Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Vaccini-covid

 

I vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna non hanno avuto un impatto sulla mortalità complessiva, secondo una nuova analisi dei dati degli studi clinici.

I due vaccini, entrambi basati sulla tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA), hanno protetto dai decessi causati dal COVID-19, ma questo effetto è stato compensato dal fatto che i partecipanti allo studio vaccinato avevano maggiori probabilità di morire per problemi cardiovascolari, hanno riferito Christine Stabell Benn, professore di salute presso l’Università della Danimarca meridionale, e altri ricercatori in aprile sulla rivista Cell.

D’altra parte, i vaccini che utilizzavano gli adenovirus, come il vaccino Johnson & Johnson, hanno avuto un impatto favorevole sia sulla mortalità da COVID-19 sia sulla mortalità generale, secondo la nuova analisi.

La ricerca ha analizzato i dati di studi clinici randomizzati (RCT) riportati dalle aziende produttrici dei vaccini.

“Negli studi clinici randomizzati con il follow-up in cieco più lungo possibile, i vaccini a base di mRNA non hanno avuto alcun effetto sulla mortalità generale, pur proteggendo da alcuni decessi causati dalla COVID-19. D’altro canto, i vaccini adenovirus-vettore sono stati associati a una minore mortalità complessiva”, hanno dichiarato i ricercatori.

“Le differenze negli effetti dei vaccini adenovirus-vettore e mRNA sulla mortalità complessiva, se vere, avrebbero un impatto importante sulla salute globale”, hanno poi aggiunto.

Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson e AstraZeneca non hanno risposto alle richieste di commento.

 

Lo studio

Benn e colleghi hanno preso in considerazione i dati di tre RCT per i vaccini a mRNA e di sei RCT per i vaccini adenovirus-vettore che avevano dati di mortalità disponibili. Hanno confrontato i decessi complessivi nei bracci vaccinati con quelli placebo. Hanno inoltre suddiviso i decessi in diverse categorie: attribuiti a COVID-19, problemi cardiovascolari, altre cause non COVID-19, incidenti e cause non accidentali, non COVID-19.

“Abbiamo estratto il numero di decessi dagli studi che hanno portato all’approvazione dei nuovi vaccini COVID-19 a mRNA e adenovirus-vettore. Abbiamo calcolato il rischio relativo di morire, complessivamente, e per varie cause di morte, per ogni tipo di vaccino”, ha dichiarato Benn a The Epoch Times in una e-mail.

I ricercatori hanno scoperto che i vaccini Pfizer e Moderna erano associati a una minore mortalità da COVID-19, ma a una maggiore mortalità cardiovascolare e per cause diverse dagli incidenti. Non è stata riscontrata alcuna differenza nella mortalità complessiva tra i bracci vaccinati e i gruppi placebo.

Il vaccino di Johnson & Johnson è stato associato a una minore mortalità complessiva e a una minore mortalità non-COVID-19, senza alcun effetto sulla mortalità COVID-19. Il vaccino di AstraZeneca, mai autorizzato negli Stati Uniti ma autorizzato in alcuni altri Paesi, ha ottenuto buoni risultati per quanto riguarda la mortalità generale e altre categorie in diversi studi, ad eccezione di uno studio in cui un numero leggermente maggiore di persone vaccinate è morto per cause non COVID o per cause non accidentali, non COVID-19.

“I risultati suggeriscono che i vaccini adenovirus-vettore rispetto al placebo hanno effetti benefici non specifici, riducendo il rischio di malattie non-COVID-19″. La causa più importante di morte non-COVID-19 è stata la malattia cardiovascolare, contro la quale i dati degli attuali RCT suggeriscono che i vaccini adenovirus-vettore forniscono almeno una certa protezione”, hanno detto i ricercatori.

Hanno notato che le popolazioni degli studi erano in gran parte adulti sani e che nel mondo reale, anche i vaccini a mRNA dovrebbero ridurre la mortalità complessiva. Tuttavia, “le intriganti differenze negli effetti sulla mortalità non accidentale e non legata al vaccino non-COVID-19 sono probabilmente destinate a persistere e dovrebbero essere analizzate in studi futuri”, hanno aggiunto.

La mortalità complessiva è aumentata in diversi Paesi altamente vaccinati dopo l’introduzione dei vaccini, compresi gli Stati Uniti. I ricercatori sono divisi sulle cause: alcuni sostengono che siano stati i vaccini a determinare l’aumento, mentre altri attribuiscono la responsabilità alla COVID-19 e ad altri fattori.

Lo studio è stato pubblicato prima della revisione paritaria nel 2022, ma gli autori hanno faticato a trovare una rivista che lo accettasse, ha detto Benn. Diverse riviste lo hanno rifiutato senza spiegarne il motivo, causando un ritardo nella pubblicazione.

 

Impatto sul sistema immunitario

Diversi esperti si sono complimentati con il lavoro.

“È un buon articolo che fa riflettere”, ha dichiarato via e-mail a The Epoch Times il dottor Peter Gotzsche, professore emerito e direttore dell’Institute for Scientific Freedom in Danimarca.

Gotzsche ha scritto della ricerca condotta da Peter Aaby, uno dei coautori di Benn, nel suo libro “Vaccines: Truth, Lies, and Controversy”. Alcuni degli altri lavori di Aaby hanno sostenuto l’ipotesi che i vaccini vivi attenuati, come i vettori di adenovirus, contribuiscano a diminuire la mortalità complessiva, mentre i vaccini che contengono la versione uccisa di un germe che causa una malattia aumentano la mortalità totale.

Questi “risultati inaspettati” possono complicare la comunicazione sulla salute pubblica, ha scritto Gotzsche.

Ricerche precedenti, tra cui uno studio del 2013 di Benn e Aaby, hanno suggerito che alcuni vaccini forniscono effetti non specifici, o una maggiore protezione contro agenti patogeni non correlati. I ricercatori hanno ipotizzato che i vaccini COVID-19 con vettore adenovirus potrebbero “stimolare il sistema immunitario in modo simile a un vaccino ‘vivo'”, pur notando che i vaccini Pfizer e Moderna aumentano l’infiammazione, il che potrebbe ridurre la protezione del sistema immunitario contro altre malattie.

In uno studio separato di aprile, Benn, Aaby e altri esperti hanno affermato che l’attuale quadro di riferimento per la sperimentazione e la regolamentazione dei vaccini deve essere aggiornato a causa del modo in cui i vaccini possono influire sul rischio di contrarre malattie non correlate.

 

Critiche

Il dottor David Boulware, professore di medicina presso la facoltà di medicina dell’Università del Minnesota, è stato tra i critici del nuovo studio. Ha detto a The Epoch Times in un’e-mail che è stato progettato male a causa delle differenze nei luoghi in cui sono stati condotti gli studi. Questo perché alcuni Paesi, come gli Stati Uniti, hanno un’assistenza sanitaria migliore.

I ricercatori hanno riconosciuto che questo potrebbe essere vero nella sezione dedicata alle limitazioni, scrivendo che “le differenze tra le popolazioni di studio negli RCT dei due tipi di vaccino potrebbero aver falsato il confronto, poiché i diversi modelli di malattia e il livello di assistenza potrebbero aver influenzato l’effetto misurato dei vaccini sulla mortalità complessiva”.

I ricercatori hanno aggiunto: “Un numero maggiore di individui è stato infettato da COVID-19 negli RCT con mRNA rispetto agli RCT con vaccino adenovirus-vettore, ma ci sono stati più decessi per COVID-19 negli RCT con adenovirus-vettore. Ciò suggerisce che i partecipanti agli RCT sull’mRNA potrebbero aver avuto accesso a una migliore assistenza sanitaria durante l’infezione da COVID-19, e questo potrebbe aver ridotto l’impatto della vaccinazione con mRNA sulla mortalità complessiva”.

Boulware ha anche affermato che i dati reali “non supportano le conclusioni dell’articolo”, indicando i dati osservazionali di Israele e del Minnesota. “Chiaramente i vaccini a mRNA proteggono meglio dalla COVID rispetto ai vaccini vettoriali adenovirus”, ha affermato.

Benn ha detto che lo studio è stato “costruito su una meta-analisi di RCT controllati con placebo, il più alto grado di evidenza nella piramide dell’evidenza” e che il punto chiave di attenzione era la mortalità complessiva.

“Sta parlando di COVID-19, noi stiamo studiando la mortalità per tutte le cause”, ha detto Benn. “È irrilevante se un vaccino protegge meglio contro la COVID-19 rispetto a un altro vaccino, se riduce la mortalità generale in misura minore, a meno che non si pensi che la COVID sia peggio della morte”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments