Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dal Angus Dalgleish  e pubblicato su The Conservative Woman. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini-COVID

 

Quelli di noi che sapevano fin dall’inizio che la sequenza del CoV-SARS-2 conteneva inserti che non avrebbero potuto verificarsi naturalmente e che erano simili a quelli già pubblicati dal laboratorio di Wuhan, hanno dovuto sopportare per quasi tre anni un incredibile disprezzo, l’ostracismo scientifico e l’ignominia di essere “cancellati” dai media mainstream e dai colleghi professionisti.

Nell’estate del 2020, un articolo di cui sono coautore, che descriveva le scoperte di un team di scienziati anglo-norvegesi che avevano dimostrato le “impronte digitali” uniche della manipolazione di laboratorio nel virus COVID-19, è stato soppresso sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. Questo accadeva nel periodo in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le principali riviste scientifiche e altri si prodigavano per convincerci che il COVID era un evento naturale e che avremmo dovuto spendere molti più soldi per combattere qualsiasi minaccia futura.

Solo ora il Telegraph riporta (acriticamente) che il governo degli Stati Uniti non finanzierà più la ricerca che ha negato di aver fatto per quasi tre anni e che il media mainstream ha ignorato. Eppure, per chiunque segua le fonti primarie di informazione (quelle ignorate dai media mainstream e dalla BBC in particolare, segnalate come disinformazione dall’Ufficio Britannico delle Comunicazioni e prese di mira dalla Cellula di Contro-Disinformazione Orwelliana del governo britannico) è stato un segreto aperto che i vaccini a base di mRNA non hanno fatto ciò che è scritto sulla fiala, per così dire.

In primo luogo, il “vaccino” non rimaneva nel sito di iniezione, come promesso, ma viaggiava in tutto il corpo e, all’autopsia, è stato trovato ovunque.

Le accuse di variazioni drammatiche nella variabilità da lotto a lotto – un assoluto “no no” nei protocolli di produzione dei vaccini – che potrebbero spiegare perché gli effetti collaterali erano più comuni in alcuni lotti rispetto ad altri, sono state negate ma sono state confermate dalla ricerca danese definitiva qui riportata. Queste preoccupazioni allarmanti sembrano essere state ignorate dalle autorità di regolamentazione, mentre avrebbero dovuto iniziare immediatamente a indagare in profondità.

Nel frattempo, le autorità di regolamentazione e i politici, ripetendo a pappagallo le loro rassicurazioni sui “più alti standard”, hanno ripetutamente dichiarato che le preoccupanti segnalazioni di eventi avversi ai vaccini nel Regno Unito e negli Stati Uniti non sono nulla di cui preoccuparsi.

Lo scorso giugno, gli informatori guidati dagli scienziati Sucharit Bhakdi e Kevin McKernan hanno sollevato un problema del tutto nuovo, quello dei gravi livelli di contaminazione del DNA. Ancora una volta, la questione è stata ignorata dai media. Pur essendo ben felici di riportare gli strani effetti collaterali dei vaccini come scusa per sottolineare che sono estremamente rari, non hanno mai affrontato il sempre più problematico mantra ufficiale “sicuro ed efficace”.

Infine, c’è stata una piccola svolta. Un ramo isolato ma più coraggioso del media mainstream, sotto forma di Spectator Australia, ha finalmente fatto luce sui gravi livelli di contaminazione dei vaccini mRNA COVID di Pfizer e Moderna. L’articolo descrive come lo scienziato genomico Kevin McKernan di Boston abbia utilizzato le fiale di Pfizer e Moderna come controllo in uno studio, per poi scoprire che contenevano una contaminazione altamente significativa di DNA plasmidico. McKernan si è allarmato per la presenza di un promotore SV40 nelle fiale del vaccino Pfizer, una sequenza “utilizzata per guidare il DNA nel nucleo, soprattutto nelle terapie geniche” e che “è qualcosa che le agenzie regolatorie di tutto il mondo hanno specificamente detto che non è possibile con i vaccini a mRNA”. Questi promotori SV40 sono anche ben noti come oncogeni, o inducenti il cancro.
Altri hanno confermato questi risultati. Un biologo tedesco che ha fatto la spia ha trovato tassi di contaminazione fino a 354 volte superiori al limite raccomandato. Tutto questo è stato segnalato alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. È altamente significativo.

In parole povere, ciò significa che non si tratta affatto di vaccini, ma di organismi geneticamente modificati che avrebbero dovuto essere soggetti a condizioni normative completamente diverse e certamente non essere classificati come vaccini. Questo è stato riconosciuto dalla versione australiana della FDA, la TGA, che ha cambiato il quadro a tal punto che il premier di Victoria Dan Andrews, che era il più grande sostenitore del vaccino e del suo uso obbligatorio, ha rassegnato le dimissioni – anche se al momento in cui scriviamo, il vaccino non è stato menzionato come motivo delle sue dimissioni. (Paula Jardine ha riferito in queste pagine nel dicembre 2021 di questo gioco di prestigio normativo nel concedere autorizzazioni all’uso di emergenza del vaccino per quelle che erano terapie geniche).

Tutti questi dati, che stanno lentamente diventando di dominio pubblico, arrivano sulla scia delle ultime scoperte secondo cui i vaccini di richiamo aumentano di 3,6 volte la possibilità di contrarre l’infezione. Questo secondo uno studio approfondito pubblicato dalla Cleveland Clinic, una delle più grandi organizzazioni sanitarie del mondo, che ha monitorato il suo personale e i suoi pazienti.

Ma c’è di peggio. I sostenitori di questa tecnologia hanno affermato che può essere adattata per inseguire nuove varianti. Ma non è così. I risultati dei vaccini bivalenti (con componenti contro almeno due varianti) vedono lo stesso risultato. Gli autori dello studio di Cleveland hanno scritto: “Non esiste un solo studio che abbia dimostrato che il vaccino bivalente COVID-19 protegga da malattie gravi o dalla morte causata dai lignaggi XBB della variante Omicron. Almeno uno studio precedente non ha riscontrato un effetto protettivo del vaccino bivalente contro i lignaggi XBB del SARS-CoV-2”.

In uno studio, tutti i topi vaccinati con il vaccino bivalente e sottoposti al test del COVID si sono ammalati.

Questo era stato previsto da molti di noi, poiché i virus della SARS sono soggetti a imprinting immunologico: Cioè, una volta visto un vaccino, i topi reagiscono allo stesso modo a qualsiasi variante vicina (questo è noto anche come “peccato antigenico“), rendendo ulteriori vaccini non solo inutili, ma anche più pericolosi, in quanto inducono anticorpi che potenziano l’infezione (anticorpi ADE), non la reattività crociata come sostenuto dai produttori.

I problemi dei “vaccini” a base di mRNA non finiscono qui. Diversi studi immunologici hanno dimostrato che i booster inducono un passaggio di anticorpi da sottotipi neutralizzanti a sottotipi tolleranti, oltre a indurre una significativa soppressione delle cellule T, il che favorisce nuove infezioni e sopprime la risposta immunitaria al cancro.

Alla fine dell’anno scorso ho riferito di aver visto pazienti affetti da melanoma stabili da anni avere una ricaduta dopo il primo richiamo (la terza iniezione). Mi è stato detto che si trattava di una semplice coincidenza e di non parlarne, ma è diventato impossibile farlo. Da allora il numero dei miei pazienti colpiti è aumentato. Proprio la scorsa settimana ho visto altri due casi di recidiva del cancro dopo la vaccinazione di richiamo nei miei pazienti.

Altri oncologi mi hanno contattato da tutto il mondo, anche dall’Australia e dagli Stati Uniti. Il consenso è che non è più limitato al melanoma, ma che dopo le iniezioni di richiamo si osserva un aumento dell’incidenza di linfomi, leucemie e tumori renali. Inoltre, i miei colleghi che si occupano di cancro del colon-retto riferiscono di un’epidemia di tumori esplosivi (quelli che si presentano con una diffusione metastatica multipla nel fegato e altrove). Tutti questi tumori si stanno verificando (con pochissime eccezioni) in pazienti che sono stati costretti a sottoporsi a un richiamo COVID, indipendentemente dal fatto che ne fossero entusiasti o meno, in molti casi per poter viaggiare.

Allora perché si verificano questi tumori? La soppressione delle cellule T era la prima spiegazione probabile, dato che l’immunoterapia è così efficace in questi tumori. Tuttavia, ora dobbiamo anche considerare l’integrazione del plasmide del DNA e di SV40 nel promuovere lo sviluppo del cancro, una caratteristica resa ancora più preoccupante dai rapporti che indicano che la proteina mRNA spike lega p53 e altri geni soppressori del cancro. È molto chiaro e spaventoso che questi vaccini abbiano diversi elementi per causare una tempesta perfetta nello sviluppo del cancro in quei pazienti abbastanza fortunati da aver evitato attacchi di cuore, coaguli, ictus, malattie autoimmuni e altre reazioni avverse comuni ai vaccini COVID.

Consigliare vaccini di richiamo, come nel caso attuale, è né più né meno che incompetenza medica; continuare a farlo con le informazioni di cui sopra è negligenza medica che può comportare una pena detentiva.

Non ci sono più né se né ma. Tutti i vaccini a base di mRNA devono essere bloccati e vietati ora.

Angus Dalgleish

 

Angus Dalgleish è un esperto di immunologia e professore di oncologia presso la St George’s Hospital Medical School di Londra.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments