Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Lorenz Duchamps e pubblicato su NTD. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Karl Lauterbach Ministro della salute tedesco
Karl Lauterbach Ministro della salute tedesco

 

Il Ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach, che in passato aveva affermato che la vaccinazione contro il COVID-19 è priva di effetti collaterali, ha ammesso la scorsa settimana di essersi sbagliato, affermando che le reazioni avverse si verificano a una frequenza di una su 10.000 dosi e possono causare “gravi disabilità”.

Il 14 agosto 2021, Lauterbach ha affermato su Twitter che i vaccini non hanno “alcun effetto collaterale”, mettendo ulteriormente in dubbio il motivo per cui alcuni tedeschi si sono rifiutati di vaccinarsi contro il COVID-19.

Durante un’intervista a “Heute Journal” della ZDF, il 12 marzo, Lauterbach è stato interrogato dal conduttore Christian Sievers sull’affermazione fatta nell’estate del 2021, mettendo in conflitto il ministro della Salute con il suo precedente tweet che affermava che le iniezioni sono praticamente prive di effetti collaterali.

Lauterbach ha risposto che il tweet era “fuorviante” e una “esagerazione” che aveva fatto all’epoca, osservando che “non rappresentava la mia vera posizione”.

“Sono sempre stato al corrente dei numeri e sono rimasti relativamente stabili… uno su 10.000 [si infortuna]”, ha detto Lauterbach. “Alcuni dicono che sono molti, altri che non sono così tanti”.

L’osservazione di Lauterbach sugli eventi avversi da vaccino è arrivata dopo che la rete tedesca ha trasmesso un segmento di diversi tedeschi che sono stati gravemente feriti dopo aver ricevuto l’iniezione, tra cui una ginnasta di 17 anni che in precedenza aveva gareggiato nei campionati tedeschi di ginnastica artistica prima di essere ricoverata in ospedale per più di un anno poco dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 della BioNTech.

“Cosa dice a coloro che sono stati colpiti [da lesioni da vaccino]?”. Sievers ha chiesto a Lauterbach.

“Quello che è successo a queste persone è assolutamente sconcertante, e ogni singolo caso è uno di troppo”, ha risposto Lauterbach. “Onestamente mi dispiace molto per queste persone. Ci sono gravi disabilità, alcune delle quali saranno permanenti”.

Steve Kirsch, direttore esecutivo della Vaccine Safety Research Foundation, non è d’accordo con Lauterbach, ma ha elogiato il ministro della Salute per aver fatto “progressi” quando ha comparato la sua ultima osservazione con i suoi precedenti commenti sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino COVID-19. “Il vero tasso di avversi gravi è il numero di casi che si sono verificati in questi ultimi anni.

Il vero tasso di eventi avversi gravi è circa 100 volte superiore alle cifre citate da Lauterbach – “più vicino a 1 su 100 dosi” e “per la morte, è ~1 su 1.000 dosi””, ha detto Kirsch su Twitter.

Al 31 ottobre 2022, il Paul-Ehrlich-Institut aveva ricevuto un totale di 333.492 segnalazioni di casi individuali su sospette reazioni avverse o effetti collaterali del vaccino COVID-19 in Germania, secondo i dati ufficiali (pdf) rilasciati nel dicembre 2022 dall’ente regolatore medico che si occupa di ricerca su vaccini e biomedicine.

“Il numero di segnalazioni di casi individuali al mese ha raggiunto il picco nel dicembre 2021 ed è proseguito fino all’estate”, secondo l’agenzia federale, che dipende dal Ministero della Salute tedesco.

Nonostante questi risultati, il sito web del Ministero della Salute del Paese afferma, al 16 marzo, che “i vaccini moderni sono sicuri e gli effetti avversi si verificano solo in casi sporadici”.

 

Cause legali in corso

Poiché il tema delle lesioni post-vaccino ha iniziato a essere trattato più diffusamente da alcuni media tedeschi, sono iniziate le cause legali contro BioNTech e anche contro altri produttori del vaccino COVID-19.

BioNTech ha negato ogni responsabilità, ha riferito la ZDF.

I produttori di vaccini, come Pfizer e Moderna, godono dell’immunità da responsabilità se qualcosa va involontariamente storto con i loro vaccini, il che li pone in una posizione legale molto forte.

“È vero che nell’ambito di questi contratti UE, le aziende sono state ampiamente esentate dalla responsabilità e che quindi la responsabilità ricade sullo Stato tedesco”, ha detto Lauterbach.

Tuttavia, nonostante ciò, il ministro della Salute ha osservato che sarebbe “sicuramente” una buona idea se le aziende biofarmaceutiche “mostrassero la volontà di aiutare” le persone colpite da eventi avversi ai vaccini, soprattutto a causa dei loro profitti “esorbitanti”.

“Quindi, non sarebbe solo un buon gesto, dovremmo aspettarcelo”, ha detto.

Lauterbach ha detto che la priorità ora è facilitare la cura di coloro che soffrono di sindrome post-vaccinazione. Ha aggiunto che sta “negoziando con la commissione per il bilancio” per lanciare un programma per aiutare i danneggiati.

“È qualcosa che dobbiamo portare a compimento, è un obbligo, e metterebbe in rete gli esperti del settore in modo tale da aumentare le probabilità di una buona terapia in Germania”, ha detto.

 

Trattamento delle lesioni da vaccino

La dottoressa Elizabeth Lee Vliet ha dichiarato in una recente intervista per la trasmissione “Crossroads” di EpochTV che era già noto che la tossicità della proteina spike e di un altro componente del vaccino COVID-19 avrebbe potuto causare complicazioni e reazioni avverse poco dopo la diffusione delle iniezioni.

“Nei primi sei mesi dopo l’introduzione delle iniezioni di COVID-19, ho avuto un’intera gamma di pazienti con tutti i tipi di problemi che non avevano mai avuto prima”, ha detto la dottoressa, aggiungendo che l’unico denominatore comune di questi casi era che tutti avevano ricevuto il vaccino COVID-19.

Per aiutare le persone che soffrono di lesioni da vaccino, la Truth for Health Foundation ha preparato un opuscolo educativo che spiega le reazioni avverse ai vaccini e le opzioni di trattamento, ha detto Vliet, che lavora anche pro bono come presidente e amministratore delegato della fondazione.

I trattamenti includono una combinazione di farmaci da prescrizione, nutraceutici, integratori, alimenti, neuroprotezione, stimolatori immunitari e anche cambiamenti nello stile di vita, ha detto Vliet, aggiungendo che utilizza questo approccio combinato per trattare i suoi pazienti, con risultati positivi.

“Uno dei farmaci fondamentali che ha avuto enormi benefici per i pazienti che sto trattando, per esempio, è l’idrossiclorochina”, ha detto Vliet, “perché è antinfiammatoria, è un immunomodulatore, è antivirale”.

“Nella storia del programma di vaccinazione mondiale, non abbiamo mai avuto un’iniezione sperimentale che attraversasse la barriera emato-encefalica e arrivasse al cervello stesso e al sistema nervoso”, ha detto Vliet.

“Queste iniezioni di terapia genica COVID lo fanno”, ha aggiunto. “Attraversano anche la barriera placentare… quindi è comprensibile perché queste iniezioni sperimentali di terapia genica stiano causando così tanti danni ai bambini in via di sviluppo nel grembo materno, al cervello e al sistema nervoso centrale di bambini e adulti”.

Poiché i medici comprendono il meccanismo di funzionamento dei vaccini, possono utilizzare i farmaci esistenti per trattare gli effetti avversi, ha spiegato Vliet.

Lorenz Duchamps

 

La giornalista di Epoch Times Ella Kietlinska ha contribuito a questo servizio.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments