Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

mestruazioni giovane donna mal di pancia
Gli studi sul vaccino COVID-19 non esaminano l’impatto della vaccinazione sulle mestruazioni. (Fizkes/Shutterstock via The Epoch Times)

 

Secondo un nuovo studio, le donne vaccinate con i vaccini COVID-19 di Pfizer o Moderna sono a maggior rischio di sanguinamento vaginale.

Una o più dosi di vaccino contro l’RNA messaggero aumentano il rischio di sanguinamento nelle donne di età compresa tra i 12 e i 74 anni, hanno riferito i ricercatori svedesi nello studio, pubblicato il 3 maggio dal British Medical Journal.

Gli aggiustamenti dei dati hanno permesso di eliminare alcuni dei rischi maggiori, ma anche dopo gli aggiustamenti, le donne più giovani avevano ancora maggiori probabilità di sperimentare emorragie dopo la prima e la terza dose e le donne più anziane avevano maggiori probabilità di soffrire del problema dopo la prima, la seconda e la terza dose.

Una serie di studi, basati principalmente sulla auto-segnalazione dei sintomi, ha identificato le irregolarità mestruali e le emorragie come potenziali effetti collaterali dei vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna. Le persone hanno anche inviato segnalazioni a vari sistemi di segnalazione, come il Vaccine Adverse Event Reporting System degli Stati Uniti, e i funzionari israeliani hanno trovato segni che il vaccino di Pfizer causa problemi mestruali.

I ricercatori svedesi hanno cercato di esaminare i rischi tra le vaccinate esaminando i dati nazionali che riguardano tutte le donne di età compresa tra i 12 e i 74 anni del Paese. Dopo aver escluso le donne che avevano una storia di determinate patologie, come i disturbi mestruali, e le donne che vivevano in strutture di assistenza speciali, la popolazione dello studio era di 2,94 milioni di persone. I casi sono stati inclusi solo se sono stati diagnosticati in un ospedale o in un’altra struttura sanitaria.

I ricercatori hanno inserito i dati in un modello che ha confrontato il tempo-persona tra i non vaccinati, compresi gli individui che hanno poi ricevuto un vaccino, e i vaccinati. Sono stati riportati i risultati di primo livello e i numeri suddivisi per dose e gruppo di età, con la popolazione suddivisa in donne più giovani (tra i 12 e i 49 anni) e donne più anziane (tra i 50 e i 74 anni).

Lo studio è stato condotto dal 27 dicembre 2020 al 28 febbraio 2022.

 

Aumento dei rischi

Prima dell’aggiustamento, le donne di tutte le età della popolazione sono risultate a maggior rischio di sanguinamento vaginale dopo la vaccinazione. Le donne più giovani presentavano anche un rischio maggiore di disturbi mestruali, definiti come diagnosi di “mestruazioni assenti, scarse e rare” o “mestruazioni eccessive, frequenti e irregolari”.

Dopo l’aggiustamento per covariate come lo stato civile e i giorni di degenza, i rischi sono stati eliminati per alcune dosi e diminuiti per altre.

Gli aggiustamenti hanno eliminato quasi completamente il rischio di disturbi mestruali, per esempio, anche se le donne sono risultate ancora a rischio aumentato entro sette giorni dalla prima dose. Anche il rischio di sanguinamento per le donne più giovani è stato ridotto, anche se ancora presente entro sette giorni dalla dose uno e tre.

Un aumento del rischio di sanguinamento era ancora presente per le donne più anziane dopo gli aggiustamenti, con un hazard ratio di 1,28 entro sette giorni dalla terza dose e di 1,25 tra gli otto e i 90 giorni successivi alla terza dose.

Gli hazard ratio pari a uno significano che non ci sono prove di un effetto negativo o di un beneficio, mentre i rapporti superiori a uno indicano un aumento del rischio di un effetto avverso. I risultati aggiustati significano che le donne anziane vaccinate avevano circa il 25% di probabilità in più di sperimentare l’emorragia dopo la terza dose, e circa il 15% di probabilità in più dopo qualsiasi dose.

L’aumento del rischio è stato riscontrato sia con il vaccino di Pfizer che con quello di Moderna, secondo un’analisi stratificata dei dati.

Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento.

 

Conclusioni

Il dottor Rickard Ljung dell’Agenzia svedese per i prodotti medici e i suoi coautori hanno riconosciuto l’aumento del rischio tra i vaccinati, ma hanno minimizzato i risultati.

“Abbiamo osservato associazioni deboli e incoerenti tra la vaccinazione contro la SARS-CoV-2 e i contatti sanitari per quanto riguarda il sanguinamento in postmenopausa e ancora meno coerenti per i disturbi mestruali e il sanguinamento premestruale”, hanno scritto. SARS-CoV-2 è un nome per il virus COVID-19.

“L’aggiustamento estensivo per i fattori confondenti ha attenuato la maggior parte delle stime di rischio. I modelli di associazione non sono coerenti con un effetto causale. Questi risultati non forniscono alcun supporto sostanziale per un’associazione causale tra la vaccinazione contro la SARS-CoV-2 e i contatti sanitari legati a disturbi mestruali o emorragici”, hanno aggiunto i ricercatori.

Ljung ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail che l’aumento del rischio di sanguinamento vaginale entro sette giorni era “molto probabilmente un sanguinamento già prevalente quando la donna si è vaccinata prima dell’appuntamento” con un operatore sanitario.

La dottoressa Shelley Cole, ostetrica-ginecologa del Texas, ha dichiarato al The Epoch Times via e-mail dopo aver esaminato il documento: “C’è stato un aumento del 26% dei disturbi mestruali nel periodo da 1 a 7 giorni. Eppure, non riescono a trarre alcuna conclusione su una relazione causale con il vaccino? Forse devono riflettere un po’ di più”.

Il dottor Harvey Risch, professore emerito di epidemiologia presso la Yale School of Public Health, anch’egli non coinvolto nella ricerca, ha affermato che lo studio non ha incluso un numero sufficiente di eventi “per fornire conclusioni definitive sull’aumento del rischio di disturbi mestruali o di sanguinamenti mestruali inattesi”.

“Sono state esaminate troppe variabili rispetto ai rischi, rispetto alla quantità limitata di dati. Detto questo, i tassi di eventi emorragici non sembrano drammaticamente maggiori nelle donne vaccinate rispetto a quelle non vaccinate”, ha dichiarato Risch a The Epoch Times via e-mail. “Tuttavia, è giustificata una certa cautela nell’interpretazione, perché il grado di rilevazione dei disturbi mestruali da parte del sistema di assistenza medica in Svezia durante questo periodo non è chiaro, come notano gli autori”.

Tra i limiti dell’articolo c’è il fatto che si basa su dati osservazionali. La ricerca ha ricevuto finanziamenti dal governo svedese e i ricercatori, tra cui Ljung, hanno segnalato conflitti di interesse, come i finanziamenti di Pfizer.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments