LE BUGIE DEL COVID STANNO CROLLANDO 

Prima hanno mentito sostenendo che il vaccino Covid ha impedito l’infezione e la trasmissione.

Ma quando non hanno più potuto censurare i dati che sbriciolava questa menzogna, hanno affermato che il rischio di ricovero ospedaliero era inferiore a zero. Ora questa è stata smascherata come una menzogna.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini-covid-19

 

L’efficacia del vaccino COVID-19 contro l’ospedalizzazione è diventata negativa nel tempo, secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) presentati il 15 giugno.

L’efficacia contro l’ospedalizzazione è crollata a -8% per le persone che hanno ricevuto uno dei vecchi vaccini COVID-19, secondo i dati di una rete ospedaliera gestita dai CDC.

Una dose di uno dei vaccini bivalenti aggiornati ha portato la protezione al di sopra dello zero, al 29%, ma la protezione è scesa nuovamente a un valore negativo dell’8% oltre gli 89 giorni, secondo i dati.

Le stime di protezione si riferivano ad adulti senza un sistema immunitario compromesso dal 23 gennaio al 24 maggio, quando il ceppo XBB era dominante negli Stati Uniti. I dati provengono da persone ricoverate in uno dei 25 ospedali di 20 Stati che fanno parte della rete Investigating Respiratory Viruses in the Acutely Ill. Sia i casi che i controlli sono stati ricoverati con una malattia simile al COVID, ma i casi sono risultati positivi al COVID-19, mentre i controlli sono risultati negativi.

“Vediamo un modello di diminuzione contro l’ospedalizzazione”, ha detto la dottoressa Ruth Link-Gelles del CDC presentando i dati a un gruppo di esperti della Food and Drug Administration (FDA) statunitense che sta valutando l’aggiornamento della composizione dei vaccini.

Link-Gelles non ha commentato specificamente come l’efficacia sia risultata negativa, ma ha evidenziato gli ampi intervalli di confidenza per alcune delle stime di efficacia.

I vaccini bivalenti, prodotti da Moderna e Pfizer, sono stati introdotti nell’autunno del 2022 con la speranza di migliorare la protezione contro l’ospedalizzazione e la morte dopo che i vecchi vaccini si erano dimostrati sempre più incapaci di fornire una protezione duratura.

Il dottor Robert Malone, che ha contribuito a inventare la tecnologia dell’RNA messaggero utilizzata dalle aziende produttrici di vaccini, ha affermato che l’efficacia negativa è coerente con i dati precedenti, come uno studio della Cleveland Clinic che ha rilevato che ogni dose successiva di vaccino aumenta il rischio di infezione.

Anche altri studi hanno stimato che la protezione contro l’infezione diventa negativa nel tempo. Alcune serie di dati hanno indicato che le persone vaccinate erano a più alto rischio di ospedalizzazione, da tempo considerata un surrogato di malattia grave.

In un recente lavoro, i ricercatori hanno affermato che le vaccinazioni ripetute – alcuni americani hanno ricevuto una mezza dozzina di vaccinazioni contro il COVID-19 in meno di tre anni – indeboliscono il sistema immunitario, rendendo le persone potenzialmente suscettibili a condizioni potenzialmente letali come il cancro.

Le stime sono risultate negative anche dopo che i funzionari del CDC hanno effettuato aggiustamenti per fattori quali età, sesso ed etnia. Il tempo mediano trascorso dall’ultima dose per le persone che hanno ricevuto solo una o più dosi di un vecchio vaccino è stato di 464 giorni. Per il gruppo che ha ricevuto un vaccino bivalente ma l’efficacia è risultata negativa, il tempo mediano è stato di 137 giorni.

 

 

Altri dati

I dati di un’altra rete hanno rilevato che la protezione si avvicina a zero nel tempo.

Tra gli adulti ritenuti dotati di capacità immunitarie dopo che l’XBB è diventato dominante, la protezione dai vecchi vaccini contro l’ospedalizzazione è stata misurata al 9% nella rete VISION dei CDC. L’iniezione di un vaccino bivalente ha aumentato la protezione al 51%, ma la protezione è scesa al 20% da 90 a 179 giorni dopo l’iniezione.

Da settembre 2022 a maggio 2023, gli adulti immunocompromessi della stessa rete che hanno ricevuto solo un vecchio vaccino hanno avuto solo il 3% di protezione contro l’ospedalizzazione.

Un vaccino bivalente ha aumentato la protezione al 39%, anche se la protezione si è ridotta all’11% dopo 119 giorni.

VISION comprende siti in 11 Stati, tra cui Kaiser Permanente Northern California e Columbia University di New York.

Meno della metà di ogni gruppo di età negli Stati Uniti ha ricevuto una dose bivalente, tra cui il 43% degli anziani di 65 anni e lo 0,6% dei bambini di 2-4 anni.

Il CDC non ha presentato dati sull’efficacia contro le infezioni.

L’XBB è diventato dominante negli Stati Uniti a gennaio, soppiantando il BA.5 e le sue sottovarianti. I bivalenti contengono una componente BA.4/BA.5 oltre alla componente Wuhan. L’FDA prevede di aggiornare i vaccini per colpire XBB e le sue sottovarianti per una nuova campagna vaccinale alla fine del 2023 e all’inizio del 2024.

“Siamo preoccupati di avere un’altra ondata di COVID-19 nel periodo in cui il virus si è ulteriormente evoluto, l’immunità della popolazione è diminuita ulteriormente e ci si sposta in casa per l’inverno”, ha dichiarato il dottor Peter Marks, funzionario della FDA, durante l’incontro.

 

Passaggio alla “malattia critica

I funzionari si sono concentrati sempre di più sulla protezione contro la cosiddetta malattia critica, ovvero il ricovero in unità di terapia intensiva o la morte, dato che la protezione contro il ricovero ospedaliero si riduce sempre di più.

La protezione contro la malattia grave da un bivalente era inizialmente del 58% ed è scesa solo al 48%, secondo i dati di VISION durante la predominanza di XBB.

Nel network Investigating Respiratory Viruses in the Acutely Ill non c’era un numero sufficiente di casi critici per fornire stime sulla protezione dalla malattia grave, ha detto Link-Gelles.

La dottoressa ha affermato che i modelli di diminuzione con i vaccini bivalenti “sono stati molto simili a quelli che conoscevamo con il vaccino monovalente” e che i funzionari statunitensi non prendono decisioni di politica vaccinale “basandosi esclusivamente sui dati di efficacia dei vaccini”.

I limiti dei dati includono gli alti livelli di infezione precedente, o immunità naturale, e le potenziali differenze tra persone non vaccinate e vaccinate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments