La ricerca suggerisce che la vaccinazione contro la COVID tramite vaccini a mRNA può ridurre la capacità dell’organismo di produrre un tipo di anticorpo chiave. Articolo di David Rosenberg, pubblicato su Israel National Review, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Vaccini-covid

 

Un nuovo studio suggerisce che i vaccini contro il coronavirus possono compromettere la capacità dell’organismo di produrre un tipo di anticorpo chiave, limitando così potenzialmente le difese del sistema immunitario contro i ceppi mutati del virus.

Lo studio si basa sui dati raccolti durante lo studio di controllo randomizzato di Moderna per il suo vaccino SARS-CoV-2 a base di mRNA, da luglio 2020 a marzo 2021.

I ricercatori hanno esaminato i partecipanti che sono risultati positivi al coronavirus durante lo studio, confrontando i livelli sierici di specifici tipi di anticorpi, in base allo stato di vaccinazione, e la carica virale.

In particolare, lo studio esamina la risposta anticorpale al nucleo della proteina nucleocapside del virus, utilizzando i livelli di anticorpi anti-nucleocapside (Abs anti-N) come marcatore della risposta completa del sistema immunitario al virus, rispetto alla risposta più ristretta alla proteina spike. Le varianti del SARS-CoV-2 con proteine spike mutate sono state oggetto di preoccupazione per la dipendenza dell’immunità vaccinale dagli anticorpi diretti contro le proteine s della variante originale.

Come previsto, i livelli sierici degli anticorpi anti-nucleocapside variavano in base alla carica virale misurata sia nella coorte placebo che in quella vaccinale, con i partecipanti che avevano cariche virali più elevate che risultavano avere livelli più alti di anticorpi neutralizzanti anti-nucleocapside.

Tuttavia, i ricercatori hanno anche riscontrato una differenza pronunciata nei livelli di anticorpi anti-nucleocapsidi tra i partecipanti vaccinati e i membri della coorte placebo, anche quando lo studio controllava la carica virale.

I partecipanti allo studio a cui è stato somministrato il placebo, anziché il vaccino, e che si sono infettati durante lo studio hanno riscontrato livelli significativamente più alti di anticorpi neutralizzanti anti-nucleocapsidi rispetto ai partecipanti vaccinati che avevano cariche virali comparabili.

Circa il 60% dei partecipanti della coorte placebo che hanno avuto un’infezione molto lieve, con basse cariche virali, è risultato avere anticorpi anti-nucleocapsidi, rispetto a circa il 10% dei soggetti vaccinati.

Tra i soggetti con cariche virali più elevate – qualificabili come casi lievi, piuttosto che molto lievi – il 71% dei non vaccinati ha sviluppato anticorpi anti-nucleocapsidi, rispetto ad appena il 15% dei soggetti del gruppo vaccinale.

Tra tutti i soggetti non vaccinati a cui era stato diagnosticato il virus durante lo studio, quasi tutti (93%) presentavano livelli misurabili di anticorpi anti-nucleocapside, rispetto a meno della metà (40%) di quelli della coorte del vaccino.

“Sebbene non si possa escludere un aumento della sieroconversione, dato il breve lasso di tempo, la spiegazione più probabile è una riduzione della sieroconversione indotta dal vaccino”, scrivono i ricercatori, suggerendo che i partecipanti allo studio a cui è stato somministrato il vaccino hanno ridotto i livelli di anticorpi anti-nucleocapside come risultato diretto della stretta concentrazione del vaccino sulla proteina spike.

I ricercatori hanno anche accennato al fatto che la diminuzione della risposta anticorpale anti-nucleocapside tra i vaccinati potrebbe portare a un sottoconteggio dei casi di rottura, se misurati con il campionamento degli anticorpi.

“Anche con un campionamento frequente, le indagini sierologiche che si basano sugli anticorpi della proteina N possono sottostimare le dinamiche di trasmissione all’interno della comunità”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments