Di seguito vi propongo un articolo scritto da Ella Kietlinska e Joshua Philipp, pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Robert W. Malone
Robert W. Malone

 

Uno studio condotto nel Regno Unito ha dimostrato che gli operatori sanitari che hanno ricevuto più richiami del vaccino COVID-19 dopo essere stati inizialmente infettati dal ceppo virale originale di Wuhan sono più inclini a reinfettarsi cronicamente con la variante Omicron.

Questo potrebbe spiegare perché le persone che hanno ricevuto più richiami del vaccino COVID-19 sono sempre più spesso quelle che finiscono in ospedale con sintomi gravi di COVID-19, a volte con esito mortale, ha dichiarato lo scienziato e medico Dr. Robert Malone.

In un’intervista rilasciata il 21 luglio al programma “Crossroads” di EpochTV, Malone, inventore della tecnologia dei vaccini a mRNA, ha affermato che questo fenomeno è il risultato di un processo chiamato “imprinting immunitario”, in base al quale l’esposizione iniziale a un ceppo virale può impedire all’organismo di produrre un numero sufficiente di anticorpi neutralizzanti contro un ceppo più recente.

Ha aggiunto che questo processo è rafforzato da inoculazioni multiple.

“In tutto il mondo, vediamo queste serie di dati che mostrano che, purtroppo, le persone che muoiono e vengono ricoverate in ospedale sono in maggioranza quelle altamente vaccinate”, ha detto. “Non sono quelli che hanno un’immunità naturale”.

Vaccini basati su vecchi ceppi

I vaccini COVID-19 attualmente in circolazione sono basati sul ceppo Wuhan del virus CCP (Partito Comunista Cinese), noto anche come SARS-CoV-2, che causa la malattia ora identificata come COVID-19.

Da quando il ceppo di Wuhan era prevalente, sono emersi e diventati dominanti diversi ceppi, tra cui la variante Omicron, attualmente dominante.

Il problema è che i vaccini COVID-19 utilizzano solo uno dei componenti del virus intero, che è una proteina spike, quindi il sistema immunitario di una persona che ha ricevuto un vaccino mRNA viene addestrato a rispondere solo a quel componente, ha spiegato Malone.

“Se l’antigene è leggermente cambiato, se il virus è leggermente cambiato, [il sistema immunitario] reagisce ancora come se fosse quello vecchio”, ha detto.

I vaccini COVID-19 si basano sulla proteina spike del virus originale identificato a Wuhan. Questo ceppo di virus non esiste più e non circola più nella popolazione, ha detto Malone.

Se un vaccino basato su un ceppo virale ormai scomparso viene somministrato ripetutamente, il sistema immunitario si allena a concentrarsi sempre di più sull’antigene somministrato attraverso il vaccino e a ignorare qualsiasi altra cosa leggermente diversa, ha spiegato Malone, definendo questo fenomeno imprinting immunitario.

“La letteratura sull’imprinting immunitario è a prova di bomba”, ha detto Malone. “Documenti su documenti su documenti, nelle migliori riviste specializzate e nei migliori laboratori di tutto il mondo, lo documentano”.

Il fenomeno è noto da tempo nel campo della vaccinologia, ha detto Malone, ma l’argomento è proibito e le persone che lavorano nel campo preferiscono non parlarne.

Immunità da vaccino contro immunità naturale

Gli operatori sanitari del Regno Unito, molti dei quali sono stati infettati dalla variante Wuhan del virus e hanno ricevuto anche tre o quattro dosi di vaccino COVID-19, hanno sviluppato infezioni croniche ripetute dalla variante Omicron, ha dichiarato Malone, citando un articolo pubblicato sulla rivista accademica Science.

Un altro lavoro pubblicato su Nature mostra che l’evoluzione del virus non proviene dalla popolazione generale, ma piuttosto da persone immunocompromesse che hanno ricevuto più dosi di vaccino, ha detto Malone, e circa il 30% della popolazione altamente vaccinata sta avendo infezioni ripetute.

Questo è in contrasto con la narrativa promossa secondo cui i non vaccinati mettono a rischio la popolazione in generale, ha osservato Malone.

L’immunità naturale da un’infezione da COVID-19 dura almeno 14 mesi, compresa l’immunità contro i ceppi Omicron, ha affermato Malone, citando un documento scientifico del Qatar non ancora sottoposto a revisione paritaria (pdf).

L’immunità indotta dal vaccino, invece, dura solo un paio di mesi, ha aggiunto.

Quando una persona viene infettata dal virus originale, genera una risposta immunitaria che include “tutti i tipi di proteine del virus”, a patto che non abbia subito un imprinting immunitario eccessivo, ha spiegato Malone.

“Il problema di questi vaccini monovalenti, o con un solo antigene, è che spingono la risposta immunitaria contro un unico elemento, invece che contro l’intero virus. Quindi tutto ciò che il virus deve fare è modificare geneticamente, attraverso l’evoluzione, alcune manopole per sfuggire a questo”, ha detto. “E questo è esattamente ciò che è successo con Omicron”.

Il paradosso è che la maggior parte dei Paesi con economie emergenti e bassi tassi di vaccinazione hanno anche i tassi di mortalità da COVID-19 più bassi al mondo, ha detto Malone.

“È probabile che continueremo a vedere questa tendenza”, ha detto.

Secondo i dati di Our World in Data, solo l’1,4% della popolazione di Haiti è stata vaccinata e il Paese ha registrato 838 decessi per COVID-19, un tasso di 73 decessi per 1 milione di persone.

In Sudafrica, dove il 32% della popolazione è vaccinato, si sono registrati quasi 102.000 decessi, pari a un tasso di 1.717 morti per 1 milione di persone.

Nel Regno Unito, il 75% della popolazione è vaccinato e sono morte più di 184.000 persone, pari a un tasso di 2.736 decessi per 1 milione di persone.

Negli Stati Uniti, il 67% della popolazione è vaccinato e 1,03 milioni di persone sono morte a causa del virus, con un tasso di 3.058 decessi per 1 milione di persone.

Altri problemi con i vaccini

Malone ha sottolineato un problema con gli attuali vaccini a base di mRNA.

Quando un vaccino viene iniettato nel braccio di un paziente, l’RNA del vaccino, che è un RNA modificato, dovrebbe durare solo un paio d’ore, ma uno studio dell’Università di Stanford dimostra che “l’RNA rimane per almeno 60 giorni”, ha detto Malone.

Tuttavia, il governo tiene conto solo delle reazioni e delle malattie da vaccino registrate nel Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) entro le prime due settimane dalla vaccinazione, anche se il farmaco è ancora presente nell’organismo due mesi dopo, ha detto Malone.

“L’RNA del vaccino produce più proteine spike di quanto non faccia l’infezione naturale”, ha detto Malone. “Questo spiega perché si verificano più eventi avversi con i vaccini che con l’infezione stessa, perché lo spike è una tossina”.

Il VAERS è stato istituito dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dalla Food and Drug Administration per raccogliere e analizzare i dati sugli effetti avversi delle vaccinazioni.

Il sistema si basa sull’invio di segnalazioni da parte di singoli individui e non è destinato a determinare se un problema di salute segnalato sia stato causato da un vaccino, ma è “particolarmente utile per individuare modelli insoliti o inaspettati di segnalazione di eventi avversi che potrebbero indicare un possibile problema di sicurezza con un vaccino”, secondo il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani.

Malone, presidente e cofondatore dell’International Alliance of Physicians and Medical Scientists, ha dichiarato che oltre 17.000 medici e scienziati hanno firmato una dichiarazione che afferma inequivocabilmente che i vaccini genetici devono essere ritirati.

“Questi vaccini genetici non funzionano”, ha dichiarato.

 

Meiling Lee e Zachary Stieber hanno contribuito a questo servizio.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments