Di seguito un articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Lo rilancio nella mia traduzione. 

 

 

Secondo un nuovo studio, le persone che hanno ricevuto due o tre dosi di vaccino COVID-19 a RNA messaggero hanno maggiori probabilità di contrarre la COVID-19 con sintomi.

I ricercatori hanno scoperto che i vaccinati avevano maggiori probabilità di contrarre la COVID-19 sintomatica rispetto ai non vaccinati, anche se avevano ricevuto un richiamo oltre alla serie primaria.

I ricercatori dell’Università dello Utah e di altre istituzioni hanno esaminato il personale sanitario, i primi soccorritori e altri cosiddetti lavoratori in prima linea dal 14 dicembre 2020 al 19 aprile 2022. I partecipanti hanno presentato dei tamponi nasali prelevati da soli e raccolti su base settimanale, oltre che quando i partecipanti manifestavano segni di malattia.

Tra le persone infettate da COVID-19 da quando Omicron è diventato il ceppo virale dominante alla fine del 2021, 109 non erano vaccinate e 634 erano vaccinate. Di questi, 85 non vaccinati erano sintomatici, rispetto a 216 persone che hanno ricevuto una serie primaria di vaccinazione con RNA messaggero (mRNA) – due dosi di vaccino Pfizer o Moderna – e 327 persone che hanno ricevuto un richiamo in aggiunta alle dosi iniziali.

I ricercatori hanno calcolato gli odds ratio per la COVID-19 sintomatica e altri esiti e hanno scoperto che le persone non vaccinate avevano la minore probabilità di manifestare la COVID-19 sintomatica.

Le persone che hanno ricevuto una serie primaria avevano maggiori probabilità di manifestare febbre o brividi nei primi mesi dopo la vaccinazione, ma in seguito le probabilità sono diminuite, anche dopo aver ricevuto un richiamo. Le persone vaccinate hanno anche avuto inizialmente una durata maggiore dei sintomi. Le persone non vaccinate hanno avuto più sintomi, hanno avuto più probabilità di ricevere cure mediche e hanno perso più tempo al lavoro.

I risultati differiscono da quelli ottenuti durante l’era Delta, quando le persone non vaccinate avevano maggiori probabilità di avere una COVID-19 sintomatica, di avere febbre o brividi e di avere una durata maggiore dei sintomi.

Lo studio è stato pubblicato dal Journal of the American Medical Association.

Ha utilizzato la rete HEROES-RECOVER, che comprende i cosiddetti lavoratori in prima linea, come gli autisti dei camion della spazzatura e gli operatori degli asili nido. La rete è finanziata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Sono stati arruolati circa 7.223 partecipanti, ma 1.710 sono stati esclusi perché erano stati infettati da COVID-19 prima della data di inizio dello studio, se erano stati infettati entro 13 giorni dal ricevimento di una seconda dose di vaccino o se erano stati infettati entro 13 giorni o oltre 149 giorni dal ricevimento di una terza dose di vaccino. La maggior parte dei restanti partecipanti non è stata infettata durante il periodo dello studio.

I ricercatori hanno detto che le limitazioni dello studio possono aver portato a scoprire che le persone non vaccinate avevano meno probabilità di manifestare la COVID-19 sintomatica.

“Le limitazioni nelle dimensioni del campione e nella capacità di aggiustare i modelli per i potenziali confondenti hanno reso particolarmente difficile l’interpretazione di risultati inaspettati, come una percentuale più alta di individui con malattia sintomatica tra coloro che sono stati vaccinati con la terza dose di vaccino da 14 a 149 giorni prima dell’infezione da Omicron rispetto a coloro che non sono stati vaccinati”, hanno detto.

Sarang Yoon, professore assistente presso il Dipartimento di Medicina di Famiglia e Preventiva dell’Università dello Utah e uno degli autori, si è soffermato sul fatto che i vaccinati stavano meglio in alcune categorie.

“È incoraggiante che i vaccini a base di mRNA resistano piuttosto bene a queste varianti”, ha dichiarato Yoon in un comunicato. “Sappiamo che i casi di infezione sono più probabili con Delta e Omicron rispetto al ceppo iniziale, ma i vaccini fanno comunque un buon lavoro nel limitare la gravità dell’infezione”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments