Un articolo scritto da Will Jones, pubblicato su The Daily Sceptic, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

vaccini DNA dottore ricercatore
Doctor with a syringe on the background of DNA.

 

Uno studio preprint (non ancora peer-reviewed) su Lancet (firmato da Christine Stabell Benn et al., ndr) ha analizzato i dati di mortalità dalle prove del vaccino e ha fatto la scioccante scoperta che i vaccini mRNA non avevano “alcun effetto sulla mortalità complessiva”. Peggio, ha trovato il rischio di mortalità non-Covid, non-accidentale in realtà aumentato del 17% (rischio relativo 1.17, 95% intervallo di confidenza (CI) 0.67-2.05). Inoltre, un intero 50% dei decessi non-Covid (27 su 54) erano cardiovascolari e il rischio relativo di tale morte era del 45% più alto nel braccio del vaccino (rischio relativo 1,45, CI 0,67-3,13), ripartendo al 50% più alto per Pfizer e 40% più alto per Moderna (con ampi intervalli di confidenza).

Questi sono chiaramente risultati allarmanti. Ma non vengono stranamente sottolineati nell’articolo. Questo è presumibilmente dovuto al fatto che gli autori sono prudenti nel criticare i vaccini al fine di essere pubblicati (cioè per non compromettere la possibilità di pubblicare il loro articolo sulla rivista, ndr). Se è così, è deludente che questo sia ritenuto (probabilmente correttamente) necessario e indica quanto assurdamente politica sia diventata la ricerca sui vaccini.

L’attenzione del documento è invece sulla sorprendente scoperta che i vaccini adenovirus-vettore (ad esempio AstraZeneca e J&J) sembrano ridurre significativamente la mortalità complessiva. Più sorprendentemente, ci sono zero morti cardiovascolari nel braccio del vaccino contro cinque nel braccio del placebo. Il rischio relativo di morte non accidentale, non-Covid è inferiore del 62% nel braccio del vaccino rispetto al braccio del placebo (rischio relativo 0,38 CI 0,17-0,88). La mortalità complessiva è diminuita del 63%.

Gli autori osservano che sembra che i vaccini adenovirus-vettore “forniscono una protezione significativa” contro le malattie cardiovascolari, ipotizzando che l’adenovirus-vettore, anche se non in grado di replicarsi, “può stimolare il sistema immunitario in modo simile a un vaccino ‘vivo'”. Come questo possa proteggere dalle malattie cardiovascolari non è spiegato.

Non mi è chiaro quanto seriamente gli autori prendano la scoperta che i vaccini adenovirus-vettore tagliano la mortalità complessiva di quasi due terzi, o se sostenere la causa sia un modo elaborato per sottrarre i dati devastanti sui vaccini mRNA oltre la censura. Sono certamente sospettoso di qualsiasi dato di prova per un vaccino Covid che implica che sia inaspettatamente una cura miracolosa per le malattie cardiovascolari, e mi aspetterei che anche loro lo siano discretamente.

La conclusione principale dell’articolo è che, date le notevoli proprietà curative generali di un tipo di vaccino ma non dell’altro, l’impatto complessivo dei vaccini sulla mortalità dovrebbe essere studiato molto più attentamente.

Mentre i programmi di vaccinazione di massa con i vaccini COVID-19 vengono lanciati, dovrebbero essere raccolti dati sui loro effetti sulla mortalità non-COVID-19… I futuri trial dei nuovi vaccini COVID-19 dovrebbero essere obbligati a riportare i dati di mortalità per causa e sesso. Il monitoraggio e la valutazione post-licenza dovrebbero concentrarsi anche sulla mortalità complessiva non accidentale.

Ciò che non è esplicitato, ma è forse implicito, è che l’impatto negativo dei vaccini mRNA sulla mortalità – le morti cardiovascolari in particolare – merita particolare attenzione in questo “monitoraggio e valutazione”.

Mentre le conclusioni sono deludenti, l’introduzione è più robusta sui potenziali problemi con i vaccini. Essa afferma che:

Ora c’è un’ampia evidenza che i vaccini possono avere ampi effetti eterologhi sul sistema immunitario. Questi effetti possono portare a una protezione aggiuntiva o a un aumento della suscettibilità a infezioni non correlate o anche ad altre malattie non infettive immunomediate. Pertanto, come è stato ormai stabilito in numerosi studi, i vaccini possono avere effetti completamente inaspettati sulla mortalità complessiva, diversi da quelli che potrebbero essere previsti sulla base della protezione contro la malattia bersaglio del vaccino. L’attuale sistema di sperimentazione dei vaccini non include questa possibilità.

Speriamo che questo documento passi attraverso la revisione paritaria e sulla rivista senza essere ulteriormente castrato, e che le sue raccomandazioni per studi adeguati sui vaccini e il monitoraggio delle morti per tutte le cause siano debitamente ascoltate.

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






Facebook Comments