Nell’articolo che segue, scritto dalla dott.ssa Yuhong Dong, medico e Ph.D. e da Health 1+1, si dà conto di un possibile legame, da approfondire, tra vaccini COVID-19 e susseguenti casi di leucemia. L’articolo è stato pubblicato su The Epoch Times. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

Leucemia globuli rossi sangue

 

Il 23 novembre 2021, l’ex presidente sudcoreano Chun Doo-hwan è morto all’età di 90 anni. Secondo la televisione sudcoreana JTBC, un ex segretario del Cheong Wa Dae (palazzo presidenziale sudcoreano) ha rivelato che Chun non aveva mangiato correttamente per 10 giorni consecutivi da quando aveva ricevuto il vaccino COVID-19 della Pfizer. Le sue condizioni di salute si sono rapidamente deteriorate e ha perso 10 chili. Gli è stata diagnosticata la leucemia ed è stato ricoverato per 12 giorni. Uno dei suoi ex assistenti sospettava che la leucemia fosse legata agli effetti collaterali del vaccino.

Inoltre, all’inizio di maggio 2022, sulle piattaforme dei social media cinesi è circolata una lettera aperta di un gruppo di pazienti cinesi continentali affetti da leucemia, ma è stata rapidamente ritirata. Nella lettera, i pazienti, di età compresa tra i 3 e i 70 anni e provenienti da oltre 30 province e municipalità controllate direttamente dal governo centrale in tutta la Cina, dichiaravano di aver sviluppato la leucemia dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 e sospettavano che la loro malattia fosse un grave evento avverso della vaccinazione. E speravano che il governo indagasse sulla questione.

È quindi possibile che la vaccinazione possa causare la leucemia? Quali sono le possibili cause della malattia e come possiamo prevenirla?

 

Principi di farmacovigilanza

Il dottor Yuhong Dong, virologo e medico di malattie infettive, ha lavorato anche nel reparto di farmacovigilanza per i farmaci antitumorali di una grande azienda farmaceutica internazionale.

Secondo la linea guida E2A della Conferenza internazionale sull’armonizzazione (ICH) per la buona pratica clinica (GCP) (pagina 4): “Un evento avverso (AE) è un qualsiasi evento medico indesiderato in un paziente o in un soggetto di un’indagine clinica a cui è stato somministrato un prodotto farmaceutico e che non ha necessariamente una relazione causale con questo trattamento”. (pdf)

Nel settore della farmacovigilanza, esiste un principio generalmente accettato: “È meglio commettere 3.000 errori di valutazione piuttosto che perdere un solo caso”.

Indipendentemente dalla fonte della segnalazione di un evento avverso e dal fatto che la segnalazione sia stata fatta da un professionista o meno, ogni informazione relativa a una potenziale esperienza avversa di un nuovo farmaco o vaccino deve essere considerata correttamente come un evento avverso. E deve essere inserita nel database dei rapporti sugli eventi avversi da vaccino per l’analisi medica. Lo scopo è quello di raccogliere il maggior numero possibile di informazioni per individuare modelli in questi casi e monitorare in modo proattivo qualsiasi potenziale evento avverso grave.

Secondo i principi internazionali di buona pratica dell’industria farmaceutica nel monitoraggio degli eventi avversi da vaccino, un evento avverso da farmaco o vaccino è considerato idoneo a essere segnalato se l’informazione soddisfa le seguenti quattro condizioni:

  1. C’è un paziente identificabile;
  2. C’è un giornalista identificabile;
  3. C’è esposizione a un farmaco o vaccino;
  4. C’è un’esperienza avversa (sintomi o segni o test di laboratorio, ecc.), indipendentemente dal fatto che sia stata stabilita o meno una relazione di causalità con il farmaco o il vaccino

La motivazione principale è che, dopo l’applicazione del nuovo vaccino o farmaco in un’ampia popolazione, la priorità assoluta sarà la sicurezza piuttosto che l’efficacia. Ci sono molti esempi di farmaci o vaccini che sono stati richiamati o addirittura ritirati dal mercato a causa di problemi di sicurezza. Quindi, se c’è un problema di sicurezza, deve essere affrontato immediatamente e devono essere intraprese azioni adeguate per proteggere la sicurezza dell’umanità.

 

Caso di studio: Quasi 1.000 persone sospettate di aver sviluppato la leucemia dopo la vaccinazione

Un giornalista veterano ha fornito al Dr. Dong due grandi fogli excel di eventi avversi di leucemia registrati collettivamente dai destinatari di vaccini prodotti nella Cina continentale. Questi fogli contengono gli eventi avversi segnalati da quasi 1.000 pazienti al 4 giugno 2022, alle ore 22:00 EST. Gli eventi avversi sono citati in modo molto dettagliato e i contenuti dei rapporti sono allarmanti.

Per motivi di tempo, finora abbiamo condotto un’analisi preliminare di 235 casi validi, pari a circa il 20% del totale.

Quella che presentiamo in questo articolo è l’analisi preliminare dei dati, ma un’analisi più completa sarà effettuata nelle prossime settimane.

In termini di genere, nel 56% di questi 235 casi le vittime erano uomini, nel 2% donne e nel 42% dei casi non sono state specificate le informazioni sul genere. Al momento mancano molte informazioni e si prevede che il rapporto tra i sessi sia di circa 1:1 nei dati completi, con un numero di uomini forse leggermente superiore.

L’età varia dai 3 ai 79 anni, con un’età media di 30 anni.

 

 

I vaccini provengono principalmente dalla Sinovac Life Sciences Co., Ltd, ma alcuni sono prodotti dal Beijing Institute of Biological Products Co., Ltd., dal Wuhan Institute of Biological Products Co., Ltd. e da altri.

Tra gli eventi avversi correlati al vaccino riguardanti la leucemia, il più comune è la leucemia mieloide acuta (49% dei casi). Seguono la leucemia linfoblastica acuta (34%), l’anemia aplastica (9%) e diverse altre neoplasie ematologiche come il linfoma.

 

 

Nel 44% dei casi, i sintomi o le diagnosi di questi eventi avversi si sono verificati in media 84 giorni dopo la seconda dose.

Nel 16% dei casi, questi eventi simili alla leucemia si sono verificati in media 52 giorni dopo la terza dose. Si tratta di un lasso di tempo ragionevole, in quanto la leucemia comporta mutazioni genetiche e un processo patologico, che è una reazione avversa cronica. Non si verifica in un breve periodo di una o due settimane come gli effetti collaterali acuti della miocardite o dei coaguli di sangue.

Nel 16% dei pazienti, i sintomi sono comparsi in media 40 giorni dopo la prima dose di vaccino. In questo periodo di tempo, molte persone potrebbero aver già ricevuto una seconda dose. È quindi probabile che siano ancora classificate come persone che hanno ricevuto una seconda dose, poiché le abitudini di segnalazione dei pazienti variano.

 

 

La maggior parte di questi pazienti è attualmente in trattamento, e alcuni hanno richiesto il trapianto di organi e/o la chemioterapia, e finora non si sono verificati casi di guarigione.

Gli eventi avversi di leucemia sono forse correlati ai vaccini?

Il dottor Dong ritiene che questo fenomeno di sospetti eventi avversi di leucemia debba essere preso in seria considerazione per le seguenti ragioni:

  1. Tutti i casi della Cina continentale sono chiaramente diagnosticati da medici ematologici: la leucemia richiede diagnosi patologica, analisi citogenetica e analisi di biologia molecolare fornite solo da laboratori speciali, quindi è necessario che ci siano prove mediche chiare e questo indica un grado relativamente alto di credibilità di questi casi . Nel frattempo, la maggior parte di questi casi è acuta e grave, con scarsi risultati clinici.
  2. Un gran numero di persone è coinvolto: quasi 1.000 persone hanno segnalato finora i loro eventi avversi di leucemia, che probabilmente è solo la punta dell’iceberg. Il numero di casi simili nei principali ospedali continua a salire alle stelle. Possono essere costantemente osservati in persone diverse che vivono in regioni diverse che sono state esposte a vaccini simili. Ciò indica che esiste un modello sottostante.
  3. È stato riferito che i pazienti erano in buona salute prima della vaccinazione, senza storia segnalata di malattie ereditarie, non avevano lavorato con materiale radioattivo e non erano segnalate fonti di contaminazione nelle loro vicinanze.

In uno dei casi, una ragazza di 14 anni di nome Lin è stata vaccinata il 25 agosto 2021 e ha ricevuto la seconda dose il 15 settembre 2021. Dopo la seconda dose, ha iniziato a tossire senza sosta e nel giro di due mesi le è stata diagnosticata una leucemia mieloide acuta. Da allora la bambina è stata sottoposta a cinque sedute di chemioterapia, che hanno richiesto punture ossee e lombari. Durante la chemioterapia, la bambina ha continuato ad avere infezioni e febbri per più di 20 giorni. La madre pensa che la malattia della bambina sia legata alla vaccinazione COVID e la famiglia ha speso tutti i suoi risparmi per le cure della figlia.

In un altro caso, un uomo ha avuto una ricaduta della leucemia che era stata curata più di 10 anni fa, forse a causa del vaccino COVID-19, e questa volta i sintomi erano più gravi.

Questi casi hanno un forte schema, coerenza e specificità, quindi la causalità tra questi casi di leucemia e la vaccinazione dovrebbe essere almeno attentamente valutata e analizzata, o la probabilità di causalità non può essere esclusa.

 

Prima possibile causa dei casi di leucemia indotta da vaccino: I vaccini influenzano il DNA

Uno dei criteri principali per giudicare il rapporto di causalità tra un evento e un trattamento è la “plausibilità”, cioè esiste un’associazione ragionevole tra vaccini e leucemia? Per comprendere questa potenziale associazione, dobbiamo innanzitutto avere una conoscenza di base della leucemia.

 

 

Dal punto di vista tassonomico, un tipo di cellule del sangue proviene dal midollo osseo, come i leucociti, le piastrine e i globuli rossi; un altro tipo proviene dal sistema linfatico, come i linfociti T e i linfociti B.

Pertanto, se si verifica una proliferazione maligna delle cellule del sangue, viene classificata come leucemia mieloide o linfocitica, a seconda della fonte cellulare. La leucemia può anche essere suddivisa in leucemie acute e croniche in base al tempo di insorgenza della malattia.

In circostanze normali, il DNA ordina alle cellule di crescere a un ritmo fisso e di morire in un momento prestabilito. La leucemia mieloide acuta (AML) si verifica quando si verifica una mutazione nel materiale genetico o nel DNA delle cellule del midollo osseo.

Uno studio pubblicato sulla rivista Acute Myeloid Leukemia ha concluso che esistono cinque diverse classi di mutazioni genetiche che causano mutazioni nelle cellule mieloidi, che possono portare alla leucemia. Le mutazioni genetiche sono un fattore importante nello sviluppo della leucemia.

Nei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta, le mutazioni indicano alle cellule del midollo osseo di continuare a crescere e dividersi. Di conseguenza, la produzione di cellule del sangue andrà fuori controllo e il midollo osseo continuerà a produrre cellule immature. Queste cellule maligne si sostituiscono a quelle sane.

Se i normali globuli bianchi vengono eliminati, si può diventare suscettibili alle infezioni; la diminuzione dei globuli rossi può portare all’anemia e la diminuzione delle piastrine può portare a un’emorragia. Tutti questi sono i sintomi o segni clinici osservabili della leucemia.

 

 

Quali fattori possono causare mutazioni nel DNA delle cellule del sangue e aumentare il rischio di leucemia?

1. Campi elettromagnetici nocivi e radiazioni da materiale radioattivo

L’uso di radiazioni per trattare malattie, come i tumori, può indurre la leucemia.

La chimica Marie Curie soffrì di leucemia, che potrebbe essere legata alla sua esposizione a lungo termine ai laser a radionuclidi. Nelle regioni giapponesi colpite dalle bombe atomiche durante la Seconda Guerra Mondiale e dalla centrale nucleare di Chernobyl dell’ex Unione Sovietica, le popolazioni locali hanno maggiori probabilità di sviluppare leucemia e altre malattie oncologiche rispetto alla media della popolazione.

Anche l’esposizione prolungata a campi elettromagnetici a bassa frequenza (ad esempio, in aree con linee di trasmissione elettrica ad alta tensione nelle vicinanze) è dannosa per la salute ed è associata allo sviluppo di leucemia acuta nei bambini.

Non abbiamo notizie di nuovi eventi catastrofici in Cina prima del maggio 2022, quindi questo fattore non dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni che contribuiscono a questi eventi avversi di leucemia.

2. Esposizione a sostanze chimiche, cancerogene e tossiche ambientali dannose per il DNA, come tinture per capelli e insetticidi domestici.

L’inquinamento ambientale è un problema di lunga data in Cina, tuttavia, a nostra conoscenza, i fattori di fondo non sono stati segnalati come notevolmente allarmanti prima del maggio 2022.

Tutti questi casi di leucemia hanno assunto la/e terapia/e COVID prima di segnalare questi eventi. Diamo quindi un’occhiata dettagliata a ciò che questi vaccini COVID possono fare alle nostre cellule del sangue.

  • Risultato 1: le proteine Spike influenzano il DNA umano

Sia i vaccini inattivati che quelli a base di mRNA contengono proteine spike, che in teoria possono influenzare il DNA.

In uno studio pubblicato sulla rivista Viruses, gli scienziati svedesi hanno scoperto che le proteine spike del virus della SARS-CoV-2 interferirebbero con due importanti meccanismi di autoriparazione del DNA cellulare umano: la giunzione delle estremità non omologhe (NHEJ) e la ricombinazione omologa (HR).

Quando entrambi i meccanismi interferiscono, la capacità del DNA di ripararsi si riduce in modo significativo, dando luogo a mutazioni genetiche. Come sappiamo, la causa principale della leucemia è la mutazione del DNA nelle cellule ematopoietiche.

 

 

 

 

  • Risultato 2: la leucemia può svilupparsi dopo l’infezione da COVID-19

È stato inoltre riscontrato che la probabilità di sviluppare la leucemia aumenta dopo l’infezione da COVID-19.

In un caso pubblicato sulla rivista Academic Archives of Emergency Medicine (AAEM) nel 2021, un uomo di 61 anni è stato infettato dal virus SARS-CoV-2. Tre settimane dopo la quasi totale scomparsa dei sintomi, il paziente ha manifestato nuovamente sintomi di debolezza, nausea, vomito e dolore epigastrico, ma non è stato osservato alcun virus attivo. Tuttavia, è stata osservata una significativa diminuzione dell’emoglobina e delle piastrine. È stato riscontrato che si trattava di una manifestazione clinica di leucemia mieloide acuta dopo l’aspirazione del midollo osseo. Gli autori dell’articolo suggerirono che si trattava di un caso preoccupante.

Altri hanno iniziato a esplorare la questione del perché si sviluppa la leucemia dopo l’infezione da COVID-19.

Nel maggio 2021, uno studio pubblicato dal Massachusetts Institute of Technology nei Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) ha dimostrato che, sebbene il SARS-CoV-2 non sia un retrovirus, è in grado di alterare il DNA umano.

Dopo aver infettato cellule renali embrionali umane, l’RNA virale del SARS-CoV-2 può essere “trascritto all’inverso” e integrarsi ulteriormente nel genoma delle cellule ospiti, con il 29% dell’RNA che entra negli esoni dei geni.

Gli esoni sono le parti del genoma che possono causare direttamente cambiamenti funzionali e strutturali nelle cellule, che possono influenzare l’aspetto, il peso, l’immunità e altre funzioni corporee di una persona.

Solo l’1,1% del genoma normale è costituito da esoni. In questo studio, il 29% delle sequenze virali del SARS-CoV-2 era affiancato da esoni, il che suggerisce che potrebbe modificare la struttura o la funzione delle cellule.

 

 

  • Scoperta 3: i vaccini COVID-19 possono influenzare il DNA

Nel febbraio 2022, uno studio condotto dalla Lund University in Svezia è stato pubblicato sulla rivista medica Current Issues in Molecular Biology. Lo studio ha dimostrato che sei ore dopo l’ingresso del vaccino COVID-19 a base di mRNA di Pfizer nelle cellule epatiche umane coltivate in vitro, l’mRNA del vaccino può completare la sua “trasposizione inversa” all’interno delle cellule e influenzare i geni umani.

Questo studio è una prova diretta che i vaccini a base di mRNA possono influenzare il genoma umano.

Se il virus di un vaccino inattivato non è completamente inattivato, il suo mRNA è ancora presente e può essere inserito nel genoma umano e quindi modificare i geni.

 

 

L’incidente di qualità nella produzione di vaccini più conosciuto nella storia è l’incidente Cutter negli Stati Uniti. Nell’aprile del 1955, più di 200.000 bambini in cinque stati occidentali e centro-occidentali furono vaccinati con il primo vaccino antipolio, un vaccino inattivato, e furono segnalati casi di paralisi nel giro di pochi giorni.

Le indagini successive hanno rivelato che un problema di qualità del vaccino prodotto dai Cutter Laboratories, un’azienda a conduzione familiare con sede in California, ha causato l’inattivazione non riuscita del virus vivo nel vaccino. Di conseguenza, 200 bambini rimasero paralizzati in varia misura e 10 morirono.

Proprio l’incidenza della qualità del vaccino Cutter ha portato all’istituzione di una serie di sistemi di monitoraggio della sicurezza dei vaccini, tra cui il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

Se i residui di virus vivi vengono iniettati nel corpo umano, c’è il rischio che il virus vivo residuo si integri nel genoma umano, alterando così i geni delle cellule umane e causando persino mutazioni che possono portare alla leucemia.

 

Seconda possibile causa dei casi di leucemia indotta da vaccino: I vaccini alterano la funzione immunitaria innata

Oltre ai vaccini inattivati, anche altri vaccini sono stati documentati per eventi avversi di leucemia. Come già menzionato, l’ex presidente della Corea del Sud ha sviluppato la leucemia dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer.

In un’intervista rilasciata a The Epoch Times nel febbraio 2022, il dottor Ryan Cole, patologo diagnostico e fondatore di Cole Diagnostics, ha dichiarato di aver notato alcune tendenze preoccupanti negli ultimi mesi: un aumento del numero di malattie infantili e di tumori rari. Le sue osservazioni sono state riprese da altri medici, ma non sono stati condotti studi rigorosi.

Esistono altre possibili ragioni per cui i vaccini causerebbero la leucemia: i vaccini compromettono anche la normale funzione del sistema immunitario di eliminare le cellule che proliferano in modo anomalo, aumentando così l’incidenza della leucemia.

Inizialmente si pensava che i vaccini agissero solo sull’immunità acquisita, producendo anticorpi specifici. Tuttavia, un recente studio preprint condotto nei Paesi Bassi ha scoperto in modo sorprendente che i vaccini a base di mRNA possono addirittura alterare il modello di risposta del sistema immunitario innato umano.

Per il confronto, è stato prelevato del sangue da soggetti non vaccinati, da coloro che hanno ricevuto la prima e la seconda dose del vaccino Pfizer.

È emerso che la quantità di secrezione di interferone era significativamente ridotta dopo la seconda dose del vaccino Pfizer. Questa diminuzione della capacità dell’organismo di secernere interferoni naturali può bloccare la risposta immunitaria innata ai virus, con conseguente suscettibilità alle infezioni virali e una maggiore incidenza di tumori.

 

 

È stato inoltre scoperto che, dopo la seconda dose di vaccinazione, la quantità di fattore di necrosi tumorale (TNF) prodotta dall’organismo dei volontari era significativamente ridotta. Il TNF può esercitare un effetto antitumorale.

 

 

Inoltre, l’iniezione del vaccino Pfizer avrebbe aumentato la produzione di interleuchina, un fattore pro-infiammatorio. Ciò ha portato a un’infiammazione eccessiva, che non favorisce gli effetti antinfettivi o antitumorali del sistema immunitario.

Questi dati sperimentali dimostrano che il vaccino promuove uno stato infiammatorio cronico nell’organismo, che può portare a lesioni cellulari.

In sintesi, i vaccini COVID potrebbero portare questi due tipi di danni alle nostre cellule: Mutazione del DNA e soppressione della naturale funzione immunitaria antitumorale. Insieme, la velocità delle nuove cellule maligne nell’organismo potrebbe aumentare e l’immunità antitumorale del nostro corpo potrebbe diminuire e, come risultato complessivo, si potrebbe spiegare l’aumento dell’incidenza della leucemia o di altri tumori maligni simili, come abbiamo osservato in questi casi di eventi avversi dalla Cina.

 

È possibile prevenire la leucemia e gli eventi avversi dopo la vaccinazione?

Se avete una storia familiare di leucemia, se avete già avuto un cancro o se avete un rischio elevato di cancro, è fortemente consigliabile che sospendiate le iniezioni di vaccino.

Se siete già stati vaccinati, è importante concentrarsi sul rafforzamento del sistema immunitario naturale del vostro corpo.

Come abbiamo detto in un precedente articolo, la ricerca ha scoperto che i pensieri e la mentalità umana possono modificare l’avvolgimento e lo svolgimento dei filamenti di DNA. Una mente serena e un pensiero positivo possono modificare l’espressione genetica delle cellule immunitarie. Le persone che soffrono di malattie non dovrebbero solo prendersi cura del proprio corpo fisico, ma anche mantenere uno stato mentale sereno e positivo, che favorisce maggiormente la guarigione.

Dovremmo anche evitare le radiazioni nocive e l’inquinamento elettromagnetico. Al giorno d’oggi le radiazioni sono molto presenti nella nostra vita, non solo quelle dei raggi X, ma anche quelle di vari dispositivi elettronici, tra cui macchine fotografiche, Internet, telefoni cellulari e computer. Dovremmo ridurre al minimo l’uso di cellulari e prodotti elettronici.

Dovremmo anche evitare il più possibile le sostanze cancerogene. Per evitare l’assunzione di frutta e verdura contaminate, dovremmo lavarle e metterle a bagno in acqua per un tempo sufficiente prima di mangiarle. Le verdure e la frutta sbucciate dovrebbero essere sbucciate per ridurre al minimo la contaminazione da residui di pesticidi e fertilizzanti chimici. E non dobbiamo fare un uso eccessivo di farmaci.

Le chemioterapie o le terapie di trapianto sono terapie anti-sintomatiche, per rimuovere dal sangue l’eccesso di cellule maligne. Non sono in grado di sradicare la causa principale della leucemia. Spesso sono associate a gravi effetti collaterali che causano ulteriori danni all’organismo. Per guarire le cause alla radice della leucemia si dovrebbero applicare metodi più alternativi e olistici, in modo da ottenere una vera guarigione. Descriveremo in dettaglio tali metodi di guarigione nelle relazioni successive.

 

Health 1+1 è la più autorevole piattaforma di informazione medica e sanitaria cinese all’estero.

 

La Dott.ssa Yuhong Dong, medico e dottore di ricerca in malattie infettive, è Chief Scientific Officer e cofondatore di una società biotecnologica svizzera ed ex esperto medico-scientifico senior per lo sviluppo di farmaci antivirali presso Novartis Pharma in Svizzera.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments