’alternativa sintetica molto simile.

 

 

Posso ricordarvi un altro premio Nobel del 1949, assegnato all’inventore della lobotomia Egas Moniz?

 

(“IL NOBEL PER LA MEDICINA ALL’INVENTORE DELLA LOBOTOMIA. Recidere connessioni nervose per curare le malattie mentali poteva sembrare una grande idea, nel 1949, quando il portoghese Antonio Egas Moniz, autore della prima lobotomia medica controllata, vinse il Nobel per la Medicina.

Alla cerimonia di assegnazione la procedura, che prevedeva la trapanazione del cranio in vari punti per distruggere sostanza bianca, cioè fasci di assoni (fibre nervose), fu salutata come “una delle più importanti scoperte mai fatte nel campo della terapia psichiatrica”. Ma tra gli effetti collaterali c’erano lesioni cerebrali permanenti, perdita di responsività e presenza emotiva, fino alla morte. Il metodo perse fortunatamente sempre più credito con l’avvento dei farmaci psichiatrici.”, ndr)

Gli inventori della pseudouridina sono sicuramente in buona compagnia!

Cosa ne pensate?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments