Per la maggior parte dei vaccini di uso comune, i benefici superano di gran lunga i rischi, ma questo potrebbe non essere il caso dei vaccini mRNA covid, secondo questo studio di Joseph Fraiman e colleghi. Dipende dall’età e dalla storia clinica. 

Di seguito l’opinione del prof. Martin Kulldorff, già docente della prestigiosa Harvard University, pubblicata su Brownstone Institute. Ve la propongo nella mia traduzione. 

 

vaccino-covid

 

Un nuovo studio scientifico intitolato “Serious adverse events of special interest following mRNA vaccination in randomized trials” (Eventi avversi gravi di particolare interesse a seguito di vaccinazione con mRNA in studi randomizzati) fornisce le migliori prove finora disponibili sulla sicurezza dei vaccini mRNA Covid. Per la maggior parte dei vaccini di uso comune, i benefici superano di gran lunga i rischi, ma questo potrebbe non essere il caso dei vaccini a mRNA Covid, secondo questo studio di Joseph Fraiman e colleghi. Dipende dall’età e dalla storia clinica.

Lo studio clinico controllato e randomizzato è il gold standard dell’evidenza scientifica. Quando le autorità di regolamentazione hanno approvato i vaccini a base di mRNA di Pfizer e Moderna per l’uso in emergenza nel dicembre 2020, due studi randomizzati hanno dimostrato che i vaccini hanno ridotto l’infezione sintomatica da covid di oltre il 90% nei primi mesi dopo la seconda dose.

Pfizer e Moderna non hanno progettato gli studi per valutare l’efficacia a lungo termine o i risultati più importanti di prevenzione dell’ospedalizzazione, della morte o della trasmissione.

Gli studi randomizzati hanno raccolto dati sugli eventi avversi, compresa la presenza di sintomi lievi (come la febbre) e di eventi più gravi che hanno richiesto l’ospedalizzazione o che hanno portato alla morte. La maggior parte dei vaccini genera reazioni avverse lievi in alcune persone, e le reazioni avverse sono state notevolmente più numerose dopo i vaccini a base di mRNA rispetto al placebo.

Questo è fastidioso ma non è un problema importante. A noi interessano gli esiti gravi della salute. La domanda chiave è se l’efficacia del vaccino sia superiore ai rischi di reazioni avverse gravi.

Lo studio Fraiman utilizza i dati degli stessi studi randomizzati sponsorizzati da Pfizer e Moderna presentati alla FDA per l’approvazione del vaccino, ma con due innovazioni che forniscono ulteriori informazioni.

In primo luogo, lo studio riunisce i dati di entrambi i vaccini a mRNA per aumentare la dimensione del campione, riducendo così le dimensioni degli intervalli di confidenza e l’incertezza sui danni stimati.

In secondo luogo, lo studio si concentra solo sugli eventi avversi gravi plausibilmente dovuti ai vaccini. È improbabile che eventi avversi gravi come ferite da arma da fuoco, suicidi, morsi di animali, fratture ai piedi e lesioni alla schiena siano dovuti a un vaccino, così come è improbabile che il cancro sia dovuto a un vaccino entro pochi mesi dalla vaccinazione. Eliminando questo rumore casuale, aumenta la capacità (potenza statistica) di rilevare i problemi reali. Se non c’è un eccesso di rischio, gli intervalli di confidenza più brevi rafforzano la fiducia nella sicurezza dei vaccini.

Classificare gli eventi avversi nei due gruppi non è un compito banale, ma Fraiman et al. fanno un ottimo lavoro per evitare distorsioni. Si basano sulle definizioni predefinite di eventi avversi di particolare interesse (AESI) della Brighton Collaboration. Fondata nel 2000, la Brighton Collaboration ha due decenni di esperienza nell’utilizzo di una scienza rigorosa per definire gli esiti clinici degli studi sulla sicurezza dei vaccini.

Inoltre, Fraiman e colleghi hanno classificato gli eventi clinici come AESI in cieco. I valutatori non sapevano se l’individuo avesse ricevuto il vaccino o il placebo. Pertanto, qualsiasi critica al cosiddetto p-hacking è ingiustificata.

Quindi, quali sono i risultati? Ci sono state 139 AESI tra le 33.986 persone vaccinate, una ogni 244 persone. Può sembrare un dato negativo, ma questi numeri non significano nulla senza un confronto con un gruppo di controllo. Le AESI sono state 97 tra le 33.951 persone che hanno ricevuto un placebo. Combinando questi numeri si ottengono 12,5 AESI indotte dal vaccino ogni 10.000 persone vaccinate, con un intervallo di confidenza del 95% compreso tra 2,1 e 22,9 per 10.000 persone. In altre parole, c’è una AESI aggiuntiva ogni 800 persone vaccinate (95% CI: 437-4762).

Si tratta di un dato molto elevato per un vaccino. Nessun altro vaccino sul mercato ci si avvicina.

I numeri per i vaccini Pfizer e Moderna sono rispettivamente 10 e 15 eventi aggiuntivi ogni 10.000 persone, quindi entrambi i vaccini hanno contribuito alla scoperta. I numeri sono abbastanza simili da non poter affermare con certezza che uno sia più sicuro dell’altro. La maggior parte delle AESI in eccesso erano disturbi della coagulazione. Per il vaccino Pfizer, si è registrato anche un eccesso di AESI cardiovascolari.

Sebbene questi risultati sulla sicurezza siano preoccupanti, non dobbiamo dimenticare l’altro lato dell’equazione. Purtroppo, lo studio non calcola stime composite che includano anche la riduzione delle infezioni gravi da covirus, ma disponiamo di tali stime per la mortalità.

La dott.ssa Christine Benn e i suoi colleghi hanno calcolato una stima combinata dell’effetto della vaccinazione sulla mortalità per tutte le cause utilizzando gli stessi dati degli studi randomizzati di Fraiman et al. Non hanno riscontrato una riduzione della mortalità per i vaccini mRNA (rischio relativo 1,03, 95% CI: 0,63-1,71).

Un limite importante degli studi di Fraiman e Benn è che non distinguono le reazioni avverse in base all’età, alle comorbidità o all’anamnesi. Non è colpa loro. Pfizer e Moderna non hanno rilasciato queste informazioni, quindi i ricercatori esterni non hanno accesso.

Sappiamo che i benefici del vaccino non sono equamente distribuiti tra le persone, dal momento che la mortalità da vaccino è più di mille volte superiore tra gli anziani. Pertanto, i calcoli dei rischi e dei benefici devono essere effettuati separatamente per i diversi gruppi: con e senza precedente infezione da covid, per età, e per le prime due dosi rispetto ai richiami.

  1. Le persone guarite dal Covid hanno un’immunità naturale più forte dell’immunità indotta dal vaccino. Quindi, il beneficio della vaccinazione è, nella migliore delle ipotesi, minimo. Se il rischio di reazioni avverse è lo stesso degli studi randomizzati, c’è una differenza rischio-beneficio negativa. Perché stiamo obbligando le persone in questo gruppo a vaccinarsi? È sia immorale che dannoso per la salute pubblica.
  2. Mentre tutti possono essere infettati, i bambini hanno un minimo rischio di mortalità da covid. I dati sulla sicurezza degli studi sui bambini sono molto limitati. Se il rischio di reazioni avverse è lo stesso degli adulti, i danni superano i rischi. I bambini non dovrebbero ricevere questi vaccini.
  3. Le persone anziane sopra i 70 anni hanno un rischio molto più elevato di mortalità da covid rispetto alla popolazione nello studio Fraiman. Se il rischio di reazioni avverse è lo stesso, i benefici superano i danni. Pertanto, le persone anziane che non hanno mai avuto covid e non sono ancora vaccinate possono beneficiare di questi vaccini. Tuttavia, non sappiamo se siano migliori dei vaccini Johnson & Johnson e Astra-Zeneca.
  4. Dai dati degli studi clinici non è chiaro se i benefici superino i rischi per gli adulti in età lavorativa che non sono stati vaccinati e che non hanno già avuto il covid. Questo è vero sia storicamente, per le varianti covid originali, sia attualmente per quelle più recenti.
  5. Lo studio Fraiman analizza i dati dopo la prima e la seconda dose. Sia i rischi che i benefici possono differire per i vaccini di richiamo, ma nessuno studio randomizzato ha valutato correttamente il compromesso.

Questi risultati riguardano solo i vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna. Fraiman et al. non hanno analizzato i dati relativi ai vaccini con vettore adenovirus commercializzati da Johnson & Johnson e Astra-Zeneca. Benn et al. hanno riscontrato una riduzione della mortalità per tutte le cause (RR=0,37, 95% CI:0,19-0,70), ma nessuno ha utilizzato i dati dei trial per analizzare le AESI di questi vaccini.

In particolare, gli studi di Fraiman e Benn avevano un follow-up di pochi mesi dopo la seconda dose perché Pfizer e Moderna, purtroppo, hanno interrotto i loro studi randomizzati pochi mesi dopo aver ricevuto l’autorizzazione all’uso in emergenza. Naturalmente, un beneficio a lungo termine può fornire una base per tollerare differenze negative o neutre tra i rischi e i benefici a breve termine. Tuttavia, ciò è improbabile poiché sappiamo da studi osservazionali che l’efficacia del vaccino mRNA si deteriora pochi mesi dopo la seconda dose.

Potrebbero inoltre verificarsi reazioni avverse a lungo termine al vaccino, di cui non siamo ancora a conoscenza. Poiché gli studi randomizzati sono terminati in anticipo, per rispondere a questa domanda dobbiamo guardare ai dati osservazionali. I dati pubblicamente disponibili del Vaccine Adverse Event Reporting System sono di bassa qualità, con segnalazioni sia insufficienti che eccessive. I migliori dati osservazionali provengono dal Vaccine Safety Datalink (VSD) dei CDC e dal Biologics and Effectiveness Safety System (BEST) della FDA, ma i rapporti provenienti da questi sistemi sono stati limitati.

Fraiman e colleghi hanno prodotto le migliori prove finora disponibili sulla sicurezza complessiva dei vaccini a mRNA. I risultati sono preoccupanti. È responsabilità dei produttori e della FDA garantire che i benefici siano superiori ai danni. Non ci sono riusciti.

 

Martin Kulldorff, Senior Scholar del Brownstone Institute, è un epidemiologo e biostatistico specializzato in epidemie di malattie infettive e sicurezza dei vaccini. È lo sviluppatore dei software Free SaTScan, TreeScan e RSequential. Ultimamente è stato professore alla Harvard Medical School per dieci anni (Poi licenziato per non essersi vaccinato, ndr). Co-autore della Dichiarazione di Great Barrington. kulldorff@brownstone.org

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments