Rilancio un articolo scritto da Enrico Trigoso e pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

donna-gravidanza-vaccino-coivd

 

Un nuovo studio pubblicato sul network JAMA conclude che l’mRNA dei vaccini COVID può essere trasmesso in piccole quantità attraverso il latte materno.

Gli autori dello studio hanno esaminato 11 “individui in allattamento”, dopo aver ricevuto le iniezioni di mRNA Pfizer o Moderna.

Nove di loro erano bianchi, uno nero e uno asiatico.

Cinque delle partecipanti “presentavano mRNA del vaccino rilevabile nel latte materno”.

Tre di loro hanno fatto l’iniezione di Pfizer e due quella di Moderna.

Le madri, di età compresa tra 22 e 37 anni, si sono vaccinate tra le 4 e le 25 settimane dopo il parto.

Gli autori hanno utilizzato una tecnica chiamata reazione a catena della polimerasi-trascrittasi inversa quantitativa a 2 fasi.

La pubblicazione è stata una sorpresa per la dottoressa Christiane Northrup, ex membro dell’American College of Obstetricians and Gynecologists.

“Quando un gruppo di noi ha iniziato a riscontrare problemi di sanguinamento insoliti e talvolta gravi in donne e bambini solo per il fatto di trovarsi vicino a persone che avevano subito l’iniezione di COVID, abbiamo lanciato un’iniziativa chiamata My Cycle Story (La storia del mio ciclo), un database per raccogliere le storie e i dati delle donne che avevano subito effetti negativi”, ha dichiarato Northrup a The Epoch Times.

“Nonostante il fatto che nel nostro gruppo siano coinvolti ricercatori e scienziati di livello mondiale, i risultati delle nostre ricerche sono stati ripetutamente rifiutati da riviste tradizionali come il British Medical Journal. Siamo quindi rimasti molto sorpresi dal fatto che questo studio che invita alla cautela sugli effetti delle iniezioni COVID sul latte materno sia stato pubblicato da una rivista medica tradizionale”, ha aggiunto Northrup.

Nei 3 anni precedenti a marzo, il JAMA ha avuto l’articolo più citato e ha ospitato 20 dei 50 articoli più importanti nell’ambito delle riviste mediche generali ad accesso libero.

 

È sicuro o no?

I risultati dello studio hanno mostrato che sono stati rilevati da 1,3 picogrammi per millilitro (pg/mL) a 16,78 pg/mL di mRNA del vaccino. Il limite di rilevamento era di 1 pg/mL.

Un picogrammo è un trilionesimo di grammo e un grammo è circa 1/30 di oncia.

La dottoressa Nazeeh Hanna, autrice principale dello studio, ha dichiarato a The Epoch Times via e-mail che “è molto probabile che sia sicuro dopo la vaccinazione materna. Tuttavia, per essere prudenti, non allattate per due giorni dopo il vaccino e poi tornate alla normalità”.

Viki Male, un immunologo, ha scritto su Twitter a proposito dello studio che “la concentrazione massima è di 0,1 parti per miliardo” e che “questo equivale all’incirca a una singola lacrima in una piscina olimpica”.

“Io stessa non sarei preoccupata, ma gli autori fanno notare che chi lo è potrebbe preferire un atteggiamento di ‘cautela’ (immagino un biberon?) per 48 ore dopo la vaccinazione”, afferma in un altro post sui social media.

Il dottor James Thorp, esperto di medicina materno-fetale, ha commentato ampiamente lo studio.

“Anche piccole quantità di RNA messaggero potrebbero potenzialmente avere ramificazioni significative sul neonato e potrebbero essere amplificate dal sistema immunitario. Questa è una scusa estremamente povera e si sta cercando di minimizzare le implicazioni di questa scoperta preoccupante. Presentare uno studio del genere 20 mesi dopo aver spinto il vaccino su donne incinte e madri che allattano al seno è inaccettabile e rappresenta una grave violazione della scienza”, ha dichiarato Thorp a The Epoch Times.

 

Il “vero impatto”

Hanna ha sottolineato che “il vero impatto è quello dichiarato nella discussione”, riferendosi al paragrafo seguente:

“Questi dati dimostrano per la prima volta a nostra conoscenza la biodistribuzione dell’mRNA del vaccino COVID-19 alle cellule mammarie e la potenziale capacità delle EVs (vescicole extracellulari) dei tessuti di impacchettare l’mRNA del vaccino che può essere trasportato a cellule distanti”. Poco è stato riferito sulla biodistribuzione e sulla localizzazione delle nanoparticelle lipidiche nei tessuti umani dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19. Nei ratti, fino a 3 giorni dopo la somministrazione intramuscolare, sono stati rilevati bassi livelli di mRNA del vaccino nei tessuti di cuore, polmoni, testicoli e cervello, il che indica una biodistribuzione tissutale. Si ipotizza che, dopo la somministrazione del vaccino, le nanoparticelle lipidiche contenenti l’mRNA del vaccino vengano trasportate alle ghiandole mammarie per via ematogena e/o linfatica”, si legge nello studio.

Thorp ha commentato ulteriormente: “Lo studio riportato su JAMA network è preoccupante e rappresenta una palese ammissione del completo fallimento e della colpevolezza dei corrotti CDC e FDA. Basta seguire la traccia del denaro (pdf) per smascherare la corruzione della CDC/FDA, di altre agenzie governative, delle commissioni di specializzazione e dell’intero complesso industriale medico”.

“Sospetto che la storia rifletterà che molti dei 21 consulenti dell’FDA che hanno votato a favore delle iniezioni di COVID-19 nei bambini non hanno rivelato i principali conflitti di interesse”, ha detto Thorp.

All’inizio di settembre, The Epoch Times ha chiesto alla FDA di fornire gli studi e i dati che essa cita per raccomandare i vaccini COVID-19, compresi i richiami, alle donne che allattano.

La FDA ha risposto con un link a una pagina del CDC che raccomanda i vaccini per le donne in gravidanza.

The Epoch Times ha quindi inviato un’e-mail di follow-up chiedendo perché non hanno aggiornato la loro scheda informativa per i fornitori di assistenza sanitaria se sostengono che è sicuro per le donne che allattano al seno ottenere il vaccino. La scheda informativa afferma ancora che non sono disponibili dati per determinare gli effetti dei vaccini COVID sui neonati allattati al seno o sulla produzione/escrezione di latte.

La FDA non ha risposto all’e-mail di follow-up.

Il 30 agosto il CDC ha comunicato a The Epoch Times via e-mail che: “La vaccinazione COVID-19 è raccomandata per le persone che sono incinte, che allattano, che stanno cercando di rimanere incinte ora o che potrebbero rimanere incinte in futuro. Inoltre, tutte le persone idonee, comprese quelle che sono incinte, che stanno allattando, che stanno cercando di rimanere incinte o che potrebbero rimanere incinte in futuro, dovrebbero fare un richiamo e tenersi aggiornate con i loro vaccini COVID-19. Se avete domande sulla vaccinazione, parlarne con il vostro operatore sanitario potrebbe aiutarvi, ma non è obbligatorio”.

In agosto il governo britannico ha dichiarato che il vaccino COVID-19 non deve essere utilizzato in caso di gravidanza e allattamento.

Il Consiglio Mondiale della Sanità ha chiesto il divieto e la moratoria mondiale del vaccino COVID-19 in tutti i pazienti, in particolare durante la gravidanza e nelle madri che allattano.

“È un assioma della medicina che non si dia mai alle donne in gravidanza o in allattamento nessun nuovo farmaco o terapia che non sia stato accuratamente testato per molti anni. Dare alle donne in gravidanza o in allattamento un’iniezione rapida per un’infezione con un tasso di sopravvivenza del 99% va contro il buon senso”, ha osservato Northrup.

Epoch Times ha contattato Pfizer, Moderna, FDA e CDC per un commento.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 

Facebook Comments